15 giu 2019

FAST FIND : SC1165

Ultimo aggiornamento
03/08/2017

Accesso al fondo per la progettazione definitiva ed esecutiva nei comuni a rischio sismico (2019)

L'art. 41-bis del D.L. 24/04/2017, n. 50 (convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96) prevede contributi ai Comuni compresi nelle zone a rischio sismico 1 per la copertura delle spese di progettazione definitiva ed esecutiva, relativa ad interventi di opere pubbliche, nel limite complessivo di 40 milioni di Euro per il triennio 2017-2019.
I Comuni presentano al Ministero dell'interno le richieste di contributo, contenenti le informazioni riferite alla tipologia dell'opera e al Codice unico di progetto (CUP), entro il termine perentorio del 15 settembre per l'anno 2017 e del 15 giugno per gli anni 2018 e 2019.
L'ammontare del contributo attribuito a ciascun comune è determinato tenendo conto delle seguenti priorità:

  • progettazione esecutiva dei comuni con popolazione inferiore a 3.000 abitanti;
  • progettazione definitiva dei comuni con popolazione inferiore a 3.000 abitanti;
  • progettazione per investimenti riferiti ad interventi di miglioramento e di adeguamento antisismico degli immobili pubblici a seguito di verifica di vulnerabilità;
  • progettazione esecutiva per investimenti riferiti ad interventi di miglioramento e di adeguamento antisismico degli immobili pubblici;
  • progettazione definitiva per investimenti riferiti ad interventi di miglioramento e di adeguamento antisismico degli immobili pubblici.

Ferme restando le predette priorità, se l'entità delle richieste pervenute supera l'ammontare delle risorse disponibili, l'attribuzione è effettuata a favore dei Comuni che presentano la maggiore incidenza del fondo di cassa al 31 dicembre dell'esercizio precedente rispetto al risultato di amministrazione risultante dal rendiconto di gestione del medesimo esercizio.

In assenza dell’affidamento della progettazione da parte del Comune, nei termini previsti dal comma 6 medesimo, il contributo è recuperato dal Ministero dell'interno secondo le modalità di cui all'art. 1, commi 128 e 129, della L. 24/12/2012, n. 228. La verifica delle attività di progettazione e dei relativi adempimenti avviene attraverso il sistema di monitoraggio delle opere pubbliche della banca dati delle pubbliche amministrazioni ai sensi del D. Leg.vo 229/2011.

Il D.M. 21/07/2017, approva il modello di certificazione informatizzato, con il quale i comuni compresi nelle zone a rischio sismico 1 comunicano la richiesta di contributo, e ne fissa modalità e termini di trasmissione (che coincidono con quelli già previsti dall’art. 41-bis del D.L. 50/2017: 15 settembre per l'anno 2017 e 15 giugno per gli anni 2018 e 2019).

Dalla redazione

Il D.L. 50/2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D.L. 24/04/2017, n. 50 (c.d. “manovrina correttiva” convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini

Modello di certificazione per richiesta dei contributi da parte dei comuni in zone a rischio sismico

Il Decreto del Ministero dell’Interno del 21/07/2017 approva il modello di certificazione informatizzato che i comuni compresi nelle zone a rischio sismico 1 devono utilizzare per richiedere i contributi per le spese relative agli interventi di opere pubbliche, ai sensi dell’art. 41-bis del D.L. 50/2017.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Procedure per la costruzione e l’ammodernamento di impianti sportivi

In questo articolo è illustrata la procedura delineata dall’art. 1, commi 304 e 305, della L. 147/2013 per la realizzazione e l’ammodernamento degli impianti sportivi, dopo le ulteriori semplificazioni introdotte dall’art. 62 del D.L. 50/2017 (convertito in legge dalla L. 96/2017).
A cura di:
  • Alfonso Mancini

I rimedi alternativi per la risoluzione delle controversie e i poteri di intervento dell’ANAC nel D. Leg.vo 50/2016

Questo articolo - aggiornato alle modifiche introdotte ai poteri di intervento dell’ANAC dall’art. 52-ter del D.L. 50/2017, che hanno in pratica sostituito quelle dell’abrogato art. 211, comma 2, del D. Leg.vo 50/2016 - illustra in maniera operativa e sintetica gli istituti dell’accordo bonario, della transazione, dell’arbitrato e del parere di precontenzioso dell’ANAC, evidenziando sia le differenze con il precedente D. Leg.vo 163/2006 che le novità introdotte dal D. Leg.vo 56/2017, c.d. “correttivo”.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei

Il credito d’imposta per la ristrutturazione di alberghi e strutture ricettive (D.L. 83/2014 e provvedimenti attuativi)

Il credito d'imposta di cui al D.L. 83/2014 - La proroga per il 2017 e 2018, il potenziamento e la modifica della misura attuati con la L. 232/2016 e con il D.L. 50/2017 - Il decreto attuativo del credito d'imposta fino al 2016 - Aumenti di cubatura - Presentazione istanze - Fruizione del credito d'imposta.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica