FAST FIND : NR37002

Deliberaz. G.R. Umbria 19/12/2016, n. 1551

Applicazione dell’art. 56 del R.D. 11 dicembre 1933, n. 1775 e s.m.i.. Licenze di attingimento di acque pubbliche - Atto d’indirizzo.
Scarica il pdf completo
3405880 4160834
Testo del provvedimento

LA GIUNTA REGIONALE


Visto il documento istruttorio concernente l’argomento in oggetto: “Applicazione dell’art. 56 del R.D. 11 dicembre 1933, n. 1775 e s.m.i.. Licenze di attingimento di acque pubbliche - Atto d’indirizzo” e la conseguente proposta dell’assessore Fernanda Cecchini;

Preso atto:

a) del parere favorevole di regolarità tecnica e amministrativa reso dal responsabile del procedimento;

b) del parere favorevole sotto il profilo della legittimità espresso dal dirigente competente;

c) del parere favorevole del direttore in merito alla coerenza dell’atto proposto con gli indirizzi e gli obiettivi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3405880 4160835
Documento istruttorio

Oggetto: Applicazione dell’art. 56 del R.D. 11 dicembre 1933, n. 1775 e s.m.i.. Licenze di attingimento di acque pubbliche - Atto d’indirizzo.


Premesso che:

con L.R. 2 aprile 2015, n. 10, “Riordino delle funzioni amministrative regionali, di area vasta, delle forme associative di Comuni e comunali - conseguenti modificazioni normative” a partire dall’1 dicembre 2015, il complesso delle funzioni e delle attività inerenti al rilascio delle licenze di attingimento di acque pubbliche, esercitate dalle province di Perugia e Terni, sono state riallocate alla Regione Umbria;

tra gli obiettivi assegnati al Servizio Geologico e gestione delle competenze regionali in materia di acque pubbliche è prevista la predisposizione di un atto di indirizzo in materia di attingimento di acque pubbliche;

ad oggi il panorama in materia di licenze di attingimento di acque pubbliche è composto da una serie di disposizioni contenute in leggi statali e regionali oltre che in atti amministrativi predisposti dalla Regione Umbria e dalle province di Perugia e Terni. Il quadro che ne risulta è frammentato e a volte contr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3405880 4160836
Allegato A - Procedure tecnico - amministrative alle quali subordinare la richiesta e il rilascio delle licenze di attingimento da acque pubbliche, di cui all’art. 56 del T.U. di Legge 1775/33 e s.m.i..


1. FINALITÀ

Il presente documento disciplina le modalità per la richiesta e il rilascio delle licenze di attingimento di acque pubbliche a qualsiasi uso.


2. RIFERIMENTI NORMATIVI

Il rilascio delle licenze di attingimento di acque pubbliche soggiace alle seguenti normative nazionali e regionali:

- R.D. 11 dicembre 1933, n. 1775 e s.m.i. “Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e impianti elettrici”;

- L.R. 11 maggio 2007, n. 12, “Norme per il rilascio delle licenze di attingimento di acque pubbliche”;

- D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 e s.m.i., “Norme in materia ambientale”;

- L.R. 22 ottobre 2008, n. 15 e s.m.i., “Norme per la tutela e lo sviluppo del patrimonio ittico regionale, la salvaguardia degli ecosistemi acquatici, l’esercizio della pesca professionale e sportiva e dell’acquacoltura”;

- D.C.R 1 dicembre 2009, n. 357 “Piano regionale di tutela delle acque”;

- D.G.R. 23 dicembre 2009, n. 1857 “Dichiarazione di sintesi finale del Piano di tutela delle Acque approvato con D.C.R. n. 357 del 1° dicembre 2009, comprensiva della descrizione delle misure di monitoraggio ai sensi dell’art. 17, lettera a), b), c) D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. - approvazione”;

- L.R. 10 dicembre 2009, n. 25, “Norme in materia di tutela e salvaguardia delle risorse idriche e Piano Regionale di Tutela delle Acque Modifiche alle leggi regionali 18 febbraio 2004, n. 23 dicembre 2004, n. 33 e 22 ottobre 2008, n. 15”;

- L.R. 21 gennaio 2015, n. 1 “Testo unico governo del territorio e materie correlate” modificata ed integrata dalla L.R. 23 novembre 2016, n. 13;

- L.R. 2 aprile 2015, n. 10, “Riordino delle funzioni amministrative regionali, di area vasta, delle forme associative di Comuni e comunali – conseguenti modificazioni normative”.


