FAST FIND : NR37437

Deliberaz. G.R. Veneto 18/12/2012, n. 2626

D.Lgs 152/2006 - DCR 107/2009 - Piano di Tutela delle Acque. Modifica dell’art. 40 delle Norme Tecniche di Attuazione. Obblighi concernenti la misurazione dei prelievi e delle restituzioni di acque pubbliche. DGR n. 92/CR del 18.9.2012.
Scarica il pdf completo
3678872 3683180
Testo del provvedimento

L’obbligo di installazione e di manutenzione in regolare stato di funzionamento di dispositivi di misura delle portate e dei volumi d’acqua pubblica derivati ed eventualmente restituiti, nonché della trasmissione dei relativi dati all’Autorità concedente, riguarda, in base a quanto stabilito dalla norma, tutti i prelievi di acqua pubblica.

L’articolo 42 comma 3 del RD 11 dicembre 1933, n. 1775R (sostituito dall'art. 8, D.Lgs. 12 luglio 1993, n. 275, e poi abrogato dall'art. 26, D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 258, e dall'art. 175, D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152) stabiliva che “a cura e a spese del concessionario delle derivazioni d'acque pubbliche, su prescrizione dell'ufficio compartimentale del Servizio idrografico e mareografico nazionale interessato per territorio, sono installati e mantenuti in regolare stato di funzionamento idonei dispositivi per la misurazione delle portate e dei volumi in corrispondenza dei punti di prelievo e di restituzione, ove presente. In sistemi di distribuzione complessa, i misuratori sono installati anche a monte e a valle dei partitori. I risultati delle misurazioni sono trasmessi con le modalità definite ai sensi dell'art. 5-bis e con frequenza almeno semestrale all'autorità concedente e all'ufficio compartimentale del Servizio idrografico e mareografico nazionale interessato”.

L’articolo 22, comma 3, del D.Lgs. 11 maggio 1999, n. 152R, individua la Regione quale ente competente per la definizione degli “obblighi di installazione e manutenzione in regolare stato di funzionamento di idonei dispositivi per la misurazione delle portate e dei volumi d’acqua pubblica derivati, in corrispondenza dei punti di prelievo e, ove presente, di restituzione”, nonché degli “obblighi

e le modalità di trasmissione dei risultati delle misurazioni all’Autorità concedente per il loro successivo inoltro alla regione e alle Autorità di bacino competenti.”

Il D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152, nel più complessivo quadro di riorganizzazione delle norme in materia ambientale, pur abrogando il sopra richiamato decreto 152/1999, ha tuttavia confermato, nella sostanza, con l’art. 95, comma 3, i contenuti del citato art. 22, comma 3.

L’articolo 21, comma 3 della LR 30 gennaio 2008, n. 1R, stabilisce che “tutte le derivazioni di acque sotterranee devono essere dotate di idonei strumenti per la misura dei volumi utilizzati; il disciplinare che regola la concessione di derivazione deve indicare le caratteristiche di detta strumentazione e le modalità di comunicazione o visura dei dati misurati per cui il concessionario deve attenersi.”

Con Deliberazione del Consiglio Regionale n. 107 del 5 novembre 2009 è stato approvato il Piano di tutela delle acque, di cui al D.Lgs. 152/2006. L’art. 40 “Azioni per la tutela quantitativa delle acque sotterranee” delle Norme tecniche di attuazione del medesimo Piano, come modificato con Deliberazione della Giunta Regionale n. 1580 del 4 ottobre 2011, stabilisce che:

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

Tutti i termini prorogati dal Decreto-Legge “Milleproroghe” 244/2016 (L. 19/2017)

Rassegna completa di tutti i termini in scadenza di interesse di professionisti tecnici, enti e pubbliche amministrazioni, imprese, prorogati dal consueto decreto-legge “Milleproroghe” (D.L. 244/2016 convertito in legge dalla L. 19/2017). Prevenzione incendi; Protezione civile, calamità e terremoti; Appalti, opere e infrastrutture; Pubblica amministrazione; Ambiente, fonti rinnovabili e sicurezza sul lavoro; Varie.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

L’autorizzazione al trasporto marittimo di acqua potabile

Sintetica pagina informativa sulle modalità per ottenere l’autorizzazione ministeriale al trasporto marittimo con navi cisterna di acqua potabile e di sostanze alimentari liquide sfuse sulla base del D.M. 10/10/1988, n. 474 e dei provvedimenti collegati. Aggiornamento con la prevista revisione normativa disposta dal D.L. 243/2016 (L. 18/2017).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Concessioni demanio marittimo - Proroghe e scadenze aggiornate

Termini di scadenza delle concessioni demaniali marittime ed informativa sulla futura revisione della disciplina delle concessioni in argomento nonché sulla prevista ricognizione e revisione delle zone ricadenti nel demanio marittimo. AGGIORNAMENTO MARZO 2017: ulteriore proroga al 31/12/2017 concessioni scadenti il 31/12/2016 (D.L. 244/2016).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Canoni per le concessioni demaniali marittime. Quadro normativo e importi aggiornati (2017)

Questo articolo ricostruisce in estrema sintesi e con chiarezza il complesso ed articolato quadro normativo di riferimento che regola la materia dei canoni concessori per le aree di pertinenza del demanio marittimo. Sono poi riportate tabelle riepilogative degli importi, aggiornati al 2017 in virtù dell'ultimo decreto annuale (D.M. 02/12/2016 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 18 del 23/01/2017). In allegato alla versione online sono infine disponibili le tabelle riepilogative elaborate in base ai dati forniti dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti contenenti anche tutti gli aggiornamenti per gli anni precedenti.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Concessioni demaniali marittime, il DDL delega per la revisione della normativa

Approvato in CdM un disegno di legge che punta, tra l’altro, a superare il contrasto con la normativa comunitaria in merito alle proroghe automatiche delle concessioni in essere, con affidamenti nel segno della trasparenza e della concorrenza. Si prevede anche la revisione dei canoni concessori.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica