FAST FIND : AR1387

Ultimo aggiornamento
25/06/2019

Disciplina delle costruzioni in zone sismiche

ZONE SISMICHE IN ITALIA - NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN ZONE SISIMCHE - NORMATIVA DI RIFERIMENTO SULLE COSTRUZIONI IN ZONE SISMICHE - DENUNCIA DEI LAVORI E AUTORIZZAZIONE SISMICA (Interventi soggetti agli obblighi di denuncia dei lavori e autorizzazione sismica; Specifiche all’ambito applicativo definite dal decreto “sblocca cantieri” (D.L. 32/2019); Precisazioni della giurisprudenza sull’ambito applicativo; Soggetti tenuti agli adempimenti; Denuncia dei lavori in zona sismica; Autorizzazione sismica; Certificazione in caso di sopraelevazione; Disciplina per le zone sismiche di nuova classificazione; Eliminazione di barriere architettoniche) - AGEVOLAZIONI PER LA MESSA IN SICUREZZA SISMICA (C.D. “SISMABONUS”) - VIGILANZA E SANZIONI, ILLECITI “ANTISISMICI” (Vigilanza; Sanzioni (illeciti antisismici); Prescrizione degli illeciti antisismici).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
3844358 5665032
ZONE SISMICHE IN ITALIA

Per il riepilogo della classificazione sismica (zone sismiche) dei Comuni italiani, con tutti i provvedimenti di classific

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665033
NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI IN ZONE SISIMCHE

Per il quadro completo, vigente e storico a partire dal 1907, della normativa tecnica per le costruzioni e le strutture, s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665034
NORMATIVA DI RIFERIMENTO SULLE COSTRUZIONI IN ZONE SISMICHE

Il Testo unico dell’edilizia di cui al D.P.R. 06/06/2001, n. 380, dedica una specifica disciplina che regolamenta la realizzazione - nelle zone dichiarate “sismiche” - di tutte le costruzioni la cui sicurezza possa comunque interessare la pubblica incolumità (artt. 83-106 del D.P.R. 380/2001, Capo IV della Parte II).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665035
DENUNCIA DEI LAVORI e AUTORIZZAZIONE SISMICA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665036
Interventi soggetti agli obblighi di denuncia dei lavori e autorizzazione sismica

Ai sensi dell’art. 93 del D.P.R. 380/2001, la disciplina delle costruzioni in zona sismica si applica alle seguenti tipologie di interventi.

- costruzioni;

- riparazioni;

- sopraelevazioni.

Il Testo unico impone per i menzionati interventi, secondo il grado di rischio sismico della zona interessata dall’intervento edilizio:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665037
Specifiche all’ambito applicativo definite dal decreto “sblocca cantieri” (D.L. 32/2019)

Nel quadro applicativo sopra delineato, l’art. 3 del D.L. 32/2019 (c.d. “sblocca cantieri”) ha apportato innovazioni molto importanti, introducendo una ulteriore distinzione nelle seguenti categorie di interventi (nuovo art. 94-bis del D.P.R. 380/2001):

a) interventi “rilevanti” nei riguardi della pubblica incolumità;

b) interventi “di minore rilevanza” nei riguardi della pubblica incolumità;

c) interventi “privi di rilevanza” nei riguardi della pubblica incolumità.

Gli adempimenti da effettuare sono graduati in relazione alla suddetta scala di rilevanza, con l’imposizione solo per gli interventi rilevanti dell’onere della preventiva autorizzazione scritta del competente ufficio tecnico della Regione (per gli interventi non soggetti ad autorizzazione preventiva le Regioni possono istituire controlli anche con modalità a campione).

