FAST FIND : NN15747

Delib. ANAC 21/12/2016, n. 1386

Casellario Informatico e Banca Dati Nazionale dei Contratti Pubblici. Contenuto del nuovo Casellario informatico e Modelli di comunicazione.
Scarica il pdf completo
3454362 3474228
Testo del provvedimento

Premesso

L’abrogazione della Parte I del d.p.r. 207/2010R disposta dall’art. 217, comma 1, lettera u), numero 2) del d.lgs. 50/2016, ha riguardato anche la disposizione inerente l’implementazione del Casellario Informatico, contemplato dall’art. 8 del decreto abrogato.

La nuova disciplina introdotta per gli appalti pubblici dal d.lgs. 50/2016 rinvia la disciplina attuativa di alcune disposizioni ivi contenute alla formulazione da parte dell’Autorità Nazionale Anticorruzione (Autorità) - articolo 213, comma 2, di detto decreto - di linee guida, bandi-tipo, capitolati-tipo, contratti-tipo ed altri strumenti di regolamentazione flessibile, destinati a garantire la promozione dell’efficienza, della qualità dell’attività delle stazioni appaltanti, nonché a fornire supporto alle stesse, facilitando lo scambio di informazioni, assicurando l’ omogeneità dei procedimenti amministrativi e favorendo lo sviluppo delle migliori pratiche.

L’articolo 213, comma 8, del d.lgs. 50/2016R stabilisce che per tali finalità l’Autorità gestisce la Banca Dati Nazionale dei Contratti Pubblici nella quale confluiscono tutte le informazioni contenute nelle banche dati esistenti, anche a livello territoriale, onde garantire accessibilità unificata, trasparenza, pubblicità e tracciabilità delle procedure di gara e delle fasi a essa prodromiche e successive.

Il successivo comma 10, del medesimo articolo, dispone che l’Autorità Nazionale Anticorruzione gestisce il Casellario Informatico dei contratti di lavori, servizi e forniture, istituito presso l’Osservatorio, contenente tutte le notizie, le informazioni e i dati relativi agli operatori economici con riferimento alle iscrizioni previste dall’art. 80 del medesimo decreto. All’Autorità è devoluto il compito di gestire il collegamento con la Banca dati nazionale degli operatori economici, prevista dal successivo art. 81.


Considerato

Il Casellario Informatico delle Imprese necessita di essere uniformato alle nuove disposizioni previste dal richiamato d.lgs. 50/2016, sia con riferimento ai mutati requisiti abilitanti alla partecipazione alle gare e all’affidamento di subappalti, sia con riferimento alle notizie afferenti l’esecuzione dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, utili per l’attuazione di quanto previsto dall’art. 83, comma 10, del medesimo decreto.

A tale scopo risulta necessario semplificare il flusso informativo con la formulazione di modelli standardizzati di comunicazione, da adottarsi a cura delle Stazioni appaltanti, degli operatori economici e delle Società Organismo di Attestazione, per ciascuna tipologia di informazione da rendere all’Autorità.


Ritenuto

Per le finalità descritte il flusso informativo, che attualmente confluisce nel Casellario informatico dell’Autorità, dovrà essere adeguato sia alla novella normativa del Codice degli Appalti pubblici, per quanto concerne le fattispecie che saranno oggetto di comunicazione all’Autorità, sia alle mutate esigenze di trasparenza, per quanto concerne i differenti livelli di accessibilità alle informazioni inserite. Le informazioni pervenute, il cui contenuto sarà condensato in specifiche annotazioni, saranno ricollocate in sezioni distinte, differenziate in ragione dei soggetti cui verrà consentito l’accesso, così suddivise:

A”: area pubblica.

B”: area riservata alle stazioni appaltanti e alle Società Organismo di Attestazione.

A tale area “B” potranno altresì accedere, limitatamente alla propria posizione, anche gli operatori economici interessati da specifiche annotazioni a proprio carico, nonché gli operatori economici che abbiano partecipato a procedure di affidamento ad evidenza pubblica.

Nell’area “A” saranno inseriti i dati riguardanti le attestazioni di qualificazione rilasciate alle imprese dalle Società Organism

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3454362 3474229
Modello O.E.

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3454362 3474230
Modello S.O.A.

