FAST FIND : NN10935

D.L. 13/08/2011, n. 138

Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo.
Stralcio. In vigore dal 13/08/211.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L. 14/09/2011, n. 148 (Legge di conversione. Le modifiche introdotte in sede di conversione in legge sono riportate in corsivo e sono entrate in vigore dal 17.09.2011)
- L. 12/11/2011, n. 183
- L. 22/12/2011, n. 214
- D.L. 24/01/2012, n. 1 (L. 24/03/2012, n. 27)
- L. 24/02/2012, n. 14
- D.L. 02/03/2012, n. 16 (L. 26/04/2012, n. 44)
- D.L. 22/06/2012, n. 83 (L. 07/08/2012, n. 134)
- D.L. 28/06/2012, n. 89 (L. 07/08/2012, n. 132)
- Sentenza C. Cost. 02/07/2012, n. 176
- Sentenza C. Cost. 17/07/2012, n. 199
- Sentenza C. Cost. 17/07/2012, n. 200
- D.L. 18/10/2012, n. 179 (L. 17/12/2012, n. 221)
- Sentenza C. Cost. 19/12/2012, n. 287
- D.L. 08/04/2013, n. 35 (L. 06/06/2013, n. 64)
- D.L. 21/06/2013, n. 69 (L. 07/08/2013, n. 98)
- L. 27/12/2013, n. 147
- L. 07/04/2014, n. 56
- L. 23/12/2014, n. 190
- D. Leg.vo 19/08/2016, n. 175
- L. 04/08/2017, n. 124
- L. 27/12/2017, n. 205
Scarica il pdf completo
334438 4432708
TITOLO I - DISPOSIZIONI PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432709
Art. 01. - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432710
Art. 1. - Disposizioni per la riduzione della spesa pubblica

Omissis

6. All'articolo 40 del citato decreto-legge n. 98 del 2011 convertito con legge n. 111 del 2011, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 1-ter, le parole: «del 5 per cento per l'anno 2013 e del 20 per cento a decorrere dall'anno 2014», sono sostituite dalle seguenti: «del 5 per cento per l'anno 2012 e del 20 per cento a decorrere dall'anno 2013»; nel medesimo comma, in fine, è aggiunto il seguente periodo: «Al fine di garantire gli effetti finanziari di cui al comma 1-quater, in alternativa, anche parziale, alla riduzione di cui al primo periodo, può essere disposta, con decreto del Presidente del consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell'economia e delle finanze, la rimodulazione delle aliquote delle imposte indirette, inclusa l'accisa.»;

b) al comma 1-quater, primo periodo, le parole: «30 settembre 2013», sono sostituite dalle seguenti: «30 settembre 2012»; nel medesimo periodo, le parole: «per l'anno 2013», sono sostituite dalle seguenti: «per l'anno 2012, nonché a 16.000 milioni di euro per l'anno 2013».

Omissis

11. La sospensione di cui all'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432711
Art. 1-bis. - Art. 1-ter. Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432712
Art. 2. - Disposizioni in materia di entrate

Omissis

2-bis. Al decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, sono apportate le seguenti modifiche:

a) il primo comma dell'articolo 16 è sostituito dal seguente: «L'aliquota dell'imposta è stabilita nella misura del ventuno per cento della base imponibile dell'operazione.»;

b) il secondo comma dell'articolo 27 è sostituito dal seguente: «Per i commercianti al minuto e per gli altri contribuenti di cui all'articolo 22 l'importo da versare o da riportare al mese successivo è determinato sulla base dell'ammontare complessivo dell'imposta relativa ai corrispettivi delle operazioni imponibili registrate per il mese precedente ai sensi dell'articolo 24, calcolata su una quota imponibile ottenuta dividendo i corrispettivi stessi per 104 quando l'imposta è del quattro per cento, per 110 quando l'imposta è del dieci per cento, per 121 quando l'imposta è del ventuno per cento, moltiplicando il quoziente per cento ed arrotondando il prodotto, per difetto o per eccesso, al centesimo di euro»;

c) la rubrica della tabella B è sostituita dalla seguente: «Prodotti soggetti a specifiche discipline».

2-ter. Le disposizioni del comma 2-bis si applicano alle operazioni effettuate a partire dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.

2-quater. La variazione dell'aliquota dell'imposta sul valore aggiunto di cui al comma 2-bis non si applica alle operazioni effettuate nei confronti dello Stato e degli enti e istituti indicati nel quinto comma dell'articolo 6 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, per le quali al giorno precedente la data di cui al comma 2-ter sia stata emessa e registrata la fattura ai sensi degli articoli 21, 23 e 24 del predetto decreto, ancorché al medesimo giorno il corrispettivo non sia stato ancora pagato.

Omissis

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432713
TITOLO II - LIBERALIZZAZIONI, PRIVATIZZAZIONI ED ALTRE MISURE PER FAVORIRE LO SVILUPPO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432714
Art. 3. - Abrogazione delle indebite restrizioni all'accesso e all'esercizio delle professioni e delle attività economiche

1. Comuni, Province, Regioni e Stato, “entro il 30 settembre 2012” N10 adeguano i rispettivi ordinamenti al principio secondo cui l'iniziativa e l'attività economica privata sono libere ed è permesso tutto ciò che non è espressamente vietato dalla legge nei soli casi di:

a) vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali;

b) contrasto con i principi fondamentali della Costituzione;

c) danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana e contrasto con l'utilità sociale;

d) disposizioni indispensabili per la protezione della salute umana, la conservazione delle specie animali e vegetali, dell'ambiente, del paesaggio e del patrimonio culturale;

e) disposizioni relative alle attività di raccolta di giochi pubblici ovvero che comunque comportano effetti sulla finanza pubblica.

2. Il comma 1 costituisce principio fondamentale per lo sviluppo economico e attua la piena tutela della concorrenza tra le imprese.

3. Sono in ogni caso soppresse, alla scadenza del termine di cui al comma 1, le disposizioni normative statali incompatibili con quanto disposto nel medesimo comma, con conseguente diretta applicazione degli istituti della segnalazione di inizio di attività e dell'autocertificazione con controlli successivi. Nelle more della decorrenza del predetto termine, l'adeguamento al principio di cui al comma 1 può avvenire anche attraverso gli strumenti vigenti di semplificazione normativa. Entro il 31 dicembre 2012 il Governo è autorizzato ad adottare uno o più regolamenti ai sensi dell'articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, con i quali vengono individuate le disposizioni abrogate per effetto di quanto disposto nel presente comma ed è definita la disciplina regolamentare della materia ai fini dell'adeguamento al principio di cui al comma 1. N36

4. N6

5. Fermo restando l'esame di Stato di cui all'articolo 33, quinto comma, della Costituzione per l'accesso alle professioni regolamentate, “secondo i principi della riduzione e dell’accorpamento, su base volontaria, fra professioni che svolgono attività similari” N11 gli ordinamenti professionali devono garantire che l'esercizio dell'attività risponda senza eccezioni ai principi di libera concorrenza, alla presenza diffusa dei professionisti su tutto il territorio nazionale, alla differenziazione e pluralità di offerta che garantisca l'effettiva possibilità di scelta degli utenti nell'ambito della più ampia informazione relativamente ai servizi offerti. “Con decreto del Presidente della Repubblica emanato ai sensi dell'articolo 17, comma 2, della legge 23 ag

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432715
Art. 3bis. - Ambiti territoriali e criteri di organizzazione dello svolgimento dei servizi pubblici locali

N14

1. A tutela della concorrenza e dell’ambiente, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano organizzano lo svolgimento dei servizi pubblici locali a rete di rilevanza economica “definendo il perimetro degli” N25 ambiti o bacini territoriali ottimali e omogenei tali da consentire economie di scala e di differenziazione idonee a massimizzare l’efficienza del servizio “e istituendo o designando gli enti di governo degli stessi” N26, entro il termine del 30 giugno 2012. La dimensione degli ambiti o bacini territoriali ottimali di norma deve essere non inferiore almeno a quella del territorio provinciale. Le regioni possono individuare specifici bacini territoriali di dimensione diversa da quella provinciale, motivando la scelta in base a criteri di differenziazione territoriale e socio-economica e in base a principi di proporzionalità, adeguatezza ed efficienza rispetto alle caratteristiche del servizio, anche su proposta dei comuni presentata entro il 31 maggio 2012 previa lettera di adesione dei sindaci interessati o delibera di un organismo associato e già costituito ai sensi dell’articolo 30 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267. Fermo restando il termine di cui al primo periodo del presente comma “che opera anche in deroga a disposizioni esistenti in ordine ai tempi previsti per la riorganizzazione del servizio in ambiti” N26, è fatta salva l’organizzazione di servizi pubblici locali di settore in ambiti o bacini territoriali ottimali già prevista in attuazione di specifiche direttive europee nonché ai sensi delle discipline di settore vigenti o, infine, delle disposizioni regionali che abbiano già avviato la costituzione di ambiti o bacini territoriali “in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432716
Art. 4. - Adeguamento della disciplina dei servizi pubblici locali al referendum popolare e alla normativa dall'Unione europea

N35

1. Gli enti locali, nel rispetto dei principi di concorrenza, di libertà di stabilimento e di libera prestazione dei servizi, “dopo aver individuato i contenuti specifici degli obblighi di servizio pubblico e universale,” N11 verificano la realizzabilità di una gestione concorrenziale dei servizi pubblici locali di rilevanza economica, di seguito «servizi pubblici locali», liberalizzando tutte le attività economiche compatibilmente con le caratteristiche di universalità e accessibilità del servizio e limitando, negli altri casi, l'attribuzione di diritti di esclusiva alle ipotesi in cui, in base ad una analisi di mercato, la libera iniziativa economica privata non risulti idonea a garantire un servizio rispondente ai bisogni della comunità.

2. All'esito della verifica di cui al comma 1 l'ente adotta una delibera quadro che illustra l'istruttoria compiuta ed evidenzia, per i settori sottratti alla liberalizzazione, le ragioni della decisione e i benefici per la comunità locale derivanti dal mantenimento di un regime di esclusiva del servizio. “Con la stessa delibera gli enti locali valutano l'opportunità di procedere all'affidamento simultaneo con gara di una pluralità di servizi pubblici locali nei casi in cui possa essere dimostrato che tale scelta sia economicamente vantaggiosa.” N1

3. Per gli enti territoriali con popolazione superiore a 10.000 abitanti, la delibera di cui al comma 2 “nel caso di attribuzione di diritti di esclusiva se il valore economico del servizio è pari o superiore alla somma complessiva di 200.000 euro annui” N26 è “trasmessa per un” N25 parere obbligatorio “all’Autorità” N25 garante della concorrenza e del mercato, “che può pronunciarsi entro sessanta giorni” N25, sulla base dell’istruttoria svolta N27 dall’ente locale, in merito all’esistenza di ragioni idonee e sufficienti all’attribuzione di diritti di esclusiva e alla correttezza della scelta eventuale di procedere all’affidamento simultaneo con gara di una pluralità di servizi pubblici locali. “Decorso inutilmente il termine di cui al periodo precedente, l'ente richiedente adotta la delibera quadro di cui al comma 2.” N28 La delibera e il parere sono resi pubblici sul sito internet, ove presente, e con ulteriori modalità idonee. N16

4. L’invio all’Autorità garante della concorrenza e del mercato, per il parere obbligatorio, della verifica di cui al comma 1 e del relativo schema di delibera quadro di cui al comma 2, è effettuato entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto e poi periodicamente secondo i rispettivi ordinamenti degli enti locali. La delibera quadro di cui al comma 2 è comunque adottata prima di procedere al conferimento e al rinnovo della gestione dei servizi, entro “novanta giorni dalla trasmissione del parere all'Autorità”N25 garante della concorrenza e del mercato. In assenza della delibera, l’ente locale non può procedere all’attribuzione di diritti di esclusiva ai sensi del presente articolo. N16

5. Gli enti locali, per assicurare agli utenti l'erogazione di servizi pubblici che abbiano ad oggetto la produzione di beni e attività rivolte a realizzare fini sociali e a promuovere lo sviluppo economico e civile delle comunità locali, definiscono preliminarmente, ove necessario, gli obblighi di servizio pubblico, prevedendo le eventuali compensazioni economiche alle aziende esercenti i servizi stessi “determinate, con particolare riferimento al trasporto pubblico regionale e locale, tenendo in adeguata considerazione l'ammortamento degli investimenti effettuati nel comparto del trasporto su gomma, e che dovrà essere osservato dagli enti affidanti nella quantificazione dei corrispettivi da porre a base d'asta previsti nel bando di gara o nella lettera d'invito di cui al comma 11” N26, tenendo conto dei proventi derivanti dalle tariffe e nei limiti della disponibilità di bilancio destinata allo scopo.

6. All'attribuzione di diritti di esclusiva ad un'impresa incaricata della gestione di servizi pubblici locali consegue l'applicazione di quanto disposto dall'articolo 9 della legge 10 ottobre 1990, n. 287, e successive modificazioni.

7. I soggetti gestori di servizi pubblici locali, qualora intendano svolgere attività in mercati diversi da quelli in cui sono titolari di diritti di esclusiva, sono soggetti alla disciplina prevista dall'articolo 8, commi 2-bis e 2-quater, della legge 10 ottobre 1990, n. 287, e successive modificazioni.

8. Nel caso in cui l'ente locale, a seguito della verifica di cui al comma 1, intende procedere all'attribuzione di diritti di esclusiva, il conferimento della gestione di servizi pubblici locali avviene in favore di imprenditori o di società in qualunque forma costituite individuati mediante procedure competitive ad evidenza pubblica, nel rispetto dei principi del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea e dei principi generali relativi ai contratti pubblici e, in particolare, dei principi di economicità, imparzialità, trasparenza, adeguata pubblicità, non discriminazione, parità di trattamento, mutuo riconoscimento e proporzionalità. Le medesime procedure sono indette nel rispetto degli standard qualitativi, quantitativi, ambientali, di equa distribuzione sul territorio e di sicurezza definiti dalla legge, ove esistente, dalla competente autorità di settore o, in mancanza di essa, dagli enti affidanti.

9. Le società a capitale interamente pubblico possono partecipare alle procedure competitive ad evidenza pubblica, sempre che non vi siano specifici divieti previsti dalla legge.

10. Le imprese estere, non appartenenti a Stati membri dell'Unione europea, possono essere ammesse alle procedure competitive ad evidenza pubblica per l'affidamento di servizi pubblici locali a condizione che documentino la possibilità

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432717
Art. 5. - Norme in materia di società municipalizzate

1. Una quota del Fondo infrastrutture di cui all'art. 6-quinquies del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, nei limiti delle disponibilità in base alla legislazione vigente e comunque fino a 250 milioni di euro per l'anno 2013 e 250 milioni di euro per l'anno 2014, è destinata, con decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti di concerto con il Ministro dell'eco

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432718
Art. 5-bis. Sviluppo delle regioni dell'obiettivo convergenza e realizzazione del Piano Sud

N34

1. Al fine di garantire l'efficacia delle misure finanziarie per lo sviluppo delle regioni dell'obiettivo convergenza e l'attuazione delle finalità del Piano per il Sud, a decorrere dall'anno finanziario in corso al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432719
Art. 6. - Liberalizzazione in materia di segnalazione certificata di inizio attività, denuncia e dichiarazione di inizio attività. Ulteriori semplificazioni

1. All'art. 19, della legge 7 agosto 1990, n. 241 sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 4, dopo le parole «primo periodo del comma 3» sono inserite le seguenti: «ovvero di cui al comma 6-bis»;

b) al comma 6-bis, secondo periodo, dopo le parole: «disposizioni di cui», sono inserite le seguenti: «al comma 4 e»;

c) è aggiunto, in fine, il seguente comma:

«6-ter. La segnalazione certificata di inizio attività, la denuncia e la dichiarazione di inizio attività non costituiscono provvedimenti taciti direttamente impugnabili. Gli interessati possono sollecitare l'esercizio delle verifiche spettanti all'amministrazione e, in caso di inerzia, esperire esclusivamente l'azione di cui all'art. 31, commi 1, 2 e 3 del decreto legislativo 2 luglio 2010, n. 104».

