FAST FIND : AR395

Ultimo aggiornamento
30/05/2018

La disciplina dei contratti di locazione a canone concordato ai sensi della L. 431/1998

PREMESSA - I CONTRATTI A CANONE CONCORDATO AI SENSI DELLA L. 431/1998 (Condizioni per la stipula dei contratti agevolati, transitori e per studenti universitari; Criteri per la determinazione del canone di locazione nella contrattazione territoriale; Condizioni e modalità per la stipula di contratti di locazione di natura transitoria; Condizioni e modalità per la stipula di contratti di locazione per studenti universitari; Indicazioni per i contratti da stipularsi in assenza degli accordi locali) - AGEVOLAZIONI FISCALI (Determinazione del reddito imponibile nei contratti di locazione; Riduzione del reddito imponibile per i contratti stipulati ai sensi del D.M. 16/01/2017; Riduzione dell’aliquota in caso di opzione per la c.d. “cedolare secca”; Riduzione delle imposte d’atto; Riduzione dell’aliquota IMU e TASI; Detrazioni per i conduttori; Necessità dell’attestazione ai fini delle agevolazioni fiscali).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
343551 4734502
PREMESSA

In merito alla durata del contratto ed alla determinazione del canone delle locazioni abitative, la L. 09/12/1998, n. 431, prevede la possibilità di stipulare contratti rientranti in diverse tipologie:

- contratti in regime di libero mercato, che si basano sulla libera contrattazione tra il locato-re e il conduttore e devono avere una durata minima di 4 + 4 anni, fatta salva la facoltà di disdetta alla prima scadenza da parte del locatore nei casi previsti dall’a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734503
I CONTRATTI A CANONE CONCORDATO AI SENSI DELLA L. 431/1998
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734504
Condizioni per la stipula dei contratti agevolati, transitori e per studenti universitari

Sulla base di tali disposizioni è stato emanato in prima battuta il D.M. 05/03/1999, successivamente il D.M. 30/12/2002, e da ultimo il D.M. 16/01/2017, attualmente vigente, che recepisce i contenuti della convenzione nazionale sottoscritta in data 25/10/2016. Il D.M. 16/01/2017 reca quindi:

- i criteri per la determinazione dei canoni dei contratti di locazione abitativa, di cui all’art. 2, comma 3, della L. 431/1998, con il relativo c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734505
Criteri per la determinazione del canone di locazione nella contrattazione territoriale


Definizione di aree aventi caratteristiche omogenee all’interno del territorio comunale

Deve preventivamente essere effettuata - anche avvalendosi della banca dati dell’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle entrate (OMI) - una delimitazione di insiemi di aree aventi caratteristiche omogenee per:

a) valori di mercato;

b) dotazioni infrastrutturali (trasporti pubblici, verde pubblico, servizi scolastici e sanitari, attrezzature commerciali, ecc.);

c) tipologie edilizie, tenendo conto delle categorie e classi catastali;

ferma restando la possibilità di evidenziare - all’interno delle suddette aree - ulteriori zone di particolare pregio o di particolare degrado.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734506
Condizioni e modalità per la stipula di contratti di locazione di natura transitoria


Durata massima

I contratti di locazione di natura transitoria di cui all’art. 5, comma 1, della L. 431/198, hanno durata non superiore a 18 mesi.


Non rientrano nel campo di applicazione della disciplina in oggetto i contratti con durata pari o inferiore a 30 giorni, per i quali la determinazione dei canoni di locazione e la ripartizione degli oneri accessori sono rimessi alla libera contrattazione delle parti.

Casi in cui possono essere stipulati e documentazione delle esigenze di natura transitoria

I contratti di natura transitoria possono essere stipulati per soddisfare particolari esigenze dei proprietari o dei conduttori per fattispecie - con particolare riferimento a quelle derivanti da mobilità lavor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734507
Condizioni e modalità per la stipula di contratti di locazione per studenti universitari


Durata minima e massima

I contratti di locazione in questione possono avere durata da 6 mesi a 3 anni, rinnovabili alla prima scadenza, salvo disdetta del conduttore da comunicarsi almeno un mese e non oltre 3 mesi prima.

Condizioni per la stipula

L’immobile da locare deve trovarsi in un comune sede di università, di corsi universitari distaccati e di specializzazione, e comunque di istituti di istruzione superiore, oppure in un comune limitrofo.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734508
Indicazioni per i contratti da stipularsi in assenza degli accordi locali

Come accennato in precedenza, occorre fare riferimento:

- al D.M. 14/07/2004 per quanto riguarda i contratti di locazione abitativa stipulati ai sensi dell’art. 2, comma 3, della L. 431/1998;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734509
Agevolazioni fiscali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734510
Determinazione del reddito imponibile nei contratti di locazione

Il reddito imponibile dei fabbricati a destinazione abitativa locati è individuato - ai sensi dell’art. 37 del Testo unico delle imposte sui redditi di cui al D.P.R. 917

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734511
Riduzione del reddito imponibile per i contratti stipulati ai sensi del D.M. 16/01/2017

In base al combinato disposto dell’art. 8, comma 1, della L. 431/1998 e dell’art. 5, comma 2, del D.M. 16/01/2017, nei comuni di Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Venezia, nonché nei comuni con questi confinanti, negli altri comuni capoluogo di provincia e nei comuni c.d. “ad alta tensione abitativ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734512
Esempio di determinazione del reddito imponibile

Ad esempio, ipotizzando un contratto relativo ad immobile:

- situato nel comune di Catania;

- stipulato

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734513
Riduzione dell’aliquota in caso di opzione per la c.d. “cedolare secca”

L’art. 5, comma 4, del D.M. 16/01/2017, dispone che qualora il locatore eserciti l’opzione per la c.d. “cedolare secca”, nei medesimi comuni per i quali si applica la riduzione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734514
Riduzione delle imposte d’atto

In base al combinato disposto dell’art. 8, comma 1, della L. 4

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734515
Riduzione dell’aliquota IMU e TASI

Per gli immobili locati con contratti a canone concordato, ai sensi dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734516
Detrazioni per i conduttori

Ai sensi dell’art. 16, comma 01, del D.P.R. 917/1986, ai soggetti titolari di contratti di locazione di unità immobiliari adibite ad abitazione principale spetta una detrazione pari a:

- euro 300, se il reddito complessivo non supera euro 15.493,71;

- euro 150, se il reddito complessivo non supera euro 15.493,71.

Ai sensi del successivo comma 1 dell’art. 16 del D.P.R. 917/1986 - in combinato disposto con l’art. 5, comma 7, del D.M. 16/01/2017 - se il contratto è

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
343551 4734517
Necessità dell’attestazione ai fini delle agevolazioni fiscali

Con la Risoluzione 20/04/2018, n. 31/E, l’Agenzia delle entrate ha fornito chiarimenti in relazione all’art. 1 del D.M. 16/01/2017, il quale al comma 8 stabilisce che, per i contratti a canone concordato di cui all’art. 2 della L. 431/1998, comma 3, nei quali le parti non richiedono l’assistenza delle organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori, occorre acquisire una attestazione - da parte di almeno una organizzazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Compravendita e locazione
  • Imposte sul reddito
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Guida alla "Cedolare secca" sulle locazioni

PREMESSA E QUADRO NORMATIVO; NATURA, PRESUPPOSTI E AMBITO DI APPLICAZIONE (Natura della Cedolare secca; Tributi sostituiti dalla Cedolare secca; Ambito soggettivo e oggettivo di applicazione; Applicazione in relazione ad uno solo dei comproprietari/contitolari; Precisazioni sulla figura del conduttore; Unità immobiliari di proprietà condominiale; Contratti di durata inferiore a 30 giorni nell’anno; Locazione di più immobili con lo stesso contratto; Locazione di solo una o più porzioni di unità abitative; Applicazione alle pertinenze; Sublocazioni, immobili all’estero e terreni) - LOCAZIONI CONCLUSE TRAMITE AGENZIE IMMOBILIARI - ALIQUOTE DELLA CEDOLARE SECCA (ORDINARIA E AGEVOLATA) - ESERCIZIO DELL’OPZIONE ED EVENTUALE REVOCA, CONSEGUENZE (Esercizio dell’opzione per la Cedolare secca ed eventuale revoca; Comunicazione preventiva al conduttore e rinuncia agli aggiornamenti del canone; Effetti dell’opzione ed ipotesi di pluralità di locatori) - CALCOLI DI CONVENIENZA (Variabili da considerare; Esempio pratico; Calcolo del reddito ai fini di benefici fiscali in caso di Cedolare secca; Cedolare secca e applicazione di altre detrazioni e deduzioni fiscali) - CASI PARTICOLARI CHIARITI DALL’AGENZIA DELLE ENTRATE (Trasferimento di immobile locato in ipotesi di successione, donazione o cessione; Comproprietario non risultante dal contratto di locazione).
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Compravendite e locazioni immobiliari: prontuario operativo delle imposte indirette (IVA, registro, ipotecaria e catastale)

1. DEFINIZIONI UTILI (1.1. Distinzione tra fabbricati abitativi e strumentali; 1.2. Determinazione della data di ultimazione della costruzione o dell’intervento; 1.3. Terreni edificabili; 1.4. Reverse charge (inversione contabile)) - 2. OPERAZIONI IMMOBILIARI RILEVANTI E NON AI FINI IVA - 3. REGIME DELLE COMPRAVENDITE IMMOBILIARI (3.1. Compravendite immobiliari imponibili IVA ed esenti; 3.2. Compravendite immobiliari - Riepilogo della tassazione, delle aliquote e degli importi; 3.3. Compravendite immobiliari Casi particolari; 3.4. Compravendite immobiliari Determinazione della base imponibile) - 4. REGIME DELLE LOCAZIONI IMMOBILIARI (4.1. Locazioni immobiliari imponibili IVA ed esenti; 4.2. Locazioni immobiliari - Riepilogo della tassazione, delle aliquote e degli importi; 4.3. Locazioni immobiliari - Casi particolari) - 5. TRATTAMENTO FISCALE DELLE PERTINENZE.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia e immobili
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Istat
  • Compravendita e locazione

Determinazione del canone di locazione immobiliare e aggiornamento con Indici ISTAT

In questo articolo, alla luce delle norme di cui alla L. 431/1998, di quelle ancora vigenti di cui alla L. 392/1978 e del Codice civile, analizziamo la disciplina relativa alla durata del contratto di locazione immobiliare, alla determinazione del canone ed al suo aggiornamento tramite gli Indici ISTAT, con le tabelle complete di questi ultimi e diversi esempi pratici di calcolo. Il tutto con riferimento alle locazioni abitative, anche quelle eventualmente ancora stipulate nel regime dell’ormai abrogato “equo canone”, ed alle locazioni di immobili ad uso diverso.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Compravendita e locazione
  • Edilizia e immobili

Locazioni: le norne per il contrasto ai contratti “in nero” o con canone simulato

Analisi dell'art. 13 della L. 431/1998 dopo le modifiche introdotte dalla Legge di stabilità 2016 destinate al contrasto dell’evasione fiscale nell’ambito dei contratti di locazione abitativa. Le modifiche apportate all’art. 13 della L. 431/1998 con testo a fronte. L'obbligo di registrazione in capo al locatore in relazione alle diverse disposizioni del Testo unico dell'Imposta di registro (D.P.R. 131/1986).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Edilizia e immobili
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Compravendita e locazione
  • Fisco e Previdenza

Locazione: necessità forma scritta e nullità canone simulato (Cass. SS.UU. 18213 e 18214/2015)

Le SS.UU. della Corte di Cassazione chiariscono: che il contratto di locazione abitativo stipulato senza la forma scritta è nullo; che in caso di accordo scritto ove si prevede un canone maggiore rispetto al contratto, il contratto resta valido per il canone apparente, mentre l'accordo relativo al maggior canone è nullo.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia scolastica

Sicilia: interventi di edilizia scolastica per il triennio 2018-2020

  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Standards
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Pianificazione del territorio
  • Titoli abilitativi
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Urbanistica
  • Titoli abilitativi
  • Piano Casa
  • Standards
  • Edilizia e immobili

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Pubblica Amministrazione
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia scolastica

Termine per la trasmissione dei piani regionali triennali di edilizia scolastica