FAST FIND : AR1387

Ultimo aggiornamento
10/06/2017

Rischio sismico e adempimenti tecnici e amministrativi per gli interventi edilizi

Classificazione sismica del territorio e degli edifici, rapporto tra norme nazionali e provvedimenti regionali di zonizzazione, coordinamento con le norme tecniche per le costruzioni, adempimenti tecnico-amministrativi per l’esecuzione di interventi edilizi nelle zone a rischio sismico.
A cura di:
  • Studio Groenlandia

CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL TERRITORIO E DEGLI EDIFICI
Classificazione sismica del territorio
La classificazione sismica ufficiale dei Comuni italiani, originariamente di competenza del Ministro dei lavori pubblici a partire dal 1909 (vedi come esempio il D.M. 14 luglio 1984, pubblicato nella G.U. 3 agosto 1984, n. 213) è ora il frutto della combinazione di provvedimenti statali, regionali e delle Province autonome.
Il D. Leg.vo 31 marzo 1998, n. 112 ha poi stabilito che spetta allo Stato (art. 93, comma 1, lett. g)) dettare i criteri generali per l’individuazione delle zone sismiche e alle Regioni e Province autonome (art. 94, comma 2, lett. a)) individuare le zone sismiche, formare e aggiornare gli elenchi delle medesime zone (vedi anche l’art. 83 del Testo unico dell’edilizia.
Pertanto, per un verso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, con ordinanze marzo 2003, n. 3274, e 28 aprile 2006, n. 3519 ha fornito i criteri generali di cui sopra prefigurando una classificazione delle zone a quattro livelli di rischio sismico, secondo gli intervalli di accelerazione (ag), con probabilità di superamento pari al 10% in 50 anni.

 


Per leggere il contributo completo scarica la versione in PDF (riservato agli Abbonati).

Dalla redazione

La classificazione sismica di tutti i comuni italiani dal 1927 a oggi

Riepilogo della classificazione sismica (zone sismiche) dei Comuni italiani, con tutti i provvedimenti di classificazione storici a partire dal 1927 e la situazione aggiornata sulla base dei provvedimenti delle Regioni, cui è stata demandata la competenza all’individuazione delle zone sismiche a partire dal 1998. Distinzione tra la classificazione sismica ai fini degli adempimenti tecnico-amministrativi e per la vigilanza, e quella da adottarsi dal 2009 per la definizione delle azioni sismiche ai fini progettuali.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca

Opere strutturali in cemento armato e a struttura metallica: progetto, denuncia, direzione dei lavori e collaudo

Questo articolo illustra le norme del Testo unico dell’edilizia di cui al D.P.R. 380/2001 concernenti la progettazione, la realizzazione ed il collaudo di opere in conglomerato cementizio armato normale e precompresso ed a struttura metallica, enucleando casi particolari e consigli operativi.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Contributo di costruzione: interventi soggetti, parametri e modalità di calcolo

Dettaglio degli interventi edilizi soggetti o meno al contributo di costruzione, con schema riepilogativo; Modalità di determinazione del contributo di costruzione e parametri di calcolo, casi di scomputo della quota per oneri di urbanizzazione, edilizia convenzionata.
A cura di:
  • Studio Groenlandia

Abuso di ufficio anche in assenza di un accordo collusivo ed in presenza di una finalità pubblicistica (Cass. Pen 43160/2017)

La sentenza della Corte di Cassazione ribadisce importanti principi relativi alla prova della sussistenza del dolo intenzionale che qualifica il reato di abuso d’ufficio. In particolare, ai fini dell’accertamento dell’intenzionalità del vantaggio patrimoniale, non è necessaria la presenza di un accordo collusivo con il beneficiario della condotta, né può rilevare la compresenza di una finalità pubblicistica al fine di escludere il dolo intenzionale.
A cura di:
  • Emanuela Greco

19/11/2016

05/09/2016

30/08/2016