FAST FIND : NR22729

L. R. Lombardia 05/12/2008, n. 31

Testo unico delle Leggi Regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca, e sviluppo rurale.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 18/06/2019, n. 11
- L.R. 06/06/2019, n. 9
- L.R. 28/12/2018, n. 23
- L.R. 04/12/2018, n. 17
- L.R. 28/12/2017, n. 37
- L.R. 12/12/2017, n. 35
- L.R. 12/12/2017, n. 34
- L.R. 26/05/2017, n. 15
- L.R. 08/08/2016, n. 22
- L.R. 05/08/2016, n. 19
- L.R. 26/05/2016, n. 14
- L.R. 25/03/2016, n. 7
- L.R. 15/03/2016, n. 4
- L.R. 10/11/2015, n. 38
- L.R. 08/07/2015, n. 20
- L.R. 25/05/2015, n. 16
- L.R. 26/11/2014, n. 30
- L.R. 15/07/2014, n. 21
- L.R. 08/07/2014, n. 19
- L.R. 03/04/2014, n. 14
- L.R. 25/02/2014, n. 13
- L.R. 24/12/2013, n. 19
- L.R. 18/11/2013, n. 14
- L.R. 18/04/2012, n. 7
- L.R. 15/03/2012, n. 5
- L.R. 28/12/2011, n. 25
- L.R. 21/02/2011, n. 4
- L.R. 21/02/2011, n. 3
- L.R. 06/08/2010, n. 14
- L.R. 05/08/2010, n. 13
- L.R. 22/02/2010, n. 11
- L.R. 09/02/2010, n. 9
- L.R. 05/02/2010, n. 7
- L.R. 01/02/2010, n. 3
- L.R. 03/08/2009, n. 14
- Avviso di rettifica in B.U. 02/03/2009, n. 9, S.O
- L.R. 23/12/2008, n. 33
- Avviso di rettifica in B.U. 22/12/2008, n. 52, S.O
Scarica il pdf completo
39888 5665277
TITOLO I - Oggetto del testo unico
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665278
Art. 1 - Oggetto

1. Il presente testo unico, redatto ai sensi della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665279
TITOLO II - Interventi nel settore rurale, silvo-pastorale, agroalimentare e della pesca
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665280
Capo I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665281
Art. 2 - Finalità e beneficiari

1. Il presente titolo disciplina le iniziative e le attività a favore del sistema rurale, agroalimentare e silvo-pastorale lombardo, in conformità al Trattato sull'Unione europea e alla normativa comunitaria sul sostegno allo sviluppo rurale.N1

2. Le disposizioni del presente titolo perseguono, in particolare, gli obiettivi di valorizzare la competitività e l'economia del sistema agricolo, agroalimentare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665282
Art. 3 - Programmazione degli interventi

1. La programmazione degli interventi regionali in agricoltura e la definizione delle priorità per l'allocazione delle relative risorse finanziarie avvengono attraverso la predisposizione degli strumenti di pianificazione e dei programmi operativi annuali. N2

2. La Regione predispone il piano agricolo triennale degli interventi, delle iniziative e delle risorse da attivare a sostegno del sistema rurale, silvo-pastorale e agroalimentare in fu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665283
Art. 4 - Informatizzazione dei dati e delle procedure

N7

1. È istituita l'anagrafe digitale regionale delle imprese agricole e silvo-pastorali, relativa a tutte le aziende riferite a persone fisiche e giuridiche, nonché alle imprese, identificate dal codice fiscale, che svolgono attività in materia agroalimentare, forestale e della pesca e intrattengono a qualsiasi titolo rapporti con la pubblica amministrazione regionale o locale.

2. L'anagrafe digitale delle imprese costituisce strumento di organizzazione e snellimento dell'azione regionale, coordinato con il registro delle imprese tenuto presso le Camere di Commercio, industria, artigianato e agricoltura (CCIAA), ed è costituita prioritariamente attraverso la riorganizzazione, l'accorpamento e l'integrazione delle banche dati, degli archivi e delle anagrafi già esistenti.

3. L'anagrafe digitale delle imprese è organizzata e resa operativa con deliberazione della Giunta regionale.

4. L'anagrafe digitale delle imprese è istituita ai sensi del decreto legislativo 30 aprile 1998, n. 173 (Disposizioni in materia di conte

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665284
Art. 4-bis - Presentazione di istanze o segnalazioni per il tramite dei CAA

N10

1. Per il perseguimento di obiettivi di semplificazione dei procedimenti d'interesse dei soggetti che esercitano l'attività agricola, la Giunta regionale con deliberazione:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665285
Art. 4-ter - Riduzione dei costi burocratici a carico delle imprese agricole

N10

1. La Regione adotta, in base alle disposizioni di cui all'articolo 5 della legge regionale 2 febbraio 2007, n. 1 (Strumenti di competitività per le imprese e per il territorio della Lombardia), misure e interventi tali da ridurre i costi burocratici a carico delle imprese agricole nella misura minima del venticinque per cento entro l'anno 2012.

2. Tali obiettivi potranno essere conseguiti sia attraverso un processo organico di semplificazione delle procedure amministrative sia attraverso la semplificazione e l'eliminazione di documentazioni richieste per attestare dati ed informazioni già in possesso della pubblica amministrazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665286
Art. 4-quater - Tutela del suolo agricolo

N10

1. La Regione riconosce il suolo quale bene comune. Ai fini della presente legge, il suolo agricolo costituisce la coltre, a varia fertilità, del territorio agricolo, per come esso si presenta allo stato di fatto. Si intende suolo agricolo ogni superficie territoriale, libera da edifici e strutture permanenti non connesse alla attività agricola in essere, interessata in modo permanente dalla attività agricola, da attività connesse e dalla eventuale presenza di elementi che ne costituiscono il corredo paesaggistico-ambientale quali reticolo idraulico, fontanili, siepi, filari, fasce boscate, aree umide, infrastrutture rurali.

2. La Regione riconosce il suolo agricolo quale spazio dedicato alla produzione di alimenti, alla tutela della biodiversità, all'equilibrio del territorio e dell'ambiente, alla produzione di utilità pubbliche quali la qualità dell'aria e dell'acqua, la difesa idrogeologica, la qualità della vita di tutta la popolazione e quale elemento costitutivo del sistema rurale.

3. La Regione considera il sistema rurale una componente fondame

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665287
Art. 5 - Tavolo istituzionale per le politiche agricole regionali e tavolo agricolo regionale

1. La Giunta regionale individua il tavolo istituzionale per le politiche agricole e il tavolo agricolo regionale quali strumenti di concertazione permanente con l’ambito istituzionale degli enti cui sono affidate competenze e funzioni in campo agricolo e con le organizzazioni profes

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665288
Capo II - Sostegno e sviluppo del sistema produttivo primario
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665289
Art. 6 - Sviluppo aziendale

1. Al fine di promuovere l'adeguamento di processo e di prodotto da parte delle aziende agricole e di migliorarne la redditività sono oggetto di contributo le seguenti tipologie di intervento dirette allo sviluppo delle attività agricole aziendali primarie:

a) opere di miglioramento fondiario, interventi per lo sviluppo aziendale, nelle fasi di produzione e di trasformazione, anche finalizzate ad attività agrituristiche, incremento della superficie aziendale;

b) impianto di colture arboree specializzate, compresa la vite, limitatamente alle operazioni di reimpianto, rinnovo e ristrutturazione degli impianti produttivi, con preferenza per quelli realizzat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665290
Art. 7 - Organizzazioni di produttori

1. Le organizzazioni di produttori agricoli sono riconosciute dalla Regione in base alla normativa nazionale. Con deliberazione della Giunta regionale sono stabilite le modalità applicative e le procedure per il riconoscimento e la revoca.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665291
Art. 7-bis. - Distretti del cibo

N16

1. La Regione promuove l’individuazione di distretti del cibo, così come definiti dall’articolo 13 del decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 228 (Orientamento e modernizzazione del settore agricolo), al fine di favorire l’integrazione di attività agricole e agroalimentari caratterizzate da prossimità territoriale, valorizzando, nel più generale contesto dell’economia rurale, il legame con le vocazioni territoriali, le risorse umane e ambientali, la qualità delle produzioni locali e le reti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665292
Art. 8 - Sostegno alla nuova imprenditoria in agricoltura

1. La Regione promuove il ricambio generazionale in agricoltura e l'avvio di nuove imprese agricole attraverso programmi dedicati comprendenti un insieme di servizi di accompagnamento, formazione e sviluppo, coerenti con la normativa comunitaria.

2. I programmi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665293
Art. 8-bis - Promozione dell'agricoltura sociale

N18

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665294
Art. 8-ter - Promozione dell'agricoltura didattica
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665295
Art. 9 - Sostegno al sistema agroalimentare biologico

1. Al fine di incentivare lo sviluppo dei metodi di coltivazione dell'agricoltura sostenibile sono promosse la produzione, trasformazione, conservazione e commercializzazione di prodotti ottenuti con i metodi dell'agricoltura e della zootecnia biologica e integrata.

2. Per la finalità di cui al comma 1 sono altresì concessi contributi per la realizzazione di specifici programmi relativi a:

a) assistenza tecnica di base per le aziende agricole, anche in fase di conversione;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665296
Art. 9-bis - Cooperative agricole

N22

1. La Regione, in attuazione dell'articolo 45 della Costituzione e dell'articolo 2 dello Statuto d'autonomia della Lombardia, promuove e sostiene lo sviluppo, il consolidamento e la modernizzazione della cooperazione in ambito agricolo, agro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665297
Capo III - Qualità e competitività
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665298
Art. 10 - Politiche della qualità

1. Al fine di promuovere forme di produzione e di trasformazione idonee a garantire il consumatore, sono sostenuti e promossi l'introduzione e lo sviluppo di sistemi di gestione per la qualità di prodotto e di processo, di sistemi di gestione ambientale nel settore agricolo, agroalimentare, forestale e ortoflorovivaistico, nonché la loro certificazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665299
Art. 10.1. - Filiera corta

N10

1. La Regione, con le forme di concertazione previste dalla presente legge, adotta provvedimenti volti a favorire la filiera corta al fine di conseguire i seguenti obiettivi:

a) ridurre i passaggi del prodotto agric

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665300
Art. 10.2. - Sistemi di etichettatura

N10

1. La Regione promuove la valorizzazione delle produzioni agricole tipiche e locali, favorendone la conoscenza, la diffusione e il consumo, e concorre a garantire ai consumatori condizioni di trasparenza dei prezzi e un'adeguata informazione sull'origine e sulle caratteristiche dei prodotti, anche favorendo la vendita diretta dei prodotti da parte degli imprenditori agricoli singoli o associati.

2. Per il conseguimento delle finalità di cui al comma 1, la Regione promuove l'adozione facoltativa di sistemi di etichettatura e di rintracciabilità dei prodotti che forniscono, in aggiunta alle informazioni obbligatorie previste dalla vigente normativa, informazioni ulteriori sulla provenienza del prodotto, sulle materie prime utilizzate e sulla loro origine, sull'eventuale stabilimento di trasformazione, sul prezzo e ogni altra informazione ritenuta utile per la trasparenza del mercato.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665301
Capo III - Qualità e competitività
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665302
Art. 10-bis - Promozione della cultura della qualità nel settore agricolo ed agroalimentare attraverso i marchi collettivi

N26

1. Allo scopo di valorizzare attività, processi, lavorazioni e prodotti caratteristici del territorio di ogni provincia lombarda o con specifici requisiti qualitativi, la Regione Lombardia promuove la diffusione dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665303
Art. 11 - Trasformazione e commercializzazione

1. È assicurato il sostegno agli interventi di miglioramento e razionalizzazione delle fasi di trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, forestali, ittici e ortoflorovivaistici, allo scopo di incrementarne la competitività e il valore aggiunto.

