FAST FIND : NR18814

L. P. Trento 24/10/2006, n. 7

Disciplina dell’attività di cava.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.P. 29/12/2006, n. 11
- L.P. 21/12/2007, n. 23
- L.P. 12/09/2008, n. 16
- L.P. 28/03/2009, n. 2
- L.P. 28/12/2009, n. 19
- L.P. 27/12/2011, n. 18
- L.P. 20/07/2012, n. 14
- L.P. 27/12/2012, n. 25
- L.P. 09/08/2013, n. 16
- L.P. 17/09/2013, n. 19
- D. Pres. P. 28/03/2014, n. 4-6/Leg.
- L.P. 30/12/2014, n. 14
- L.P. 10/02/2017, n. 1
Scarica il pdf completo
35973 3519742
[Premessa]



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519743
Capo I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519744
Art. 1 - Oggetto e finalità

1. Questa legge disciplina "l'attività di ricerca, di coltivazione e di lavorazione" N42 dei materiali di cava, come classificati dall'articolo 2, terzo comma, del regio decreto 29 luglio 1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519745
Art. 1 bis - Tutela del lavoro nelle cave

N46

1. Per le finalità dell'articolo 1, comma 1 bis, questa legge tutela il lavoro nelle attività di coltivazione e lavorazione dei materiali di cava, attraverso misure volte a garantire i diritti dei lavoratori, la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro e l'occupazione,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519746
Art. 1 ter - Tutela della legalità nel settore estrattivo

N46

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519747
Art. 1 quater - Funzioni di governo del settore minerario

N46

1. Per il perseguimento delle finalità dell'articolo 1, la Provincia esercita un ruolo di governo del settore minerario, attraverso la pianificazione, l'indirizzo e il controllo delle attività estrattive, e favorisce il coordinamento dei comuni, dei privati e degli altri soggetti coinvolti nell'esercizio dell'attiv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519748
Art. 2 - Comitato tecnico interdisciplinare cave

N14

1. Il comitato tecnico interdisciplinare cave, di seguito denominato comitato cave, esercita le competenze a esso attribuite da questa legge ed è nominato dalla Giunta provinciale.

2. La composizione, il funzionamento del comitato cave e le modalità per lo svolgimento dei compiti affidati sono definiti con deliberazione della Giunta provinciale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519749
Capo II - Strumenti di pianificazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519750
Art. 3 - Piano provinciale di utilizzazione delle sostanze minerali

1. Per il raggiungimento delle finalità di cui all'articolo 1, la Giunta provinciale approva il piano provinciale di utilizzazione delle sostanze minerali, di seguito denominato piano cave, con il seguente contenuto:

a) previsione dei consumi, secondo ipotesi a medio e lungo termine;

b) delimitazione cartografica, nell'osservanza dei vincoli dettati dal piano urbanistico provinciale e tenuto conto dell'impatto paesaggistico-ambientale conseguente:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519751
Art. 4 - Approvazione del piano cave e relativi aggiornamenti e varianti

1. Sulla base dei dati indicati nell'articolo 1 quater, comma 5, la Giunta provinciale, sentito il Consiglio delle autonomie locali, stabilisce gli obiettivi generali che s'intendono perseguire col piano cave e li pubblica per sessanta giorni consecutivi nel sito istituzionale della Provincia. Nel periodo di pubblicazione i comuni e le amministrazioni separate di uso civico possono inviare proposte in sintonia con questi obiettivi. Il termine previsto da questo comma è perentorio. N49

2. Entro centottanta giorni dalla scadenza del termine di pubblicazione la Giunta provinciale, previo parere del comitato cave espresso dopo aver sentito la commissione urbanistica provinciale, approva una proposta di piano cave, che è depositata per la consultazione presso la struttura provinciale competente in materia mineraria ed è contestualmente pubblicata per trenta giorni consecutivi nel sito istituzionale della Provincia. Ogni comune pubblica tempestivamente nell'albo comunale la notizia dell'avvenuta pubblicazione. Chiunque può presentare osservazioni, nel periodo di pubblicazione, alla struttura provinciale competente in materia mineraria, che le trasmette tempestivamente al comune competente per territorio. N49

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519752
Art. 5 - Coordinamento del piano cave con altri strumenti di pianificazione

