20 ott 2017

FAST FIND : SC1161

Ultimo aggiornamento
31/07/2017

Adozione da parte dei comuni modulistica permesso di costruire e attività produttive varie

Con l'Accordo adottato in Conferenza unificata il 06/07/2017 è stati adottato il modello unificato e standardizzato per la presentazione delle richieste di permesso di costruire, nonché per le seguenti tipologie di attività commerciali e assimilabili: 1. Panifici; 2. Tintolavanderie; 3. Somministrazione di alimenti e bevande al domicilio del consumatore; 4. Somministrazione di alimenti e bevande in esercizi posti nelle aree di servizio e/o nelle; stazioni; 5. Somministrazione di alimenti e bevande nelle scuole, negli ospedali, nelle comunità; religiose, in stabilimenti militari o nei mezzi di trasporto pubblico; 6. Autorimesse; 7. Autoriparatori.
L'accordo illustra anche le istruzioni operative per l'utilizzo della nuova modulistica.
Entro il 30/09/2017, le regioni adeguano, ove necessario, i contenuti informativi dei suddetti moduli secondo le specifiche normative regionali. Entro e non oltre il 20/10/2017, i comuni devono adeguare la modulistica in uso sulla base delle previsioni dell'accordo e pubblicare i moduli unificati e standardizzati sul loro sito istituzionale.

Dalla redazione

La modulistica unica per l'edilizia e le attività produttive

Tutti i dettagli e le risorse di approfondimento in merito alla modulistica unificata per l'edilizia e le attività produttive, con aggiornamento all'Accordo Stato, Regioni ed enti locali del 04/05/2017 (modelli operativi dal 30/06/2017) ed all'Accordo 06/07/2017 che ha approvato il modello aggiornato del permesso di costruire e i modelli per altre attività produttive, da rendere disponibile da parte dei Comuni entro il 20/10/2017, nonché all'Accordo 06/07/2017 che ha integrato l'Accordo del 04/05/2017. Riepilogo aggiornato regione per regione.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Modelli unici e modifiche ai procedimenti in edilizia: è vera semplificazione?

Questo articolo, a seguito dell’adozione della modulistica relativa alla dichiarazione di inizio attività alternativa al permesso di costruire, fa il punto sulla realizzazione degli obiettivi di semplificazione e standardizzazione sottesi alla predisposizione della modulistica unica per i procedimenti edilizi. Sono in particolare evidenziati gli errori e le omissioni ancora presenti nei moduli, le responsabilità professionali nella sottoscrizione delle dichiarazioni. Infine, prendendo quale significativo esempio le modulistiche delle regioni Emilia Romagna, Toscana, Umbria, vengono evidenziate le problematiche che emergono nella varietà e particolarità delle realtà regionali. In allegato alla versione online dell’articolo sono rese disponibili le schede riepilogative dei procedimenti edilizi nazionali e delle tre regioni esaminate, nonché delle leggi speciali di settore.
A cura di:
  • Roberto Gallia

I moduli unificati per permesso di costruire e SCIA - Applicazione, requisiti da asseverare, attuazione regionale

Presentiamo una panoramica pratica concernente i moduli unificati per la presentazione delle istanze per il rilascio del permesso di costruire e la presentazione della SCIA, adottati il 12/06/2014 dalla Conferenza unificata Stato-Regioni-Enti locali. Verrà focalizzata l’attenzione sulla loro attuazione pratica, e corredata di tabelle riepilogative dei regimi autorizzativi edilizi e dei requisiti che i tecnici abilitati sono chiamati ad asseverare, con i relativi riferimenti normativi. Conclude l’analisi il punto della situazione nelle regioni che hanno già recepito la modulistica.
A cura di:
  • Roberto Gallia

White list negli appalti pubblici: normativa, ambito di applicazione e procedimento di iscrizione

Sintesi operativa del procedimento di iscrizione nell'elenco dei formatori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa operanti nei settori esposti maggiormente a rischio. Attività più vulnerabili, requisiti necessari per l’iscrizione e obblighi di comunicazione da parte delle imprese interessate.
A cura di:
  • Valentina Rampulla

Le norme su trasparenza e anticorruzione per Ordini e Collegi professionali (sintesi, decorrenza, sanzioni)

Dopo le importanti modifiche alla normativa introdotte dal D. Leg.vo 97/2016 nel quadro della riforma della P.A. delineata dalla “legge Madia”, un sintetico punto della situazione riferita ad Ordini e Collegi professionali, anche alla luce del Comunicato ANAC del 06/07/2016 che ha definito i termini di entrata in vigore di obblighi e conseguenti controlli a carico di questi enti.
A cura di:
  • Dino de Paolis

04/03/2017

27/12/2016

19/12/2016