Le misure di sostegno sono, in particolare, finalizzate:

a) all'orientamento verso nuovi sbocchi di mercato;

b) al miglioramento e alla razionalizzazione dei processi di trasformazione e dei circuiti di commercializzazione, in particolare favorendo l'integrazione delle filiere;

c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665304
Art. 11-bis - Disposizioni per agevolare la trasformazione e la lavorazione di minimi quantitativi di prodotti agricoli

N27

1. Al fine di preservare particolari pro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665305
Art. 12 - Promozione delle produzioni e del patrimonio enogastronomico lombardo

1. Per favorire la conoscenza delle produzioni tipiche e di qualità e l'informazione dei consumatori sono sostenute iniziative riguardanti:

a) il miglioramento qualitativo e la caratterizzazione delle produzioni;

b) la diffusione della cultura della qualità e della sua certificazione;

c) la valorizzazione, promozione e diffusione in Italia e all'estero delle produzioni;

d) l'orientamento dei consumi alimentari.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665306
Art. 12-bis - Rete delle enoteche regionali

N10

1. La Regione, al fine di promuovere la conoscenza e la valorizzazione delle produzioni enologiche di qualità, con particolare riguardo ai vini a denominazione di origine (DO) e a indicazione geografica (IG) ed ai marchi di qualità, di altri prodotti derivati dalla lavorazione dell'uva e dei vini, nonché degli altri prodotti agroalimentari a indicazione di origine e di qualità, nell'ambito della promozione del territorio rurale lombardo, riconosce, quali enoteche regionali facenti parte della rete, quelle che svolgono le attività e sono in possesso dei requisiti di cui rispettivam

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665307
Art.12-ter - Razionalizzazione delle procedure di controllo in ambito veterinario delle imprese agricole ed agroalimentari

N30

1. Per favorire la competitivi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665308
Capo IV - Servizi di sviluppo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665309
Art. 13 - Assistenza tecnica alle aziende agricole, formazione e qualificazione professionale

1. Per migliorare l'efficienza e la professionalità delle aziende agricole è promosso un sistema integrato di servizi di supporto e di assistenza tecnica che in particolare:

a) supporta il potenziamento delle strutture organizzative nonché la rete delle istituzioni territoriali a carattere tecnico-scientifico dipendenti e collegate;

b) promuove e sostiene la ricerca, la sperimentazione, l'assistenza tecnica e la diffusione delle innovazioni tecnologiche;

c) incentiva la formazione professionale degli operatori e dei tecnici agricoli;

d) stabilisce idonee forme di collegamento tra le attività dei servizi di supporto alle aziende, nonché tra i vari enti, istituzioni, associazioni e organismi erogatori.

2. Il sis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665310
Art. 13-bis - Imprese agromeccaniche

N10

1. Si

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665311
Art. 14 - Osservatorio agroalimentare e osservatorio del comparto bosco-legno

1. A supporto della programmazione di settore la Regione attiva un sistema di indagine permanente sui diversi comparti, sull'assetto strutturale del sistem

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665312
Art. 15 - Informazione e divulgazione

1. La Regione attua direttamente e promuove, anche attraverso la provincia di Sondrio, le comunità montane e le CCI

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665313
Capo V - Azioni congiunturali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665314
Art. 16 - Interventi di mercato

1. La Regione assicura gli adempimenti connessi alla gestione degli aiuti e degli interventi derivanti dalla politica agri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665315
Art. 17 - Sostegno alle imprese agricole in difficoltà

1. Il presente articolo dispone interventi idonei al salvataggio e alla ristrutturazione delle imprese agricole in difficoltà.N5

2. Con deliberazione della Giunta regionale sono approvati, in base agli orientamenti comunitari per il salvataggio e la ristrutturazione delle imprese in difficoltà, programmi di intervento con cui:

a) sono individuati i settori produttivi oggetto degli interventi di sostegno;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665316
Art. 18 - Interventi sugli abbandoni produttivi e sugli abbattimenti

1. Sono posti in essere aiuti idonei a sostenere:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665317
Art. 19 - Interventi a sostegno del comparto agricolo colpito da calamità naturali

N31

1. La Regione assicura l'attivazione di interventi in coerenza con il decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102 (Interventi fina

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665318
Art. 20 - Organismi collettivi di difesa delle produzioni agricole

N35

1. Al fine di agevolare l'assolvimento degli impegni finanziari nei confronti delle compagnie assicurative, la Regione può concorrere al pagamento degli interessi a favore degli organismi collettivi di difesa delle produzioni agricole, per le operazioni a breve termine che gli stessi assumono in proposito, secondo quanto stabilito con deliberazione della Giunta regionale.N36

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665319
Art. 21 - Interventi sulle infrastrutture agricole

1. La Regione interviene per la realizzazione o il ripristino delle seguenti tipologie di infrastrutture se attinenti al settore agricolo:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665320
Art. 22 - Programmazione negoziata

1. La Regione promuove e sostiene, anche finanziariamente, la sottoscrizione, tra la Regione stessa, gli enti locali e le persone fisiche o giuridiche esercenti attività agricol

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665321
Art. 23 - Conservazione del patrimonio e delle tradizioni rurali

1. Al fine di promuovere la conservazione del patrimonio e delle tradizioni rurali sono concessi contributi per la manutenzione e il ripristino di elementi produttivi e non produttivi situati nelle aziende agricole aventi interesse archeologico o s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665322
Art. 23-bis - Disposizioni riguardanti il settore lattiero-caseario

N41

1. Ai fini

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665323
Capo VI - Interventi a sostegno dell'agricoltura in montagna, nell'alta pianura e in collina
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665324
Art. 24 - Interventi a sostegno dell’agricoltura in aree montane

N43

1. Al fine di assicurare il potenziamento e lo sviluppo delle aziende agricole ubicate nelle aree montane sono promosse, in coerenza con la legge regionale 15 ottobre 2007, n. 25 (Interventi regionali in favore della popolazione dei territori montani), le seguenti linee di intervento:

a) miglioramento dell'efficienza delle strutture agricole e della produttività e funzionalità degli alpeggi e dei pascoli montani;

b) razionalizzazione e miglioramento delle produzioni agricole e zootecniche;

c) adeguamento e modernizzazione del parco macchine e delle attrezzature “per la produzione agricola primaria e per le attività di allevamento” N191;

d) introduzione di attività agricole e zootecniche che valorizzino le caratteristiche, le risorse

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665325
Art. 24.1. - Interventi a sostegno dell'agricoltura nell'alta pianura e nella collina

N10

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665326
Art. 24-bis - Tutela del patrimonio equino in ambito montano

N42

1. La Regione promuove lo sviluppo e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665327
Art. 24-ter - Conservazione, salvaguardia e valorizzazione delle malghe

N49

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665328
Art. 25 - Pronto intervento e sistemazioni idraulico-forestali

1. È assicurato il sostegno per lavori di pronto intervento in conseguenza di calamità naturali riguardanti i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665329
Art. 26 - Protezione e valorizzazione delle superfici forestali

1. Sono incentivati gli interventi di sviluppo del settore forestale finalizzati a valorizzare le funzioni relative alla protezione dei versanti, degli alvei fluviali e delle sponde, alla difesa della biodiversità, alla produzione di beni forestali, alla tutela dell'occupazione nelle aree montane, alla protezione e tutela del paesaggio e dell'ambiente, nonché alla manutenzione diffusa del territorio.N50

2. Per la realizzazione degli interventi di cui al comma 1 gli enti competenti si avvalgono, ove possibile, delle aziende agricole ubicate nel territorio di competenza, nonché dei consorzi di proprietari quali i consorzi forestali.

3. Sono ammissibili a finanzi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665330
Capo VII - Strumenti finanziari e procedure di intervento
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665331
Art. 27 - Strumenti di intervento finanziario

1. Gli interventi e le iniziative previste dal presente titolo possono essere attuati attraverso i seguenti strumenti finanziari:

a) contributi in conto capitale: consistono nell'erogazione di contributi concorrenti alla copertura di spese di investimento, a iniziative di capitalizzazione o alla partecipazione anche diretta della Regione a iniziative o attività;

b) contributi in conto corrente: consistono nell'erogazione di contributi alle comunità montane che si avvalgono delle imprese agricole per realizzare i lavori previsti all'articolo 26, comma 3, lettera c), numero 3);

c) premi e aiuti: consistono in contributi finanziari, una tantum o periodici, disposti a favore di specifiche categorie di soggetti o i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665332
Art. 28 - Fondo di rotazione nel settore primario

1. Ècostituito il fondo di rotazione pluriennale per l'innovazione tecnologica nel settore primario finalizzato alla valorizzazione dei prodotti e dei servizi di qualità immessi sul mercato, attraverso l'adozione da parte della Giunta regionale di un programma pluriennale a sostegno dei processi di innovazione, di ammodern

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665333
Art. 29 - Accesso alle misure d'intervento

1. Le richieste per l'accesso alle misure d'intervento di cui al presente titolo sono presentate all'ente competente per materia, senza vincoli riguardo al periodo di presentazione, fatti salvi termini specifici definiti con deliberazione della Giunta regionale in relazione a singole misure.

2. La documentazione presentata a corredo dell'istanza è registrata all'anagrafe regionale delle imprese costituita ai sensi dell'articolo 4 e contestualmente resa disponibile agli enti aderenti al SIARL per i q

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665334
Art. 30 - Erogazione dei contributi

1. Ove non sia diversamente previsto da leggi o provvedimenti specifici, possono essere concessi acconti sino all'80 per cento

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665335
Art. 31 - Revoca

1. L'ente competente revoca le agevolazioni e i contributi finanziari concessi se:

a) gli interventi finanziati non sono stati effettu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665336
Capo VII-bis - Istituzione della Banca della Terra Lombarda

N52

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665337
Art. 31-bis - Finalità

[N=53]

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665338
Art. 31-ter - Banca della Terra Lombarda

N53

1. La Banca della Terra Lombarda consiste in un inventario pubblico, completo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665339
Art. 31-quater - Assegnazione dei beni inseriti nella Banca della Terra Lombarda

N53

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665340
Art. 31-quinquies - Utilizzazione dei terreni abbandonati o incolti

N53

1. In attuazione dei principi e dei criteri della legge 4 agosto 1978, n. 440 (Norme per l'utilizzazione delle terre incolte, abbandonate o insufficientemente coltivate), per favorire il recupero delle aree abbandonate, contenere il degrado ambientale, salvaguardare il suolo e gli equilibri idrogeologici, limitare gli incendi boschivi, favorire l'ottimale assetto del territorio attraverso lo svolgimento delle attività agro-forestali, la Regione valorizza le terre agricole incolte, coerentemente con la tutela degli interessi sociali, economici e ambientali delle comunità locali.

2. Si considerano abbandonati o incolti:

a) i terreni agricoli che non siano stati destinati a uso produttivo da almeno due anni, a esclusione dei terreni oggetto di impegni derivanti dalla normativa europea e di quelli espressamente indicati dalla normativa vigente;

b) i terreni già

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665341
Art. 31-sexies - Clausola valutativa

N53

1. La Giunta regionale informa il Consiglio sull'attuazione della legge e sui risultati da essa ottenuti nel contrastare l'abbandono dei terreni agricoli e forestali e favorirne il recupero prod

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665342
Capo VII-Ter - Disposizioni per le associazioni fondiarie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665343
Art. 31 septies - (Associazioni fondiarie)

1. La Regione riconosce nell’associazionismo fondiario uno strumento per il miglioramento dei fondi e per la ricostituzione di unità di coltivazione produttive ed economicamente sostenibili in grado di favorire l’occupazione, la costituzione e il consolidamento di nuove imprese agricole.

2. La Regione, attraverso la gestione associata delle piccole proprietà terriere secondo le buone pratiche agricole, persegue i seguenti obiettivi:

a) consentire la valorizzazione del patrimonio dei rispettivi proprietari;

b) rispondere alle esigenze di tutela ambientale e paesaggistica;

c) concorrere all’applicazione delle misure di lotta obbligatoria agli organismi nocivi ai vegetali;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665344
Capo VIII - Norme finali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665345
Art. 32 - Rinvio

1. Gli atti applicativi ed esplicativi relativi all'attuazione delle specifiche misure d'intervento di cui al presente titolo, se lo stesso non prevede diversamente, sono adottat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665346
TITOLO III - Articolazione delle competenze
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665347
Art. 33 - Funzioni di competenza regionale.

1. La Regione svolge le funzioni concernenti:

a) i rapporti con il Ministero per le politiche agricole e l'Unione europea; la formulazione degli indirizzi programmatici generali e settoriali in campo agricolo, forestale, ittico, agrituristico, rurale, alimentare e faunistico, il coordinamento delle funzioni conferite;

b) l'attuazione di programmi a dimensione o rilevanza regionale previsti in campo agricolo, forestale, ittico, agrituristico, rurale, alimentare e faunistico dalla normativa comunitaria, da leggi statali e regionali;

c) la ripartizione delle risorse finanziarie per l'esercizio delle funzioni conferite;

d) le funzioni amministrative relative a enti e istituti a carattere regionale o riconosciuti dalla Regione con specifici provvedimenti legislativi;

e) la proposta di delimitazione dei territori danneggiati da calamità naturali e da avversità atmosferiche e l'adozione dei provvedimenti relativi e conseguenti;

f) le certificazioni fitosanitarie e i controlli necessari alla produzione e alla circolazione dei prodotti vegetali;

g) gli interventi sulle strutture di trasformazione e commercializzazione e gli interventi relativi alle iniziative di cooperazione;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665348
Art. 34 - Competenze

N59

1. La Regione e la provincia di Sondrio per il relativo territorio svolgono le funzioni amministrative concernenti:N19

a) la caccia, la pesca e la gestione delle autorizzazioni «fatte salve le funzioni di vigilanza e controllo esercitate dalle province; N8

b) il coordinamento, la vigilanza e il controllo sugli enti, aziende, consorzi e organizzazioni locali operanti in materia di agricoltura e foreste;

c) le attività agrituristiche e le produzioni biologiche;

d) l'accertamento dei requisiti per il riconoscimento della qualifica di imprenditore agricolo professionale;

e) le commissioni e i comitati provinciali previsti da norme statali e regionali, compresa la nomina dei relativi componenti, operanti in materia di agricoltura e foreste;

f) il rilascio delle autorizzazioni per l'acquisto dei prodotti fitosanitari molto tossici, tossici o nocivi;

g) le attività di assistenza tecnica, di informazione e di divulgazione di livello provinciale, nonché di formazione professionale, ad esclusione della formazione dei tecnici dei servizi di sviluppo agricolo;

h) lo svolgimento dei servizi riguardanti il prelevamento e l'uso dei carburanti a prezzo agevolato per l'agricoltura, compreso il conferimento della qualifica di utente di motori agricoli (UMA);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665349
Art. 34-bis - Semplificazione in materia di funzioni attribuite dalla normativa statale alle Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e agli enti locali

N10

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665350
Art. 35 - Funzioni conferite ai comuni

1. Sono conferite ai comuni le seguenti funzioni:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665351
Art. 36 - Acquisizione di servizi

1. La Regione e gli enti locali, in relazione alle funzioni amministrative di cui al titolo II e al presente titolo, posso

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665352
Art. 37 - Poteri sostitutivi

1. In caso di accertate inadempienze degli enti locali nell'esercizio delle funzioni conferite ai sensi del presente titol

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665353
Art. 38 - Raccordo tra i sistemi informativi.

1. La Regione, gli enti e i soggetti coinvolti dall'attuazione del presente titolo assicurano la disponibilità e il trasferimento telematico dei dati per l'efficace esercizio delle rispettive funzioni, per l'implementazione del sistema informativo agricolo naz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665354
Art. 39 - Risorse finanziarie per l'esercizio delle funzioni conferite

1. In relazione alla necessità di assicurare la conoscenza delle risorse a disposizione per l'effettuazione delle spese di investimento, le comunità montane, nella predisposizione dei loro bi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665355
TITOLO IV - Disposizioni sulle superfici e sull'economia forestali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665356
Capo I - Finalità e norme generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665357
Art. 40 - Finalità e obiettivi

1. Le disposizioni del presente titolo sono finalizzate, nel rispetto degli impegni assunti a livello internazionale in materia di biodiversità e sviluppo sostenibile e delle norme dello Stato e dell'Unione europea, alla conservazione, all'incremento e alla gestione razionale del patrimonio forestale e pascolivo, nonché allo sviluppo delle attività economiche che riguardano direttamente e indirettamente le superfici forestali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665358
Art. 41 - Funzioni amministrative

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665359
Art. 42 - Definizione di bosco

1. Sono considerati bosco:

a) le formazioni vegetali, a qualsiasi stadio di sviluppo, di origine naturale o artificiale, nonché i terreni su cui esse sorgono, caratterizzate simultaneamente dalla presenza di vegetazione arborea o arbustiva, dalla copertura del suolo, esercitata dalla chioma della componente arborea o arbustiva, pari o superiore al venti per cento, nonché da superficie pari o superiore a 2.000 metri quadrati e larghezza non inferiore a 25 metri;

b) i rimboschimenti e gli imboschimenti;

c) le aree già boscate prive di copertura arborea o arbustiva a causa di trasformazioni del bosco non autorizzate.

2. Sono assimilati a bosco:

a) i fondi gravati dall'obbligo di rimboschimento per le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665360
Capo II - Difesa del patrimonio silvo-pastorale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665361
Art. 43 - Tutela e trasformazione del bosco

1. Ai fini del presente titolo si intende per trasformazione del bosco ogni intervento artificiale che comporta l'eliminazione della vegetazione esistente oppure l'asportazione o la modifica del suolo forestale finalizzato a una utilizzazione diversa da quella forestale.

2. Gli interventi di trasformazione del bosco sono vietati, fatte salve le autorizzazioni rilasciate dalla provincia di Sondrio, dalle comunità montane o unioni di comuni e dagli enti gestori di parchi e riserve regionali, per i relativi territori, o dalla Regione per il restante territorio, compatibilmente con la conservazione della biodiversità, con la stabilità dei terreni, con il regime delle acque, con la difesa dalle valanghe e dalla caduta dei massi, con la tutela del paesaggio, con l'azione frangivento e di igiene ambientale locale. Ai fini del riparto di competenze sono fatte salve le intese di cui all’articolo 5, comma 6, della legge regionale 8 luglio 2015, n. 19 (Riforma del sistema delle autonomie della Regione e disposizioni per il riconoscimento della specificità dei territori montani in attuazione della legge 7 aprile 2014, n. 56 "Disposizioni sulle città metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni"). La conservazione della biodiversità si basa sulla salvaguardia e gestione sostenibile del patrimonio forestale mediante forme appropriate di selvicoltura finalizzate anche alla presenza di flora di interesse apistico.N68

2-bis. Gli interventi per la realizzazione da parte di ARPA delle reti di monitoraggio dei rischi naturali, limitatamente alla installazione e al funzionamento di strumenti ed accessori per misure superficiali e profonde, strumentazioni e strutture per mire topografiche e radar e stazioni meteorologiche, sono effettuati previa comunicazione dell'Agenzia agli enti competenti. N12

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665362
Art. 44 - Vincolo idrogeologico e trasformazione d'uso del suolo

1. Ai fini del presente titolo si intende per trasformazione d'uso del suolo ogni intervento artificiale che comporta una modifica permanente delle modalità di utilizzo e occupazione dei terreni soggetti a vincolo idrogeologico di cui all'articolo 1 del regio decreto 30 dicembre 1923, n. 3267 (Riordinamento e riforma della legislazione in materia di boschi e di terreni montani).N75

2. Sono vietati gli interventi di trasformazione d'uso del suolo non autorizzati in conformità alle indicazioni e alle informazioni idrogeologiche contenute negli studi geologici comunali, nei piani territoriali e nei piani forestali di cui all'articolo 47. Per i comuni dotati di piano di governo del territorio (PGT), i titoli abilitativi edilizi, previa verifica di conformità delle suddette trasformazioni rispetto alla componente geologica, idrogeologica e sismica del PGT prevista dall'articolo 57, comma 1, lettera b), della legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 (Legge per il governo del territorio) tengono luogo dell'autorizzazione prevista al primo periodo. Per le trasformazioni d'uso del suolo che ricadono nell'ambito di applicazione dell'articolo 6 del decreto del Presidente della Repubblica 6 giu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665363
Art. 45 - Protezione dagli incendi boschivi e difesa fitosanitaria.

1. La Regione attua direttamente o tramite le province, le comunità montane e gli enti gestori di parchi e riserve regionali le iniziative di previsione, prevenzione e lotta attiva agli incendi boschivi, nonché le attività di formazione e informazione, avvalendosi anche del supporto del volontariato, specificatamente organizzato, addestrato ed equipaggiato.

2. Per rendere più efficaci le azioni volte a limitare i danni causati dagli incendi boschivi, la Giunta regionale, annualmente, trasferisce risorse alle comunità montane, alle province e agli enti gestori di parchi e riserve regionali per sostenere gli oneri per l'equipaggiamento, l'addestramento, l'assicurazione e il rimborso delle spese delle squadre di volontariato, nonché per le opere e gli interventi necessari per la migliore difesa dal fuoco. In alternativa a quanto previsto sugli oneri per l’assicurazione di cui al precedente periodo, la Giunta regionale può sostenere direttamente gli oneri per l’assicurazione del personale preposto all’attività di prevenzione e lotta attiva agli incendi boschivi, ovvero dei direttori delle operazioni di speg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665364
Capo III - Inventario e carta forestale regionale, programmazione e pianificazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665365
Art. 46 - Inventario, carta forestale regionale e sistema informativo silvo-pastorale

1. La Regione effettua, attraverso l'inventario forestale regionale, l'analisi e il monitoraggio dello stato, della consistenza e delle f

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665366
Art. 47 - Programmazione e pianificazione forestale

1. Nell'ambito degli strumenti di programmazione di cui all'articolo 3 la Regione e la provincia di Sondrio stabiliscono specifiche linee guida di politica e programmazione forestale, finalizzate a:N81

a) verificare lo stato e le caratteristiche del bosco in relazione all'economia e alla situazione ambientale generale, con particolare riferimento alla conservazione della biodiversità;

b) individuare gli obiettivi strategici del settore forestale e indicare gli indirizzi di intervento e i criteri generali di realizzazione, nonché le previsioni di spesa.

1-bis. L'ERSAF predispone annualmente un rapporto sullo stato delle foreste, ivi comprese indicazioni circa la protezione degli incendi boschivi e la difesa fitosanitaria dei boschi, e della filiera bosco legno - energia e lo trasmette alla compe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665367
Art. 48 - Raccordi con la pianificazione territoriale.

1. I piani di indirizzo forestale sono redatti in coerenza con i contenuti dei piani territoriali di coordinamento provinciali, dei piani paesaggistici di cui all'articolo 135 del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665368
Capo IV - Gestione delle risorse silvo-pastorali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665369
Art. 49 - Ricerca, formazione e assistenza tecnica

1. La Regione promuove e sostiene lo sviluppo della ricerca applicata e della sperimentazione nel settore forestale, pastorale e delle loro filiere, ai fini del miglioramento del patrimonio silvo-pastorale.

2. Per contribuire allo sviluppo delle professionalità legate alla corretta gestione del bosco la Regione promuove e sostiene la realizzazione di materiale divulgativo nel sett

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665370
Art. 50 - Attività selvicolturali, norme forestali regionali e certificazione ecocompatibile

1. Si considerano attività selvicolturali tutti gli interventi, diversi dalla trasformazione del bosco, relativi alla gestione forestale, quali i tagli di utilizzazione, gli sfolli, i diradamenti, le cure colturali, la difesa fitosanitaria, gli interventi di realizzazione, manutenzione ordinaria e straordinaria della viabilità agro-silvopastorale vietata al transito ordinario, le opere di sistemazione idraulico-forestale, nonché i rimboschimenti e gli imboschimenti. Non si considerano attività selvicolturali gli interventi che consistono nella realizzazione di muraglioni in cemento armato o raccordi viabilistici e tutti gli interventi che non si basano su criteri di ingegneria naturalistica.

2. Le attività selvicolturali finalizzate alla salvaguardia e all'utilizzo rinnovabile e duraturo delle risorse forestali sono un fattore di sviluppo dell'economia locale e regionale e uno strumento fondamentale per la tutela attiva degli ecosistemi, dell'assetto idrogeologico e paesaggistico. Le attività di cui al comma 1 concorrono allo svolgimento della manutenzione diffusa del territorio.N50

3. È vietata la conversione dei boschi governati o avviati a fustaia in boschi governati a ceduo, fatti salvi gli interventi autorizzati ai fini della difesa fitosanitaria o per altri motivi di rilevante interesse pubblico. È vietato altresì il taglio a raso dei boschi laddove le tecniche selvicolturali non sono finalizzate alla rinnovazione naturale, salvo casi diversi previsti dai piani di indirizzo forestale e dai piani di assest

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665371
Art. 51 - Apicoltura

1. Il Consiglio regionale, al fine di salvaguardare, valorizzare e sviluppare la pratica dell'alpicoltura, integrandola con il settore forestale, approva il piano regionale degli alpeggi, basato sul relativo catasto.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665372
Art. 52 - Sistemazioni idraulico-forestali

1. Si considerano sistemazioni idraulico forestali le attività di riassetto idrogeologico di bacini attraverso interventi integrati di consolidamento di versanti, di regimazione delle acque e di ricostituzione e cura dei boschi.

2. Le attività selvicolturali di cui all'articolo 50 sono considerate opere dirette di prevenzione del dissesto idrogeologico e delle calamità naturali.

3. Si considerano di pronto intervento le opere e i lavori necessari:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665373
Art. 53 - Materiale forestale di base e di moltiplicazione

1. La Regione promuove la conservazione e la tutela del patrimonio genetico forestale autoctono e della biodiversità sostenendo l'utilizzo, la moltiplicazione e la diffusione delle specie forestali autoctone di provenienza certificata.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665374
Art. 54 - Patrimonio forestale regionale e patrimonio degli enti locali

1. Il patrimonio indisponibile agro-silvo-pastorale della Regione, denominato patrimonio forestale regionale, è costituito:

a) dai beni già facenti parte del demanio forestale dello Stato, trasferiti alla Regione a norma dell'articolo 11, quinto comma, della legge 16 maggio 1970, n. 281 (Provvedimenti finanziari per l'attuazione delle Regioni a statuto ordinario);

b) dai vivai forestali già di proprietà dello Stato;

c) dai terreni montani che pervengono alla Regione ai sensi dell'articolo 9 della legge 3 dicembre 1971, n. 1102 (Nuove norme per lo sviluppo della montagna), nonché per acquisto comunque diretto alla formazione di boschi, prati, pascoli, vivai, aziende modello o riserve naturali;

d) dai terreni montani acquisiti in base a provvedimenti di attuazione di piani regionali;

e) da altri terreni e beni rustici che in qualsiasi modo diventano proprietà della Regione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665375
Art. 55 - Progetto grandi foreste

1. Su proposta delle province, la Regione finanzia la realizzazione di grandi foreste e di sistemi forestali, da effettuarsi preferibilmente in comprensori privi o scarsi di vegetazione forestale.

2. Le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665376
Capo V - Promozione dell'economia forestale. Associazionismo, filiera bosco-legno e infrastrutture territoriali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665377
Art. 56 - Associazionismo e consorzi forestali

1. La Regione, al fine di valorizzare il patrimonio forestale attraverso una sua corretta gestione, riconosce e promuove la costituzione di consorzi forestali e altre forme di associazione e incentiva la partecipazione di soggetti pubblici e privati.

2. I consorzi forestali sono costituiti volontariamente tra i soggetti pubblici e privati proprietari dei terreni e altri soggetti della filiera bosco-legno, al fine di svolgere prevalentement

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665378
Art. 57 - Albo delle imprese boschive

1. È istituito l'albo regionale delle imprese boschive, cui vengono iscritte imprese con idonee capacità tecnico-professionali nell'esecuzione delle attività selvicolturali d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665379
Art. 58 - Professionalità degli operatori forestali

1. La Regione promuove, sentiti la provincia di Sondrio, le comunità montane, gli enti gestori dei parchi e delle riserve regionali e le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665380
Art. 59 - Viabilità agro-silvo-pastorale, gru a cavo e fili a sbalzo

1. Le strade agro-silvo-pastorali sono infrastrutture finalizzate a un utilizzo prevalente di tipo agro-silvo-pastorale, non adibite al pubblico transito. Il transito è disciplinato da un regolamento comunale, approvato sulla base dei criteri stabiliti dalla Giunta regionale.

2. La provincia di Sondrio, le comunità montane, gli enti gestori dei parchi, per i relativi territori, e la Regione per il restante territorio, predispongono, compatibilmente con i regimi di tutela ambientale e i relativi strumenti di pianificazione, piani di viabilità agro-silvo-pastorale, nell’ambito dei piani di indirizzo forestale, allo scopo di razionalizzare le infrastrutture e di valorizzare la interconnessione della viabilità esistente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665381
Art. 60 - Valorizzazione delle filiere bosco-legno e legno-energia

1. La Regione promuove l'ammodernamento delle dotazioni, degli impianti, delle strutture e infrastrutture, dei dispositivi per la sicurezza degli operatori del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665382
Capo VI - Vigilanza, sanzioni e norme finali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665383
Art. 61 - Vigilanza e sanzioni

1. Le funzioni di vigilanza e di accertamento delle violazioni relative all'attuazione del presente titolo sono esercitate dal corpo forestale regionale, dal corpo forestale dello Stato, dalle guardie dei parchi regionali, dalle guardie boschive comunali, dagli agenti della polizia locale. Tali funzioni possono essere attribuite alle guardie ecologiche volontarie, di cui alla legge regionale 28 febbraio 2005, n. 9 (Nuova disciplina del servizio volontario di vigilanza ecologica), che abbiano frequentato corsi di formazione sugli aspetti selvicolturali e normativi in materia forestale.

2. Chi realizza trasformazioni del bosco di cui all'articolo 43 senza la prescritta autorizzazione o in difformità dalla stessa è punito con una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 105,57 a euro 316,71 per ogni 10 metri quadrati o frazione di superficie di bosco trasformata. La medesima sanzione, calcolata sulla base della superficie trasformata o sua frazione, si applica per la mancata realizzazione degli interventi compensativi prescritti dall'autorità.

3. Chi realizza trasformazioni d'uso del suolo di cui all'articolo 44 senza la prescritta autorizzazione o in difformità della stessa è punito con una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 52,79 a euro 158,36 per ogni 10 metri cubi o frazione di suolo trasformato. La medesima sanzione, calcolata sulla base dei metri cubi di suolo trasformato o sua frazione, si applica per la mancata esecuzione delle prescrizioni contenute nelle autorizzazioni.

4. Se con la medesima condotta sono violati gli articoli 43 e 44 si applica la sanzione amministrativa pecuniaria prevista per la violazione più grave, aumentata di un terzo. Il pagamento della sanzione non esonera il trasgressore dall'obbligo di richiedere l'autorizzazione in sanatoria per l'intervento realizzato. Se l'opera realizzata non è comunque autorizzabile, il trasgressore è tenuto al ripristino e al recupero ambientale dei luoghi; a tal fine i comuni, le province, le comunità montane e gli enti gestori dei parchi e delle riserve regionali ordinano il ripristino, indicandone le modalità e i termini. Se il trasgressore non ottempera, i medesimi enti, previa diffida, dispongono l'esecuzione degli interventi con oneri a carico del trasgressore stesso.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665384
TITOLO V - Ente regionale per i servizi all'agricoltura e alle foreste (ERSAF)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665385
Art. 62 - Finalità e oggetto

1. Al fine del miglioramento, dell'ammodernamento e dell'incremento dell'efficienza dei servizi ai settori agricolo, agroalimentare, agroforestale, al territorio rurale e alla montagna, il presente titolo disciplina il riordino degli enti regionali in agricoltura e foreste.N84

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665386
Art. 63 - Natura giuridica e raccordo con la programmazione

1. L'ERSAF è un ente di gestione, di ricerca e sperimentazione, di promozione e di supporto tecnico e amministrativo nei settori agricolo, agroalimentare, agroforestale e della montagna in Lombardia.N84

2. L'ERSAF ha personalità giuridica di diritto pubblico ed &egra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665387
Art. 64 - Funzioni e attività

1. Le funzioni dell'ERSAF, in riferimento al settore agricolo, comprendono la formazione specialistica, l'assistenza tecnica, lo sviluppo dell'innovazione tecnologica e della competitività delle aziende, della ricerca e dei servizi innovativi alle aziende agricole e alle imprese agroalimentari, la promozione dei prodotti e delle produzioni lombarde, compresa l'agricoltura biologica, nonché il sostegno all'agricoltura delle zone montane, marginali e delle aree protette.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665388
Art. 65 - Statuto, organizzazione e contabilità

1. L'ERSAF ha uno statuto che disciplina le competenze degli organi e le loro modalità di funzionamento, compresi l'adozione degli atti urgenti e i casi di decadenza dei membri del consiglio di amministrazione per mancata partecipazione alle sedute, individua la sede e detta le disposizioni generali relative all'organizzazione e alla contabilità dell'ente. Lo statuto è deliberato dal consiglio di amministrazione e approvato dalla Giunta regionale, sentita la competente commissione consiliare, entro novanta giorni dalla sua ricezione.

2. Sono organi dell'ERSAF:

a) il consiglio di amministrazione;

b) il presidente;

c) il collegio dei revisori.

3. Il consiglio di amministrazione è nominato dalla Giunta regionale; è composto da cinque membri, compreso il presidente, e dura in carica cinque anni.N96

4. Per le cause di incompatibilità, di revoca e di decadenza dalla carica di consigliere si applicano le disposizioni della vigente normativa regionale.

5. Il presidente è nominato dalla Giunta regionale tra i membri del consiglio di amministrazione dell'ERSAF contestualmente alla nomina del consiglio di amministrazione; è il rappresentante legale dell'ente, convoca e presiede il consiglio di amministrazione.

6. L'indennità di carica del presidente e dei consiglieri di amministrazione è determinata dalla Giunta regionale.

7. Il collegio dei revisori è composto da tre membri effettivi e due supplenti, compreso il presidente, iscritti al registro dei revisori contabili di cui all'articolo 1 del decreto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665389
Art. 66 - Raccordo con altri soggetti pubblici e privati

1. Le attività di cui all'articolo 64 sono svolte dall'ERSAF in accordo con gli altri soggetti pubblici e privati operanti nei settori agricolo, forestale e della montagna, e in particolare con le autonomie locali e funzionali, con le CCIAA, con le università e gli altri enti di ricerca, con gli enti gestori dei parchi nonché con il mondo produttivo.N84

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665390
TITOLO VI - Sorveglianza fitosanitaria
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665391
Art. 67 - Finalità e competenze della Regione

1. Il presente titolo disciplina le attività di sorveglianza fitosanitaria sul territorio, nonché le attività di produzione e commercializzazione dei vegetali e dei prodotti vegetali con riguardo alle imprese che hanno sede legale, sedi secondarie o centri d'attività comunque denominati in Lombardia.

2. La Regione individua, all'interno delle proprie strutture competenti in materia di agricoltura, le strutture che svolgono le funzioni del servizio fitosanitario regionale. Ai sensi dell'articolo 1 della legge regionale 27 dicembre 2006, n. 30 (Disposizioni legislative per l'attuazione del documento di programmazione economico-finanziaria regionale, ai sensi dell'articolo 9-ter della legge regionale 31 marzo 1978, n. 34 "Norme sulle procedure della programmazione, sul bilancio e sulla contabilità della Regione" - collegato 2007), l'ERSAF assicura lo svolgimento delle attività gestionali e del servizio sul territorio. Con apposita convenzione, in particolare:

a) sono specificate le attività e i servizi il cui svolgimento è affidato all'ERSAF e determinata la data di decorrenza;

b) sono definiti gli obblighi reciproci e le modalità di controllo e coordinamento, da parte delle strutture regionali competenti in materia di agricoltura, delle attività e dei servizi esercitati dall'ERSAF;

c) sono i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665392
Art. 68 - Controlli fitosanitari presso l'aeroporto di Malpensa e gli altri punti di ingresso doganali

1. Nell'ambito delle attività di cui all'articolo 67, comma 3, rientrano i controlli fitosanitari presso l'aeroporto di Malpensa e gli altri punti di ingresso comunitari presenti sul territorio regionale riguardanti l'importazione ed esportazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665393
Art. 69 - Piano delle attività fitosanitarie

1. La Giunta regionale approva il piano delle attività fitosanitarie con validità triennale, sentito il pare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665394
Art. 70 - Ispettori fitosanitari

1. È istituito il registro regionale degli ispettori fitosanitari tenuto dalla competente struttura organizzativa regionale. Nel registro sono iscritti i soggetti in possesso della qualifica di ispettori fitosanitari operanti alle dipendenze o su incarico della struttura organizzativa regionale competente. La conclusione del rapporto di lavoro o dell'incarico comporta la perdita della qualifica e la cancellazione dal registro. La qualifica è attribuita con decreto del dirigente competente adottato previa verifica del possesso dei seguenti requisiti:

a) laurea in scienze agrarie o equipollente o diploma di laurea breve in materia di protezione delle piante o diploma di perito agrario o agrotecnico;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665395
Art. 70-bis - Agente fitosanitario

N30

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665396
Art. 71 - Autorizzazioni. Registro regionale fitosanitario

1. La produzione e la commercializzazione di vegetali e prodotti vegetali è subordinata al rilascio di un'unica autorizzazione regionale che sostituisce le autorizzazioni per l'espletamento dell'attività sotto il profilo fitosanitario e in particolare:

a) l'autorizzazione alla produzione e al commercio di vegetali;N23

b) la licenza per la produzione a scopo di vendita delle sementi;

c) l'autorizzazione alla produzione e alla vendita di materiale di propagazione forestale;

d) l'autorizzazione all'uso del passaporto delle piante CE;

e) la produzione e il commercio dei materiali di moltiplicazione della vite;

f) la produzione e la vendita di piante micorrizate artificialment

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665397
Art. 72 - Adempimenti degli iscritti al registro regionale fitosanitario
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665398
Art. 73 - Aiuti alle imprese per il controllo delle malattie

1. Nell'ambito di specifici programmi di eradicazione e controllo degli organismi nocivi da quarantena o soggetti a interv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665399
Art. 74 - Sanzioni amministrative

1. Per l'inosservanza delle disposizioni del presente titolo trovano applicazione le sanzioni previste dal D.Lgs. 214/2005

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665400
Art. 75 - Disposizioni finali

1. La competente struttura regionale procede d'ufficio al rilascio dell'autorizzazione unica di cui all'articolo 71 in sostituzione delle precedenti autorizzazioni.

2. La Regione definisce con regolamento:

a) le procedure per il rilascio dell'autorizzazione di cui all'ar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665401
TITOLO VI BIS - DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FLOROVIVAISMO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665402
Art. 75 bis - Finalità e ambito di applicazione

1. Il presente titolo reca disposizioni volte a promuovere il settore del florovivaismo e a favorirne la modernizzazione, nel quadro dei riferimenti normativi statali alla figura dell’imprenditore ag

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665403
Art. 75 ter - Strutture di vendita e assortimento merceologico

1. Fatto salvo quanto disposto dall’articolo 59 della l.r. 12/2005, la superficie destinata all’esercizio dell’attività di vendita dei soli prodotti complementari all’attività p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665404
Art. 75 quater - Clausola valutativa

1. La Giunta regionale informa il Consiglio sull’attuazione della presente legge. A tal fine entro due anni dalla entrata

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665405
TITOLO VII - Disposizioni in materia di bonifica e irrigazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665406
Capo I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665407
Art. 76 - Finalità e ambito di applicazione

1. La Regione promuove e organizza l'attività di bonifica e di irrigazione quale strumento essenziale e permanente finalizzato a garantire:

a) la sicurezza idraulica del territorio;

b) l'uso plurimo e la razionale utilizzazione a scopo irriguo delle risorse idriche;

c) la provvista, la regimazione e la tutela quantitativa e qualitativa delle acque irrigue;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665408
Art. 77 - Opere pubbliche di bonifica e di irrigazione.

1. Ai fini del presente titolo, nei comprensori di bonifica e irrigazione, sono considerate opere pubbliche di competenza regionale:

a) la sistemazione e l'adeguamento della rete scolante, le opere di raccolta, di approvvigionamento, utilizzazione e distribuzione di acque superficiali o anche di falda a uso irriguo e altri usi produttivi, nonché la sistemazione degli impianti e dei manufatti di regolazione dei canali di bonifica e irrigazione;

b) le opere e gli impianti di difesa idraulica e idrogeologica;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665409
Capo II - Organizzazione del territorio e soggetti di bonifica e di irrigazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665410
Art. 78 - Comprensori di bonifica e irrigazione

1. Il territorio regionale non montano è classificato territorio di bonifica e irrigazione.

2. Il territorio di cui al comma 1 è suddiviso in comprensori di bonifica e irrigazione delimitati in modo da costituire unità omogenee sotto il profilo idrografico e idraulico e da risultare funzionali alle esigenze di programmazione, esecuzione e gestione dell'attività di bonifica di irrigazione e di difesa del suolo e di coordinamento dell'intervento pubblico con quello privato.

3. La Giunta regionale provvede alla delimitazione dei comprensori di bonifica e irrigazione nonché alle relative modificazioni.

A tal fine adotta una proposta e la trasmette ai comuni, alle province e ai consorzi di bonifica interessati affinché, entro sessanta giorni dal ricevimento, esprimano parere; trascorso tale termine, esso si intende favorevole. La Giunta regionale, sentita la commissione consiliare competente, approva la proposta definitiva e ne dispone la pubblicazione nel BURL.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665411
Art. 78-bis - Adeguamento delle delimitazioni dei comprensori di bonifica e irrigazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665412
Art. 79 - Consorzi di bonifica

1. Per ciascun comprensorio di bonifica e irrigazione è istituito un unico consorzio di bonifica di primo grado, avente natura di ente pubblico economico a carattere associativo, fatto salvo quanto previsto all'articolo 78, comma 7-bis. Il consorzio opera secondo principi di efficienza, efficacia, economicità, imparzialità, trasparenza e sussidiarietà ed assicura ai consorziati e alle comunità locali una costante informazione sulle attività svolte. Più comprensori possono essere gestiti in forma unitaria da un unico consorzio di bonifica.N20

2. Fanno parte dei consorzi di bonifica i proprietari pubblici e privati dei beni immobili ubicati nei singoli comprensori, nonchè i conduttori singoli o associati che per legge, per statuto consortile o per contratt

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665413
Art. 79-bis - Riordino dei consorzi di bonifica e irrigazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665414
Art. 80 - Funzioni dei consorzi di bonifica

1. I consorzi di bonifica, per la realizzazione delle finalità di cui all'articolo 76, esercitano nell'ambito del comprensorio di competenza le seguenti funzioni:

a) progettazione, realizzazione e gestione delle opere pubbliche di bonifica di cui all'articolo 77 avute in concessione dalla Regione;

b) progettazione, realizzazione e gestione di impianti di produzione di energia elettrica nei canali consortili e approvvigionamento di imprese produttive e attività civili con le acque fluenti nei canali stessi per usi che comportino la restituzione delle acque e siano compatibili con le successive utilizzazioni;

c) promozione, realizzazione e concorso, anche attraverso appositi accordi di programma, di azioni di salvaguardia ambientale e paesaggistica, di valorizzazione economica sostenibile di risanamento delle acque, anche al fine della utilizzazione irrigua e plurima, della rinaturalizzazione dei corsi d'acqua e della fitodepurazione ai sensi di quanto previsto dall'articolo 144, comma 3, del D.Lgs. 152/2006;

d) realizzazione di opere di prevenzione e protezione dalle calamità naturali mediante interventi di ripristino delle opere di bonifica e irrigazione, di manutenzione idraulica, di forestazione e di ripristino ambientale;

e) attuazione e promozione, per il perseguimento delle finalità di cui all'articolo 76, anche tramite asso

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665415
Art. 81 - Statuto dei consorzi di bonifica

1. La Giunta regionale approva le linee guida per la predisposizione degli statuti dei consorzi di bonifica, anche di secondo grado, cui gli stessi devono

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665416
Art. 82 - Organi

1. Sono organi del consorzio di bonifica:

a) il consiglio di amministrazione;

b) il presidente;

c) il revisore legale. N204

2. Gli organi del consorzio durano in carica cinque anni. Con apposito regolamento regionale è disciplinato il procedimento elettorale, garantendo N114:

a) il

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665417
Art. 83 - Struttura organizzativa, bilancio e programmazione finanziaria

1. La struttura organizzativa degli uffici del consorzio è individuata dal piano di organizzazione dei servizi consortili deliberato dal consiglio di amministrazione.

2. La gestione amministrativa è attribuita al direttore, assunto esclusivamente con contratto a tempo determinato secondo quanto previsto dall'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665418
Art. 84 - Consorzi di miglioramento fondiario di secondo grado
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665419
Art. 85 - Demanio regionale

1. La Regione, contestualmente al provvedimento di affidamento in concessione dell'esecuzione delle opere di cui all'articolo 77, che entrano a far parte del demanio regionale, dispone a favore dei consorzi di bonifica manutentori la costituzione del diritto d'uso sulle opere eseguite, a decorrere dalla data del collaudo o dell'eventuale provvedimento di esproprio.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665420
Art. 86 - Opere di competenza dei privati

1. I privati realizzano nei comprensori di bonifica e irrigazione tutte le opere minori necessarie ai fini della bonifica, secondo quanto previsto dagli strumenti di pianificazione consortile.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665421
Capo III - Programmazione ed esecuzione dell'attività di bonifica
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665422
Art. 87 - Piano generale di bonifica, di irrigazione e di tutela del territorio rurale

1. Il Consiglio regionale, su proposta della Giunta regionale, approva il piano generale di bonifica, di irrigazione e di tutela del territorio rurale.

2. Il piano generale di bonifica, di irrigazione e di tutela del territorio rurale definisce:

a) la situazione, le problematiche e le prospettive della bonifica, dell'irrigazione e del territorio rurale;

b) gli indirizzi generali e le linee fondamentali dell'azione della Regione;

c) le modalità e i contenuti di coordinamento con gli altri strumenti di pianificazione della Regione e d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665423
Art. 88 - Piani comprensoriali di bonifica, di irrigazione e di tutela del territorio rurale

1. Nei comprensori di bonifica e irrigazione l'attività di bonifica e irrigazione si svolge sulla base del piano comprensoriale di bonifica, di irrigazione e di tutela del territorio rurale. Il piano comprensoriale è adottato dal consorzio in conformità al piano generale di bonifica, di irrigazione e di tutela del territorio rurale, assicurando la partecipazione degli enti locali, dei soggetti irrigui e degli altri enti operanti nel comprensorio. Fino all'approvazione del piano generale i consorzi operano in base al piano comprensoriale provvisorio di bonifica predisposto sulla base di criteri approv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665424
Art. 89 - Progetto fontanili

1. Ai fini della salvaguardia del sistema dei fontanili e dei colatori, in quanto componente essenziale dell'ambiente e de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665425
Art. 90 - Contributi consortili

1. Il consorzio di bonifica elabora, sulla base di criteri, indirizzi e modalità procedimentali deliberati dalla Giunta regionale e pubblicati sul Bollettino Ufficiale della Regione, sentita la competente commissione consiliare, un piano di classificazione degli immobili ricadenti nel comprensorio consortile, al fine di individuare i benefici derivanti dalle opere di bonifica e irrigazione previste dal piano comprensoriale di bonifica, di irrigazione e di tutela del territorio rurale di cui all'articolo 88 e di stabilire gli indici e i parametri per la quantificazione dei medesimi. Il piano definisce, altresì, mediante cartografia allegata, il perimetro di contribuenza. Il piano è adottato dal consorzio di bonifica entro sei mesi dalla data di approvazione del piano comprensoriale di cui all'articolo 88, sentito il parere dei comuni interessati, ed è approvato dalla Giunta regionale entro i successivi centoventi giorni.N122

1-bis. La pubblicazione nel BURL della deliberazione di approvazione del piano di cui al comma 1 è contestuale alla pubblicazione del piano con il relativo perimetro di contribuenza nei siti internet istituzionali della Regione, dei consorzi di bonifica e dei comuni ricadenti nei comprensori di bonifica. La pubblicazione della deliberazione produce gli effetti di pubblicità del perimetro di contribuenza nei confronti di tutti gli interessati.N113

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665426
Art. 90-bis - Interventi dei consorzi di bonifica sul reticolo idrico principale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665427
Art. 91 - Piano di riordino irriguo

1. I consorzi di bonifica provvedono all'adozione e alla conseguente attuazione del piano di riordino irriguo.N5

2. Il piano di riordino irriguo, approvato dalla Giunta regionale, sentita la competente commissione consiliare, ha valore di dichiarazione di pubblica utilità, urgenza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665428
Capo III-bis - Norme per la mitigazione degli effetti delle crisi idriche nel settore agricolo, per la difesa idrogeologica e per la riqualificazione territoriale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665429
Art. 91-bis - Finalità
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665430
Art. 91-ter - Stima del fabbisogno idrico, dei volumi d’acqua disponibili ai fini irrigui e delle necessità di difesa idrogeologica

1. La Giunta regionale, entro un anno dall’entrata in vigore della legge region

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665431
Art. 91-quater - Bacini per l’accumulo di acqua o per la laminazione delle piene

1. Nei comprensori di bonifica e irrigazione in cui il fabbisogno idrico necessario allo svolgimento razionale e produttivo delle pratiche agricole è superiore rispetto alle risorse idriche disponibili sulla base degli usi concessi o in corso di regolarizzazione o riconoscimento e laddove risultano presenti situazioni che necessitano di interventi per la difesa idraulica e idrogeologica al fine di concorrere al conseguimento degli obiettivi stabiliti nelle pianificazioni regionale, provinciale, metropolitana e comunale, la Giunta regionale, entro centottanta giorni dall’adozione del provvedimento previsto all’articolo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665432
Art. 91-quinquies - Procedure

1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665433
Capo IV - Vigilanza e controllo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665434
Art. 92 - Attività di direzione e vigilanza della Regione

1. Al fine di assicurare omogeneità, organicità ed efficacia all'attività di bonifica e irrigazione e di coordinare l'azione dei consorzi, la Giunta regionale adotta atti di indirizzo e criteri in ordine all'attività programmatoria e gestionale dei consorzi di bonifica nelle forme e nei modi di cui al presente articolo. N5

2. La Giunta regionale, tramite la competente direzione generale, può chiedere ai consorzi documenti, informazioni e chiarimenti ed effettuare ispezioni e perizie volte ad accertare il regolare funzionamento degli organi e il regolare esercizio dell'attività del consorzio, anche avvalendosi della consulenza di esperti o di società di servizi.

3. La Giunta regionale, sentiti i consorzi interessati, può procedere al raggruppamento di uffici di più consorzi, qualora tale raggruppamento porti a significativi risparmi e a maggiore efficacia e tempestività nell'attività dei consorzi stessi. La Giunta regionale può concedere contributi per le spes

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665435
Art. 93 - Ricorsi avverso gli atti consortili
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665436
Art. 94 - Consulta regionale della bonifica e irrigazione

1. È istituita presso la competente direzione generale regionale la consulta regionale della bonifica e irrigazione, organo consultivo della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665437
Art. 95 - Finanziamenti regionali

1. Per il conseguimento delle finalità di cui all'articolo 76, per l'attuazione dei piani e programmi regionali e comprensoriali e per la realizzazione delle tipologie di opere di cui all'articolo 77 previste dai piani e programmi medesimi, la Regione concorre con contributi a favore dei soggetti di cui all'articolo 79.N5

2. La Giunta regionale delibera il concorso finanziario nella spesa ritenuta ammissibile per l'esecuzione delle opere di cui al comma 1 nella misura del 90 per cento per:

a) opere di pronto intervento;

b) opere di esclusivo carattere ambientale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665438
TITOLO VIII - Disposizioni sulla raccolta, coltivazione e commercializzazione di funghi epigei e ipogei (Tartufi)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665439
Capo I - Raccolta e commercializzazione dei funghi epigei freschi e conservati
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665440
Art. 96 - Finalità

1. Il presente capo, nel rispetto dei principi fondamentali stabiliti dalla legge 23 agosto 1993, n. 352 (Norme quadro in materia di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665441
Art. 97 - Disciplina della raccolta dei funghi

1. La raccolta dei funghi è gratuita su tutto il territorio regionale.

2. Al fine di tutelare il patrimonio boschivo e di valorizzarne le risorse naturali, i comuni ricompresi nei territori

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665442
Art. 98 - Modalità di raccolta

1. Su tutto il territorio regionale:

a) la raccolta autorizzata è limitata ai soli corpi fruttiferi epigei ed è consentita dall'alba al tramonto in maniera esclusivamente manuale, senza l'impiego di alcun attrezzo, fatta salva l'asportazione dei corpi fruttiferi cespitosi quali le Armillaria spp melle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665443
Art. 99 - Limitazioni nelle aree protette

1. L'ente gestore del parco stabilisce annualmente il numero massimo di autorizzazioni da concedere.N133

2. L'attività di raccolta dei funghi nelle riserve naturali, se non esplicitamente vietata da

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665444
Art. 100 - Limitazioni particolari

1. La raccolta è vietata nei terreni di pertinenza degli immobili destinati ad uso abitativo adiacenti agli immobil

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665445
Art. 101 - Raccolta per scopi diversi dall'alimentazione

1. La Regione può rilasciare autorizzazioni gratuite per motivi scientifici, di studio e di ricerca, in occasione di mostre, di seminari, per i corsi propedeutici e per le necessità di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665446
Art. 102 - Ispettorati micologici

1. Al fine della tutela della salute pubblica sono costituiti ispettorati micologici nell'ambito dei dipartimenti di prevenzione di cui alla legge regionale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665447
Art. 103 - Informazione

1. I comuni, le comunità montane, la provincia di Sondrio e la Regione possono promuovere l'organizzazione e lo svo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665448
Art. 104 - Disponibilità finanziaria

1. I proventi introitati dagli enti di cui all'articolo 97 sono utilizzati per gli interventi e le attività di cui

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665449
Art. 105 - Vendita dei funghi epigei freschi

1. I soggetti preposti alla vendita al consumatore finale dei funghi epigei freschi e secchi allo stato sfuso devono esser

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665450
Art. 106 - Certificazioni sanitarie

1. La vendita di funghi epigei freschi spontanei allo stato sfuso destinati al dettaglio e alla somministrazione nella ristorazione pubblica e collettiva è consentita, previa certificazione di avvenuto controllo da parte delle ASL, purché effettuata secondo le seguenti modalità:N136

a) i funghi, suddivisi per specie, devono essere contenuti in cassette o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665451
Art. 107 - Specie ammesse

1. È consentita la commercializzazione delle specie di funghi epigei e freschi di cui all'allegato 1 del decreto del Presidente della Repubblica 14 luglio 1995, n. 376 (Regolamento concernente la discipli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665452
Art. 108 - Funghi secchi - specie consentite

1. Con la denominazione di funghi secchi possono essere posti in commercio funghi appartenenti alle specie di cui all'arti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665453
Art. 109 - Funghi secchi e conservati

1. È consentita la vendita dei funghi secchi sminuzzati purché rispondenti alle caratteristiche di cui all'a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665454
Art. 110 - Sanzioni

1. Sono sanzionate con il pagamento di una somma da euro 50,00 a euro 100,00 le seguenti violazioni:N137

a) esercizio della raccolta senza titolo di pagamento, ove richiesto; N138

b) esercizio della raccolta al di fuori della zona di validità territoriale della autorizzazione oltre al pagamento della autorizzazione giornaliera;

c) mancata esibizione del titolo di pagamento salvo che l'esibizione sia e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665455
Art. 111 - Provvedimenti di attuazione

1. Entro sessanta giorni dall'entrata in vigore della legge recante "Modifiche ed integrazioni al Titolo VIII, Capo I, della legge regionale 5 dicembre 2008, n. 31 (Testo unico delle leggi regionali in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale), in tema di raccolta dei funghi epigei" la Giunta reg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665456
Art. 112 - Vigilanza

1. La vigilanza sull'applicazione delle disposizioni del presente capo è affidata al corpo forestale dello Stato, a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665457
Capo II - Raccolta, coltivazione e commercializzazione dei tartufi freschi e conservati
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665458
Art. 113 - Finalità

1. Il presente capo reca disposizioni sulla raccolta, coltivazione e commercializzazione dei tartufi freschi e conservati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665459
Art. 114 - Misure generali di tutela

N7

1. Ai fini del presente capo:

a) sono considerate protette tutte le specie d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665460
Art. 115 - Competenze

1. Le funzioni amministrative di cui al presente capo sono esercitate: N19

a) dalla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665461
Art. 116 - Modalità di raccolta dei tartufi e divieti

1. Su tutto il territorio regionale è consentita, nell'arco delle ventiquattro ore giornaliere, nei periodi stabiliti annualmente dai calendari di raccolta in relazione alle usanze locali, la raccolta dei tartufi commestibili compresi nell'elenco di cui all'articolo 2 della legge 752/1985.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665462
Art. 116-bis - Raccolta per scopi diversi dall’alimentazione

N42

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665463
Art. 117 - Calendari di raccolta

1. Fermi restando le limitazioni particolari e i divieti di raccolta di cui agli articoli 122 e 123, i calendari per la raccolta dei tartufi specificano i limiti e le modalità di raccolta dei tartufi nel corso dell'anno solare, indicando quantità e periodi di raccolta per le diverse specie

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665464
Art. 118 - Carte delle vocazioni e potenzialità tartufigene

1. La Giunta regionale approva, sentita la competente commissione consiliare e avvalendosi del collegio di esperti di cui all'articolo 119, le carte delle vocazioni e potenzialità tartufigene relative all'intero territorio regionale; a tal fine la provincia di Sondrio e gli enti gestori dei parchi regionali, sentite le comunità montane, elaborano e trasmettono alla Giunta regionale le proposte per il territorio di competenza.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665465
Art. 119 - Collegio di esperti

1. La Regione e la Provincia di Sondrio si avvalgono della consulenza di un collegio di esperti in micologia, scienze naturali e scienze forestali, nominato con decreto del dirigente competente. N66

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665466
Art. 120 - Tesserino

1. La ricerca e la raccolta dei tartufi sono consentite a coloro i quali sono in possesso del tesserino di idoneità, valido su tutto il territorio nazionale, rilasciato ai sensi dell'articolo 5 della legge 752/1985.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665467
Art. 121 - Commissioni d'esame e corsi di preparazione

1. L’idoneità alla ricerca e alla raccolta del tartufo è conseguita mediante superamento di specifiche prove d’esame da tenersi presso la provincia di Sondrio, per i candidati residenti nel relativo territorio, e presso la Regione per i candidati residenti nel restante territorio regionale. I non residenti nella Regione possono sostenere l’esame presso la provincia di Sondrio o la Regione. N29

2. La preparazione dei candidati è valutata sulla base della capacità di riconoscimento delle specie di tartufi, nonché s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665468
Art. 122 - Norme particolari per i parchi, le riserve e i monumenti naturali

1. Gli enti gestori dei parchi naturali possono disciplinare la raccolta dei tartufi mediante i regolamenti d'uso di cui all'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665469
Art. 123 - Aree di particolare tutela

1. La raccolta dei tartufi è comunque vietata:

a) nelle riserve naturali inte

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665470
Art. 124 - Raccolta riservata dei tartufi

1. I titolari e conduttori, singoli o associati o consorziati ai sensi dell'articolo 4 della legge 752/1985, di terreni a vocazione tartufigena possono richiedere alla provincia di Sondrio, agli enti gestori dei parchi regionali e alle comunità montane, per i relativi territori, e alla Regione per il restante territorio il riconoscimento di tartufaie controllate o coltivate esistenti su fondi in loro possesso. N2

2. Previa istruttoria tecnica, gli enti di cui al comma 1 trasmettono le richieste al dirigente competente che, avvalendosi del collegio di esperti di cui all'articolo 119, provvede al riconoscimento.

3. Per tartufaie controllate si intendono le tartufaie naturali su fondi interessati da operazioni di miglioria ambientale e di incremento boschivo con la messa a dimora di piante tartufigene.

4. Per tartufaie coltivate si intendono quelle impiantate ex novo in territori a voc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665471
Art. 125 - Commercializzazione dei tartufi

1. Per quanto riguarda la lavorazione, la conservazione e la vendita dei tartufi si applicano le disposizioni di cui agli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665472
Art. 126 - Interventi di recupero e miglioramento ambientale

1. Le province, gli enti gestori dei parchi regionali e le comunità montane, sulla base delle indicazioni delle carte delle vocaz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665473
Art. 127 - Vigilanza

1. La vigilanza sull'osservanza degli obblighi e dei divieti di cui al presente capo e alla relativa normativa d'attuazione è affidata:

a) agli enti gestori dei pa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665474
Art. 128 - Competenza per l'irrogazione delle sanzioni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665475
Art. 129 - Sanzioni

1. Per le violazioni alle disposizioni di cui all'articolo 114, comma 2, e all'articolo 116 si applica la sanzione amministrativa da euro 103,29 a euro 1.032,91, raddoppiabile per la raccolta nelle aree di cui all'articolo 123.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665476
Art. 130 - Procedure di spesa

1. Le domande di contributo di cui all'articolo 126 devono pervenire alla struttura regionale competente in materia di agr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665477
TITOLO VIII-bis - Disposizioni sanzionatorie in applicazione di regolamenti comunitari in materia di mercato agricolo comune, in particolare vitivinicolo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665478
Capo I - Disposizioni sanzionatorie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665479
Art. 130-bis - Ambito di applicazione

N42

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665480
Art. 130-ter - Impianti abusivi e obbligo di estirpazione

N42

1. Ai sensi dell’articolo 85-bis del Regolamento (CE) n. 1234/2007, il produttore ha l’obbligo di estirpare a sue spese le superfici vitate abusivamente impiantate dopo il 31 agosto 19

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665481
Art. 130-quater - Sanzioni per gli impianti abusivi

N42

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665482
Art. 130-quinquies - Sanzioni in caso di mancata osservanza del divieto di circolazione delle uve

N42

1. Ai sensi dell’articolo 56 del Regolamento (CE) n. 555/2008, la mancata osservanza del divieto di circolazione delle uve e dei prodotti ottenuti dalle uve raccolte sulle superfici impiantate abusivamente è sanzionato.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665483
Art. 130-sexies - Disposizioni di attuazione

N42

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665484
TITOLO VIII-ter - Disposizioni relative al controllo del potenziale produttivo viticolo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665485
Art. 130-septies - Controllo del potenziale produttivo viticolo

1. La Regione, in conformità a quanto previsto dall'articolo 12, comma 4, del decreto legislativo 8 aprile 2010, n. 61 (Tutela delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche dei vini, in attuazione dell'articolo 15 della legge 7 luglio 2009, n. 88), può adottare provvedimenti volti a conse

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665486
TITOLO VIII-QUATER - Disposizioni in materia di utilizzazione agronomica dei fertilizzanti azotati inclusi gli effluenti di allevamento, le acque di vegetazione dei frantoi oleari e le acque reflue derivanti da aziende agricole e da piccole aziende agroalimentari
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665487
Art. 130-octies - Disciplina delle attività di utilizzazione agronomica dei fertilizzanti azotati

N30

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665488
Art. 130-nonies - Vigilanza

N30

1. L’attività di vigilanza e controllo sul rispetto dei programm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665489
Art. 130-decies - Sanzioni

N30

1. L'inosservanza degli adempimenti amministrativi previsti dai programmi d'azione, dalle decisioni comunitarie e dalle linee guida comporta l'irrogazione di una sanzione da 200 euro a 2.000 euro.