N51

1. Le previsioni del piano cave sono direttamente applicabili alle aree da esso individuate, a decorrere dalla data d'individuazione e fino al loro stralcio; le previsioni dei piani regolatori generali, comprese quelle approvate dopo l'individuazione delle aree da parte del piano cave, so

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519753
Art. 5 bis - Disposizioni per l’utilizzazione dei volumi oggetto di coltivazione di cava

N20

1. La Provincia, i comuni o altri soggetti pubblici o privati possono realizzare o installare nell’ambito dei volumi sotterranei, oggetto di coltivazione delle cave ai sensi di questa legge, strutture destinate alla conservazione di prodotti agricoli o finalizzate ad altre attività economiche o non economiche, anche mediante la differenziazione della destinazione d’uso dei vuoti di cava rispetto al soprassuolo. Il progetto di coltivazione della cava può essere definito in relazione al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519754
Art. 6 - Programma di attuazione

1. Il programma di attuazione comunale fissa criteri e modalità per l'utilizzo delle aree individuate dal piano cave sulla base di quanto disposto dal piano stesso. Il programma, approvato dal comune previo parere del comitato cave, è trasmesso alle strutture provinciali competenti nelle materie mineraria, forestale, urbanistica e di tutela del paesaggio. "Il parere del comitato cave valuta la coerenza della proposta di programma con quanto previsto dal piano cave ed è vincolante per quanto riguarda la delimitazione dei lotti."

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519755
Capo III - Disciplina delle attività di coltivazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519756
Sezione I - Coltivazione di cave in aree di proprietà privata
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519757
Art. 7 - Autorizzazione

1. L'autorizzazione alla coltivazione di cava "concernente progetti non sottoposti a procedimento di valutazione dell'impatto ambientale" N30 è rilasciata dal comune nel cui territorio ricade l'area estrattiva interessata, previo parere del comitato cave, e deve riferirsi ad un'area estrattiva individuata dal piano cave, limitatamente ai materiali da questo previsti.

1 bis. Per i progetti sottoposti al procedimento di valutazione dell'impatto ambientale l'autorizzazione alla coltivazione di cava è rilasciata dal comun

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519758
Art. 8 - Istruttoria delle domande

1. La domanda è presentata secondo modalità definite dalla Giunta provinciale con propria deliberazione, che indica anche la documentazione da allegare; se l'intervento è soggetto alle procedure di verifica o di valutazione d'impatto ambientale, la domanda è presentata con le modalità stabilite dalla "legge provinciale sulla valutazione d'impatto ambientale 2013" N32 e dal relativo regolamento di esecuzione. N4

1 bis. Il progetto di coltivazione considera anche la presenza di eventuali infrastrutture e prevede le distanze di sicurezza degli scavi dalle medesime; nel corso dell’esame istruttorio può

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519759
Art. 9 - Coordinamento autorizzativo

1. In sede di istruttoria ai sensi dell'articolo 8 la struttura provinciale competente in materia mineraria, entro dieci giorni dal ricevimento della richiesta del comune, trasmette copia della domanda e dei relativi allegati alle strutture provinciali competenti in materia di tutela del paesaggio e forestale per l'espressione "dei provvedimenti, se dovuti, della sottocommissione provinciale per l'urbanistica e il paesaggio"

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519760
Sezione II - Coltivazione di cave in aree di proprietà comunale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519761
Art. 10 - Individuazione dei lotti

1. Nelle aree estrattive di sua proprietà il comune individua lotti aventi dim

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519762
Art. 11 - Progetto di coltivazione dei lotti

1. Per coltivare un lotto individuato ai sensi dell'articolo 10 il comune predispone un progetto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519763
Art. 11 bis - Oggetto della concessione e contenuti del disciplinare

N46

1. Il concessionario dell'attività di cava è responsabile dello svolgimento dell'attività di coltivazione e di lavorazione dei materiali di cava, secondo quanto previsto dal disciplinare di concessione.

2. La durata della concessione è commisurata al volume del materiale da estrarre e agli investimenti necessari e, ferma restando la disciplina in materia di valutazione dell'impatto ambientale, è indipendente dalla residua durata del programma di attuazione comunale. La durata della concessione non può superare i diciotto anni, comprensivi dell'eventuale periodo di rinnovo previsto dal bando di gara. La concessione non è prorogabile.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519764
Art. 12 - Modalità di concessione delle aree di proprietà comunale

1. La coltivazione dei lotti individuati ai sensi dell'articolo 10, salvo quanto previsto dai commi o articoli seguenti, è concessa a terzi mediante "procedura a evidenza pubblica" N42 per il volume e il periodo massimi definiti dal programma di attuazione comunale ", nel rispetto di quanto previsto dall'articolo 11 bis, salvo i casi relativi alle aree di risulta, che possono essere concesse a terzi secondo quanto previsto dai commi 5 e 5 bis di quest'articolo" N53.

