31 dic 2017

FAST FIND : SC1075

Ultimo aggiornamento
03/03/2017

Funzionamento unità operativa speciale per appalti Expo Milano 2015

Scade il 31/12/2017 - in base alla proroga disposta dall’art. 1, comma 14, del D.L. “Milleproroghe” 244/2016, convertito in legge dalla L. 19/2017 - il termine ultimo di operatività dell'Unità operativa speciale per Expo Milano 2015, di cui il Presidente dell'Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) si avvale ai sensi dell'art. 30, comma 1, del D.L. 90/2017.
Ai sensi dell’art. 30 menzionato, al Presidente dell’ANAC sono attribuiti compiti di alta sorveglianza e garanzia della correttezza e trasparenza delle procedure connesse alla realizzazione delle opere dell’Expo 2015, per assolvere ai quali lo stesso si avvale dell’Unità operativa speciale in argomento, composta da personale in posizione di comando, distacco o fuori ruolo, anche proveniente dal corpo della Guardia di Finanza. Per le predette finalità, l'Unità operativa speciale opera fino alla completa esecuzione dei contratti di appalto di lavori, servizi e forniture per la realizzazione delle opere e delle attività connesse all'evento Expo Milano 2015 e comunque non oltre il 31/12/2017.

Dalla redazione

Tutte le novità in materia di appalti pubblici contenute nel D.L. 90/2014 dopo la conversione in legge

Incentivi per la progettazione; Soppressione dell’autorità di vigilanza e definizione delle funzioni dell’autorità nazionale anticorruzione; Acquisizione di lavori, beni e servizi da parte degli enti pubblici e centrali di committenza; Iscrizione nell’elenco dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativo di infiltrazione mafiosa; Sostegno e monitoraggio di imprese nell’ambito della prevenzione della corruzione; Monitoraggio finanziario dei lavori relativi a infrastrutture strategiche e insediamenti produttivi; Trasmissione ad anac delle varianti in corso d’opera; Semplificazione degli oneri formali di partecipazione a procedure di affidamento di contratti pubblici.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei

White list negli appalti pubblici: normativa, ambito di applicazione e procedimento di iscrizione

Sintesi operativa del procedimento di iscrizione nell'elenco dei formatori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa operanti nei settori esposti maggiormente a rischio. Attività più vulnerabili, requisiti necessari per l’iscrizione e obblighi di comunicazione da parte delle imprese interessate.
A cura di:
  • Valentina Rampulla

La trasmissione all’ANAC dei dati sulle varianti in corso d’opera

Questo articolo, alla luce delle varie indicazioni fornite dall’Autorità Nazionale Anticorruzione, fa il punto della situazione sull’obbligo di trasmettere i dati delle varianti in corso d’opera attinenti i contratti pubblici di lavori, imposto dall’art. 106, comma 14, del D. Leg.vo 50/2016 e ancor prima dall’art. 37 del D.L. 90/2014 (conv. L. 114/2014). Sono in particolare approfonditi, in forma schematica e tabellare per facilitare la lettura, l’ambito di applicazione dell’obbligo di trasmissione dei dati, le modalità e le tempistiche per la comunicazione, il coordinamento con gli ordinari obblighi di comunicazione all’Osservatorio. In allegato la modulistica da utilizzare (Comunicato 23/11/2016).
A cura di:
  • Dino de Paolis

DOSSIER: Le acquisizioni pubbliche di beni e servizi attraverso soggetti aggregatori e prezzi di riferimento

Il Dossier riassume in forma schematica e tabellare le nuove disposizioni in merito alle acquisizioni pubbliche di beni e servizi attraverso soggetti aggregatori ed ai prezzi di riferimento, introdotte dall’art. 9 del D.L. 66/2014 dopo la sua conversione in legge. Viene poi dato conto della proroga di termini disposta in prima battuta dal D.L. 90/2014, e successivamente dal D.L. “Milleproroghe” 192/2014 (conv. L. 11/2015). Si rende altresì disponibile in allegato una utile tabella - elaborata dall’Istituto ITACA - che reca delinea una scheda di sintesi relativa al nuovo assetto delle competenze in materia di affidamento di appalti pubblici. Nel Dossier si rende infine consultabile anche tutta la normativa di riferimento. AGGIORNAMENTO FEBBRAIO/MARZO 2016 - D.P.C.M. 24/12/2015 (G.U. 09/02/2016) che individua le categorie di beni e servizi e le relative soglie di obbligatorietà, per l'acquisto delle quali le amministrazioni statali, centrali e periferiche, devono ricorrere a Consip S.p.A. o ad altri soggetti aggregatori. Conseguente Comunicato ANAC in merito all’aggiornamento delle modalità operative per il rilascio del CIG.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Gestione straordinaria di imprese nell’ambito della prevenzione anticorruzione e antimafia

Questo articolo riepiloga le misure straordinarie di gestione, sostegno e monitoraggio delle imprese nell’ambito della prevenzione anticorruzione e antimafia, introdotte dall’art. 32 del D.L. 90/2014 (convertito in legge dalla L. 114/2014). Viene data particolare attenzione agli aspetti pratici ed applicativi, come delineati dalle tre Linee guida emanate dal Ministero dell’Interno e dall’ANAC e concernenti gli ambiti applicativi, le misure applicabili ed i compensi per i Commissari prefettizi ed agli esperti incaricati.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei