FAST FIND : NR21145

L.R. Basilicata 18/12/2007, n. 24

Norme per l’assegnazione e la gestione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 01/07/2008, n. 14
- L.R. 24/12/2008, n. 31
- L.R. 07/08/2009, n. 27
- L.R. 18/07/2011, n. 15
- Determ. Dirig. R. 26/10/2011, n. 887
- L.R. 30/12/2011, n. 26
- L.R. 08/08/2012, n. 16
- L.R. 16/04/2013, n. 7
- L.R. 08/08/2013, n. 18
- Determ. Dirig. R. 13/11/2013, n. 710
- L.R. 30/04/2014, n. 7
- L.R. 18/08/2014, n. 26
- L.R. 27/01/2015, n. 4
- L.R. 04/03/2016, n. 5
- L.R. 06/07/2016, n. 12
- L.R. 30/12/2016, n. 33
- L.R. 24/07/2017, n. 19
- L.R. 29/06/2018, n. 11
Scarica il pdf completo
38304 4803284
Art. 1 - Finalità

1. La presente legge detta norme per disciplinare l'assegnazione, la gestione e la de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803285
TITOLO I - NORME PER L'ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI DI E.R.P.
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803286
Art. 2 - Ambito di applicazione della legge

1. Le norme della presente legge si applicano a tutti gli alloggi acquisiti, realizzati o recuperati da Enti Pubblici a totale carico o con concorso o con contributo dello Stato, della Regione o di Enti Pubblici Territoriali nonché a quelli acquisiti, realizzati o recuperati da Enti Pubblici non economici comunque utilizzati per le finalità sociali proprie dell'edilizia residenziale pubblica.

2. Le norme della presente legge si applicano, altresì, alle case parcheggio ed ai ricoveri provvisori non appena siano cessate le cause dell'uso contingente per le quali sono stati realizzati e sempreché abbiano tipologie e standards abitativi adeguati ed idonei alla residenza permanente.

3. Sono esclusi dall'applicazione della presente legge gli alloggi:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803287
Art. 3 - Requisiti soggettivi per l'accesso alla edilizia residenziale pubblica

1. I requisiti per la partecipazione al bando di concorso per l'assegnazione degli alloggi, da possedersi alla data di pubblicazione del bando di concorso, sono i seguenti:

a) cittadinanza Italiana o di uno Stato aderente all'Unione Europea; il cittadino di altri Stati è ammesso soltanto se titolare di carta o permesso di soggiorno, almeno biennale, e se svolge in Italia una regolare attività di lavoro subordinato o di lavoro autonomo;

b) residenza o attività lavorativa esclusiva o principale nel Comune o in uno dei Comuni compresi nell'ambito territoriale cui si riferisce il bando di concorso, salvo che si tratti di lavoratori destinati a prestare servizio in nuovi insediamenti industriali, compresi in tale ambito, o di lavoratori emigrati all'Estero, per i quali è ammessa la partecipazione per un solo ambito territoriale. Per attività lavorativa principale si intende l'attività predominante alla quale vengono dedicati almeno due terzi del tempo di lavoro complessivo o dalla quale vengono ricavati almeno i due terzi del reddito globale da lavoro;

c) c1) - non titolarità di diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione su un alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare sito nel Comune cui si riferisce il bando di concorso o in un Comune contermine. È considerato adeguato l'alloggio la cui superficie utile, riferita alla sola unità immobiliare, intesa quale superficie di pavimento misurata al netto dei muri perimetrali, di quelli interni, delle soglie di passaggio da un vano all'altro e degli sguinci di porte e finestre, risulti non inferiore a:

1) 45 mq. per nucleo familiare composto da una o due persone;

2) 60 mq. per nucleo familiare composto da 3 - 4 persone;

3) 75 mq. per nucleo familiare composto da 5 persone;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803288
Art. 4 - Norme per l'emanazione dei bandi di concorso

1. All'assegnazione degli alloggi si provvede mediante pubblico concorso indetto dal Comune ove sono localizzati gli alloggi da assegnare.

2. Il concorso viene indetto, prioritariamente, per i singoli Comuni e, in mancanza di domande, per ambiti territoriali sovracomunali in conformità con le direttive emanate dalla Regione in relazione ai provvedimenti di localizzazione degli interventi costruttivi.

3. I bandi di concorso, finalizzati alla formazione di graduatorie generali, approvati dai Comuni, previo parere di congruità allo schema tipo di bando regionale d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803289
Art. 5 - Contenuti del bando

1. Il bando di concorso deve contenere:

a) l'ambito territoriale di assegnazione;

b) i requisiti per l'accesso all'edilizia residenziale pubblica prescritti dal precedente art. 3, nonché gli eventuali altri requisiti che potranno essere stabiliti dalla Regione pe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803290
Art. 6 - Contenuti e presentazione delle domande

1. La domanda, redatta su apposito modulo fornito dal Comune e da presentarsi allo stesso nei termini indicati nel bando, deve indicare:

a) la cittadinanza nonché la residenza del concorrente e/o il luogo in cui lo stesso presta la propria attività lavorativa;

b

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803291
Art. 7 - Istruttoria delle domande e formazione della graduatoria provvisoria

1. Il Comune cui si riferisce il bando e, in caso di bando sovracomunale, il Comune sede di localizzazione, procede, mediante apposita Commissione, all'istruttoria delle domande dei concorrenti ed alla formazione della graduatoria provvisoria entro 90 giorni dal termine di scadenza della presentazione della domanda. Tale termine è elevato a 120 giorni per i Comuni con popolazione superiore a 10.000 abitanti, ed a 150 giorni per i Comuni capoluoghi di provincia.

2. La Commissione è istituita con deliberazione della Giunta comunale. È composta dal Segretario comunale che la presiede, dal responsabile della struttura tecnica competente del Comune interessato (o suo supplente), da un dipendente dell'A.T.E.R. o suo supplente designato dall'organo competente dell'A.T.E.R. stessa e da un rappresentante delle organizzazioni sindacali degl

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803292
Art. 8 - Punteggi di selezione delle domande

1. Le graduatorie di assegnazione sono formate sulla base di punteggi e di criteri di priorità. I punteggi sono attribuiti in dipendenza delle condizioni oggettive e soggettive del concorrente e del suo nucleo familiare.

2. I criteri di priorità sono riferiti al livello di gravità del bisogno abitativo.

3. La prima fase di selezione delle domande comporta l'attribuzione dei seguenti punteggi:

a) condizioni soggettive:

a1) reddito pro-capite del nucleo familiare determinato con le modalità di cui all'art. 3, primo comma, lett. e), della presente legge;

- non superiore a euro 1.209,00 annui per persona: punti 3;

- non superiore a euro 1.814,00 annui per persona: punti 2;

- non superiore a euro 2.419,00 annui per persona: punti 1.

Dette classi di reddito vengono automaticamente aggiornate in relazione alle modificazioni del limite di assegnazione effettuato dalla Regione sulla base della variazione assoluta dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati.

a2) richiedenti che abbiano superato il sessantacinquesimo anno di età alla data di presentazione della domanda, a condizione che vivano soli o in coppia, anche con eventuali minori a carico: punti 1;

a3) famiglie di nuova formazione:

1) famiglie la cui costituzione è prevista entro un anno dalla data di pubblicazione del bando di concorso: punti 1;

2) famiglie con anzianità di formazione non superiore a due anni dalla data di pubblicazione del bando di concorso: punti 2.