2. La gara è effettuata sulla base di un bando a cui sono allegati il progetto di coltivazione e il disciplinare approvati ai sensi dell'articolo 11, comma 3. N49

2 bis. Il comune vieta la partecipazione alla gara a concorrenti che nel triennio precedente il termine di presentazione dell'offerta sono decaduti da concessioni di cui erano titolari in ragione delle violazioni commesse. N44

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519765
Art. 12.1 - Individuazione del concessionario per le cave di porfido e bando tipo

N46

1. Per le cave di porfido la concessione è aggiudicata mediante il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, individuata sulla base del miglior rapporto qualità-prezzo.

L'offerta è valutata con riferimento agli aspetti qualitativi, ambientali e sociali connessi all'oggetto della concessione. Tra gli elementi di valutazione dell'offerta sono considerati almeno i seguenti:

a) il pregio tecnico e le caratteristiche del materiale ottenuto o il possesso di marchi aventi le caratteristiche previste dall'articolo 23 b

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519766
Art. 12.2 - Individuazione del concessionario per le cave di materiali diversi dal porfido

N46

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519767
Art. 12.3 - Valorizzazione della filiera con ricorso a forme di aggregazione tra imprenditori e a modelli di integrazione nella filiera di imprese artigiane qualificate

N46

1. Per le cave di porfido, la Giunta provinciale, con propria deliberazione adottata previo parere della comp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519768
Art. 12 bis - Unificazione di più lotti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519769
Art. 13 - Beni di uso civico

1. Qualora l'area estrattiva sia in tutto o in parte soggetta al vincolo di uso civico, per la parte interessata, oltre a quanto previsto da questa legge "per le cave di proprietà del comune" N53, si applicano le disposizioni che disciplinano l'amministrazione dei beni di uso civico.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519770
Capo IV - Disposizioni comuni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519771
Art. 14 - Strutture ed impianti fissi

1. Con l’autorizzazione o la concessione ovvero con una loro successiva integrazione il comune, sentito il parere del comitato cave, può consentire di installare all’interno dell’area autorizzata o concessa ovvero in area individuata specificamente nel programma di attuazione comunale, strutture o impianti fissi per la coltivazione della cava e la lavorazione del materiale ivi estratto ", funzionalmente collegati all'attività di estrazione o di lavorazione autorizzata o concessa" N53; in questi impianti può essere lavorato anche il materiale proveniente da altre cave della stessa area estrattiva, come individuata dal piano cave; "sono escluse e sono autorizzate ai sensi dell'articolo 5, comma 2, lettera a), le strutture o gli impianti destinati alla trasformazione del materiale medesimo"

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519772
Art. 15 - Contributo per l'esercizio dell'attività di cava

1. La coltivazione delle cave ai sensi di questa legge è soggetta al pagamento di un contributo annuale, quale compensazione dei maggiori oneri sostenuti dalla comunità per effetto dell'attività estrattiva.

2. Il contributo è proporzionato al volume annuale complessivo degli scavi effettuati nella cava, ed è stabilito "dal regolamento di esecuzione di questa legge" N42, con riferimento alle diverse tipologie di materiale. Il contributo è versato dal titolare dell'autorizzazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519773
Art. 16 - Modifiche del disciplinare

1. Il comune, se si rende necessario prevenire o contenere situazioni di pericolo o di danno sotto il profilo igienico-sanitario, della sicurezza geologica e idrogeologica o della tutela del paesaggio, dipendenti da fatti imprevedibili o non previsti al m

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519774
Art. 16 bis - Coordinamento con la valutazione dell'impatto ambientale e con l'autorizzazione unica territoriale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519775
Art. 17 - Rinuncia all'autorizzazione o alla concessione

1. Il titolare può rinunciare all'autorizzazione o alla concessione prima del termine di scadenza, presentando al comune un'esplicita dichiarazione corredata da un programma di sistemazione finale dell'area, che d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519776
Art. 17 bis - Inoltro dello stato di fatto