3. DEFINIZIONI

Ai sensi dell’art. 56 del Regio Decreto 11 dicembre 1933, n. 1775 e s.m.i., si considera attingimento ogni prelievo di acqua pubblica da corpi idrici superficiali (fiume, torrente, lago, ecc..), che abbia natura saltuaria e di soccorso, mediante opere di prelievo mobili o semifisse, di altri congegni elevatori, o di sifoni, posti sulle sponde ed a cavaliere degli argini, per uso irriguo o altri usi e che rispetti le seguenti caratteristiche:

-1- la portata dell’acqua attinta non deve superare i 100 litri a minuto secondo;

-2- non devono essere intaccati gli argini, né pregiudicate le difese del corso d’acqua;

-3- non devono essere alterate le condizioni del corso d’acqua con pericolo per le utenze esistenti e deve essere salvaguardato il minimo deflusso vitale del corso d’acqua, dove definito.

Per le derivazioni a scopo di piscicoltura che non eccedano il quantitativo di litri dieci al minuto secondo, la licenza è accordata anche quando la presa d’acqua si effettui con modalità diverse da quelle indicate nella prima parte del presente articolo, ferme restando le condizioni di cui ai nn. 2 e 3.


4. USI DELLE ACQUE

L’uso annuale, per scopi irrigui o diversi, delle acque superficiali, definite pubbliche dall’art. 144 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i., è soggetto al regime di cui all’art. 56 del Regio Decreto 11 dicembre 1933, n. 177 e s.m.i.5, che prevede il rilascio della licenza di attingimento da corpi idrici superficiali.

Le licenze possono essere di due tipi:

a) per uso irriguo; abbeveraggio di animali da cortile (si riferisce agli allevamenti domestici da cui non si ricava reddito).

b) per uso diverso dall’irriguo: Industriale (lavaggio inerti, depurazione fumi, raffreddamento macchinari, lavaggio marmi, confezionamento calcestruzzi, accumulo invernale invasi, ecc..); Igienico Sanitario; Antincendio; Autolavaggio; Lavaggio strade; Potabile; Ittiogenico; Irrigazione attrezzature sportive; Irrigazione a verde pubblico; ecc..


5. DOMANDA DI LICENZA DI ATTINGIMENTO

La domanda, tendente all’ottenimento della licenza di attingimento di acque pubbliche, deve essere presentata alla Regione Umbria – “Servizio Geologico e gestione delle competenze regionali in materia di acqua pubblica” - per il tramite del sito internet www.regione.umbria.it, utilizzando i modelli informatizzati 1, in caso di richiesta per uso irriguo e 2, in caso di richiesta per usi diversi, disponibili sullo stesso sito seguendo le istruzioni che seguono e quelle ivi riportate.

a) La domanda deve essere in regola con l’imposta di bollo e corredata, sempre in formato digitale, dei seguenti documenti ed elaborati tecnici:

- copia di un documento di identità del richiedente;

- copia del codice fiscale del richiedente o Partita I.V.A.;

- relazione tecnica illustrativa sul tipo di insediamento, sul consumo previsto nell’arco dell’anno, sulle modalità di captazione dell’acqua e sull’eventuale restituzione della stessa, solo per uso diverso;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3405880 4160837
Modello per uso irriguo

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3405880 4160838
Modello per uso diverso

Parte di provvedimento in formato grafico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Demanio
  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Demanio idrico

Concessioni demaniali marittime, canoni aggiornati, proroghe e scadenze

Quadro normativo di riferimento sui canoni concessori; Tabelle con la misura aggiornata dei canoni (ultimo aggiornamento annuale valido per il 2018 e tabelle storiche); Proroghe e scadenze delle concessioni; Revisione in corso della disciplina e delle zone demaniali; Sospensione procedimenti pendenti al 15/11/2015 relativi alle aree pertinenziali.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Demanio idrico

Concessioni demaniali marittime, il DDL delega per la revisione della normativa

Il disegno di legge in discussione che punta, tra l’altro, a superare il contrasto con la normativa comunitaria in merito alle proroghe automatiche delle concessioni in essere, con affidamenti nel segno della trasparenza e della concorrenza. Si prevede anche la revisione dei canoni concessori.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Fisco e Previdenza
  • Impiantistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Prevenzione Incendi
  • Protezione civile
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia scolastica
  • Energia e risparmio energetico
  • Provvedimenti di proroga termini
  • Lavoro e pensioni
  • Demanio idrico
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Tracciabilità
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Rifiuti
  • Beni culturali e paesaggio
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Terremoto Abruzzo
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Accise
  • Acque
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Pianificazione del territorio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Scuole
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Appalti e contratti pubblici
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Enti locali
  • Calamità/Terremoti
  • Commercio e mercati
  • Avvisi e bandi di gara
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Tutti i termini prorogati dal Decreto-Legge “Milleproroghe” 244/2016 (L. 19/2017)

Rassegna completa di tutti i termini in scadenza di interesse di professionisti tecnici, enti e pubbliche amministrazioni, imprese, prorogati dal consueto decreto-legge “Milleproroghe” (D.L. 244/2016 convertito in legge dalla L. 19/2017). Prevenzione incendi; Protezione civile, calamità e terremoti; Appalti, opere e infrastrutture; Pubblica amministrazione; Ambiente, fonti rinnovabili e sicurezza sul lavoro; Varie.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque

Politica comunitaria in materia di acque

Modificato e integrato il D.Leg.vo 152/2006 per recepire la Direttiva n. 2013/39/UE recante norme relative alle sostanze prioritarie, nuovi standard di qualità ambientale e aggiornamento dell’elenco delle sostanze prioritarie.
A cura di:
  • Antonio Renato Soragnese
  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Fisco e Previdenza
  • Impiantistica
  • Titoli abilitativi
  • Inquinamento acustico
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Gestione delle risorse idriche
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Rifiuti
  • Inquinamento atmosferico
  • Servizio idrico integrato
  • Rifiuti apparecchiature elettriche ed elettroniche
  • Catasto e registri immobiliari
  • Difesa suolo
  • Edilizia e immobili
  • Tutela ambientale
  • Edilizia scolastica
  • Energia e risparmio energetico
  • Procedimenti amministrativi
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti
  • Opere idrauliche, acquedottistiche, marittime e lacuali
  • Parchi e aree naturali protette
  • Impianti di telefonia e comunicazione
  • Impianti elettrici
  • Infrastrutture e reti di energia
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Fonti alternative
  • Acque per consumo umano
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Demanio
  • Appalti e contratti pubblici
  • Espropriazioni per pubblica utilità
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Acque di balneazione

Il “Collegato ambientale” 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella L. 28/12/2015, n. 221 (Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali, cosiddetta “Legge sulla green economy” o “Collegato ambientale”), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Scarichi ed acque reflue
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Toscana, scarichi: conclusione degli interventi di realizzazione o adeguamento

  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Demanio
  • Demanio idrico

Scadenza concessioni demaniali per finalità turistico-ricreative e varie

  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia residenziale
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Finanza pubblica
  • Edilizia e immobili

Trento, proroga delle utenze di acqua pubblica

  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Provvidenze

Bolzano: contributi per la rimozione e lo smaltimento di amianto dagli edifici a uso abitativo

  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica

Campania: incentivi per interventi di bonifica di materiali contenenti amianto triennio 2018-2020 - Anno 2020

18/05/2018

28/04/2018

13/04/2018

23/03/2018