Tale punteggio è attribuibile a condizione che nessuno dei due componenti la coppia abbia superato il trentacinquesimo anno di età, soltanto quando la famig

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803293
Art. 9 - Commissione per la formazione della graduatoria definitiva

1. Il Presidente della Giunta regionale nomina tre commissioni, due per la Provincia di Potenza e una per la Provincia di Matera per la formazione delle graduatorie definitive, operanti presso l’ATER competente per territorio senza aumento di spesa. N16

2. Ciascuna Commissione è così composta:

a) da un Magistrato, Ordinario o Amministrativo, anche a riposo, o da un Giudice di Pace con funzioni di Presidente designato dal Presidente del Tribunale ordinario o Amministrativo competente per territorio. Il Presidente della Regione individua preliminarmente a quale Tribunale rivolgersi;

b) dal Sindaco del Comune interessato o suo delegato;

c) da un rappresentante delle organizzazioni sindacali dei lavoratori dipendenti più rappresentative su base regionale designato unitariamente dalle segreterie territoriali;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803294
Art. 10 - Competenze della commissione

1. La Commissione decide sulle opposizioni di cui al settimo comma dell'art. 7, nel rispetto degli "artt. 4, 5 e 6 del D.P.R."N1 24.11.1971, n. 1199, e redige, entro 90 giorni dal termine di scadenza per la presentazione dei ricorsi avverso la graduatoria provvisoria, la graduatoria definitiva previa effettuazione dei sorteggi tra concorrenti che abbiano conseguito lo s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803295
Art. 11 - Elenchi speciali per le assegnazioni

1. Gli appartenenti ai gruppi sociali più deboli individuati ai punti a2) a3) e a8) del terzo comma del precedente art. 8 oltre ad essere inseriti nella graduatoria generale permanente, vengono collocati d'ufficio in un elenco speciale con il medesimo punteggio ottenuto nella graduatoria generale, così da rendere più agevole l'individuazione dei beneficiari della quota di alloggi di superficie non superiore a mq. 75, che saranno ripartiti fra le altre categorie sulla base del numero delle relative domande, garantendo agli anziani una percentuale non inferiore al 30% degli alloggi minimi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803296
Art. 12 - Accertamento dei requisiti

1. Ai fini della decisione sulle opposizioni di cui al settimo comma dell'art. 7 la Commissione, nel caso di dubbia interpretabilità o di inattendibilità della documentazione, può richiedere agli uffici competenti ogni elemento utile ad a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803297
Art. 13 - Aggiornamento della graduatoria di assegnazione

1. La graduatoria definitiva conserva la sua efficacia fino al momento del suo esaurimento e, in ogni caso, non oltre il termine di anni quattro a decorrere dalla data della sua pubblicazione sul Bollettino Ufficiale Regionale. In presenza di particolari condizioni, su richiesta del Comune interessa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803298
Art. 14 - Verifica dei requisiti prima dell'assegnazione

1. Prima di procedere all'assegnazione degli alloggi, il Comune interessato richiede alla Commissione di cui all'art. 9 la verifica della permanenza dei requisiti di cui all'art. 3 e delle condizioni di cui all'art. 8. A tal fine il Comune provvede a richiedere o ad acquisire d'ufficio la documentazione atta a verificare, nei confronti dei concorrenti che si trovino collocati in posizione utile in graduatoria, l'esistenza e la permanenza dei requisiti e delle condizioni prescritte. Nel caso di assegnazione di alloggi riservati a lavoratori dipendenti, il coniuge superstite, cui è stato attribuito il punteggio di cui all'art

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803299
Art. 15 - Disponibilità degli alloggi da assegnare

1. Ogni Ente proprietario o gestore degli alloggi cui si applicano le disposizioni della presente legge è tenuto a comunicare tempestivamente l Comune territorialmente competente l'elenco degli alloggi da assegnare, ivi compresi quelli da destinare alle procedure di mobilità. Per gli alloggi di nuova costruzione o in corso di recupero,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803300
Art. 16 - Assegnazione e standard dell'alloggio

1. La scelta e l'assegnazione degli alloggi viene effettuata tenendo conto del nucleo familiare degli aventi diritto, in rapporto agli standards degli alloggi disponibili, nonché della graduatoria, come disciplinato dai commi che seguono.

