FAST FIND : NW4069

Ultimo aggiornamento
05/03/2017

Commercio al dettaglio su aree pubbliche: normativa e scadenze

Norme sull’autorizzazione per il commercio su aree pubbliche contenute nel D. Leg.vo 114/1998 come modificate dal D. Leg.vo 59/2010, competenze degli enti territoriali, durata e scadenze delle concessioni dopo la proroga al 31/12/2018 introdotta dal D.L. “Milleproroghe” 244/2016.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Si riporta in questo articolo una breve analisi delle norme relative all’autorizzazione per il commercio al dettaglio su aree pubbliche, nonché delle scadenze delle relative concessioni, alla luce dell’ultima proroga al 31/12/2018 stabilita dall’art. 6, comma 8, del D.L. “Milleproroghe” 244/2016, convertito in legge dalla L. 19/2017.

L’AUTORIZZAZIONE PER IL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE - L’art. 28 del D. Leg.vo 114/1998 - come in seguito modificato dall’art. 70 del D. Leg.vo 59/2010 - dispone che il commercio sulle aree pubbliche (strade, canali, piazze, comprese quelle di proprietà privata gravate da servitù di pubblico passaggio ed ogni altra area di qualunque natura destinata ad uso pubblico) può essere svolto su “posteggio” (parte di area pubblica o di area privata della quale il comune abbia la disponibilità) dato in concessione per 10 anni, oppure su qualsiasi area purché “in forma itinerante”.
L’esercizio è soggetto ad apposita concessione rilasciata in base alla pertinente normativa emanata dalla Regione a persone fisiche o società:

  • in caso di utilizzo di un posteggio, dal Comune sede del posteggio stesso (la concessione in questo caso abilita anche all’esercizio in forma itinerante nell’ambito del territorio regionale);
  • in caso di commercio itinerante, dal Comune nel quale il richiedente intende avviare l’attività (la concessione in questo caso abilita anche alla vendita al domicilio del consumatore, nonché nei locali ove questi si trovi per motivi di lavoro, di studio, di cura, di intrattenimento o svago).

Entrambe le autorizzazioni abilitano inoltre alla partecipazione alle “fiere”, da intendersi come manifestazioni caratterizzate dall’afflusso, nei giorni stabiliti sulle aree pubbliche o private delle quali il comune abbia la disponibilità, di operatori autorizzati ad esercitare il commercio su aree pubbliche, in occasione di particolari ricorrenze, eventi o festività.
A seconda del tipo di attività da svolgersi, l’esercizio del commercio su aree pubbliche è soggetto anche:

  • al rispetto delle norme comunitarie e nazionali che tutelano le esigenze igienico sanitarie, qualora ci sia vendita e/o somministrazione di prodotti alimentari;
  • al nulla osta da parte delle competenti autorità, ed alle eventuali modalità e condizioni da queste stabilite, qualora l’attività si svolga nelle aree demaniali marittime.

Il comma 10 dell’art. 28 del D. Leg.vo 114/1998 in commento stabilisce inoltre che senza il permesso del soggetto proprietario o gestore è vietato il commercio sulle aree pubbliche negli aeroporti, nelle stazioni e nelle autostrade.

COMPETENZE DEGLI ENTI TERRITORIALI - In base alla normativa vigente spetta:

  • alla Regione stabilire i criteri generali ai quali i comuni si devono attenere per la determinazione delle aree e del numero dei posteggi da destinare allo svolgimento dell’attività, per l’istituzione, la soppressione o lo spostamento dei mercati che si svolgono quotidianamente o a cadenza diversa, nonché per l’istituzione di mercati destinati a merceologie esclusive;
  • al Comune - sulla base delle disposizioni emanate dalla Regione - stabilire l’ampiezza complessiva delle aree da destinare all’esercizio dell’attività, nonché le modalità di assegnazione dei posteggi, la loro superficie e i criteri di assegnazione delle aree riservate, in misura congrua sul totale, agli imprenditori agricoli che esercitano la vendita diretta.