Ai fini di cui sopra sono in particolare considerati dall’art. 94-bis del D.P.R. 380/2001:

a) interventi “rilevanti nei riguardi della pubblica incolumità:

1) gli interventi di adeguamento o miglioramento sismico di costruzioni esistenti nelle località sismiche ad alta sismicità (zona 1) e media sismicità (zona 2, limitatamente a valori di peak ground acceleration compresi tra 0,20 e 0,25 g);

2) le nuove costruzioni che si discostino dalle usuali tipologie o che per la loro particolare complessità strutturale richiedano più articolate calcolazioni e verifiche;

3) gli interventi relativi ad edifici di interesse strategico e alle opere infrastrutturali la cui funzionalità durante gli eventi sismici assume rilievo fondamentale per le finalità di protezione civile, nonché relativi agli edifici e alle opere infrastrutturali che possono assumere rilevanza in relazione alle conseguenze di un loro eventuale collasso;

b) interventi “di minore rilevanza nei riguardi della pubblica incolumità:

1) gli interventi di adeguamento o miglioramento sismico di costruzioni esistenti nelle località sismiche a media sismicità (zona 2, limitatamente a valori di peak ground acceleration compresi tra 0,15 e 0,20 g e zona 3);

2) le riparazioni e gli interventi locali sulle costruzioni esistenti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665038
Precisazioni della giurisprudenza sull’ambito applicativo

Gli orientamenti giurisprudenziali di seguito segnalati si sono formati in periodo anteriore alle modifiche all’ambito applicativo delle disposizioni in discorso introdotte dal D.L. 32/2019, e potrebbero dunque rivelarsi in parte superati.

Nel regine normativo previgente, l’ampiezza e genericità della definizione degli interventi lasciava ritenere che fossero soggette alla disciplina in commento la gran parte delle opere edilizie, come sempre riconosciuto dalla giurisprudenza.

Da un lato, infatti, il riferimento anche ad interventi di mera “riparazione” ha indotto la giurisprudenza ad affermare che gli adempimenti in discorso vanno eseguiti - in mancanza ricorrendo il c.d. “illecito antisis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665039
Soggetti tenuti agli adempimenti

L’onere di presentare la denuncia, nonché di richiedere l’autorizzazione sismica, ricade sul committente dell’intervento (proprietario o titolare di altro diritto legittimante all’esecuzione d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665040
Denuncia dei lavori in zona sismica

Ai sensi dell’art. 93 del D.P.R. 380/2001, chiunque intenda procedere ai lavori sopra dettagliati è tenuto a darne preavviso scritto (denuncia dei lavori) allo Sportello unico dell’edilizia, il quale a sua volta provvede a trasmetterne copia al competente ufficio tecnico della Regione.

I contenuti minimi della denuncia, previsti dal citato art. 93 del D.P.R. 380/2001, consistono nel domicilio del denunciante, il nome e la residenza del progettista, del direttore dei lavo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665041
Autorizzazione sismica
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665042
Modalità e tempistiche per il rilascio

Salvo diversa disposizione delle Regioni che comprendono territori a minore rischio sismico, per i suesposti interventi edilizi occorre chiedere all’ufficio tecnico regionale o al diverso ufficio provinciale o comunale delegato dalla Regione stessa, la relativa autorizzazione. La cosa in pratica può avvenire:

- direttamente inviando apposita istanza corredata dalla relativa documentazione al competente ufficio tecnico regionale o al diverso organo individuato dalla Regione;

- tramite lo Sportello unico dell’edilizia, o lo Sportello unico delle attività produttive nel caso l’intervento avvenga nell’ambito di attività di produzione di beni o servizi. In altri termini, nel trasmettere allo Sportello unico la documentazione per acquisire il titolo abilitativo edilizio (p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665043
Rimedi avverso il mancato rilascio dell’autorizzazione sismica

Non risultano previste ipotesi di silenzio-assenso, così che nei confronti del mancato rilascio entro il termine di cui sopra, è ammesso:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665044
Certificazione in caso di sopraelevazione

Per l’autorizzazione alla sopraelevazione (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665045
Disciplina per le zone sismiche di nuova classificazione

Qualora in una zona sismica di nuova classificazione sia stata iniziata una costruzione prima dell’entrata in vigore del provvedimento di classificazione, si è tenuti a farne denuncia entro 15 giorni dall’entrata in vigore del provvedimento di classificazione, al competente ufficio tecnico della Regione. Questo accerta:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665046
Eliminazione di barriere architettoniche

Le innovazioni da attuare negli edifici privati dirette ad eliminare le barriere architettoniche, la realizzazione di percorsi attrezzati e di dispositivi di segnalaz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665047
VIGILANZA E SANZIONI, ILLECITI “ANTISISMICI”
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665048
Vigilanza

Ai sensi dell’art. 103 del D.P.R. 380/2001, preposti ad accertare che chiunque inizi costruzioni, riparazioni e sopraelevazioni sia in possesso dell’autorizzazione rilasciata dal competente ufficio tecnico della Regione, secondo quanto sopra indicato, sono i seguenti soggetti:

- gli ufficiali di polizia giudiziaria;

- i tecnici degli uf

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665049
Sanzioni (illeciti antisismici)

Chiunque violi le prescrizioni contro il rischio sismico delle costruzioni (art. 95 del D.P.R. 380/2001) è punito con l’ammenda di da 206 a 10.329 Euro.

Tale sanzione sussiste:

- sia che le prescrizioni violate siano di carattere formale (interventi eseguiti senza il preavviso scritto alle autorità competenti, con preavviso privo dei requisiti richiesti, in assenza della prevista

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665050
Prescrizione degli illeciti antisismici

Secondo il più plausibile orientamento:

- l’illecito consistente nell’omesso preavviso (o “denuncia”) ha natura istantanea, si perfeziona cioè con l’omessa tempestiva comunicazione, e di conseguenza i termini prescrizionali decorrono dal momento in cui il preavviso (o “denuncia”) doveva essere dato e non lo è stato (Cass. pen., 29/02/2012, n. 7893;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3844358 5665051
AGEVOLAZIONI PER LA MESSA IN SICUREZZA SISMICA (C.D. “SISMABONUS”)

Per una completa illustrazione delle agevolazioni per gli interventi di messa in sicurezza statica di edifici esistenti (c.d. “Sismabonus”) si veda Sismabonus, classificazione del rischio sismico delle costruz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Norme tecniche
  • Costruzioni in zone sismiche

La classificazione sismica di tutti i comuni italiani dal 1927 a oggi

Riepilogo della classificazione sismica (zone sismiche) dei Comuni italiani, con tutti i provvedimenti di classificazione storici a partire dal 1927 e la situazione aggiornata sulla base dei provvedimenti delle Regioni, cui è stata demandata la competenza all’individuazione delle zone sismiche a partire dal 1998. Distinzione tra la classificazione sismica ai fini degli adempimenti tecnico-amministrativi e per la vigilanza, e quella da adottarsi dal 2009 per la definizione delle azioni sismiche ai fini progettuali.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Impiantistica
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi

CLASSIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI EDILIZI IN BASE AL T.U. EDILIZIA - ELENCO DEGLI INTERVENTI EDILIZI CON REGIME E TITOLO ABILITATIVO NECESSARIO PER LA REALIZZAZIONE (Premessa e avvertenza; Ampliamento; Apertura esterna; Arredo di aree pertinenziali; Ascensore o montacarichi; Barriere architettoniche (eliminazione); Controsoffitto non strutturale; Controsolaio (controsoffitto strutturale); Decorazioni e finiture; Demolizione e ricostruzione; Deposito di GPL; Gazebo; Impianto produttivo all’aperto; Impianto tecnologico (riparazione, rinnovamento, messa a norma); Impianto tecnologico (realizzazione, integrazione); Infissi e serramenti interni ed esterni; Locale tecnico; Loggia/Loggiato; Manufatto leggero o prefabbricato; Movimento terra; Muro di cinta; Muro di contenimento; Nuova costruzione; Opera contingente o temporanea; Opere strutturali; Pannelli solari fotovoltaici; Parcheggio; Passo carrabile; Pavimento interno; Pavimento esterno; Pensilina; Pergotenda; Pertinenza; Piscina; Pompa di calore; Rivestimento e intonaco interno ed esterno (facciate e prospetti); Ricerca nel sottosuolo; Rudere, ricostruzione; Sanitari; Scala ; Serra; Soppalco; Superfetazione (eliminazione); Tenda o pergolato; Tettoia; Tramezzo; Veranda) - ALTRI TITOLI DI LEGITTIMAZIONE A CARATTERE NON EDILIZIO - VARIANTI IN CORSO D’OPERA - MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D’USO - AGIBILITÀ - PERMESSO DI COSTRUIRE O SCIA IN SANATORIA.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Norme tecniche
  • Costruzioni
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)