2. Di norma potranno essere assegnati alloggi dotati di un numero di posti letto, al netto degli spazi di uso collettivo e degli accessori (cucina, servizi igienici e ripostigli), adeguato al nucleo familiare da insediare secondo la tabella di seguito riportata:

L2 o 2L1 = 2 unità

L2 + L1 = 3 unità

2L2 o L2 + 2L1 = 4 unità

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803301
Art. 17 - Scelta, sottoscrizione contratto e consegna degli alloggi

1. L'Ente gestore, sulla base del provvedimento di assegnazione emanato dal responsabile della struttura comunale competente, provvede alla convocazione, con lettera raccomandata, degli assegnatari per la stipula del contratto,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803302
Art. 18 - Riserva di alloggi per situazioni di emergenza abitativa

1. La Regione anche su proposta dei Comuni interessati può riservare, prima della pubblicazione del bando di concorso, un'aliquota, non superiore al 20 % degli alloggi da assegnare annualmente per ciascun ambito territoriale, per far fronte a specifiche documentate situazioni di emergenza abitativa quali:

a) sistemazione di famiglie a seguito di pubbliche calamità;

b) sistemazione di famiglie colpite da provvedimenti esecutivi di rilascio dell'alloggio per pubblica utilità a seguito di provvedimenti adottati dalle Autorità competenti;

c) sistemazione dei profughi di cui alla legge 26 dicembre 1981, n. 763;

d) sgombero di unità abitative da recuperare;

e) sistemazioni di famiglie di cui al successivo art. 39, secondo comma, lett. c).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803303
Art. 19 - Ampliamento del nucleo familiare, ospitalità temporanea, subentro nella domanda e nell'assegnazione

1. Nell'alloggio assegnato possono coabitare le persone di cui al precedente art. 3, secondo comma.

2. È ammessa, previa autorizzazione dell'Ente Gestore, l'ospitalità temporanea per un periodo non superiore a sei mesi, prorogabile solo per un ulteriore semestre, qualora l'istanza dell'assegnatario scaturisca da obiettive esigenze di assistenza a tempo determinato o da altro giustificato motivo da valutarsi da parte dell'Ente Gestore. Tale ospitalità a titolo precario non ingenera nessun diritto al subentro o al mantenimento dell'alloggio a sanatoria e nessuna variazione di carattere gestionale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803304
TITOLO II - NORME PER LA GESTIONE DELLA MOBILITÀ NEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803305
Art. 20 - Programmazione della mobilità

1. Ai fini della eliminazione delle condizioni di sottoutilizzazione o sovraffollamento degli alloggi, nonché dei disagi abitativi di carattere sociale, l'Ente gestore, d'intesa con il Comune, predispone d'obbligo ogni quattro anni un programma di mobilità dell'utenza, da effettuarsi sia attraverso il cambio degli alloggi assegnati, sia con l'utilizzazione, anche mediante accorpamenti o scissioni, di quelli di risulta e di una aliquota definita dal Comune, su proposta dell'Ente gestore, non superiore al 10% di quelli di nuova assegnazione.

2. Il progr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803306
Art. 21 - Domanda e criteri di mobilità

1. La formazione della graduatoria di cui al punto b) del secondo comma dell'art. 20 avviene sulla base delle domande degli interessati. Tali domande, motivate e corredate dei dati anagrafici e reddituali del nucleo familiare, devono essere indirizzate all'Ente gestore. Le stesse verranno valutate dalla Commissione di cui all'art. 9, che redigerà la relativa graduatoria, sulla base d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803307
Art. 22 - Norme per la gestione della mobilità

1. L'Ente Gestore, sulla base della graduatoria di cui al precedente articolo, provvede alla stipula del nuovo contratto di locazione, che avrà ad oggetto l'alloggio da individuarsi sulla base delle indicazioni che seguono, tenuto conto delle esigenze manifestate dall'interessato:

a) è data priorità all'effettuazione dei cambi fondati su gravi motivi di salute attraverso l'utilizzazione degli alloggi di risulta e di nuova costruzione;

b) hanno, altresì, priorità i nuclei monopersonali in situazioni di sottoutilizzazione che accettano il trasferimento in alloggi più piccoli;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803308
TITOLO III - NORME PER LA FISSAZIONE DEI CANONI DEGLI ALLOGGI DI E.R.P.
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803309
Art. 23 - Definizione del canone di locazione

1. Il canone di locazione degli alloggi di cui all'art. 2 è costituito:

a) da una quota destinata al reinvestimento per interventi di recupero o di costruzione di alloggi di edilizia residenziale pubblica, nonché alle altre finalità di cui all'art. 25, terzo comma, della legge n. 513/1977;

b) da una quota per spese generali, di amministrazione e per oneri fiscali, determinata annualmente dalla Giunta Regionale ai sensi dell'art. 25, secondo comma, della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803310
Art. 24 - Elementi soggettivi per la determinazione del canone

1. Ai fini dell'inclusione degli assegnatari nella fascia di cui al primo comma, lett. a), dell'art. 26 della presente legge, nonché ai fini della determinazione del canone per gli stessi assegnatari il reddito complessivo del nucleo familiare è determinato dalla somma dei redditi complessivi di tutti i componenti il nucleo familiare stesso risultanti dall'ultima dichiarazione dei redditi, al netto degli assegni familiari e dei contributi previdenziali e assistenziali obbligatori. Sono esclusi i redditi dei componenti il nucleo familiare, diversi dall'assegnatario e/o dal coniu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803311
Art. 25 - Elementi oggettivi per la determinazione del canone

1. L'elemento oggettivo su cui si basa la determinazione del canone è costitui

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803312
Art. 26 - Determinazione del canone

1. Per la determinazione del canone di locazione degli alloggi gli assegnatari vengono collocati nelle seguenti fasce di reddito:

Fascia A)

Per gli assegnatari collocati nella fascia A) di cui al terzo comma dell'art. 23 della presente legge il canone è determinato nella misura del 4,50% del reddito annuo complessivo del nucleo familiare composto da due persone, calcolato con le modalità di cui al primo comma dell'art. 24 della presente legge. Tale percentuale è ridotta dello 0,25% per ogni componente il nucleo familiare eccedente n. 2 persone, con esclusione dei componenti il cui reddito non viene computato, in quanto hanno in altro Comune, posto a una distanza superiore a 100 Km dal Comune di residenza, per motivi di lavoro, stabile documentato domicilio, fino ad un minimo del 4%. In ogni caso il canone non può essere inferiore a euro 18,15 e non superiore al 75% del "canone base" stesso. Il canone minimo di euro 18,15 è aggiornato annualmente dall'Ente gestore in base all'ind

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803313
Art. 27 - Aggiornamento del canone

1. Il canone, determinato in applicazione di una percentuale del "canone base", è aggiornato annualmente dall'Ente gestore a seguito della rideterminazione del "canone base" stesso.

2. Il canon

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803314
Art. 28 - Canoni di locazione di locali adibiti ad uso diverso dall'abitazione

1. Gli Enti Gestori determinano annualmente il canone di locazione degli immobili con destinazione diversa dall'uso di abitazione sulla base dei valori di mercato, escluso i posti macchina di pertinenza degli alloggi.

2. L'assegnazione dei detti immobili è effettuata mediante ricorso all'asta pubblica con offerte in aumento assumendo a base il prezzo di cui al comma precedente.

3. Il contratto di locazione deve prevedere una cauzione trimestrale e la clausola che l'assegnatario rinunci esplicitamente alla indennità di avviamento alla fine del contratto.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803315
Art. 29 - Fondo sociale

1. Presso l'Amministrazione regionale è costituito un fondo sociale integrativo di quello istituito dall'art. 11 della legge 9.12.1998 n. 431 da utilizzarsi per la concessione ai conduttori di alloggi in locazione aventi i requisi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803316
Art. 30 - Accertamento periodico dei requisiti per la conservazione dell'assegnazione

1. Almeno ogni due anni l'Ente gestore è tenuto a verificare la permanenza "in capo agli" N1 assegnatari dei requisiti di cui all'art. 3.

2. Ai fini del controllo dei suddetti requisiti, l'Ente gestore si avvarrà dei dati conoscitivi che saranno acquisiti nell'ambito della formazione ed aggiornamento dell'anagrafe dell'utenza e del patrimonio.

3. L'assegnatario ha in ogni caso diritto, su specifica e documentata richiesta, di essere collocato in una fascia di reddito inferiore qualora abbia subito una diminuzione di reddito a partire dal 1° gennaio dell'anno successivo a quello della richiesta stessa. In caso di decesso, di sopravvenuto stato di disoccupazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803317
Art. 31 - Partecipazione dell'utenza e relazioni sindacali

1. Gli Enti gestori promuovono e favoriscono la partecipazione degli assegnatari alla gestione degli alloggi nelle forme previste dalla presente legge ed assicurano le necessarie informazioni sia agli utenti che alle loro organizzazioni sindacali, anche attraverso apposite conferenze periodiche. L'informazione avrà particolarmente ad oggetto dati concernenti le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803318
TITOLO IV - ANNULLAMENTO, DECADENZA E RISOLUZIONE CONTRATTUALE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803319
Art. 32 - Annullamento dell'assegnazione e risoluzione contrattuale

1. L'annullamento della assegnazione viene disposto con provvedimento del responsabile della struttura comunale competente nei seguenti casi:

a) per assegnazione avvenuta in contrasto con le norme vigenti al momento della assegnazione medesima;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803320
Art. 33 - Decadenza dalla assegnazione

1. La decadenza dalla assegnazione viene dichiarata dall'Amministrazione Comunale competente, nei casi in cui l'assegnatario:

a) abbia perso uno dei requisiti di cui all'art. 3, salvo quanto previsto dal secondo comma del presente articolo;

b) abbia ceduto o sub-locato, in tutto o in parte, l'alloggio assegnatogli o ne abbia mutato la destinazione d'uso;

c) non occupi stabilmente l'alloggio ovvero abbia abbandonato lo stesso per un periodo superiore a 3 mesi salvo autorizzazione dell'Ente gestore giustificata da gravi motivi;

d) abbia adibito l'alloggio ad attività illecite o immorali;

e) non abbia adempiuto all'obbligo di presentazione periodica della documentazione di cui al quarto comma dell'art. 30 a seguito di diffida da parte dell'Ente Gestore a mezzo di raccomandata A.R.;

f) abbia eseguito costruzioni sulle parti comuni del fabbricato in cui è ubicato l'alloggio assegnato o sull'area di pertinenza del fabbricato predetto senza l'autorizzazione da parte dell'Ente gest

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803321
Art. 34 - Occupazione illegale degli alloggi

1. Salvo quanto previsto negli articoli che precedono, il legale rappresentante dell'Ente gestore dispone, con proprio provvedimento, il rilascio deg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803322
TITOLO V - NORME PER LA REGOLARIZZAZIONE DELLE AUTOGESTIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803323
Art. 35 - Autogestione dei servizi e spazi comuni

1. Gli Enti gestori favoriscono e promuovono l'autogestione da parte dell'utenza dei servizi accessori e degli spazi comuni, sulla base dei criteri indicati nel presente articolo.

2. Per gli alloggi di nuova costruzione o recuperati, il contratto di locazione prevede l'assunzione diretta della gestione dei servizi da parte degli assegnatari.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803324
Art. 36 - Alloggi in amministrazione condominiale

1. Dopo dodici mesi dall'entrata in vigore della presente legge è fatto divieto agli Enti gestori di iniziare o di proseguire l'attività di amministrazione negli stabili ceduti in proprietà integralmente od i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803325
TITOLO VI - NORME TRANSITORIE E FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803326
Art. 37 - Norme di attuazione

1. La Giunta regionale, entro 90 giorni dall'entrata in vigore della presente legge,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803327
Art. 38 - Morosità pregressa

1. Gli assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica che, alla data di entrata in vigore della presente legge, non abbiano adempiuto, in tutto o in parte, agli obblighi per il pagamento dei canoni e di ogni altro eventuale onere accessorio, possono regolarizzare la propria posizione debitoria versando, entro novanta giorni dalla data di richiesta di pagamento da parte dell'Ente gestore, le somme dovute, maggiorate degli interessi legali.