2. Fatto salvo quanto previsto al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665490
TITOLO IX - Disposizioni sull'incremento e la tutela del patrimonio ittico e sull'esercizio della pesca nelle acque della regione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665491
Capo I - Disposizioni generali e organizzative
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665492
Art. 131 - Principi e finalità

1. La Regione, al fine di tutelare la fauna ittica e in particolare quella autoctona, persegue la salvaguardia delle acque interne dalle alterazioni ambientali e disciplina l'attività piscatoria nel rispetto dell'equilibrio biologico e ai fini dell'incremento naturale della fauna stessa, in conformità alla normativa vigente in materia di tutela delle acque e alla programmazione e pianificazione regionale in ambito terri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665493
Art. 132 - Funzioni amministrative

1. Alla Regione competono le funzioni e i compiti concernenti i rapporti con l'Unione europea e con lo Stato nonché la formulazione degli indirizzi programmatici in campo ittico e il coordinamento delle funzioni conferite. Alla Regione competono, inoltre, le funzioni che richiedono accordi con altre Regioni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665494
Art. 133 - Diritti esclusivi di pesca

1. La Regione e la provincia di Sondrio per il relativo territorio esercitano le funzioni amministrative concernenti i diritti esclusivi di pesca e ne effettuano la ricognizione. N2

2. Il diritto esclusivo di pesca è esercitato dal proprietario o dal concessionario in base a quanto disposto dal presente titolo nell'interesse della comunità.

3. Il programma delle opere ittio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665495
Art. 134 - Concessioni a scopo di piscicoltura, acquacoltura, altre attività ittiogeniche e gestioni particolari della pesca

1. La Regione e la provincia di Sondrio per il relativo territorio, per favorire la pescosità delle acque o la produzione ittica, possono rilasciare a soggetti pubblici o privati, singoli o associati, concessioni a scopo di piscicoltura, acquacoltura e altre attività ittiogeniche.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665496
Art. 135 - Consulte della pesca

N59

1. È istituita la consulta regionale della pesca che ha il compito di formulare proposte e di esprimere pareri:

a) sulla legislazione regionale in materia di pesca;

b) sulla proposta di indirizzi di pianificazione regionale che abbiano attinenza con la gestione della fauna ittica;

c) sui programmi di aggiornamento del personale tecnico e di informazione finalizzati alla conoscenza delle specie ittiche presenti e alle conseguenti attività gestionali;

d) su ogni altro argomento sottoposto dagli organi regionali.

2. N153

3. La consulta regionale della pesca ha sede presso la Giunta regionale ed è composta:

a) dall'assessore regionale competente o da un suo delegato che la presiede;

b) dal presidente della provincia di Sondrio o da un suo delegato; N154

c) dal dirigente regionale competente;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665497
Art. 136 - Associazioni piscatorie dilettantistiche ricreative qualificate

1. Sono qualificate dalla Regione, su loro richiesta, le associazioni di pescatori dilettanti ricreativi operanti sul territorio regionale che: N71

a) siano costituite mediante atto pubblico o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665498
Capo II - Programmazione e gestione dell'ittiofauna
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665499
Art. 137 - Classificazione delle acque. Acque pubbliche in disponibilità privata

1. Ai fini della pesca le acque del territorio regionale sono classificate in acque di tipo A, B, C e acque pubbliche in disponibilità privata.

2. Le acque dei grandi corpi idrici con caratteristiche biologico-ittiogeniche che presentano una popolazione ittica durevole e abbondante o che rappresentano prevalentemente una risorsa economica per la pesca sono classificate di tipo A e in tali acque è ammessa la pesca professionale.N66

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665500
Art. 138 - Strumenti di programmazione e pianificazione per la gestione ittica

N59

1. La Giunta regionale, sentita la consulta regionale della pesca di cui all'articolo 135, adotta i seguenti strumenti di programmazione, indirizzo, ricognizione e pianificazione: N19

a) piano ittico regionale contenente:

1. le indicazioni operative e le principali prescrizioni per l'incremento dell'ittiofauna;

2. la categorizzazione dei corpi idrici regionali, suddivisi in bacini di pesca, in funzione dei livelli di pregio dei popolamenti ittici;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665501
Art. 138 bis - Libretto del pescato
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665502
Art. 139 - Interventi di salvaguardia e valorizzazione dell'ittiofauna. Esercizio della pesca all'interno delle aree regionali protette

1. La salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio ittico autoctono e di rilevanza faunistica per l'attività alieutica professionale sono attuate anche tramite la previsione di specifiche zone di ripopolamento naturale, di protezione e di tutela ittica.

2. Le zone di protezione e ripopolamento ittico naturale sono costituite da tratti di acque nelle quali la pesca è vietata per tutta la durata della loro specifica destinazione e possono essere dotate di opere particolari per la produzione naturale di fauna ittica. In queste zone sono ammesse catture esclusivamente ad opera della Regione e della provincia di Sondrio per il relativo territorio al fine di ripopolare altre acque di propria competenza e di contenere eventuali specie interferenti con quelle di preminente interesse gestionale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665503
Art. 140 - Ripopolamenti ittici

1. I ripopolamenti ittici hanno lo scopo di migliorare, ricostruire e potenziare il patrimonio ittico nelle acque della Regione.

2. La Regione e la provincia di Sondrio per il relativo territorio entro il 31 dicembre di ogni anno approvano il programma per i ripopolamenti ittici da attuarsi nei dodici mesi successivi. N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665504
Art. 141 - Derivazioni di acque in concessione e interventi sui corpi idrici

1. Le amministrazioni che rilasciano le concessioni di derivazioni d'acqua provvedono a inserire nei disciplinari disposizioni per la tutela della fauna ittica e a prevedere il rilascio continuo di una quantità d'acqua sufficiente a garantire, anche nei periodi di magra, la sopravvivenza e la risalita dell'ittiofauna, nel rispetto di quanto previsto dalla normativa in materia.

2. Con provvedimento della Giunta regionale sono stabilite le disposizioni per la tutela della fauna ittica di cui al comma 1, in particolare relativamente: N136

a) agli oneri a carico del concessionario per l’immissione annuale delle specie ittiche; il concessionario può assolvere a tale obbligo ittiogenico tramite versamento in denaro al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665505
Capo III - Contributi regionali e licenze
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665506
Art. 142 - Aiuti alla pesca professionale

1. La Regione e la provincia di Sondrio per il relativo territorio possono attivare, nel rispetto della normativa comunitaria in materia, aiuti ai pescatori professionisti, singoli e associati, per le seguenti tipologie di intervento: N173

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665507
Art. 143 - Contributi alle associazioni di pescatori dilettanti ricreativi

1. La Regione e la provincia di Sondrio per il relativo territorio, previa presentazione di appositi progra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665508
Art. 144 - Licenze di pesca

1. L'esercizio della pesca nelle acque della Regione, ad eccezione di quelle denominate acque pubbliche in disponibilità privata, è subordinato al possesso di una delle seguenti licenze:

a) licenza di tipo A, di durata decennale, per la pesca professionale;

b) licenza di tipo B, di durata annuale, per la pesca dilettan

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665509
Capo IV - Pesca-turismo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665510
Art. 145 - Attività di pesca-turismo

1. Per pesca-turismo si intende l'attività dell'imprenditore ittico che imbarca su un'unità di navigazione adibita a pesca professionale persone diverse dall'equipaggio per scopi turistico-ricreativi, compresa la pesca dil

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665511
Capo V - Divieti e sanzioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665512
Art. 146 - Divieti

1. È vietato:

a) usare la dinamite o altro materiale esplosivo, nonché la corrente elettrica per uccidere o stordire la fauna ittica;

b) gettare o infondere nelle acque sostanze atte ad intorpidire, stordire o uccidere la fauna ittica;

c) collocare reti o apparecchi fissi o mobili di pesca attraverso fiumi o torrenti o canali e altri corpi idrici, occupando più di un terzo della larghezza del bacino;

d) usare il guadino, salvo che come mezzo ausiliario per il recupero del pesce già allam

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665513
Art. 147 - Sanzioni amministrative e altre disposizioni in merito

1. Per la violazione delle disposizioni del presente titolo si applicano le seguenti sanzioni:

a) sanzione amministrativa da euro 100,00 a euro 150,00 per chi esercita la pesca professionale senza licenza in corso di validità; N176

b) sanzione amministrativa da euro 103,00 a euro 619,00 per chi esercita la pesca usando attrezzi e mezzi non consentiti;

c) sanzione amministrativa da euro 1.032,00 a euro 6.197,00 per chi non ottempera alle disposizioni di cui all'articolo 141; la medesima sanzione si applica a chi non rispetta le disposizioni previste dal regolamento di cui all'articolo 149, comma 2, per la tutela degli storioni autoctoni;

d) sanzione amministrativa da euro 1.549,00 a euro 7.746,00 per chi viola i divieti di cui all'articolo 146, comma 1, lettere a) e b); qualora a seguito dell'attività vietata prevista dalla disposizione di cui alla predetta lettera b) si verifichi moria di pesce o di altra fauna acquatica si applica la sanzione da euro 2.582,00 a euro 9.296,00; in caso di recidiva si procede alla revoca della licenza di pesca;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665514
Art. 148 - Vigilanza

1. La vigilanza sull'osservanza delle disposizioni del presente titolo e l'accertamento delle relative violazioni spettano agli agenti di polizia provinciale e ai dipendenti della provincia ai quali è riconosciuta la qualifica di agente giurato. La vigilanza compete anche agli ufficiali, sottoufficiali e guardie forestali, agli ufficiali e agenti di polizia giudiziaria e pubblica sicurezza. La vigilanza compete, altresì, solo nelle acque di propria competenza, ai soggetti di cui all'articolo 133.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665515
Capo VI - Disposizioni finali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665516
Art. 149 - Disposizioni finali

1. Il personale appartenente all'ufficio regionale competente in materia ittica nell'esercizio delle proprie funzioni non è assoggettato ai limiti e ai divieti previsti dal presente titolo.

2. La Regione, sentita la consulta regionale della pesca, approva il regolamento attuativo del presente titolo; tale regolamento disciplina:

a) la gestione della pesca nelle acque sottoposte a forme esclusive di pe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665517
TITOLO X - Multifunzionalità dell’azienda agricola e diversificazione in agricoltura
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665518
Art. 150 - Multifunzionalità dell’azienda agricola

1. La Regione, nell’ambito delle finalità definite dalla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665519
Art. 151 - Attività agrituristiche

1. Per attività agrituristiche s’intendono le attività di cui all’articolo 2, comma 1, della legge 96/2006 svolte dai soggetti di cui al comma 2 dello stesso articolo.

2. Rientrano fra le attività agrituristiche:

a) l’ospitalità in alloggi o in spazi aperti attrezzati per la sosta dei campeggiatori fino a un massimo di cento ospiti al giorno e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665520
Art. 152 - Requisiti per lo svolgimento di attività agrituristiche

1. Gli imprenditori agricoli che intendono svolgere attività agrituristiche si dotano di una certificazione comprovante la connessione dell’attività agrituristica rispetto a quella agricola che rimane prevalente e frequentano un apposito corso di formazione istituito o riconosciuto dalla Regione in esito al quale è rilasciato un

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665521
Art. 153 - Segnalazione certificata di inizio attività

1. Gli op

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665522
Art. 154 - Locali da destinare ad attività agrituristiche

1. Possono essere utilizzati per attività agrituristiche tutti gli edifici in possesso del requisito di ruralità rilevante ai fini fiscali, già esistenti da almeno tre anni, a condizione che la loro destinazione all’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665523
Art. 155 - Requisiti strutturali, igienico-sanitari e accessibilità dei fabbricati

1. Le strutture e i locali destinati all’esercizio di attività agrituristiche devono avere i requisiti di abitabilità e agibilità previsti per i locali di abitazione dai regolamenti comunali edilizi e di igiene, tenuto conto delle particolari caratteristiche architettoniche e di ruralità degli edifici, specie per quanto attiene all’altezza e al volume dei locali in rapporto alle superfici aeroilluminanti.

2. N

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665524
Art. 156 - Vincoli relativi alla somministrazione dei pasti

1. L’operatore agrituristico somministra pasti e bevande utilizzando una quota di prodotto proprio ottenuta anche attraverso lavorazioni interne o esterne all’azienda.

2. Nella somministrazione di pasti e bevande sono impiegate le seguenti tipologie di prodotto:

a) prodotti propri del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665525
Art. 157 - Obblighi di chi svolge attività agrituristiche

1. Chi esercita attività agrituristiche è tenuto, in particolare, a:

a) rispettare quanto indicato nella SCIA;

b) esporre al pubblico la SCIA, nonché le tariffe praticate

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665526
Art. 158 - Classificazione e denominazione delle aziende agrituristiche

1. Sono riservati esclusivamente alle aziende agricole in cui si svolgono attività agrituristiche l’uso della denominazione “agriturismo” e dei termini attributivi derivati, nonché la possibil

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665527
Art. 159 - Fattorie didattiche e fattorie sociali

1. La Regione promuove le fattorie didattiche quali soggetti che, oltre a svolgere, anche in forma associata, le a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665528
Art. 160 - Enoturismo

1. La Regione promuove l’enoturismo secondo la definizione di cui all’articolo 1, comma 502, della legge 27 dicembre 2017, n.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665529
Art. 161 - Controlli
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665530
Art. 162 - Sanzioni

1. Incorre nella sanzione amministrativa da euro 1.000,00 a euro 6.000,00 chi avvia l’attività agrituristica senza aver presentato la SCIA; in tal caso, oltre alla sanzione pecuniaria, il comune dispone il divieto di prosecuzione dell’attività fino ad avvenuta presentazione della segnalazione.

2. Incorre nella sanzione amministrativa da euro 200,00 a euro 1.000,00 chi non presenta la SCIA a seguito dell’emissione di un nuovo certificato di connessione.

3. Incorre nella sanzione amministrativa da euro 2.000,00 a euro 10.000,00 chi esercita l’attività agrituristica in mancanza di uno o più requisiti richiesti per il relativo svolgimento; in tal caso, oltre alla sanzione pecuniaria, il comune dispone il divieto di prosecuzione dell’attività fintanto che non venga ripristinata la sussistenza di tutti i requisiti e comunque per un periodo non inferiore a sei mesi ed è revocato il certificato di connessione.

4. Incorre nella san

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665531
Art. 163 - Regolamento di attuazione

1. Il regolamento di attuazione del presente titolo definisce:

a) i criteri per la valutazione del rapporto di connessione tra le attività agricole e le attività agrituristiche, utilizzando il parametro tempo di lavoro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665532
Art. 164 - Altre attività connesse a quella agricola
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665533
Art. 164 bis - Clausola valutativa

1. La Giunta regionale informa il Consiglio sull’attuazione della presente legge. A tal fine entro due anni dalla entrata in vigore della legge regionale recante (Modifiche alla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665534
TITOLO XI - Disposizioni sugli usi civici
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665535
Capo I - Disposizioni organizzative
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665536
Art. 165 - Articolazione delle competenze

1. La Regione e la provincia di Sondrio per il relativo territorio esercitano le funzioni amministrative in materia di usi civici trasferite con decreto del Presidente della Repubblica 15 gennaio 1972,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665537
Art. 166 - Oneri

1. Sono a carico della Regione gli oneri relativi alle operazioni di propria competenza previste dalla legge 1766/1927 e dal

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665538
Art. 167 - Alienazioni e mutamenti di destinazione

1. Sino all'entrata in vigore di organiche disposizioni regionali in materia di usi civici, per le alienazioni e le modifiche di destinazione dei beni d'uso civico di cui all'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665539
Capo II - Disposizioni procedurali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665540
Art. 168 - Liquidazioni a canone enfiteutico

1. Se il progetto di liquidazione degli usi civici su terreni alieni prevede per il titolare, anche non individuale, un canone enfiteutico annuo di affran

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665541
Art. 169 - Domanda di liquidazione

1. Su domanda degli interessati, è ammessa la liquidazione degli usi civici su terreni alieni, anche indipendentemente da un progetto di liquidazione su tutti o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665542
Art. 170 - Promiscuità

1. Se l'uso civico a favore degli abitanti di un comune, frazione o associazione è esercitato, in promiscuità o meno, su terreni di esclusiva proprietà di altro comune o frazione o associaz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665543
Art. 171 - Regolarizzazione

1. In alternativa al provvedimento di legittimazione di cui al titolo I, capo IV, del r.d. 332/1928 può essere autorizzata la regolarizzazione della s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665544
Art. 172 - Prescrizioni di strumenti urbanistici

1. Se lo strumento urbanistico comunale generale prevede per interi comparti il mutamento di destinazione dei terreni di c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665545
Art. 173 - Terreni utilizzabili per la coltura agraria

1. Non si procede alla ripartizione di cui all'articolo 13 della legge 1766/1927 dei t

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665546
Art. 174 - Conciliazione

1. Per la sollecita definizione delle pratiche concernenti la liquidazione degli usi civici su terreni alieni, lo scioglim

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665547
Art. 175 - Chiusura delle operazioni

1. Ultimate le operazioni di accertamento dei terreni comunali o frazionali d'uso civico o delle associazioni, di liquidazione degli usi civici su terreni alieni, di scioglimento o di conservazione delle promiscuità, di regolarizzazione delle occupazioni, nonché ogni alt

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665548
TITOLO XII - Disposizioni finali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665549
Art. 176 - Abrogazioni

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge sono o restano abrogate le seguenti leggi regionali:

1. la legge regionale 24 maggio 1985, n. 52 (Norme organizzative in materia di usi civici);

2. la legge regionale 16 maggio 1986, n. 13 (Norme procedurali in materia di usi civici);

3. la legge regionale 8 luglio 1989, n. 24 (Norme in materia di raccolta, coltivazione e commercializzazione dei tartufi freschi e conservati in attuazione dei principi della legge 16 dicembre 1985, n. 752);

4. la legge regionale 23 giugno 1997, n. 24 (Raccolta, incremento e commercializzazione dei funghi epigei freschi e conservati);

5. la legge regionale 4 luglio 1998, n. 11 (Riordino delle competenze regionali e conferimento di funzioni in materia di agricoltura);

6. la legge regionale 7 febbraio 2000, n. 7 (Norme per gli interventi regionali in agricoltura);

7. la legge regionale 30 luglio 2001, n. 12 (Norme per l'incremento e la tutela del patrimonio ittico e l'esercizio della pesca nelle acque della Regione Lombardia);

8. la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665550
Art. 177 - Disposizioni che restano in vigore

1. Restano in vigore le seguenti disposizioni:

a) la legge regionale 19 novembre 1976, n. 51 (Norme per l'attuazione delle direttive del Consiglio della C.E.E. nn. 159, 160 e 161 del 17 aprile 1972 e della direttiva n. 268 del 28 aprile 1975 nella Regione Lombardia);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665551
Art. 178 - Disposizioni in materia di aiuti di Stato

1. Tutti i regimi di aiuto e tutti gli aiuti individuati dal presente testo unico sono soggetti a procedure di notifica al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665552
Art. 179 - Disposizioni in ordine ai ricorsi gerarchici
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665553
Art. 180 - Norma finanziaria

1. Alle spese di parte corrente previste dalla presente legge si fa fronte con le risorse stanziate annualmente all'U.P.B. 3.7.1.2.34 "Governance, sistemi agricoli e rurali" del bilancio di previsione dell'esercizio finanziario 2008 e successivi.

1-bis. Alle spese per gli interventi a sostegno delle aree di cui al comma 1 bis dell’articolo 24 si provvede con le risorse stanziate all’UPB 3.7.3.3.39 “Sostenibilità delle produzioni e contributo dei sistemi agricoli e forestali alle politiche territoriali, ambientali ed energetiche regionali” dello stato di previsione delle spese del bilancio per l’esercizio finanziario 2010 e successivi.N46

1-ter. Alle spese per la tutela del patrimonio equino in ambito montano di cui all’articolo 24-bis si fa fronte con le risorse stanziate all’UPB 3.7.1.2.34 “Governance, sistemi agricoli e rurali” dello stat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665554
Allegato A (articolo 2, comma 6) - Definizioni

1. Azienda agricola beneficiaria

Possono accedere ai contributi previsti dal titolo II le aziende agricole titolari di partita IVA.


2. Attività agricole

Si definiscono attività agricole:

a) le attività dirette alla coltivazione del terreno, alla floricoltura, alla silvicoltura, alla funghicoltura e all'apicoltura;

b) l'allevamento di animali;

c) le attività dirette alla lavorazione, trasformazione, commercializzazione di prodotti agricoli e zootecnici, svolte direttamente dall'azienda agricola, e che abbiano per oggetto prodotti ottenuti per almeno la metà dalla stessa azienda.


3. Imprenditore agricolo

È imprenditore agricolo colui che esercita una o più delle attività disciplinate dall'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
39888 5665555
Allegato B (Art. 61, comma 8) - Sanzioni per il danneggiamento di [-] piante


Gruppo botanico

Classi diametriche (in cm a 1,30 m di altezza)

Piccole

Medie

Grandi

Eccezionali

20-25-30-35-40

45-50-55-60-65

70-75-80-85-90-95

100 e oltre

gimnosperme a crescita lenta: Pinus cembra, Pinus uncinata, Taxus baccata

€ 184,75

€ 395,89

€ 659,81

€ 1055,70

altre Pinacee, Cupressacee

€ 131,96

€ 290,32

€ 475,06

€ 738,99

Acer, Castanea, Fagus, Fraxinus, Juglans, Platanus, Prunus avium, Quercus, Tilia, Ulmus

€ 211,14

€ 422,28

€ 712,60

€ 1.161,27

Alnus, Betula, Carpinus, Celtis, Crataegus, Ilex, Morus, Ostrya, altri Prunus, Populus, Robinia, Salix Sorbus e altre Angiosperme autoctone

€ 131,96

€ 343,10

€ 607,03

€ 1029,31

Acer negundo, Ailanthus altissima, Prunus serotina e altre specie esotiche non contemplate oppure inserite nell'elenco di specie vietate di cui all'articolo 50, comma 5, lettera e)

€ 12,14

€ 24,28

€ 36,42

€ 48,56



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Aree rurali
  • Agricoltura e Foreste
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Finanza pubblica
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Urbanistica

Emilia Romagna: azioni di prevenzione per ridurre le conseguenze di calamità naturali e avversità climatiche

La Regione Emilia Romagna mette a disposizione 17 milioni di euro per sostenere interventi di prevenzione dei danni che le frane, innescate da maltempo o calamità naturali, possono causare a terreni coltivati e fabbricati produttivi agricoli. Oltre alle spese sostenute per gli interventi sul territorio, (ovvero interventi a carattere strutturale per la riduzione del rischio di dissesto idro-geologico) sono ammissibili a contributo le spese tecniche generali, incluse le indagini geognostiche, come onorari di professionisti o consulenti. L’azione del bando non riguarda azioni di ripristino di danni già avvenuti.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Difesa suolo
  • Enti locali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Pubblica Amministrazione
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Lombardia: contributi per la manutenzione urgente del territorio a favore dei piccoli comuni

Previsti 2 mln di euro per il cofinanziamento di interventi di manutenzione urgente presentati dai piccoli Comuni lombardi e dalle Unioni di Comuni, con particolare riferimento alla messa in sicurezza del territorio ed alla manutenzione delle strutture e fabbricati pubblici. Gli interventi ammessi al finanziamento regionale dovranno essere realizzati e rendicontati secondo il modulo allegato all'invito entro il 15/12/2019.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fonti alternative
  • Partenariato pubblico privato
  • Lavoro e pensioni
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Compravendita e locazione
  • Imposte sul reddito
  • Disposizioni antimafia
  • Imposte indirette
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Edilizia e immobili
  • Servizi pubblici locali
  • Edilizia scolastica
  • Impianti sportivi
  • Enti locali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Calamità/Terremoti
  • DURC
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Fisco e Previdenza
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Professioni
  • Protezione civile
  • Mediazione civile e commerciale
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale
  • Pianificazione del territorio

Il D.L. 50/2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D.L. 24/04/2017, n. 50 (c.d. “manovrina correttiva” convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Pianificazione del territorio
  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Beni culturali e paesaggio
  • Enti locali
  • Aree urbane

Fondo per l’attuazione del programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha approvato il bando con il quale sono definite le modalità e la procedura di presentazione dei progetti per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane, dei comuni capoluogo di provincia e della città di Aosta. AGGIORNAMENTO: modificate le percentuali di erogazione dei finanziamenti.
A cura di:
  • Roberto Gallia
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Edilizia e immobili
  • Provvidenze
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali

Emilia Romagna: riqualificazione urbana nel distretto turistico balneare della costa emiliano-romagnola

La Regione Emilia Romagna rende disponibili 20 milioni di euro per la promozione dell'innovazione del prodotto turistico e della riqualificazione urbana nel Distretto Turistico Balneare della Costa emiliano-romagnola. Sono ammissibili gli interventi i cui lavori, servizi e forniture sono avviati a decorrere dal 01/01/2019 e i contributi sono concessi nella misura massima del 100% della spesa ammissibile per un importo massimo di 10 milioni di euro.
A cura di:
  • Anna Petricca