Opere strutturali: progetto, denuncia, direzione dei lavori e collaudo

PREMESSA - OPERE INTERESSATE, OBBLIGHI, ABILITAZIONI E RESPONSABILITÀ (Opere strutturali soggette agli obblighi - Abilitazioni e responsabilità) - PROGETTO ESECUTIVO DELLE STRUTTURE (Generalità e normativa di riferimento; Contenuti del progetto delle strutture e relazioni specialistiche; Validazione output del software di calcolo strutturale; Valutazione indipendente dei calcoli strutturali) - DENUNCIA OBBLIGATORIA DELLE OPERE STRUTTURALI (Cosa debba intendersi per “inizio dei lavori”; Presentazione della denuncia e ufficio competente; Contenuti della denuncia; Casi particolari) - DIREZIONE DEI LAVORI DELLE OPERE STRUTTURALI (Documentazione da conservare a cura del direttore dei lavori; Rilievi del direttore dei lavori sul progetto strutturale, come operare; Gli assistenti del direttore dei lavori e le altre figure di cantiere; Verifiche periodiche e controlli eseguiti dal direttore dei lavori; La relazione del direttore dei lavori a strutture ultimate; Cessazione dell’incarico del direttore dei lavori durante la realizzazione) - COLLAUDO STATICO (COLLAUDO DELLE OPERE STRUTTURALI) (Nomina del collaudatore statico, eventuale terna da richiedere all’Ordine; Oggetto del collaudo statico; Accettazione e svolgimento del collaudo statico, compiti del collaudatore) - SCHEMA RIEPILOGATIVO DEGLI ADEMPIMENTI - VIGILANZA E SANZIONI (Vigilanza; Sanzioni).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Titoli abilitativi
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Infrastrutturazione digitale degli edifici e marchio “Edificio predisposto alla banda larga”

CONTESTO NORMATIVO - L’ETICHETTA “EDIFICIO PREDISPOSTO ALLA BANDA LARGA” - RIFERIMENTI TECNICI PER PROGETTISTI E INSTALLATORI - INFRASTRUTTURA FISICA E COLLEGAMENTO A “EDIFICI PREDISPOSTI” (Utilizzo condiviso delle infrastrutture fisiche; Coordinamento delle opere sulle infrastrutture fisiche; Semplificazioni procedurali per le richieste di utilizzazione di suolo pubblico; Infrastrutturazione fisica interna all'edificio ed accesso).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Norme tecniche
  • Costruzioni

Normativa tecnica per le costruzioni

QUADRO LEGISLATIVO E NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI (NTC) VIGENTI (Norme legislative sulle costruzioni e sulle strutture; Norme tecniche per le costruzioni (NTC) vigenti; Appendici nazionali agli Eurocodici strutturali) - ULTERIORI RIFERIMENTI TECNICI “DI COMPROVATA VALIDITÀ” (Generalità; Documenti Consiglio superiore dei lavori pubblici e CNR) - EUROCODICI STRUTTURALI (Che cosa sono gli Eurocodici strutturali; Elenco degli Eurocodici; Formato e impostazione degli Eurocodici; Applicabilità degli Eurocodici e rapporti con le NTC nazionali, Appendici nazionali) - ADEMPIMENTI TECNICO-AMMINISTRATIVI PER LE OPERE STRUTTURALI - NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI DAL 1907 A OGGI (Normativa tecnica per le costruzioni del Regno d’Italia; Normativa tecnica per le costruzioni in cemento armato e a struttura metallica; Normativa tecnica per le costruzioni in zone sismiche; Normativa tecnica per altre costruzioni e strutture; Testo unitario delle Norme tecniche per le costruzioni (NTC, a partire dal 2005).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Edilizia e immobili
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Standards

Veneto, i regolamenti edilizi comunali devono adeguarsi al Regolamento edilizio tipo