FAST FIND : NW4074

Ultimo aggiornamento
29/05/2018

Livelli di progettazione delle opere pubbliche (bozza decreto attuativo del D. Leg.vo 50/2016)

Sintetica informativa sui contenuti e sull’iter di approvazione del decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti che - ai sensi dell’art. 23, comma 3, del D. Leg.vo 50/2016 - definisce i contenuti della progettazione nei tre livelli (progetto di fattibilità tecnica ed economica, definitivo ed esecutivo). Modifiche ed integrazioni della Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali del 17/05/2018.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Ai sensi del comma 3, dell’art. 23 del D. Leg.vo 50/2016, con Decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti (su proposta del Consiglio superiore dei lavori pubblici, di concerto con il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e con il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo), sono definiti i contenuti della progettazione nei livelli progettuali definiti dal medesimo D. Leg.vo 50/2016. In particolare, in materia di lavori pubblici la progettazione si articola, secondo tre livelli di successivi approfondimenti tecnici, in progetto di fattibilità tecnica ed economica, progetto definitivo e progetto esecutivo.
La bozza del decreto in esame, disponibile in allegato, è stata modificata in data 17/05/2018 da parte della Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali.

CONTENUTI DELLA BOZZA DI DECRETO - Al fine di assicurare la rispondenza degli interventi da progettare ai fabbisogni della collettività ed alle esigenze dell'amministrazione e dell'utenza, nonché per consentire al progettista di avere piena contezza delle esigenze e degli obiettivi dell'intervento e delle modalità per soddisfarli, l’art. 3 della bozza di decreto individua i documenti propedeutici alla progettazione. Tali documenti sono costituiti dal Quadro esigenziale e dal Documento di Indirizzo alla Progettazione (DIP).

L'art. 3, comma 1, della bozza di decreto prevede che le stazioni appaltanti elaborino il Quadro esigenziale, previsto dall'art. 23 ,comma 3, del D. Leg.vo 50/2016, da pubblicare sui siti istituzionali delle amministrazioni. L'art. 3, comma 2, della bozza individua, con riferimento al Quadro esigenziale:

  • gli obiettivi generali da perseguire;
  • i fabbisogni da porre a base dell’intervento;
  • le specifiche esigenze qualitative e quantitative da soddisfare,
  • l'eventuale indicazione delle alternative progettuali.

L’art. 3, comma 4, della bozza prevede che le stazioni appaltanti predispongano il Documento di Indirizzo alla Progettazione, il quale indica le caratteristiche, i requisiti e gli elaborati progettuali necessari per la definizione di ogni livello della progettazione, ai sensi dell'art. 23, comma 4, del D. Leg.vo 50/2016. Il DIP deve riportare:

  • lo stato dei luoghi;
  • gli obiettivi da perseguire;
  • i requisiti tenici che l'intervento deve soddisfare;
  • i livelli della progettazione da sviluppare ed i relativi tempi di svolgimento;
  • gli elaborati grafici e descrittivi da redigere;
  • eventuali raccomandazioni per la progettazione;
  • i limiti finanziari da rispettare;
  • il sistema di realizzazione dell'intervento;
  • la procedura di scelta del contraente;
  • il criterio di aggiudicazione;
  • la tipologia di contratto individuata per la realizzazione dell'intervento.

Lo schema di decreto definisce poi con estremo dettaglio finalità, articolazione, contenuti, documenti ed elaborati di ciascun livello progettuale, dedicando diversi articoli a ciascuno di essi.

ENTRATA IN VIGORE DEL DECRETO E REGIME TRANSITORIO - Le disposizioni di cui al decreto entreranno in vigore 180 giorni dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.
Ai sensi dell’art. 216, comma 4, del D. Leg.vo 50/2016, fino alla data di entrata in vigore del provvedimento continuano ad applicarsi le disposizioni di cui alla Parte II, Titolo II, Capo I (artt. da 14 a 43 del D.P.R. 207/2010), nonché gli allegati o le parti di allegati ivi richiamate.
Si veda sul punto anche l'articolo I lavori pubblici su beni culturali

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Imprese
  • Finanza pubblica
  • Impresa, mercato e concorrenza

Bolzano: finanziamenti in favore di start up innovative

Il “Bando 2018 a favore della capitalizzazione di imprese innovative nuove o da costituire” mette a disposizione una dotazione finanziaria pari a 1.500.000 euro, allo scopo di rendere l’Alto Adige una destinazione interessante per imprese innovative nuove o da costituire e per coloro che hanno come obiettivo lo sviluppo di un’idea innovativa, che deve essere descritta dettagliatamente in un business plan triennale. Concessi contributi a fondo perduto compresi tra 40.000 euro e 200.000 euro. Le domande di aiuto devono pervenire entro le ore 12:00 del 28/02/2019.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Imprese
  • Provvidenze

Sicilia: incentivi per gli interventi di efficienza energetica nelle imprese

La Regione Sicilia incentiva tutti quegli interventi finalizzati alla riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese e le aree produttive, compresa l’installazione degli impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile per l’autoconsumo. La misura gode di un'ottima dotazione finanziaria pari a 37.000.000,00 euro, di cui 27.750.000 € riservati alle micro, piccole e medie imprese e 9.250.000 € riservati alle grandi imprese. Il contributo sarà concesso sulla base di una procedura valutativa a sportello con soglia minima di qualità progettuale. Non sono ammissibili progetti che prevedono interventi di natura strutturale sugli immobili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Imprese
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Sostegno alle PMI per investimenti innovativi nelle regioni meno sviluppate

La misura si rivolge alle micro, piccole e medie imprese ed ai liberi professionisti che intendono realizzare investimenti innovativi in coerenza con il piano nazionale “Impresa 4.0” e la “Strategia nazionale di specializzazione intelligente”. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 341.494.000 euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Provvidenze
  • Fonti alternative
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Efficienza e risparmio energetico

Basilicata: realizzazione di impianti pubblici per la produzione di energia da fonti rinnovabili

La Regione Basilicata ha stanziato 2.447.321 euro a sostegno dell'acquisto e la messa in opera di impianti pubblici da fonti rinnovabili (biomassa, eolico e solare), di potenza nominale complessiva fino a 1 MW. Possono presentare domanda di contributo i Comuni (singoli o associati), gli Enti gestori di aree protette e il Consorzio di bonifica. Il bando, che finanzia il 100% dei costi ammissibili, ha l'obiettivo di migliorare ed espandere le infrastrutture di piccola scala che utilizzano sottoprodotti, materiali di scarto, residui e altre materie grezze non alimentari ai fini della bioeconomia e al risparmio energetico. Non sono ammessi progetti che prevedono l’utilizzo di più fonti energetiche.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti

Lazio: realizzazione di piste ciclabili per favorire la mobilità nuova

Il bando è rivolto agli enti locali della Regione Lazio per la realizzazione di nuove piste ciclabili e per mettere in rete quelle già esistenti. A disposizione circa 11 milioni di euro per concretizzare un sistema integrato di mobilità, accessibile a tutti i cittadini, e sostenibile da un punto di vista economico, sociale e ambientale.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Parchi e aree naturali protette
  • Informatica
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure

Lombardia: avvio della gestione informatica della valutazione di incidenza su habitat

  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Agricoltura e Foreste
  • Acque

Lombardia: presentazione o aggiornamento della Comunicazione nitrati per l'anno 2019

  • Agricoltura e Foreste
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Lombardia: domanda di adesione alla deroga nitrati per l'anno 2019