2. Al fine di garantire un adeguato periodo transitorio per

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432720
Art. 6-bis. - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432721
Art. 6-ter. - Fondo di rotazione per la progettualità

1. Le risorse disponibili sul Fondo di rotazione di cui all'articolo 1, comma 54, della legge 28 dicembre 1995, n. 549, sono destinate prioritariamente alla progettazione delle op

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432722
Art. 7. - Art. 7-bis. Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432723
TITOLO III - MISURE A SOSTEGNO DELL'OCCUPAZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432724
Art. 8 - Sostegno alla contrattazione collettiva di prossimità

1. I contratti collettivi di lavoro sottoscritti a livello aziendale o territoriale da associazioni dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale o territoriale ovvero dalle loro rappresentanze sindacali operanti in azienda ai sensi della normativa di legge e degli accordi interconfederali vigenti, compreso l'accordo interconfederale del 28 giugno 2011, possono realizzare specifiche intese con efficacia nei confronti di tutti i lavoratori interessati a condizione di essere sottoscritte sulla base di un criterio maggioritario relativo alle predette rappresentanze sindacali, finalizzate alla maggiore occupazione, alla qualità dei contratti di lavoro, all'adozione di forme di partecipazione dei lavoratori, alla emersione del lavoro irregolare, agli incrementi di competitività e di salario, alla gestione delle crisi aziendali e occupazionali, agli investimenti e all'avvio di nuove attività.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432725
Art. 9 - Collocamento obbligatorio e regime delle compensazioni

1. All'articolo 5 della legge 12 marzo 1999, n. 68, sono apportate le seguenti modifiche:

a) il comma 8 è sostituito dal seguente: «8. Gli obblighi di cui agli articoli 3 e 18 devono essere rispettati a livello nazionale. Ai fini del rispetto degli obblighi ivi previsti, i datori di lavoro privati che occ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432726
Art. 10 - Fondi interprofessionali per la formazione continua

1. All'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432727
Art. 11 - Livelli di tutela essenziali per l'attivazione dei tirocini

N49

1. I tirocini

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432728
Art. 12 - Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro

1. Dopo l'articolo 603 del codice penale sono inseriti i seguenti:

«Art. 603-bis (Intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro). - Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque svolga un'attività organizzata di intermediazione, reclutando manodopera o organizzandone l'attività lavorativa caratterizzata da sfruttamento, mediante violenza, minaccia, o intimidazione, approfittando dello stato di bisogno o di necessità dei lavoratori, è punito con la reclusione da cinque a otto anni e con la multa da 1.000 a 2.000 euro per ciascun lavoratore reclutato.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432729
TITOLO IV - RIDUZIONE DEI COSTI DEGLI APPARATI ISTITUZIONALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432730
Art. 13. - Trattamento economico dei parlamentari e dei membri degli altri organi costituzionali. Incompatibilità. Riduzione delle spese per i referendum

1. A decorrere dal mese successivo a quello di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, per gli anni 2011, 2012 e 2013, ai membri degli organi costituzionali, fatta eccezione per il Presidente della Repubblica e i componenti della Corte costituzionale, si applica, senza effetti a fini previdenziali, una riduzione delle retribuzioni o indennità di carica superiori a 90.000 Euro lordi annui previste alla data di entrata in vigore del presente decreto, in misura del 10 per cento per la parte eccedente i 90.000 euro e fino a 150.000 euro, nonché del 20 per cento per la parte eccedente 150.000 euro. A seguito della predetta riduzione il trattamento economico complessivo non può essere comunque inferiore a 90.000 euro lordi annui.