N20

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519777
Art. 18 - Cave per opere d'interesse pubblico

1. Con riferimento alle aree non individuate dal piano cave il comune, previo parere conforme del comitato cave, può rilasciare l'autorizzazione alla coltivazione di cave per l'estrazione di materiali da utilizzare esclusivamente per la realizzazione di lavori pubblici; in questi casi la d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519778
Art. 19 - Avocazione di giacimento

1. Se la coltivazione di un’area estrattiva di proprietà privata non è intrapresa entro il termine previsto dal programma di attuazione comunale, ovvero è sospesa, "e la mancata coltivazione compromette la coltivazione delle aree limitrofe, il comune avoca il giacimento assegnando" N42 al proprietario che non si è attivato un termine non inferiore a centottanta giorni pe

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519779
Art. 20 - Ricerca di nuovi giacimenti

1. All'esterno delle aree estrattive individuate dal piano cave può essere effettuata la ricerca di giacimenti di materiali di cava. I lavori di ricerca e le relative opere possono essere autorizzati dal comune al proprietario del suolo o a chi ne dimostra la disponibilità, per la durata massima di tre anni, previo parere conforme del comitato cave.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519780
Art. 21 - Ricorsi amministrativi

1. Contro un parere vincolante del comitato cave è ammesso ricorso alla Giunta provinciale entro trenta giorni dall'avvenuta comunicazione del parere all'interessato. La Giunta provinciale si pronuncia sul ricorso dopo aver acquisito l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519781
Art. 22 - Tavolo permanente delle attività estrattive

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519782
Art. 23 - Evoluzione competitiva del sistema produttivo locale

N51

1. Anche attraverso il riconoscimento del distretto del porfido e delle pietre trentine, quale realtà territoriale interessata dalle attività di estrazione e lavorazione del porfido, la Provincia promuove l'evoluzione competitiva del sistema produttivo locale che ha per oggetto la coltivazione, la lavorazione e la commercializzazione del porfido e delle pietre trentine, nonché la prestazione di servizi a supporto dei processi innovativi delle imprese operanti in ambito provinciale.

2. Per i fini del comma 1 la Provincia, anche su proposta del comitato per lo sviluppo e la valorizzazione del distretto, attraverso Trentino sviluppo s.p.a.:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519783
Art. 23 bis - Marchi di qualità

N46

1. La Provincia riconosce e promuove,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519784
Art. 24 - Comitato per lo sviluppo e la valorizzazione del distretto

N51

1. Il comitato per lo sviluppo e la valorizzazione del distretto è costituito presso Trentino sviluppo s.p.a. Fanno parte del comitato un rappresentante della Provincia, uno o più rappresentanti dei comuni interessati da cave di porfido e di pietra trentina, designati dal Consiglio delle autonomie locali, rappresentanti delle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519785
Art. 24 bis - Registro delle imprese

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519786
Art. 25 - Compiti del coordinamento del distretto del porfido e delle pietre trentine

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519787
Art. 26 - Tutela dei lavoratori

1. La Giunta provinciale, attraverso

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519788
Capo V - Vigilanza e sanzioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519789
Art. 27 - Vigilanza e controllo sull'attività di cava

N51

1. La struttura provinciale competente in materia mineraria, anche avvalendosi di altre strutture provinciali o comunali, svolge le funzioni relative al controllo sull'attività di cava, per quanto riguarda le norme di polizia mineraria; al controllo sul rispetto delle norme riguardanti la salute e sicurezza del lavoro,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519790
Art. 27 bis - Verifiche retributive e contributive

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519791
Art. 27 ter - Modalità di esercizio dell'attività di vigilanza e controllo

N46

1. Per valutare contestualmente i profili attinenti alla salute, alla sicurezza, alla t

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519792
Art. 28 - Decadenza e revoca dell'autorizzazione o della concessione

N51

1. Il comune può dichiarare la decadenza della concessione o dell'autorizzazione quando è venuto meno il rapporto di fiducia tra il comune e il concessionario o il soggetto autorizzato, a causa della condotta del concessionario o del soggetto autorizzato, del numero di sanzioni applicate o di violazioni accertate o della gravità delle stesse. Il procedimento è avviato mediante comunicazione al titolare della concessione o dell'autorizzazione e concluso entro sessanta giorni.