2. Gli stessi assegnatari possono presentare domanda per il pagamento dilazionato delle somme dovute da effettuarsi in un numero massimo di 48 rate mensili. In presenza di documentato ed accertato stato di grave indigenza dell’assegnatario l’Ente può concedere una maggiore dilazione del pagamento fino ad un massi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803328
Art. 39 - Sanatoria

1. Coloro che occupano, senza titolo, gli alloggi di edilizia residenziale pubblica ovvero che risultano destinatari di ordinanze di decadenza, alla data di entrata in vigore della presente legge, possono presentare, entro quattro mesi dalla data di ricezione di apposita comunicazione da parte dell'ente gestore, domanda di sanatoria in presenza delle condizioni di cui al secondo comma del presente articolo.N25

1 bis. Tutti coloro che, legati da vincoli di parentela ex art. 3, comma 2 con gli assegnatari deceduti e che non siano in possesso dei requisiti per ottenere il subentro nell’assegnazione, occupano alla data del "30 aprile 2014" N24un alloggio ERP possono presentare domanda di sanatoria entro quattro mesi dalla data di ricezione di apposita comunicazione inoltrata dall’Ente gestore.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803329
Art. 39 bis - Recupero morosità alloggi

N19

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803330
Art. 40 - Commissione per la formazione della graduatoria

1. Le Commissioni Assegnazione Alloggi durano in carica 5 anni e scadono comunque all

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803331
Art. 41 - Abrogazioni di norme

1. Sono abrogate le Leggi regionali 19.11.1999 n. 31, 23.12.1999 n. 39 ",22.05.2001,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803332
Art. 42 - Bandi di concorso

1. Per tutti i concorsi i cui bandi siano stati pubblicati prima dell'entrata in vigore della presente legge continuano ad applicarsi le norme vigenti al momento della pubblicazione del bando fino alla pubblicazione della graduatoria definitiva. Tutte le attività successive sono effettuate nel rispetto della presente legge.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803333
Art. 43 - Alienazione alloggi di E.R.P.

N12

1. Ai fini della vendita di alloggi di edilizia residenziale pubblica ai sensi della Legge 24.12.1993 n. 560, hanno titolo all’acquisto anche coloro i quali, in assenza di decreti di assegnazione, conducono un alloggio di edilizia residenziale pubblica da almeno cinque anni alla data di presentazione della domanda di acquisto, sulla base di regolare contratto di locazione stipulato con l’Ente gestore.

2. Il diritto di prelazione, da esercitarsi da parte dell’ATER competente per territorio entro sessanta giorni dal ricevimento della richiesta da parte del proprietario dell’alloggio, per un prezzo pari a quello di cessione, rivalutato sulla base della variazione, accertata dall’ISTAT, dell’indice dei prezzi al consumo per le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803334
Art. 44 - Norma transitoria Requisiti per l'accesso all' E.R.P.

1. “Entro il 31.12.2014”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803335
Art. 45 - Entrata in vigore

1. La presente legge è dichiarata urgente ed entra in vigore il giorno della s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
38304 4803336
Tabella A - Standards di affollamento

Nucleo familiare di 1 o 2 persone

Superficie utile

< mq 45


Punti

1


Nucleo familiare di 3 o 4 persone

Superficie utile

< mq 45

< mq 60


Punti

2

1


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Compravendita e locazione
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia e immobili

Morosità incolpevole dell’inquilino: i criteri per il riparto del fondo e l’assegnazione dei contributi

Risorse e modalità di funzionamento del Fondo, istituito presso il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, destinato agli inquilini "morosi incolpevoli". AGGIORNAMENTO LUGLIO 2018: riparto della disponibilità 2018.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Compravendita e locazione
  • Edilizia residenziale
  • Fisco e Previdenza

Edilizia residenziale: tutte le misure contenute nel D.L. 47/2014 dopo la conversione in legge

Commento esaustivo a tutte le importanti novità per il rilancio dell’edilizia e dell’immobiliare contenute nel decreto. Piano di recupero di immobili e alloggi di edilizia residenziale pubblica; Lotta all'occupazione abusiva di immobili; Detrazioni fiscali Irpef per il conduttore di alloggi sociali; Riscatto a termine dell’alloggio sociale; Riduzione dell'aliquota della cedolare secca per contratti a canone concordato; Interventi di edilizia residenziale sociale
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Edilizia e immobili
  • Compravendita e locazione
  • Edilizia residenziale

Le novità per il settore immobiliare dopo la conversione del D.L. “Sblocca Italia” 133/2014

L’articolo illustra le principali disposizioni di carattere civilistico e tributario per il settore immobiliare e delle locazioni contenute nel D.L. “Sblocca Italia” 133/2014, dopo la sua conversione in legge. Liberalizzazione del mercato delle grandi locazioni ad uso non abitativo (art. 18); esenzione da imposta degli accordi di riduzione dei canoni di locazione (art. 19); misure per il rilancio del settore immobiliare (art. 20); incentivo fiscale per le abitazioni da locare (art. 21); contratti di godimento in funzione della successiva vendita ("rent to buy") (art. 23).
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Compravendita e locazione
  • Edilizia residenziale
  • Titoli abilitativi
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Agevolazioni
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Fisco e Previdenza
  • Piano Casa
  • Edilizia e immobili

Le novità del D.L. 47/2014 dopo la conversione in legge

Questo articolo offre una panoramica delle più significative misure, fiscali e civilistiche, adottate con il D.L. n. 47/2014, all’esito della conversione in legge. Imposizione agevolata sui redditi derivanti dalla locazione di alloggi sociali in caso di interventi edilizi; Detrazioni IRPEF per conduttori di alloggi sociali; Detrazione per l’acquisto di arredi; Riscatto a termine dell’alloggio sociale; Potenziamento della «cedolare secca» sulle locazioni a canone concordato nei comuni ad alta tensione abitativa; Novità in materia di finanza locale - IMU, TASI e TARI - per immobili posseduti da cittadini residenti all’estero; Lotta all’occupazione abusiva di immobili; Tutela dei conduttori che hanno denunciato i contratti di locazione «in nero»; Tutela degli acquirenti di immobili da costruire; Rilancio dell’edilizia residenziale sociale.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Rifiuti
  • Edilizia residenziale
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Compravendita e locazione
  • Provvedimenti di proroga termini
  • Lavoro e pensioni
  • Protezione civile
  • Fisco e Previdenza
  • Impiantistica
  • Prevenzione Incendi
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Edilizia scolastica
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Terremoto Abruzzo
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Interventi vari
  • Smaltimento rifiuti in Campania
  • Trasporti
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Calamità/Terremoti
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Appalti e contratti pubblici

Tutti i termini prorogati dal decreto-legge «Milleproroghe» 150/2013 (L. 15/2014)

Impianti a fonti rinnovabili nelle zone del terremoto di maggio 2012; Affidamento appalti tramite centrale unica di committenza nei piccoli Comuni; Attestazione SOA; Qualificazione del contraente generale delle grandi opere; Adeguamento degli impianti funiviari; Rilascio immobili per finita locazione; Macchine agricole; Messa in sicurezza edifici scolastici; Pagamenti con bancomat ai liberi professionisti; Banca dati nazionale dei contratti pubblici; Smaltimento in discarica rifiuti; Adeguamento antincendio strutture ricettive.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Imprese
  • Compravendita e locazione
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Protezione civile
  • Calamità/Terremoti
  • Calamità
  • Terremoto Centro Italia 2016

Sisma centro Italia 2016: termine sospensione versamenti mutui e canoni di locazione finanziaria (attività economiche e privati con prima casa distrutta o inagibile)

  • Edilizia residenziale
  • Edilizia e immobili
  • Mutui e finanziamenti immobiliari

Valle D'Aosta, politiche abitative: domanda di mutuo

  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia residenziale
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili

Trento, proroga delle utenze di acqua pubblica