2. In attesa della revisione costituzionale concernente la riduzione del numero dei parlamentari e della rideterminazione del tra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432731
Art. 14. - Art. 15. Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432732
Art. 16. - Riduzione dei costi relativi alla rappresentanza politica nei comuni e razionalizzazione dell'esercizio delle funzioni comunali

Omissis

17. A decorrere dal primo rinnovo di ciascun consiglio comunale successivo alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto:

a) per i comuni con popolazione fino a 3.000 abitanti, il consiglio comunale è composto, oltre che dal sindaco, da dieci consiglieri e il numero massimo degli assessori è stabilito in due; N42

b) per i comuni con popol

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432733
Art. 17. - Art. 19. Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432734
Art. 19-bis. - Disposizioni finali concernenti le regioni a statuto speciale e le province autonome

1. L'attuazione delle disposizioni del presente decreto nelle regioni a statuto sp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334438 4432735
Art. 20. - Entrata in vigore

1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge.



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
Testo coordinato con la legge di conversione.

Dalla redazione

  • Rifiuti
  • Tracciabilità
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

SISTRI: soggetti obbligati, adempimenti e scadenze per l’uso del sistema

Scopo del sistema e normativa di riferimento; Soggetti che si devono o si possono iscrivere al SISTRI; Adesione obbligatoria - Soggetti tenuti ad iscriversi al SISTRI; Adesione volontaria; Trasporto intermodale; Produzione accidentale dei rifiuti; Termini di applicazione sistema sanzionatorio; Sanzioni omessa iscrizione e pagamento contributo; Prescrizione omesso pagamento contributo; Altre sanzioni principali e accessorie; Tenuta registri e formulari; Cumulo giuridico delle sanzioni e ravvedimento operoso.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Professioni
  • Tariffa Professionale e compensi

Il nuovo Codice deontologico degli Ingegneri italiani

Commento completo al nuovo Codice deontologico degli Ingegneri, emanato il 14/05/2014 e con il quale si è provveduto, tra l’altro, ad adeguare i precetti alle direttrici della riforma degli ordinamenti professionali resa esecutiva con il D.P.R. 137/2012. Viene dettagliatamente illustrata la nuova disciplina, cercando da un lato, tramite la costante comparazione con la precedente, di agevolare la messa a fuoco delle principali novità, dall’altro di declinare i precetti deontologici in una accezione pratica che aiuti il professionista a collocarli nell’attività quotidiana traducendoli in concreti comportamenti «deontologicamente» corretti.
A cura di:
  • Rosalisa Lancia
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Professioni

Assicurazione professionale Ingegneri: le Linee di indirizzo del CNI

Sulla base delle questioni più delicate sottoposte dai professionisti tramite il servizio FAQ, il Centro Studi del Consiglio Nazionale degli Ingegneri ha elaborato un documento concernente "Linee di indirizzo sull'obbligo di assicurazione professionale". Consulta il documento e gli altri approfondimenti e chiarimenti disponibili sul tema.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Professioni
  • Esercizio, ordinamento e deontologia

Il decreto 137/2012 che attua la riforma degli ordinamenti professionali

Proponiamo in primo luogo una breve ricognizione delle norme legislative e regolamentari che sono intervenute a disciplinare gli ordinamenti professionali ed altri aspetti dell’esercizio professionale (compensi, tirocinio, società di professionisti). A seguire saranno approfonditi i temi trattati dal D.P.R. 137/2012 tramite una agevole tabella che riepiloga i punti salienti della nuova disciplina degli ordinamenti professionali.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Professioni
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Previdenza professionale

Riforma degli ordinamenti professionali

Un completo riepilogo dell’intervento di riforma delle attività di libera professione. Dopo la conversione in legge del decreto-legge liberalizzazioni 1/2012, che ha fatto seguito ai ripetuti e recenti provvedimenti sulla materia, si delinea una riforma delle professioni in due tempi, con le norme sull’abrogazione delle tariffe professionali e l’esercizio della professione in forma associata immediatamente vigenti, ed il corpus della riforma affidato a futuri decreti ministeriali, che dovranno essere emanati entro il 13/08/2012.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tracciabilità
  • Rifiuti

SISTRI: sanzioni per omessa iscrizione e omesso pagamento

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tracciabilità
  • Rifiuti

SISTRI: applicazione sistema sanzionatorio

25/07/2017

30/05/2017

24/02/2017