31 gen 2019

FAST FIND : SC1158

Ultimo aggiornamento
16/07/2018

Lombardia, sisma 2012: avviso pubblico per fabbisogno residuo danni per la provincia di Mantova

Termine per la presentazione dei modelli per la ricognizione del fabbisogno residuo a favore dei territori della provincia di Mantova per i danni conseguenti agli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 per i quali non sia ancora stato richiesto un contributo pubblico finalizzato al loro ripristino. Si tratta, in particolare, di abitazioni civili, attività produttive e beni pubblici resi inagibili o danneggiati dal sisma, che non hanno mai ricevuto ristoro dei danni subiti.

TERMINE INIZIALE - Ai sensi dell’Avviso del 09/06/2017 le domande per tutte le strutture di cui sopra dovevano pervenire entro e non oltre il 31/07/2017 e dovevano essere redatte attraverso gli appositi modelli predisposti, disponibili sulla home page del sito:
http://www.sismamantova.regione.lombardia.it

RIAPERTURA TERMINE - In seguito sono intervenute l'Ordinanza n. 391 del 07/06/2018 (Primo provvedimento attuativo) e l'Ordinanza n. 400 del 29/06/2018 (Secondo provvedimento attuativo); quest'ultima Ordinanza ha provveduto a riaprire i termini per la presentazione tardiva di domande finalizzate alla concessione di contributi per la riparazione, il ripristino - anche con miglioramento sismico - o la demolizione e la ricostruzione di edifici ad esclusivo uso abitativo - abitazioni principali - che siano state oggetto di segnalazione nell’ambito del processo di ricognizione del fabbisogno residuo per i danni conseguenti agli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 effettuato con l’Avviso pubblico del 09/06/2017. Edifici temporaneamente o parzialmente inagibili (esiti B-C) ovvero interamente inagibili (esiti E0, E1, E2 ED E30). Le previsioni dell'Ordinanza n. 400 del 2018 si applicano esclusivamente ai «soggetti titolati a richiedere il contribut, come meglio identificati ai rispettivi articoli 1-bis delle ordinanze commissariali n. 15 e n. 16 del 2013 che si trovino nelle seguenti specifiche condizioni:

  • abbiano partecipato alla «ricognizione del fabbisogno residuo» effettuata con Avviso Pubblico del Commissario delegato del 09/06/2017 ed abbiano presentato, entro i termini prescritti, la prevista «scheda di segnalazione del danno» per l’immobile argomento dell’istanza che si intende presentare;
  • intendano presentare istanza tardiva di accesso ai contributi per la ricostruzione per immobili che abbiano esclusivamente le seguenti caratteristiche:siano accatastati ad uso esclusivamente abitativo;alla data del 26/06/2017 risultassero inagibili, in tutto o in parte, a seguito dei danni subiti in forza degli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 ovvero siano stati dichiarati inagibili successivamente al sisma per le medesime cause e siano stati poi ripristinati a spese del proprietario con modalità compatibili con quelle prescritte dalle ordinanze commissariali nn. 15 e 16; alla data del sisma fossero adibiti ad «abitazione principale» del «soggetto titolato» firmatario dell’istanza tardiva e dei suoi familiari e siano destinati - una volta ripristinati - ad esserlo nuovamente.

Dalla redazione

  • Impianti sportivi
  • Edilizia e immobili

Calabria: contributi per la realizzazione e riqualificazione di impianti sportivi

Stanziati 32 milioni di euro per l'erogazione di contributi in conto capitale per iniziative finalizzate alla realizzazione e riqualificazione degli impianti, al sostegno dei servizi, a favorire la collaborazione con soggetti pubblici e privati, al fine di garantire la più ampia partecipazione dei cittadini alla pratica sportiva, ad attività fisco-motorie, in ambienti più sicuri e attrattivi. Previste 3 Linee di intervento. Domande dal 14/09/2018 fino al 01/10/2018 inoltrate esclusivamente attraverso la piattaforma telematica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Imprese

Emilia Romagna: sostegno alle start up innovative per il 2018

Contributo in conto capitale fino al 60% delle spese, elevabile al 70% in caso di assunzione di dipendenti a tempo indeterminato entro la fine del progetto, per l’avvio e la crescita di start up innovative ad elevato contenuto tecnologico basate sulla valorizzazione economica dei risultati della ricerca e, comunque, di nuovi prodotti e servizi di alta tecnologia o ad alto contenuto innovativo. Richiesta la documentazione antimafia solo per progetti che superano i 150.000 euro di contributo. Domande dal 02/07/2018 al 15/11/2018.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Barriere architettoniche
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili
  • Provvidenze

Veneto: contributi per i piani per l'eliminazione delle barriere architettoniche (PEBA)

Contributi per i Comuni del Veneto che si dotino di un piano regolatore per l'accessibilità e la vivibilità dei propri centri urbani. Stanziati 800 mila euro per contribuire fino al 50 per cento alle spese dei Comuni con almeno 10 mila abitanti che predispongano un piano di abbattimento delle barriere architettoniche (PEBA). I Comuni che si saranno dotati del piano "anti-barriere" avranno anche la precedenza nell'assegnazione di contributi e riparti regionali per interventi e opere pubbliche.
A cura di:
  • Anna Petricca

Lombardia: finanziamenti per la promozione di processi di bonifica e rigenerazione di siti potenzialmente contaminati

Il bando incentiva la redazione e l'esecuzione di piani di caratterizzazione e di studi di fattibilità urbanistico-edilizia necessari e propedeutici alla riqualificazione e al recupero di aree potenzialmente contaminate. Possono partecipare i soggetti pubblici e privati, proprietari delle aree interessate non responsabili della contaminazione, ed i Comuni. Domande dal 03/09/2018 al 21/09/2018.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Aree urbane
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica

Calabria: contributi per la valorizzazione dei borghi

La Regione Calabria ha stanziato 100 milioni di euro a valere sul Fondo di Sviluppo e Coesione- FSC per la valorizzazione e la promozione turistico culturale dei Borghi della Regione. Il bando è rivolto ai Comuni e mira a stimolare le proposte progettuali che provengono direttamente dai territori interessati. Il contributo concedibile è pari al 100% delle spese sostenute per la realizzazione di interventi di importo non inferiore a 300.000 euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Operatività Albo commissari di gara presso l'ANAC per procedure di affidamento

  • Appalti e contratti pubblici
  • Autorità di vigilanza
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Avvio domande iscrizione Albo commissari di gara presso l'ANAC

  • Finanza pubblica
  • Norme tecniche
  • Protezione civile
  • Provvidenze
  • Calamità/Terremoti
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Calamità

Campania: rischio sismico e contributi per la prevenzione sismica