2. Il comune dichiara la decadenza della concessione nelle seguenti ipotesi:

a) per le cave di porfido, quando c'è stata, per la terza volta, una violazione del divieto di trasferimento della proprietà, a qualsiasi titolo, del materiale tout-venant o dell'obbligo di lavorazione di questo materiale con ricorso a propri dipendenti, o una violazione del divieto di trasferire la proprietà, a qualsiasi titolo, del materiale di scarto risultante dall'attività di cernita a soggetti che si occupano di seconde lavorazioni del materiale; ai fini della decadenza si sommano le violazioni delle fattispecie indicate da questa lettera;

b) per le cave di porfido, quando, per la terza volta, il concessionario ha trasferito la proprietà, a qualsiasi titolo, o ha lavorato senza ricorso ai propri dipendenti una percentuale di materiale grezzo complessivamente superiore alla percentuale prevista da questa legge, calcolata su base annua; ai fini della decadenza si sommano le violazioni delle fattispecie indicate da questa lettera;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519793
Art. 28 bis - Potere sostitutivo

N46

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519794
Art. 29 - Sanzioni e provvedimenti di sospensione dei lavori

N51

1. Ferma restando l'applicazione delle sanzioni penali se il fatto costituisce reato, e ferme restando le altre sanzioni previste dalla normativa vigente, per le violazioni di questa legge si applicano le seguenti sanzioni amministrative:

a) da 1.000 a 6.000 euro per chi intraprende attività di coltivazione di cave o di realizzazione di discariche per scarti derivanti dall'attività estrattiva del porfido senza la prescritta autorizzazione o concessione all'interno di aree estrattive individuate dal piano cave; in tal caso il comune ordina la sospensione immediata dei lavori;

b) da 1.500 a 9.000 euro per ogni violazione tra le seguenti:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519795
Art. 30 - Temperamento del regime sanzionatorio

1. Sono soggette al pagamento della sanzione ridotta, ai sensi del comma 6, le seguenti violazioni del progetto di coltivazione o di norme tecniche di carattere minerario:

a) assenza di delimitazione sul terreno del perimetro dell'area autorizzata;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519796
Art. 31 - Procedimento di accertamento

1. Per l'irrogazione delle sanzioni di cui all'articolo 29 si applica, in quanto compatibile, la legge 24 novembre 1981, n. 689 (Modifiche al sistema penale). Le funzioni previste dalla legge sono svolte dalla struttura provinciale competente

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519797
Art. 32 - Sistemazione del suolo e ripristino ambientale dei luoghi

1. Chi esegue lavori di ricerca e di coltivazione di cava o di realizzazione di discarica per scarti derivanti dall'attività estrattiva del porfido oppure installa o realizza strutture o impianti di cui all'articolo 14 senza la prescritta autorizzazione o concessione, oltre ad essere sottoposto alla sanzione amministrativa prevista dall'articolo 29, comma 1, è

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519798
Capo VI - Disposizioni transitorie e finali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519799
Art. 33 - Concessioni vigenti

1. Le concessioni vigenti alla data di entrata in vigore di questa legge ai sensi dell'articolo 23, quarto comma, della legge provinciale 4 marzo 1980, n. 6 (Disciplina dell'attività di ricerca e di coltivazione delle cave e torbiere nella provincia autonoma di Trento), mantengono la loro validità fino al completamento della coltivazione del volume definito dal comune con proprio provvedimento entro il 28 febbraio 2010.

2. Il provvedimento previsto dal comma 1 definisce il volume riferito all'area in concessione alla data di entrata in vigore di questa legge, tenendo conto delle previsioni del piano cave, delle condizioni di sicurezza delle coltivazioni e della stabilità del suolo, e stabilisce conseguentemente il termine finale di coltivazione, che non è prorogabile.

3. Il comune stabilisce il termine finale di cui al comma 2 sulla base delle quantit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519800
Art. 33 bis - Unificazione di più lotti

N46

1. Per le concessioni previste dall'articolo 33 il comune, su richiesta dei concessionari, può unificare due o più lotti contigui, previo parere favorevole del comitato cave e, in presenza di uso civico, dell'amministrazione separata di uso civico competente, se costituita.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519801
Art. 34 - Progetto unitario di coltivazione di aree di proprietà comunale

1. Per garantire il miglioramento delle condizioni di sicurezza del lavoro e delle condizioni ambientali conseguenti a una corretta e razionale coltivazione del giacimento, il comune, di propria iniziativa o su domanda degli interessati e previo parere favorevole del comitato cave, può approvare un progetto unitario per la coltivazione di aree contigue oggetto di concessioni diverse. In tal caso sono conseguentemente adeguati i disciplinari di concessione e, se necessario, i singoli progetti di coltivazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519802
Art. 34 bis - Disposizioni transitorie relative alle concessioni e alle autorizzazioni già rilasciate

N46

1. Alle concessioni e alle autorizzazioni già rilasciate alla data di entrata in vigore di quest'articolo, se non diversamente previsto da questo capo, si applica quanto previsto da questa legge. Rientrano tra le concessioni già rilasciate alla data di entrata in vigore di quest'articolo anche le concessioni previste dall'articolo 33, indipendentemente dall'adozione del provvedimento di aggiornamento previsto dall'articolo 33, comma 5.

2. Alle concessioni riguardanti cave di porfido già rilasciate alla data di entrata in vigore di quest'articolo si applicano il divieto di trasferimento della proprietà, a qualsiasi titolo, del materiale tout-venant, l'obbligo di lavorazione di tale materiale con ricorso a propri dipendenti e il divieto di trasferire la proprietà, a qualsiasi titolo, del materiale di scarto risultante dall'attività di cernita a soggetti che si occupano di seconde lavorazioni del materiale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519803
Art. 34 ter - Controlli, decadenze e sanzioni per le concessioni e le autorizzazioni già rilasciate

N46

1. Con riferimento alle concessioni già rilasciate alla data di entrata in vigore di quest'articolo, quando il titolare della concessione lavora il materiale grezzo senza ricorso a propri dipendenti ai sensi dell'articolo 34 bis, comma 3, lettera c), i controlli in materia di lavoro e sicurezza previsti dagli articoli 27 e 27 bis so

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519804
Art. 34 quater - Altre disposizioni transitorie

N46

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519805
Art. 34 quinquies - Disposizioni transitorie relative all'individuazione dei lotti

N46

1. Il piano cave è modificato d'ufficio entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore di quest'articolo al fine di individuare, per le cave di porfido, la dimensione ottimale dei lotti, significativamente maggiore rispetto a quelli oggetto delle concessioni previste dall'articolo 33, e i criteri obbligatori per la delimitazione dei lotti, tali da assicurare l'individuazione di lotti autonomi dal punto di vista funzionale, per assicurare la corretta e razionale coltivazione del giacimento, il miglioramento delle condizioni di sicurezza del lavoro e delle condizioni ambientali.

2. Prima dell'individuazione della dimensione ottimale e dei criteri prev

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519806
Art. 35 - Canone di concessione per le cave di porfido di proprietà comunale

1. La Giunta provinciale, su proposta della commissione tecnica prevista dall'articolo 36, definisce con propria deliberazione i criteri per il calcolo e l'aggiornamento del canone al metro cubo del materiale estratto dalle cave di porfido di proprietà comunale, escluse quelle concesse mediante asta pubblica, licitazione privata o trattativa privata.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519807
Art. 36 - Commissione tecnica per la determinazione dei canoni

1. Per determinare i criteri previsti dall'articolo 35 è istituita una commissione tecnica nominata dalla Giunta provinciale e composta da:

a) due esperti in materia mineraria e un esperto in materia economico-finanziaria designati dalla Giunta provinciale;

b) due esperti in materia mineraria e un esperto in materia economico-finanziaria designati dal Consiglio delle autonomie locali, sentite le amministrazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519808
Art. 37 - Altre disposizioni transitorie N11

1. N24

2. N58

3. L'articolo 5, comma 1, si applica anche con riguardo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519809
Art. 38 - Regolamento di esecuzione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519810
Art. 39 - Abrogazioni

1. Sono abrogate le seguenti disposizioni:

a) legge provinciale 4 marzo 1980, n. 6;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519811
Capo VII - Modificazioni della legge provinciale 18 febbraio 1988, n. 6 (Interventi per il settore minerario nel Trentino)
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519812
Art. 40

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519813
Capo VIII - Disposizioni finanziarie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519814
Art. 41 - Disposizioni finanziarie

1. Per i fini di cui agli articoli 23, comma 4 e 40, comma 1, è autorizzata la spesa di 230.000 euro per ciascuno degli esercizi finan

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
35973 3519815
Tabella A

N8



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Costruzioni in zone sismiche
  • Distanze tra le costruzioni
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Impianti tecnici e tecnologici
  • Informatica
  • Pianificazione del territorio
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Norme tecniche
  • Impiantistica
  • Sicurezza
  • Urbanistica

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Fisco e Previdenza
  • Impiantistica
  • Titoli abilitativi
  • Inquinamento acustico
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Gestione delle risorse idriche
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Rifiuti
  • Inquinamento atmosferico
  • Servizio idrico integrato
  • Rifiuti apparecchiature elettriche ed elettroniche
  • Catasto e registri immobiliari
  • Difesa suolo
  • Edilizia e immobili
  • Tutela ambientale
  • Edilizia scolastica
  • Energia e risparmio energetico
  • Procedimenti amministrativi
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Parchi e aree naturali protette
  • Impianti di telefonia e comunicazione
  • Impianti elettrici
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Fonti alternative
  • Acque per consumo umano
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Demanio
  • Appalti e contratti pubblici
  • Espropriazioni per pubblica utilità
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Acque di balneazione

Il “Collegato ambientale” 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella L. 28/12/2015, n. 221 (Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali, cosiddetta “Legge sulla green economy” o “Collegato ambientale”), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Concessioni governative
  • Demanio
  • Calamità/Terremoti
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Commercio e mercati
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Calamità
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Appalti e contratti pubblici
  • Aree urbane
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Enti locali
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Mezzogiorno e aree depresse
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Imposte sul reddito
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Imprese
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Inquinamento atmosferico
  • Servizio idrico integrato
  • Edifici di culto
  • Edilizia penitenziaria
  • Previdenza professionale
  • Rifiuti
  • Edilizia residenziale
  • Lavoro e pensioni
  • Provvidenze
  • Scarichi ed acque reflue
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Catasto e registri immobiliari
  • Imposte indirette
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Interventi vari
  • Marchi, brevetti e proprietà industriale
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Parchi e aree naturali protette
  • Pianificazione del territorio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Autorità di vigilanza
  • Fonti alternative
  • Barriere architettoniche
  • Beni culturali e paesaggio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Agevolazioni per la prima casa
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Terremoto Abruzzo
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Agevolazioni
  • Accise
  • Acque
  • Acque di balneazione
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Protezione civile
  • Fisco e Previdenza
  • Impiantistica
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Tutela ambientale
  • Edilizia scolastica
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica

La Legge di Stabilità 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Stabilità 2016 (L. 28 dicembre 2015, n. 208), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Prevenzione Incendi
  • Sicurezza
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Incidenti rilevanti

Sicurezza operazioni in mare nel settore degli idrocarburi (D. Leg.vo 145/2015)

Recepite nell’ordinamento nazionale - con il D. Leg.vo 18/08/2015, n. 145 - le norme della Direttiva n. 2013/30/UE per quanto riguarda la prevenzione di incidenti gravi sulle piattaforme marine di ricerca degli idrocarburi. Il provvedimento disciplina gli obblighi degli operatori autorizzati alle operazioni di prospezione e ricerca degli idrocarburi e individua le misure di sicurezza per prevenire il rischio di gravi incidenti in mare.
A cura di:
  • Vincenzo Soragnese
  • Cave, miniere e attività estrattive

Titoli abilitativi per le attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi

Riportiamo in questo articolo una illustrazione del quadro normativo concernente le attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi e quelle di stoccaggio sotterraneo di gas naturale. Il tutto come emerge a seguito delle innovazioni introdotte dall’art. 38 del D.L. “sblocca Italia” 12/09/2014, n. 133 (convertito in legge dalla L. 11/11/2014, n. 164), che ha introdotto un “titolo concessorio unico” in luogo dei due titoli distinti (permesso di ricerca e concessione di coltivazione) previsti dalla normativa previgente, e dei successivi D.M. 25/03/2015 e D.M. 15/07/2015 che hanno provveduto ad aggiornare il disciplinare tipo, che regola le modalità di conferimento dei titoli e le modalità di esercizio delle attività, e le procedure operative.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Agricoltura e Foreste
  • Acque

Lombardia: presentazione o aggiornamento della Comunicazione nitrati per l'anno 2019

  • Agricoltura e Foreste
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Lombardia: domanda di adesione alla deroga nitrati per l'anno 2019

  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Operatività Albo commissari di gara presso l'ANAC per procedure di affidamento

31/03/2017

08/09/2016

15/07/2016

08/07/2016