15 giu 2018

FAST FIND : SC1164

Ultimo aggiornamento
04/12/2017

Accesso al fondo per la progettazione definitiva ed esecutiva nei comuni a rischio sismico (2018)

AMMONTARE DEI FONDI E SOGGETTI DESTINATARI - L'art. 41-bis del D.L. 24/04/2017, n. 50 (convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96, ed in seguito modificato dall'art. 17-quater del D.L. 148/2017) prevede contributi ai Comuni compresi nelle zone a rischio sismico 1, estesi anche alle zone a rischio sismico 2 ad opera del menzionato art. 17-quater del D.L. 148/2017, per la copertura delle spese di progettazione definitiva ed esecutiva per interventi di miglioramento e di adeguamento antisismico di immobili pubblici e messa in sicurezza del territorio dal dissesto idrogeologico, nel limite complessivo di 55 milioni di Euro per il biennio 2018-2019.

SCADENZE E CONTENUTI DELLE ISTANZE - I Comuni presentano al Ministero dell'interno le richieste di contributo, contenenti le informazioni riferite al livello progettuale per il quale si chiede il contributo e al Codice unico di progetto (CUP), entro il termine perentorio del 15/06/2018 e del 15/06/2019 rispettivamente per ciascuna delle due annualità.
Inoltre, per le richieste presentate a partire dal 2018:
a) la richiesta deve contenere le informazioni necessarie per permettere il monitoraggio complessivo degli interventi di miglioramento e adeguamento antisismico di immobili pubblici e di messa in sicurezza del territorio dal dissesto idrogeologico, in caso di contributo per la relativa progettazione;
b) ciascun comune può inviare fino ad un massimo di tre richieste di contributo per la stessa annualità;
c) la progettazione deve riferirsi, nell'ambito della pianificazione comunale, a un intervento compreso negli strumenti programmatori del medesimo comune o in altro strumento di programmazione.

MODULISTICA - Il D.M. 21/07/2017 ha approvato il modello di certificazione informatizzato, con il quale i comuni compresi nelle zone a rischio sismico 1 comunicano la richiesta di contributo, e ne ha fissato modalità e termini di trasmissione (che coincidono con quelli già previsti dall’art. 41-bis del D.L. 50/2017: 15 settembre per l'anno 2017 e 15 giugno per gli anni 2018 e 2019).

CRITERI PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO - L'ammontare del contributo attribuito a ciascun comune è determinato tenendo conto delle seguenti priorità:
a) progettazione per investimenti riferiti ad interventi di miglioramento e di adeguamento antisismico degli immobili pubblici costruiti con calcestruzzo prima del 1971 o in muratura portante. In tal caso il finanziamento riguarda anche le spese di verifica della vulnerabilità sismica, da effettuare contestualmente alla progettazione;
b) progettazione per investimenti riferiti ad interventi di miglioramento e di adeguamento antisismico degli immobili pubblici sulla base di verifica della vulnerabilità sismica già effettuata;
c) progettazione per interventi di messa in sicurezza del territorio dal dissesto idrogeologico.
Ferme restando le predette priorità, se l'entità delle richieste pervenute supera l'ammontare delle risorse disponibili, l'attribuzione è effettuata a favore dei Comuni che presentano la maggiore incidenza del fondo di cassa al 31 dicembre dell'esercizio precedente rispetto al risultato di amministrazione risultante dal rendiconto di gestione del medesimo esercizio.

TERMINI PER L'AFFIDAMENTO DELLA PROGETTAZIONE - I Comuni destinatari dei fondi sono tenuti ad affidare la progettazione entro 3 mesi dalla data del decreto che determina l'ammontare del contributo concesso a ciascun Comune (art. 41-bis del D.L. 50/2017, comma 6).
In assenza dell’affidamento della progettazione da parte del Comune, nei termini previsti sopra indicati, il contributo è recuperato dal Ministero dell'interno secondo le modalità di cui all'art. 1 della L. 24/12/2012, n. 228 (commi 128 e 129). La verifica delle attività di progettazione e dei relativi adempimenti avviene attraverso il sistema di monitoraggio delle opere pubbliche della banca dati delle pubbliche amministrazioni ai sensi del D. Leg.vo 229/2011.

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Provvidenze

Resto al Sud - Contributi per i giovani imprenditori del Mezzogiorno

Concessione di contributi in favore di soggetti di età compresa tra i 18 ed i 35 anni, al fine di promuovere la costituzione di nuove imprese nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Attuazione della misura denominata “Resto al Sud”, prevista dal D.L. 91/2017.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Partenariato pubblico privato
  • Appalti e contratti pubblici

Linee guida ANAC sul rispetto degli obblighi di affidamento da parte dei concessionari

Lo schema di linee guida ANAC concernenti la verifica del rispetto del limite per l’affidamento da parte dei concessionari mediante concessioni mediante procedura ad evidenza pubblica, introducendo clausole sociali e per la stabilità del personale impiegato e per la salvaguardia delle professionalità.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Il Building Information Modeling (Bim) per le opere pubbliche

Analisi redazionale e testo del decreto, in corso di emanazione, che reca modalità e tempistiche per l’adozione del BIM nella progettazione e nei processi esecutivi dei lavori e gestionali delle opere pubbliche. Soggetti tenuti, tempistiche di introduzione obbligatoria, adempimenti delle stazioni appaltanti, specifiche tecniche, documentazione di gara e valenza contrattuale.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Appalti di lavori privati

Responsabilità extracontrattuale di progettista, D.L. e impresa appaltatrice per difetti di immobili non ultimati

La sentenza della Corte di Cassazione 27/11/2017, n. 28233, specifica che la responsabilità per rovina e difetti di immobili di cui all'art. 1669 Codice civile ha natura extracontrattuale e si applica in via esclusiva anche nel caso di opera non ultimata; non trovano invece applicazione le norme in materia di risoluzione del contratto per inadempimento di cui agli artt. 1453 e ss. Codice civile. La Suprema Corte illustra l’orientamento giurisprudenziale sul tema e, mediante un’articolata motivazione, ne dimostra i limiti giungendo alla formulazione di un principio di diritto innovativo.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Disciplina delle terre e rocce da scavo: sintesi operativa dopo il D.P.R. 120/2017

Definizione di “terre e rocce da scavo” e relative categorie ed esclusioni; Riutilizzo in situ del suolo escavato naturale; Suolo naturale nel quale siano presenti “materiali di riporto”; Piano preliminare di utilizzo in sito delle terre e rocce da scavo per opere sottoposte a VIA; Condizioni per qualificare le terre e rocce da scavo come “sottoprodotti” a seconda delle dimensioni del cantiere e delle tipologie di opere; Trasporto delle terre e rocce qualificate sottoprodotti; Terre e rocce da scavo qualificabili come “rifiuti”; Deposito temporaneo delle terre e rocce da scavo qualificate rifiuti; Attività di scavo in siti oggetto di bonifica.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica