FAST FIND : SC1157

Ultimo aggiornamento
06/09/2017

Pulizia scuole tramite proroga contratti in regioni ove è stata risolta la convenzione CONSIP

L’art. 64 del D.L. 24/04/2017, n. 50 (convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96) autorizza le istituzioni scolastiche ed educative statali - nelle regioni ove sia stata risolta la convenzione quadro Consip - a proseguire, fino al 31/12/2017 (termine così prorogato ad opera dell'art. 15-octies, comma 2, del D.L. 20/06/2017, n. 91 (convertito in legge dalla L. 03/08/2017, n. 123) l'acquisizione dei servizi di pulizia e degli altri servizi ausiliari, nonché degli interventi di mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili adibiti a sede delle istituzioni medesime, con piena salvaguardia dei livelli occupazionali e salariali esistenti, con i soggetti già destinatari degli atti contrattuali attuativi e degli ordinativi di fornitura.
Si ricorda in proposito che in data 02/12/2016, la Consip ha comunicato la risoluzione delle convenzioni relative:
- ai lotti n. 2 - regione Emilia Romagna, n. 8 - regioni Lombardia, Trentino Alto Adige e n. 9 - regioni Friuli Venezia Giulia, Veneto (attive dal 25/11/2013 e scadute il 24/11/2016);
- ai lotti n. 1 - regioni Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, n. 4 - regioni Sardegna e Lazio (province di Rieti, Viterbo e Roma) e n. 10 -regioni Umbria, Marche, Abruzzo, Molise (attive dal 15/01/2014 e scadute il 01/12/2016).
La proroga di termini in questione è diversa da quella prevista dall’art. 2, comma 1, del D.L. 07/04/2014, n. 58 (convertito in legge dalla L. 05/06/2014, n. 87), prorogato prima dalla L. 23/12/2014, n. 190, poi dalla L. 13/07/2015, n. 107 sulla riforma del sistema scolastico e - da ultimo al 31/12/2016- dal D.L. 29/03/2016, n. 42. Quest’ultima infatti riguarda le aree geografiche dove la convenzione Consip sia scaduta o non sia stata mai attivata, dovendo l’art. 2 del D.L. 58/2014 essere interpretato restrittivamente secondo quanto chiarito dall’ANAC.

Dalla redazione

Procedure per la costruzione e l’ammodernamento di impianti sportivi

In questo articolo è illustrata la procedura delineata dall’art. 1, commi 304 e 305, della L. 147/2013 per la realizzazione e l’ammodernamento degli impianti sportivi, dopo le ulteriori semplificazioni introdotte dall’art. 62 del D.L. 50/2017 (convertito in legge dalla L. 96/2017).
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Il D.L. 50/2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nel D.L. 24/04/2017, n. 50 (c.d. “manovrina correttiva” convertito in legge dalla L. 21/06/2017, n. 96), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini

I rimedi alternativi per la risoluzione delle controversie e i poteri di intervento dell’ANAC nel D. Leg.vo 50/2016

Questo articolo - aggiornato alle modifiche introdotte ai poteri di intervento dell’ANAC dall’art. 52-ter del D.L. 50/2017, che hanno in pratica sostituito quelle dell’abrogato art. 211, comma 2, del D. Leg.vo 50/2016 - illustra in maniera operativa e sintetica gli istituti dell’accordo bonario, della transazione, dell’arbitrato e del parere di precontenzioso dell’ANAC, evidenziando sia le differenze con il precedente D. Leg.vo 163/2006 che le novità introdotte dal D. Leg.vo 56/2017, c.d. “correttivo”.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei

La Legge di Bilancio 2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Bilancio 2017 (L. 11 dicembre 2016, n. 232), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini

Criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

Contenuti e obiettivi del Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione (PAN-GPP), criteri ambientali minimi da introdurre negli appalti pubblici e riflessi pratici della disciplina a seguito delle modifiche introdotte all'art. 34 del D. Leg.vo 50/2016 ad opera del D. Leg.vo 56/2017 (c.d. "correttivo").
A cura di:
  • Alfonso Mancini