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Avvisi e bandi di gara
  • Appalti e contratti pubblici

Cause di esclusione degli operatori economici, criteri di selezione e soccorso istruttorio

GENERALITÀ; SCHEMA DELLE CAUSE DI ESCLUSIONE E CHIARIMENTI (Cause di esclusione riferite solo all’operatore economico; Cause di esclusione riferite sia all’operatore economico che al subappaltatore del quale l’operatore economico abbia dichiarato di intendersi avvalere; Soggetti nei cui confronti deve essere verificata l’assenza di condanne penali) - GIURISPRUDENZA IN TEMA DI CAUSE DI ESCLUSIONE - CRITERI DI SELEZIONE E SOCCORSO ISTRUTTORIO (Requisiti di capacità economico-finanziaria e tecnica; Attestazione SOA; Rating d’impresa; Dichiarazioni del concorrente e verifiche della stazione appaltante, il DGUE; Accertamento sul possesso dei requisiti; Soccorso istruttorio; Mezzi di prova e registro online dei certificati).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Appalti e contratti pubblici
  • Avvisi e bandi di gara
  • Autorità di vigilanza
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Tutte le indicazioni operative per il periodo transitorio di vigenza del D. Leg.vo 50/2016

Questo articolo riporta e compendia con taglio operativo tutte le indicazioni fornite dall’ANAC a stazioni appaltanti ed operatori a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Codice dei contratti di cui al D. Leg.vo 50/2016: fattispecie nelle quali continuano ad applicarsi le disposizioni previgenti, acquisizione del CIG, comunicazioni e adempimenti vari di stazioni appaltanti ed operatori; iscrizione al casellario informatico per false dichiarazioni o falsa documentazione nel procedimento di attestazione SOA. AGGIORNATO CON IL COMUNICATO DEL 03/08/2016.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

L’affidamento di servizi di consulenza e assistenza legale

Vademecum di riferimento per amministrazioni ed enti pubblici alla luce delle norme del Codice e delle Linee guida ANAC n. 12, relativo all'affidamento di servizi legali. Individuazione dei servizi legali soggetti ed esclusi dall'applicazione del D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50; corrette procedure per l’aggiudicazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Rosalisa Lancia
  • Appalti e contratti pubblici
  • Autorità di vigilanza
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Soglie normativa comunitaria

L'affidamento di contratti pubblici sotto soglia comunitaria

PREMESSA E QUADRO NORMATIVO (Norme del D. Leg.vo 50/2016 e Linee guida ANAC; Natura giuridica e valenza delle Linee guida ANAC) - AMBITO DI APPLICAZIONE: QUALI SONO I CONTRATTI SOTTO SOGLIA (Soglie di rilevanza comunitaria; Calcolo del valore stimato del contratto; Calcolo del valore stimato per le opere di urbanizzazione a scomputo; Contratti cui si applica la disciplina del sotto soglia; Contratti nei settori speciali; Altri strumenti di acquisto e negoziazione; Altre norme applicabili) - PRINCIPI COMUNI PER GLI AFFIDAMENTI SOTTO SOGLIA (Principi comuni; Sostenibilità energetica e ambientale; Conflitto di interesse; Il principio di rotazione degli affidamenti e degli inviti) - MODALITÀ DI AFFIDAMENTO E CRITERI DI AGGIUDICAZIONE - PROCEDURE DI AFFIDAMENTO PER I CONTRATTI SOTTO SOGLIA (Lavori, servizi e forniture di importo inferiore a 40.000 Euro; Lavori di importo compreso tra 40.000 e 150.000 Euro; Servizi e forniture di importo compreso tra 40.000 Euro e le soglie UE; Lavori di importo compreso tra 150.000 e 1 milione di Euro).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Emanuela Greco
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Sistema di qualificazione del contraente generale (bozza linee guida ANAC)

Lo schema di linee guida ANAC concernenti le classifiche per la qualificazione dei contraenti generali e i requisiti ulteriori che devono essere posseduti, relativamente ad un’adeguata capacità economica e finanziaria, ad un’adeguata idoneità tecnica e organizzativa e ad un adeguato organico tecnico e dirigenziale.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Operatività Albo commissari di gara presso l'ANAC per procedure di affidamento

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo

09/11/2018

05/10/2018

27/07/2018

23/07/2018