FAST FIND : NR26578

L. R. Puglia 01/08/2011, n. 21

Modifiche e integrazioni alla legge regionale 30 luglio 2009, n. 14, nonché disposizioni regionali in attuazione del decreto legge 13 maggio 2011, n. 70, convertito,con modificazioni, dalla legge 12 luglio 2011, n. 106.
Scarica il pdf completo
334186 424773
[Premessa]



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424774
TITOLO I - MODIFICHE E INTEGRAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 30 LUGLIO 2009, N. 14.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424775
Art. 1 - Modifica dell’articolo 2 della legge regionale 30 luglio 2009, n. 14

1. Il comma 2 dell’articolo 2 (Definizioni) della legge regionale 30 luglio 2009, n. 14 R (Misure straordinarie e urgenti a sostegno dell’attività edilizia e per il miglioramento della qualità del patrimonio edilizio residenziale), è sostituito dal seguente:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424776
Art. 2 - Modifiche e integrazioni all’articolo 3 della l.r. 14/2009

1. All’articolo 3 (Interventi straordinari di ampliamento) della l.r. 14/2009 sono apportate le seguenti modifiche e integrazioni:

a) all’alinea del comma 1, dopo le parole: “Possono essere ampliati, nel limite del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424777
Art. 3 - Modifica all’articolo 4 della l.r. 14/2009

1. Il comma 1 dell’articolo 4 (Interventi straordinari di demolizione e ricostruzione) della l.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424778
Art. 4 - Modifiche e integrazioni all’articolo 5 della l.r. 14/2009

1. All’articolo 5 (Condizioni e modalità generali) della l.r. 14/2009 sono apportate le seguenti modifiche e integrazioni:

a) il comma 2 è sostituito dal seguente:

“2. Gli immobili interessati dagli interventi previsti dagli articoli 3 e 4 devono risultare regolarmente accatastati presso le agenzie del territorio, ai sensi del testo unico delle leggi sul nuovo catasto approvato con regio decreto 8 ottobre 1931, n. 1572. Per gli edifici che devono essere accatastati al nuovo catasto edilizio urbano, ai sensi del regio decreto-legge 13 aprile 1939, n. 652 (Accertamento generale dei fabbricati urbani, rivalutazione del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424779
Art. 5 - Modifica all’articolo 6 della l.r. 14/2009

1. All’articolo 6 (Limiti di applicazione), comma 1, lettera K), della l.r. 14/2009 le parole: &ldqu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424780
Art. 6 - Modifiche e integrazioni all’articolo 7 della l.r. 14/2009

1. All’articolo 7 (Tempi e titoli abilitativi) della l.r. 14/2009 sono apportate le seguenti modifiche e int

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424781
Art. 7 - Entrata in vigore delle modifiche alla l.r. 14/2009

1. Le modifiche alla l.r. 14/2009 introdotte con la presente legge non necessitano di alcun atto ammi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424782
TITOLO II - DISPOSIZIONI IN ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGGE 13 MAGGIO 2011, N. 70 (SEMESTRE EUROPEO - PRIME DISPOSIZIONI URGENTI PER L’ECONOMIA), CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI, DALLA LEGGE 12 LUGLIO 2011, N. 106


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424783
Art. 8 - Modifiche all’articolo 7 bis della legge regionale 29 luglio 2008, n. 21

1. Il titolo dell’articolo 7 bis (Interventi di riqualificazione edilizia attraverso la delocal

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424784
Art. 9 - Integrazioni alla legge regionale 29 luglio 2008, n. 21

1. Dopo l’articolo 7 bis della l.r. 21/2008 sono aggiunti i seguenti:

“Art. 7 ter - Riqualificazione urbana attraverso interventi di demolizione e ricostruzione di edifici residenziali

1. Per favorire interventi di riqualificazione di aree urbane degradate, i comuni possono individuare ambiti del territorio comunale ove è consentita la sostituzione, attraverso interventi di demolizione e ricostruzione nella medesima area o la rimozione con delocalizzazione delle relative volumetrie in area o aree diverse, di singoli edifici destinati alla residenza o a usi strettamente connessi, legittimamente realizzati o per i quali sia stata rilasciata sanatoria edilizia, secondo criteri rispondenti all’esigenza di migliorare la qualità ambientale e architettonica degli insediamenti, di assicurare il risparmio delle risorse energetiche e idriche, di ridurre il consumo del suolo agricolo e della mobilità individuale su gomma.

2. Per le finalità di cui al comma 1, i Comuni possono riconoscere, come misura premiale, una volumetria supplementare nella misura massima del 10 per cento della volumetria edificata preesistente, purché sussistano le seguenti condizioni:

a) gli edifici da sostituire o rimuovere devono essere ubicati all’interno dei centri abitati;

b) la demolizione non può interessare comunque gli immobili elencati nel comma 6 dell’articolo 7 bis della presente legge;

c) la ricostruzione, fermo restando il rispetto delle altezze massime e le distanze minime previste dagli strumenti urbanistici generali vigenti, deve essere coerente dal punto di vista funzionale, morfologico e architettonico con il tessuto insediativo in cui si inserisce, curando particolarmente le relazioni con la natura, forma, dimensione e funzione di tutti gli spazi costruiti e spazi aperti che hanno rilevanza ai fini della migliore fruizione dello spazio pubblico e di uso pubblico;

d) la ricostruzione non può avvenire nella stessa area oggetto di demolizione qualora l’edificio sia ubicato in una delle zone o degli ambiti territoriali elencati nel comma 5 dell’articolo 7 bis;

e) ove si proceda alla delocalizzazione delle volumetrie, le aree di sedime e di pertinenza dell’edificio demolito devono rimanere libere da edificazione; a tal fine, l’interessato si deve impegnare, previa stipulazione di apposita convenzione con il Comune, alla demolizione dell’edificio e al ripristino ambientale di dette aree;

f) ove si proceda alla delocalizzazione, la ricostruzione deve avvenire, successivamente alla demolizione e al ripristino ambientale di cui alla lettera e), in area o aree ubicate al di fuori delle zone o degli ambiti territoriali elencati nel comma 5 dell’articolo 7 bis, che devono essere puntualmente indicate nella convenzione stipulata tra il Comune e l’interessato;

g) la destinazione d’uso dell’immobile ricostruito deve essere omogenea o strettamente connessa a quella dell’edificio demolito;

h) la ricostruzione deve essere realizzata

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424785
Art. 10 - Formazione dei piani attuativi

1. Dalla data di entrata in vigore della presente legge, i piani attuativi, comunque denominati, per la cui formazione le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424786
Art. 11 - Integrazioni alla legge regionale 27 luglio 2001, n. 20

1. L’articolo 24 della legge regionale 27 luglio 2001, n. 20 R (Norme generali di governo e uso del territorio), è sostituito dal seguente:

“Art. 24 - (Sistema informativo territoriale regionale)

1. La Giunta regionale istituisce, presso l’Assessorato competente in materia di pianificazione e assetto del territorio, il Sistema informativo territoriale (SIT) al fine di elaborare

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424787
Art. 12 - Modifiche e integrazioni alla l.r. 14/2008

1. All’articolo 12 (Tutela e valorizzazione delle opere di architettura moderna e contemporanea) della l.r. 14/2008 R sono apportate le seguenti modifiche e integrazioni:

a) al comma 2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
334186 424788
Art. 13 - Modifiche e integrazioni all’articolo 17 della legge regionale 11 febbraio 1999, n. 11

1. All’articolo 17, comma 4, della legge regionale 11 febbraio 1999, n. 11 R (Disciplina delle strutture ricettive ex articoli 5, 6 e 10 della legge 17 maggio 1983, n. 217, delle attività turistiche ad uso pubblico gestite in regime di concessione e delle associazioni senza sc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
DA PAG 4 A PAG 12

Dalla redazione

  • Piano Casa
  • Edilizia e immobili

Le nuove leggi sul Piano Casa di Lazio, Puglia, Toscana, Valle d'Aosta, Veneto ed altri aggiornamenti

Durante il periodo estivo diverse regioni si sono aggiunte alla lista di quelle che hanno ampliato, chiarito o prorogato l’ambito di applicazione delle proprie leggi sul Piano Casa, nel generale intento di potenziarne l’effetto di rilancio del settore edilizio. Nuovo impulso è stato dato anche dalle norme del recente decreto sviluppo, al quale alcune regioni hanno dato attuazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia residenziale
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa

Lombardia: il nuovo Piano Casa dopo la Legge Regionale 4/2012

Con la Legge Regionale 13 marzo 2012, n. 4, la Regione Lombardia ha prorogato i termini per la realizzazione di alcuni interventi già previsti dalla L.R. 13/2009 sul Piano Casa, ampliando nel contempo le possibilità offerte da detta legge, consentendo ai comuni di modificare le proprie deliberazioni relativamente alle aree escluse ed individuando nuove tipologie di intervento. Interventi di recupero edilizio e funzionale; interventi di sostituzione edilizia; interventi su fabbricati a destinazione produttiva; interventi di edilizia sociale.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa

Calabria, Piano Casa: nuova disciplina dopo la revisione del 2012

Analisi completa del nuovo assetto del Piano Casa regionale contenuto nella L.R. 21/2010, dopo le profonde modifiche attuate con la L.R. 7/2012 che ha ampliato notevolmente le possibilità di intervento, estese ora, tra l’altro, anche agli edifici non residenziali. Emanate norme per il recupero ai fini abitativi dei sottotetti e dei piani interrati e seminterrati esistenti. Istanze presentabili fino a tutto il 2014.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Piano Casa
  • Edilizia e immobili
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Difesa suolo

Marche, riqualificazione urbana sostenibile: la L.R. 22/2011

Norme per la riqualificazione urbana sostenibile e assetto idrogeologico. Il provvedimento contiene anche la proroga fino al 31/12/2013 per la presentazione delle istanze di interventi ai sensi della L.R. 22/2009 sul Piano Casa regionale.
A cura di:
  • Denis Peraro
  • Piano Casa
  • Edilizia e immobili

Aggiornamenti sul Piano Casa: nuova legge in Molise e novità in Umbria

Anche il Molise ha rivisto ed ampliato l’ambito di applicabilità del proprio Piano Casa, prorogando il termine finale per usufruire dei benefici ed aumentando le possibilità di intervento nonché in determinati casi le premialità previste. Recepito il decreto sviluppo. Di particolare rilievo anche le novità introdotte in Umbria, soprattutto quelle relative al numero dei piani ed alle altezze massime consentite.
A cura di:
  • Dino de Paolis