Spetta ancora al Comune;

  • individuare eventuali aree aventi valore archeologico, storico, artistico e ambientale nelle quali l’esercizio del commercio è vietato o sottoposto a limitazioni particolari ai fini della salvaguardia delle aree predette;
  • prevedere eventuali divieti e limitazioni all’esercizio anche per motivi di viabilità, di carattere igienico sanitario o per altri motivi di pubblico interesse;
  • stabilire le norme per la presentazione e l’istruttoria delle domande di rilascio, nonché tutte le altre norme procedurali, nel rispetto della L. 241/1990.

DURATA E SCADENZE DELLE CONCESSIONI - Poiché il D. Leg.vo 59/2010 ha stabilito nuovi e più stringenti criteri per la selezione dei candidati alla concessione dei posteggi, si è posto il problema della durata delle concessioni in essere alla data della sua entrata in vigore (08/05/2010), evitando disparità con coloro che fossero integralmente soggetti alla nuova normativa e nel rispetto dei principi di equità e trasparenza nella selezione dei candidati richiedenti stabiliti dal medesimo D. Leg.vo. A tale proposito pertanto, l’art. 70, comma 5, del D. Leg.vo 50/2010 ha demandato a un’intesa in sede di Conferenza Unificata l’individuazione di criteri per il rilascio e il rinnovo delle concessioni dei posteggi, nonché di disposizioni transitorie da applicare alle concessioni già in essere alla citata data del 08/05/2010 e di quelle scadenti nel periodo intercorrente tra detta data e l’applicazione di tali disposizioni transitorie.

In applicazione di tale disposizione è stata emanata l’Intesa Conf. Unificata 05/07/2012, n. 83/CU, la quale ha disposto che:

  • le concessioni di posteggio per l’esercizio del commercio su aree pubbliche scadute dopo la data di entrata in vigore del D. Leg.vo 59/2010 (08/05/2010) sono prorogate fino al compimento di sette anni dalla data di entrata in vigore del medesimo D. Leg.vo (quindi fino al 07/05/2017 compreso);
  • le concessioni di posteggio scadenti nel periodo compreso fra la data della citata Intesa ed i cinque anni successivi, sono prorogate fino al termine di tale periodo.

In seguito - in attuazione della successiva Intesa Conf. Unificata 16/07/2015, n. 67/CU, che ha sancito la necessità di applicare la normativa sui criteri per le concessioni in maniera univoca per tutte le attività svolte sulle aree pubbliche (artigianali, di somministrazione di alimenti, e di rivendita di quotidiani e periodici) - è stato emanato un documento condiviso datato 24/03/2016 (consultabile in allegato al presente articolo) disciplinante:

  • la durata delle concessioni (in relazione alla quale si propone di fissare una durata massima, pari a 12 anni, al fine di garantire una remunerazione al netto degli investimenti materiali e immateriali)
  • i criteri di selezione;
  • l’assegnazione di nuove aree pubbliche con i relativi criteri e punteggi di priorità
  • la partecipazione alle procedure di selezione di prestatore proveniente da uno Stato dell’Unione Europea;
  • le disposizioni transitorie.

A tale ultimo proposito, si è stabilita l’applicazione, in fase di prima attuazione (2017-2020), delle seguenti disposizioni transitorie (in lieve variante di quelle previste dalla precedente Intesa):

  • le concessioni di posteggio per l’esercizio del commercio su aree pubbliche scadute dopo la data di entrata in vigore del D. Leg.vo 59/2010 (08/05/2010) sono ulteriormente prorogate fino al compimento di sette anni dalla data di entrata in vigore del medesimo decreto legislativo (quindi fino al 07/05/2017 compreso);
  • le concessioni di posteggio scadenti nel periodo compreso fra la data della nuova Intesa 67/CU/2015 ed i due anni successivi, sono prorogate fino al termine di tale periodo (quindi fino al 15/07/2017 compreso);
  • le concessioni scadute prima della data di entrata in vigore del D. Leg.vo 59/2010 e che hanno pertanto usufruito del rinnovo automatico, mantengono efficacia fino alla naturale scadenza prevista al momento di rilascio o di rinnovo.

Tutti i termini di cui alle tre scadenze sopra indicate sono stati prorogati fino al 31/12/2018 ad opera dell’art. 6, comma 8, del D.L. “Milleproroghe” 244/2016, con la finalità di allineare le scadenze di tutte le concessioni in essere per commercio su aree pubbliche garantendo omogeneità di gestione delle procedure di assegnazione, nel rispetto dei principi di tutela della concorrenza. In pratica:

  • tutte le concessioni in essere scadenti prima del 31/12/2018 sono prorogate a tale data;
  • le altre concessioni in essere già scadute prima della data di entrata in vigore del D. Leg.vo 59/2010, che hanno usufruito del rinnovo automatico e scadenti dopo il 31/12/2018 sfuggono alla menzionata disposizione e mantengono efficacia fino alla naturale scadenza prevista al momento di rilascio o di rinnovo.

Il citato art. 6, comma 8, dispone inoltre che entro la stessa data le amministrazioni interessate che non vi abbiano già provveduto devono avviare le procecure di selezione pubblica al fine del rilascio delle nuove concessioni.

Dalla redazione

Tutti i termini prorogati dal Decreto-Legge “Milleproroghe” 244/2016 (L. 19/2017)

Rassegna completa di tutti i termini in scadenza di interesse di professionisti tecnici, enti e pubbliche amministrazioni, imprese, prorogati dal consueto decreto-legge “Milleproroghe” (D.L. 244/2016 convertito in legge dalla L. 19/2017). Prevenzione incendi; Protezione civile, calamità e terremoti; Appalti, opere e infrastrutture; Pubblica amministrazione; Ambiente, fonti rinnovabili e sicurezza sul lavoro; Varie.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

DL "art bonus" 83/2014: le misure su beni culturali e paesaggio dopo la conversione in legge

Credito d’imposta per erogazioni liberali a sostegno della cultura; Limitazione licenze per attività commerciali nei siti culturali; Credito d’imposta per le imprese alberghiere su investimenti per la digitalizzazione e alla realizzazione di interventi edilizi; Piano di infrastrutture per la mobilità turistica; Concessione gratuita a fini turistici di immobili pubblici inutilizzati; Coincidenza momento iniziale nulla osta paesaggistico e rilascio titolo edilizio. AGGIORNAMENTO GENNAIO 2016 con la L. 208/2015 che ha reso stabile il beneficio del credito d’imposta per la cultura.
A cura di:
  • Dino de Paolis

L’insediamento delle attività commerciali e produttive: la tutela della concorrenza e la tutela del territorio sono alternative?

Il c.d. «decreto fare» ha modificato la disciplina dell’insediamento delle attività commerciali e produttive, nella parte che regolamenta il loro insediamento in assenza di contingenti e di vincoli (ostativi alla libera iniziativa e, quindi, anticoncorrenziali), consentendo ai Comuni di prevedere limitazioni all’insediamento ovvero l’interdizione all’insediamento in determinate aree. Si pone quindi la necessità di definire quali principi e quali criteri adottare per individuare, all’interno degli strumenti urbanistici comunali, le aree ove inibire ovvero limitare l’insediamento di attività produttive e commerciali.
A cura di:
  • Roberto Gallia

Direttiva servizi nel mercato interno: semplificazioni e libera concorrenza

Il nuovo D.Leg.vo 6 agosto 2012, n. 147, entrato in vigore il 14 settembre 2012, ha l’obiettivo di favorire la semplificazione e la libera concorrenza nel mercato dei servizi rendendo, tra l’altro, più rapido e semplice l'avvio di una nuova attività nel settore dei servizi ed abrogando diversi Albi e Ruoli. La materia disciplinata dalla Direttiva n. 2006/123/CE è stata recepita nell’ordinamento nazionale dal D.Leg.vo 26 marzo 2010, n. 59.
A cura di:
  • Antonio Renato Soragnese

Commercio al dettaglio su aree pubbliche: normativa e scadenze

Norme sull’autorizzazione per il commercio su aree pubbliche contenute nel D. Leg.vo 114/1998 come modificate dal D. Leg.vo 59/2010, competenze degli enti territoriali, durata e scadenze delle concessioni dopo la proroga al 31/12/2018 introdotta dal D.L. “Milleproroghe” 244/2016.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica