FAST FIND : NE90

Dir.UE 31/03/2004, n. 18

Direttiva 2004/18/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 31 marzo 2004, relativa al coordinamento delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici di lavori, di forniture e di servizi.

Testo aggiornato con le modifiche introdotte da:
- REGOLAMENTO (CE) N. 1874/2004 DELLA COMMISSIONE del 28 ottobre 2004
- Rettifica, GU L 351, 26.11.2004
- DIRETTIVA 2005/51/CE DELLA COMMISSIONE Testo rilevante ai fini del SEE del 7 settembre 2005
- DIRETTIVA 2005/75/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 novembre 2005
- Rettifica, GU L 329, 16.12.2005
- REGOLAMENTO (CE) N. 2083/2005 DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre 2005
- DIRETTIVA 2006/97/CE DEL CONSIGLIO del 20 novembre 2006
- REGOLAMENTO (CE) N. 1422/2007 DELLA COMMISSIONE del 4 dicembre 2007
- REGOLAMENTO (CE) N. 213/2008 DELLA COMMISSIONE del 28 novembre 2007
- DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 9 dicembre 2008
- REGOLAMENTO (CE) N. 596/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 18 giugno 2009
- DIRETTIVA 2009/81/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO Testo rilevante ai fini del SEE del 13 luglio 2009
- REGOLAMENTO (CE) N. 1177/2009 DELLA COMMISSIONE del 30 novembre 2009
- REGOLAMENTO (UE) N. 1251/2011 DELLA COMMISSIONE del 30 novembre 2011
- DIRETTIVA 2013/16/UE DEL CONSIGLIO del 13 maggio 2013
- REGOLAMENTO (UE) N. 1336/2013 DELLA COMMISSIONE del 13 dicembre 2013
- REGOLAMENTO (UE) 2015/2342 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2015.

Dalla redazione

  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Omessa dichiarazione della condanna dell’amministratore cessato dalla carica: conseguenze

Punto della situazione dopo la sentenza della Corte di giustizia UE 20/12/2017, causa C- 178/16, secondo la quale l’omessa dichiarazione da parte dell’offerente della condanna, anche se non ancora definitiva, dell’amministratore cessato dalla carica, comporta la mancata dimostrazione della dissociazione dell’impresa dalla condotta illecita e conseguentemente l’esclusione dalla gara.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Soglie normativa comunitaria
  • Appalti e contratti pubblici

Soglie applicazione normativa comunitaria sugli appalti pubblici

I Regolamenti (UE) nn. 2364, 2365, 2366 e 2367 del 18/12/2017 hanno aggiornato le soglie di applicazione della normativa comunitaria in materia di procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici e delle concessioni. Le nuove soglie, immediatamente operative nell'ordinamento nazionale, si applicano dal 1° gennaio 2018.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici

Qualificazione di organismo di diritto pubblico della società controllata

La Corte di giustizia UE (sent. 05/10/2017, causa C-567/15) ha chiarito la nozione di organismo di diritto pubblico (soggetto alla normativa sugli appalti) contenuta nell’articolo 1, paragrafo 9 della Direttiva 2004/18/CE - le cui previsioni sono state riprodotte senza modifiche dalla Direttiva 2014/24/UE e, nell’ordinamento italiano, dall’articolo 3, comma 1, lettera d), del D. Leg.vo 50/2016 - ai fini dell’applicazione della normativa sui contratti pubblici, fornendo precisazioni in merito alla condizione ivi prevista del soddisfacimento dell’interesse generale.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Avvalimento: conseguenze della perdita delle capacità richieste dal bando dell’impresa ausiliaria

La Corte UE, con sentenza del 14/09/2017, causa C-223/16, chiarisce che nella vigenza della Direttiva 2004/18/CE, la perdita dei requisiti da parte di un’impresa ausiliaria di un RTI comportava l’esclusione dalla gara, non essendo applicabile la disciplina successiva dettata dalla Direttiva 2014/24/UE recepita in Italia dal D. Leg.vo 50/2016 (Codice dei contratti pubblici).
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Appalti pubblici: chiarimenti su integrazione offerta, esperienza pregressa e false dichiarazioni

La Corte di giustizia UE - sentenza 04/05/2017, C-387/14 - si è pronunciata su vari aspetti relativi ai requisiti di partecipazione alla gara quali, tra gli altri, la possibilità di integrare l'offerta modificando l'elenco delle esperienze maturate basandosi sull'esperienza di terzi, i criteri di valutazione dell’esperienza precedentemente acquisita, e infine sulle condizioni in base alle quali le informazioni fornite da un offerente equivalgono a false dichiarazioni.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Operatività Albo commissari di gara presso l'ANAC per procedure di affidamento

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo