FAST FIND : NR19382

D. P.G.R. Toscana 09/02/2007, n. 5/R

Regolamento di attuazione del Titolo IV, capo III (il territorio rurale), della L.R. 3 gennaio 2005, n. 1 (Norme per il governo del territorio).
Con le modifiche introdotte dal D.P.G.R. del 09/02/2010 n.7/R.
Scarica il pdf completo
36541 434447
[Premessa]



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
36541 434448
Art. 1 - Oggetto

1. Il presente regolamento contiene le norme per l’attuazione delle disposizioni legislative regionali per il governo del territorio rurale, contenute nel titolo IV, capo III della legge regionale 3 gennaio 2005, n. 1 R (Norme per il governo del territorio) N1 e definisce in particolare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
36541 434449
Art. 2 - Superfici fondiarie minime (articolo 41, commi 2, lettera b, e 4 della l.r. 1/2005)

1. Le superfici fondiarie minime da mantenere in produzione necessarie per consentire la costruzione di nuovi edifici rurali ad uso abitativo o di nuovi annessi agricoli, qualora non siano definite nel piano territoriale di coordinamento della provincia che provvede in tal senso anche differenziandone i valori nelle diverse parti del territorio ed avendo particolare considerazione delle specificità dei territori montani, sono le seguenti:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
36541 434450
Art. 3 - Condizioni per la costruzione di nuovi edifici rurali ad uso abitativo (articolo 41, comma 3 della l.r. 1/2005)

1. Fermo restando quanto previsto dall’articolo 46 della l.r. 1/2005 riguardo al divieto di edificare nel caso di trasferimento di fondi agricoli attuati al di fuori dei programmi aziendali pluriennali di miglioramento agricolo ambientale, la costruzione di nuovi edifici rurali ad uso abitativo è consentita, secondo quanto previsto dall’articolo 41, comma 2 della l.r. 1/2005, se prevista e disciplinata da parte dei comuni negli strumenti urbanistici comunali ancora vigenti e negli atti di governo del territorio.

N4 “2. Per il rilascio dei permessi di costruire relativi alla costruzione di nuovi edifici rurali ad uso abitativo il programma aziendale pluriennale di miglioramento agricolo ambientale, di seguito denominato “programma aziendale”, è presentato dall’imprenditore agricolo al comune competente per territorio con le modalità di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
36541 434451
“Art. 4 - Condizioni per la costruzione di nuovi annessi agricoli (articolo 41, comma 4 della l.r. 1/2005)

N5 1. Il programma aziendale per la costruzione di nuovi annessi agricoli, elaborato nel rispetto di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
36541 434452
“Art. 5 - Condizioni per la costruzione degli annessi agricoli non soggetta al rispetto delle superfici minime fondiarie o eccedente le capacità produttive aziendali (articolo 41, comma 7 della l.r. 1/2005)

N5 1. La costruzione di nuovi annessi agricoli non è soggetta al rispetto delle superfici fondiarie minime di cui all’articolo 2 nel caso di imprenditori agricoli la cui impresa risulta in attività ed iscritta alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura (CCIAA) e che esercitano in via prevalente una delle seguenti attività:

a) allevamento intensivo di bestiame;

b) trasformazione/lavorazione e vendita diretta dei prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo, del bosco o

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
36541 434453
“Art. 6 - Condizioni per la realizzazione degli annessi agricoli di cui all’ articolo 41, comma 5 della l.r. 1/2005

N5 1. Gli annessi agricoli di cui all’ articolo 41, comma 5 della l.r. 1/2005 destinati all’agricoltura esercitata da soggetti diversi dagli imprenditori agricoli sono gli annessi necessari per l’agricoltura amatoriale o per le piccole produzioni agricole.

2. La realizzazione degli annessi di cui al comma 1 è consentita nei casi previsti e disciplinati dagli strumenti urbanistici generali ancora vigenti o dagli atti di governo del territorio del comune, a condizione che non comporti alcuna modificazione sostanziale della morfologia dei luoghi e che tali annessi e manufatti:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
36541 434454
“Art. 7 - Condizioni per l’installazione di manufatti precari (articolo 41, comma 8 della l.r. 1/2005)

N5 1. L’installazione di manufatti precari per lo svolgimento dell’attività agricola è consentita, previa comunicazione al comune, nei casi previsti e disciplinati dagli strumenti urbanistici generali ancora vigenti o dagli atti di governo del territorio del comune, in coerenza con il piano territoriale di coordinamento della provincia, con il PIT e nel rispetto di quanto previsto dal comma 3.

2. L’installazione di manufatti precari è comunqu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
36541 434455
Art. 8 - Condizioni per l’installazione di serre temporanee e di serre con copertura stagionale aventi le caratteristiche costruttive dei manufatti precari (articolo 41, comma 8 della l.r. 1/2005)

N4 “1. L’installazione di serre temporanee e di serre con copertura stagionale per lo svolgimento dell’attività agricola realizzate con strutture in materiale leggero e semplicemente ancorate a terra è consentita solo alle aziende agricole, previa comunicazione al comune. Tale installazione, riferita alla durata del ciclo produttivo, ancorché superiore all’anno, è consentita a condizione che:

a) il materiale utilizzato consenta il passaggio della luce;

b) l’altezza massima non sia superiore a 4 metri in gronda e a 7 metri al culmine; nel caso di serre con tipologia a tunnel viene considerata solo l’altezza del culmine;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
36541 434456
“Art. 9 - Programma aziendale pluriennale di miglioramento agricolo ambientale (articolo 42, comma 6 l.r. 1/2005)

N5 1. Il programma aziendale è presentato al comune o ai comuni competenti per territorio utilizzando l’anagrafe regionale delle aziende agricole di cui all’articolo 3 della legge regionale 8 marzo 2000, n. 23 (Istituzione dell’anagrafe regionale delle aziende agricole, norme per la semplificazione dei procedimenti amministrativi ed altre norme in materia di agricoltura), in attuazione di quanto previsto dall’articolo 3 della l.r. 40/2009 e con le modalità definite con provvedimento della Giunta regionale.

2. Il comune decide sul programma aziendale entro centoventi giorni dalla sua presentazione o dal completamento della documentazione necessaria.

3. Ai fini dell’approvazione del programma aziendale il comune verifica la regolarità urbanistica ed edilizia, la coerenza con la disciplina paesaggistica, la completezza e la regolarità formale della documentazione presentata e acquisisce il parere della provincia o della comunità montana competenti in ordine agli aspetti agronomici in rapporto agli interventi edilizi progettati. La provincia o la comunità montana si pronunciano entro quarantacinque giorni dalla richiesta del comune. Decorso inutilmente tale termine, il comune procede indipendentemente dall’espressione del parere.

4. Nel caso in cui il programma abbia il valore di piano attuativo, secondo quanto previsto dall’articolo 42 della l.r. 1/2005, si applica l’articolo 69 della l.r. 1/2005 e la documentazione aggiuntiva necessaria è predisposta da professionisti abilitati per le materie di rispettiva competenza.

5. Il programma aziendale specifica gli obiettivi economici e strutturali che l’azienda intende conseguire, descrive la situazione at

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
36541 434457
Art. 10 - Gestione del programma aziendale pluriennale di miglioramento agricolo ambientale (articolo 42 della l.r. 1/2005)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
36541 434458
Art. 11 - Programma aziendale pluriennale di miglioramento agricolo ambientale delle aziende sovracomunale (articolo 42 della l.r. 1/2005)

N4 “1. Il programma aziendale descrive la situazione attuale e gli edifici esistenti in riferimento all’intero ambito aziendale, anche se sovracomunale. Nel calco

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
36541 434459
Art. 12 - Interventi di sistemazione ambientale (articolo 45, comma 2 della l.r. 1/2005)

1. Gli interventi di sistemazione ambientale, correlati al mutamento della destinazione d’uso agricola di edifici ricadenti nel territorio rurale, nelle aree di pertinenza di cui all’articolo 45, comma 2 della l.r. 1/2005, devono garantire un assetto dei luoghi paragonabile a quello ottenibile con l’attività agricola, ivi compresa la tutela e la valorizzazione delle risorse “paesaggistiche ed” N6 ambientali esistenti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
36541 434460
Art. 13 - Entrata in vigore e abrogazioni (articoli 204 e 210, comma 2 della l.r. 1/2005)

1. Il presente regolamento entra in vigore decorsi sessanta giorni dalla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana (BURT).

2. Dalla data di entrata in vigore del presente regolamento è abrogata ai sensi dell’articolo 204 della l.r. 1/2005 la legge regionale 14 aprile 1995, n. 64 (Disciplina degli i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Pianificazione del territorio
  • Finanza pubblica
  • Urbanistica
  • Provvidenze

Emilia Romagna: contributi ai comuni per la redazione dei Piani urbanistici generali (PUG)

Il bando regionale mette a disposizione dei Comuni un milione 800 mila euro per la redazione dei Piani urbanistici generali comunali (PUG). I Comuni potranno avere un contributo fino al 70% della spesa e avranno tempo fino al 15/10/2018 per presentare la domanda, che dovrà contenere un cronoprogramma con le tempistiche e la programmazione finanziaria delle attività per la formazione del Piano.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Urbanistica
  • Standards
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio

Regolamento edilizio comunale tipo: contenuti, valenza, iter di approvazione

Intesa 20/10/2016 della Conferenza unificata che reca il Regolamento edilizio tipo ai sensi del D.L. “sblocca Italia” 133/2014. Nell'articolo sono fornite indicazioni su che cosa è il Regolamento edilizio comunale, i suoi contenuti ed il procedimento di approvazione, sui contenuti del Regolamento tipo, sull'iter della sua approvazione e del successivo recepimento da parte degli enti territoriali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti

L’installazione di impianti pubblicitari stradali

Pianificazione delle attività, dimensioni, caratteristiche, ubicazione e distanze da rispettare dentro e fuori dai centri abitati, autorizzazioni (enti competenti, documentazione da produrre, tempistica per il rilascio o il diniego, durata, rinnovo e decadenza, sanzioni, obblighi del titolare, rapporto con le autorizzazioni edilizie), sanzioni.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Pianificazione del territorio
  • Appalti e contratti pubblici
  • Urbanistica

La realizzazione delle opere di urbanizzazione nel D. Leg.vo 50/2016

Questo articolo riepiloga le procedure per la realizzazione delle opere di urbanizzazione a scomputo della quota del contributo di costruzione afferente agli oneri di urbanizzazione, nonché realizzate nell’ambito di convenzioni di lottizzazione o urbanistiche. Sono messe in luce le procedure previste dal Codice dei contratti pubblici di cui al D. Leg.vo 50/2016 in confronto con il “vecchio” D. Leg.vo 163/2006, con interpretazioni delle disposizioni dubbie e chiarimenti sulla determinazione del valore delle opere al fine di verificare il superamento della soglia comunitaria. Sono anche fornite chiare indicazioni sull’applicazione dell’art. 20 del D. Leg.vo 50/2016 concernente la realizzazione di opere a cura e spese del privato, anche alla luce del Parere di precontenzioso ANAC 763/2016. Il contributo è aggiornato al D. Leg.vo 19/04/2017, n. 56 (c.d. “correttivo”).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Appalti e contratti pubblici
  • Urbanistica
  • Partenariato pubblico privato
  • Pianificazione del territorio

Procedure per la costruzione e l’ammodernamento di impianti sportivi

In questo articolo è illustrata la procedura delineata dall’art. 1, commi 304 e 305, della L. 147/2013 per la realizzazione e l’ammodernamento degli impianti sportivi, dopo le ulteriori semplificazioni introdotte dall’art. 62 del D.L. 50/2017 (convertito in legge dalla L. 96/2017).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Standards
  • Urbanistica

Veneto, i regolamenti edilizi comunali devono adeguarsi al Regolamento edilizio tipo

  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Procedimenti amministrativi
  • Commercio e mercati
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione

Emilia Romagna - Prosecuzione attività in locali privi di requisiti imprese con sede agibile al 31/12/2018

  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica
  • Procedimenti amministrativi
  • Commercio e mercati

Emilia Romagna - Prosecuzione attività in locali privi di requisiti imprese con sede non agibile al 31/12/2018