FAST FIND : NW4108

Ultimo aggiornamento
15/03/2018

Qualificazione esecutori lavori pubblici, SOA, avvalimento: la proposta ANAC per il decreto MIT

Sintetiche informazioni e testo della bozza di decreto attuativo dell’art. 83, comma 2 e dell’art. 84, commi 2, 8 e 12, del D. Leg.vo 50/2016, come modificati dal D. Leg.vo 56/2016 (c.d. “correttivo”), concernente il sistema unico di qualificazione degli esecutori di lavori pubblici ed i casi e le modalità di avvalimento.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
3831079 4569565
Previsioni del Codice

Il combinato disposto dell’art. 83 del D. Leg.vo 50/2016, comma 2, e dell’art. 84 del D. Leg.vo 50/2016, commi 2 e 8 - a seguito delle modifiche introdotte dal D. Leg.vo 19/04/2016, n. 56 (c.d. “correttivo”) - dispone che con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti (da adottarsi su proposta dell’ANAC e previo parere delle competenti Commissioni parlamentari), venga adottata la seguente regolamentazione:

- disciplina del sistema di qualificazione degli esecutori di lavori pubblici, dei casi e delle modalità di avvalimento, dei requisiti e delle capacità che devono essere posseduti dal concorrente (anche con riferimento ai consorzi fra società cooperative di produzione e lavoro e ai consorzi stabili tra imprenditori individuali) e della documentazione richiesta ai fini della dimostrazione del loro possesso (di cui all’Allegato XVII del Codice);

- livelli standard di qualità dei controlli che le SOA devono effettuare, con particolare riferimento a quelli di natura non meramente documentale;

- casi e modalità di sospensione o annullamento delle attestazioni SOA, nonché di decadenza delle autorizzazioni degli organismi di attestazione;

- criteri per la determinazione dei corrispettivi dell’attività di qualificazione svolta dalle SOA, in rapporto all’importo complessivo ed al numero delle categorie generali o specializzate cui si richiede di essere qualificati, avendo riguardo anche alla necessaria riduzione degli stessi in caso di consorzi stabili nonché per le microimprese e le piccole e medie imprese;

- criteri per l’imputazione delle prestazioni eseguite al consorzio o ai singoli consorziati che eseguono le prestazioni (art. 47 del D. Leg.vo 50/2016, comma 2);

- criteri di valutazione da parte delle stazioni appaltanti degli attestati presentati in sede di gare per affidamento unitario a contraente generale, durante il periodo di coesistenza delle attestazioni di qualificazione rilasciate dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e quelle rilasciate secondo le modalità di cui all’art. 84 (art. 199 del D. Leg.vo 50/2016, comma 4).


3831079 4569566
Disciplina transitoria

Fino all’adozione del provvedimento continuano ad applicarsi, in quanto compatibili, le disposizioni di cui agli artt. 60-96 del D.P.R. 207/2010 (Parte II, Titolo III), nonché gli allegati e le parti di allegati ivi richiamate, ai sensi dell’art. 216 del D. Leg.vo 50/2016, comma 14.

Dette disposizioni sono espressamente abrogate dal decreto in bozza.


3831079 4569567
Proposta ANAC per l’adozione del decreto

L’ANAC, dopo un lungo periodo di consultazioni, ha inviato la propria proposta per l’emanazione da parte del Ministro delle infrastrutture e trasporti, del decreto chiamato a regolamentare gli aspetti sopra illustrati.

L’articolato provvedimento, che si compone di ben 73 articoli e 5 allegati, si propone l’ambizioso obiettivo di intervenire sulla disciplina del sistema di qualificazione degli esecutori di lavori pubblici di importo pari o superiori a 150.000 euro, introducendo elementi di miglioramento volti a superare le criticità riscontrate e a perseguire obiettivi di semplificazione delle procedure, di garanzia dell’affidabilità professionale degli operatori economici e maggiore trasparenza.

La proposta ANAC è consultabile tra gli Allegati scaricabili.


legislazionetecnica.it

Riproduzione riservata

Dalla redazione

  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

La qualificazione degli esecutori di lavori pubblici dopo il D. Leg.vo 50/2016

Questo lavoro tratta la qualificazione dei soggetti esecutori di lavori pubblici in base alle norme contenute nell’art. 12 del D.L. 47/2014 (convertito in legge dalla L. 80/2014), che continuano ad applicarsi anche a seguito dell’emanazione del D. Leg.vo 50/2016 in attesa di un nuovo decreto ministeriale di riordino. L’articolo consiste di due utilissime tavole sinottiche che riepilogano schematicamente le regole per la qualificazione nelle categorie di opere generali e specializzate diverse dalla prevalente, aggiornate al D. Leg.vo 50/2016.
A cura di:
  • Massimo Urbani
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Qualificazione esecutori LL.PP.: ancora novità sulle categorie a qualificazione obbligatoria e superspecialistiche dopo la conversione del D.L. 47/2014

Le nuove norme, sostitutive di quelle annullate dal Consiglio di Stato, sono in vigore dal 28/05/2014 e riprendono quasi integralmente quelle del “decreto-ponte” del 24/04/2014, con l’unica eccezione della categoria OS-32, che esce sia dal novero delle categorie a qualificazione obbligatoria che delle categorie superspecialistiche.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Professioni
  • Appalti e contratti pubblici
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Affidamenti pubblici di servizi di progettazione, direzione lavori o dell’esecuzione, collaudo, coordinamento sicurezza e attività connesse

GENERALITÀ (Procedure di affidamento; Incarichi relativi ad immobili vincolati; Incarico di coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione; Direzione dei lavori di importo che, se sommato all’importo della progettazione, raggiunge la soglia comunitaria) - CONFERIMENTO DELL’INCARICO MEDIANTE AFFIDAMENTO DIRETTO (IMPORTO INFERIORE AD EURO 40.000) - AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI IMPORTO PARI O SUPERIORE AD EURO 40.000 E INFERIORE AD EURO 100.000 (Disciplina dell’elenco di operatori economici; Disciplina delle indagini di mercato; Verifica dei requisiti) - AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI IMPORTO PARI O SUPERIORE A 100.000 EURO (Classi o categorie di opere; Determinazione del corrispettivo da porre a base di gara; Definizione dei requisiti di carattere speciale che devono possedere i concorrenti per poter partecipare alla gara; Criteri di selezione; Raggruppamenti e Consorzi stabili; Classi, categorie e tariffe professionali; Elementi di valutazione; Criteri premiali per giovani professionisti; Criteri motivazionali).
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

L’affidamento di servizi di consulenza e assistenza legale

Vademecum di riferimento per amministrazioni ed enti pubblici alla luce delle norme del Codice e delle Linee guida ANAC n. 12, relativo all'affidamento di servizi legali. Individuazione dei servizi legali soggetti ed esclusi dall'applicazione del D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50; corrette procedure per l’aggiudicazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Rosalisa Lancia
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Il sistema AVCPass per la verifica dei requisiti di partecipazione alle gare pubbliche

SUCCESSIONE DI NORME E REGIME TRANSITORIO (Norme che prevedono la verifica dei requisiti tramite il sistema AVCPass; La nuova Banca dati nazionale degli operatori economici in corso di istituzione; Regime transitorio) - AMBITO APPLICATIVO DEL SISTEMA AVCPASS - FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA IN SINTESI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Operatività Albo commissari di gara presso l'ANAC per procedure di affidamento

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo