FAST FIND : NR16182

L. R. Toscana 24/02/2005, n. 39

Disposizioni in materia di energia.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 08/05/2009. n. 24
- L.R. 23/07/2009, n. 40
- L.R. 23/11/2009, n. 71
- L.R. 21/03/2011, n. 11
- L.R. 19/10/2011, n. 52
- L.R. 18/06/2012, n. 29
- L.R. 03/12/2012, n. 69
- Sentenza C. Cost. 27/01/2014, n. 11
- L.R. 23/02/2016, n. 13
- L.R. 03/08/2016, n. 52
- L.R. 16/12/2016, n. 85
- L.R. 31/03/2017, n. 15
- L.R. 08/09/2017, n. 50
Scarica il pdf completo
33339 4125230
CAPO I - Ambito e finalità della disciplina
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125231
Art. 1 - Oggetto

1. Nell'ambito dei principi derivanti dall'ordinamento comunitario, dagli obblighi internazionali e in applicazione dell'articolo 117, terzo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125232
Art. 2 - Finalità

1. La Regione opera nel quadro delle politiche europee e nazionali per i seguenti obiettivi:

a) soddisfazione delle esigenze energetiche della vita civile e dello sviluppo economico della Regione, secondo criteri di efficienza economica e nel rispetto della concorrenza, con l'obiettivo del contenimento dei costi per le utenze;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125233
Art. 3 - Funzioni della Regione

N4

1. La Regione:

a) promuove ed incentiva la ricerca, l’innovazione, lo sviluppo e la diffusione di iniziative, tecnologie e di programmi necessari al raggiungimento delle finalità di cui alla presente legge, secondo le modalità di cui all’articolo 22;

b) partecipa ai procedimenti di consultazione, coordinamento o di intesa con gli organi dello Stato e con le altre regioni, ai sensi dell’articolo 4, rilasciando, per le opere ed infrastrutture energetiche autorizzate dallo Stato, il relativo atto di intesa;

c) detta gli indirizzi, stabilisce le finalità e gli obiettivi generali della politica regionale in materia di energia, nonché le tipologie di intervento necessarie per l’attuazione degli stessi ed il quadro delle risorse attivabili nell’ambito del piano ambientale ed energetico regionale (PAER) di cui alla legge regionale 19 marzo 2007, n. 14 (Istituzione del piano ambientale ed energe­tico regionale); N13

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125234
Art. 3 bis - Funzioni delle province

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125235
Art. 3 ter - Funzioni dei comuni

N5

1. N61

2. “I comuni” N62, anche in forma associata:

a) dettano disposizioni al fine di promuovere la produzione di energia diffusa, ai sensi dell’articolo 8, comma 3;

b) esercitano le funzioni connesse alla SCIA per gli interventi di cui all’art

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125236
Art. 4 - Coordinamento interregionale e partecipazione ai procedimenti nazionali

1. La Regione partecipa ai procedimenti di consultazione, coordinamento o di intesa con gli organi dello Stato e con le altre regioni, seguendo “gli indirizzi e gli obiettivi in materia di energia definiti dal PAER e dai relativi provvedimenti attuativi”.N14

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125237
CAPO II - Programmazione ed organizzazione regionale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125238
SEZIONE I - Programmazione regionale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125239
Art. 5 - Sistema della programmazione regionale

1. Il sistema della programmazione in materia di energia è costituito da:

a) il “piano ambienta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125240
Art. 6 - Programmazione regionale in materia di energia

N15

1. Il “PAER” N14 sulla base degli indirizzi del programma regionale di sviluppo (PRS), definisce le scelte fondamentali della programmazione energetica.

2. Il “PAER” N14 individua le azioni necessarie per il raggiungimento delle finalità di cui all'articolo 2 e, a tal scopo, sulla base delle esigenze delle persone e delle imprese, della salvaguardia dell'ambiente e tenendo conto delle prospettive del mercato, definisce in particolare:

a) i fabbisogni energetici stimati e le relative dotazioni infrastrutturali necessarie;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125241
Art. 7 - Attuazione, monitoraggio e valutazione del PIER

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125242
Art. 8 - Governo del territorio in funzione di attività energetiche

1. Nel determinare i contenuti degli strumenti di pianificazione territoriale le amministrazioni competenti tengono conto specificamente:

a) dell'impatto delle loro previsioni in relazione ai fabbisogni energetici ed agli altri fini della presente legge;

b) delle esigenze di localizzazione degli impianti di produzione, trasporto e distribuzione di energia individuati dal “PAER”;N14

c) degli indirizzi e delle prescrizioni contenuti nel “PAER” N14 p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125243
SEZIONE II - Organizzazione regionale in materia di energia
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125244
Art. 9 - Organizzazioni tecniche operanti nel settore dell'energia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125245
CAPO III - Disciplina delle attività energetiche
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125246
Art. 10 - Costruzione ed esercizio degli impianti

1. Sono soggette ad una autorizzazione unica o “a SCIA o a PAS” N25, per ciò che concerne le competenze della Regione e degli enti locali, la costruzione ed esercizio di impianti per produzione, trasporto, trasmissione e distribuzione di energia, di impianti per lavorazione e stoccaggio di N26 oli minerali e gas naturali e liquefatti, in qualunque forma, nonché di impianti di illuminazione esterna, al fine di garantire che tali attività si svolgano in coerenza con le finalità di cui all'articolo 2, senza pregiudizio degli interessi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125247
Art. 10 bis - Determinazione delle fasce di rispetto per la tutela dall’inquinamento elettromagnetico

N5

1. In attuazione dell’articolo 8

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125248
Art. 11 - Autorizzazione unica

N6

1. “Ferme restando le competenze dello Stato e fatto salvo” N25 quanto disposto dagli articoli 16 e 17, sono assoggettati all’autorizzazione unica la costruzione e l’esercizio dei seguenti impianti:

a) impianti di produzione di energia elettrica da fonte convenzionale con esclusione dei gruppi elettrogeni di soccorso o degli impianti non soggetti all’autorizzazione delle emissioni in atmosfera ai sensi dell’articolo 269, comma 14, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125249
Art. 12 - Procedimento unico

N46

1. L'autorizzazione unica è rilasciata a conclusione di un procedimento unificato, ferma restando la possibilità per l'interessato di acquisire direttamente pareri, nullaosta, atti di assenso necessari per rilascio della stessa.

2. “La Regione convoca la conferenza dei servizi di cui agli articoli 21 e seguenti della legge regionale 23 luglio 2009, n. 40 (Legge di semplificazione e riordino normativo 2009).”N51 Alla conferenza partecipano tutte le amministrazioni interessate alla realizzazione e all’esercizio degli impianti ai sensi delle norme vigen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125250
Art. 13 - Autorizzazione per gli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e relativo procedimento di rilascio

N32

1. Fermo restando quanto disposto agli articoli 16 bis e 17, in applicazione dell’articolo 5 del d.lgs. 28/2011, sono soggetti all’autorizzazione unica di cui all’articolo 11, gli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e le centrali ibride come definite dall’articolo 8, comma 2, del d.l.gs. 387/2003, secondo il procedimento di cui al presente articolo.

2. Ai fini dell’autorizzazione unica di cui al comma 1, l’istanza è corredata dal piano degli interventi di dismissione e delle opere di messa in pristino del sito.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125251
Art. 13 bis - Impianti geotermici

N57

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125252
Art. 14 - Concessioni minerarie e di derivazione d'acqua, ai fini di produzione di energia

N6

1. Le concessioni ed i permessi o analoghi atti, relativi alle derivazioni d’acqua ai fini energetici ed alle risorse geotermiche, restano disciplinati dalle norme vigenti, fermo restando quanto disposto dai commi da 2 a 7, dall’articolo 15 e dall’articolo 16, comma 3, “lettera g)”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125253
Art. 15 - Estrazioni locali di acque calde a fini geotermici

N52

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125254
Art. 16 - Interventi soggetti a SCIA

N32

1. Gli interventi di cui ai commi 3 e 4 sono soggetti a SCIA, ai fini degli adempimenti in materia edilizia e di energia, nel rispetto delle disposizioni di cui al titolo VI “della l.r. 65/2014”N51, delle disposizioni di cui ai commi 2, 5 e 6, del presente articolo, nonché nel rispetto degli articoli 3, 3 bis, 3 ter, 8, 10, 18, 20, 21, 26, 39 e 42, della presente legge.

2. Per gli interventi di cui al presente articolo la relazione di cui “all'articolo 145, comma 2, lettera a), della l.r. 65/2014N51, assevera la conformità delle opere anche alla presente legge, alle sue disposizioni attuative e agli strumenti di programmazione di cui al capo II.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125255
Art. 16 bis - Interventi soggetti a PAS

N33

1. Gli interventi di cui ai commi 4 e 5 sono soggetti a PAS, secondo le disposizioni di cui al presente articolo e di cui all’articolo 6 del d.lgs. 28/2011.

2. La dichiarazione di cui all’articolo 6, comma 2, del d.lgs. 28/2011, costituisce titolo abilitativo ai fini degli adempimenti in materia edilizia e di energia.

3. La relazione che accompagna la dichiarazione di cui al comma 2, assevera la conformità delle opere alla presente legge, alle sue disposizioni attuative e agli strumenti di programmazione di cui al capo II, nonché a quanto previsto “all'articolo 145, comma 2, lettera a), della l.r. 65/2014”N51.

4. Fermo rest

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125256
Art. 17 - Attività libera

N32

1. Per tutti gli interventi di cui al presente articolo, resta fermo il rispetto delle normative di settore aventi incidenza in relazione alla realizzazione o all’installazione degli impianti, in particolare, delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico-sanitarie. Per gli interventi di cui ai commi 2, 3, 4, 5, 6, 7, “7 bis,” N73 8, 11 e 12, resta fermo l’obbligo del preventivo rilascio dell’autorizzazione paesaggistica “ai sensi del decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 (Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell'articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137).”N51

2. Non necessitano di titolo abilitativo, ai sensi della presente legge e “della l.r. 65/2014N51, i seguenti interventi laddove realizzati secondo le condizioni stabilite dal PAER e dai provvedimenti attuativi dello stesso:

a)-b) N54

c) l’installazione di pannelli solari fotovoltaici di potenza nominale uguale o inferiore a 5 chilowatt;

d) l’installazione di impianti eolici di potenza uguale o inferiore a 5 chilowatt;

e) l’installazione di impianti di cogenerazione a gas naturale fino a 3 megawatt termici;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125257
Art. 18 - Obblighi degli esercenti le attività e vigilanza

1. Chi svolge le attività di cui agli articoli 11, 13, 14, 15 “, 16 e 16 bis” N25 è tenuto ad esibire i documenti, a consentire le ispezioni necessarie a verificare il permanere dei requisiti richiesti per lo svolgimento dell'attività ed il rispetto delle condizioni

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125258
Art. 18 bis - Spese istruttorie

N55

1. Le spese occorrenti per l'espletamento di istruttorie tecnico-amministrative, rilievi, sopra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125259
Art. 19 - Decadenza revoca e sospensione

1. Salvo quanto previsto dall'articolo 20, il titolare dell'autorizzazione di cui all'articolo 11 è dichiarato decaduto dalla stessa qualora, a seguito di notifica, da parte dell'autorità competente, di una specifica diffida ad adempiere,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125260
Art. 20 - Sanzioni amministrative

N32

1. La costruzione e l’esercizio delle opere ed impianti in assenza delle autorizzazioni di cui agli articoli 11, 13 e 15, è assoggettata ad una sanzione amministrativa consistente nel pagamento in solido, a carico del proprietario dell’impianto, dell’esecutore delle opere e del direttore dei lavori, di una somma, comunque non inferiore a euro 1.000,00, determinata per quanto non autorizzato, come segue:

a) da euro 60,00 a euro 360,00 per ogni chilowatt elettrico di potenza nominale, in caso di impianti non termici di produzione di energia;

b) da euro 40,00 a euro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125261
Art. 21 - Ripristino dei luoghi

N29

1. Nei casi previsti dall’articolo 20, commi 1, 2 e 3, i trasgressori provvedono al ripristino dello stato dei luoghi. Nei casi previsti dall’articolo 20, comma 4, i trasgressori provvedono alla riduzione a conformità.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125262
CAPO IV - Razionalizzazione della produzione e dei consumi, risparmio energetico ed interventi di compensazione ambientale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125263
Art. 22 - Incentivi finanziari

1. La Regione incentiva la realizzazione di iniziative per le finalità di cui alla presente legge tramite fondi di rotazione, sovvenzioni, contributi in conto interesse e aiuti al funzionamento, privilegiando, laddove possibile, gli aiuti al funzionamento e gli incentivi all'insieme del sistema delle piccole e medie imprese e a quelle compartecipate o promosse dagli enti locali, in conformità alla disciplina comunitaria in materia di aiuti per la tutela ambientale e sulla base di accordi volontari con uno o più soggetti economici, o associazioni di categ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125264
Art. 22 bis - Sistema di riconoscimento dei soggetti certificatori e degli ispettori degli impianti termici

N66

1. La Regione istituisce un sistema di riconoscim

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125265
Art. 23 - Rendimento energetico degli edifici. Relazione tecnica di rendimento energetico

N67

1. Gli interventi di cui all’articolo 3 del dec

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125266
Art. 23 bis - Attestato di prestazione energetica

N68

1. Gli edifici e le unità immobiliari sono soggetti agli obblig

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125267
Art. 23 ter - Sistema informativo regionale sull’efficienza energetica

N68

1. Nel rispetto degli standard tecnici di trasmissione dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA), la Regione istituisce il sistema informativo regionale sull’efficienza e sulla certificazione energetica degli edifici e dei relativi impi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125268
Art. 23 quater - Accesso al sistema informativo regionale sull’efficienza energetica

N68

1. Con le modalità e gli strumenti previsti dalle disposizioni regionali in materia di amministrazione elettronica e semplificazione, la Regione assicura l’accesso:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125269
Art. 23 quinquies - Sanzioni e controlli sul rendimento energetico degli edifici

N68

1. L’inosservanza dell’obbligo di invio da parte dei distributori di combustibile e di energia elettrica dei dati ai sensi dell’articolo 23 ter

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125270
Art. 23 sexies - Regolamento regionale

N68

1. Entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente articolo, la Giunta regionale approva, nel rispetto dei principi dettati dal d.lgs. 192/2005 e dai relativi de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125271
Art. 23 septies - Contributi ed oneri per le attività di accertamento ed ispezione degli impianti termici e per le attività di tenuta, monitoraggio e controllo degli attestati di prestazione energetica degli edifici

1. Nel rispetto di quanto previsto nel decreto legislativo 19 agosto 2005, n.192 (Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia) e nel regolamento emanato con decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n.74 (Regolamento recante definizione dei criteri generali in materia di esercizio, con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125272
Art. 23 octies - Verifica della regolarità degli attestati di prestazione energetica

N66

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125273
Art. 24 - Efficienza energetica degli impianti di produzione di energia

1. La Regione, tenuto conto delle norme tecniche definite nel rispetto dei principi nazionali e dell'Unione europea in materia di norme e specifiche tecniche dei prodotti e dei processi, può determinare, con i provvedimenti attuativi del “PAER” N14 di cui all'articolo 5, i livelli di efficienza energetica ambientale minimi obbligatori per i diversi tipi di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125274
Art. 25 - Efficienza energetica per i sistemi di trasporto e altri impianti

1. I piani regionali e locali in materia di mobilità e traffico garantiscono la coerenza con le finalità della presente legge e con gli “indirizzi in materia di energia del PAER”,N14 e includono anche l'analisi delle variazioni dei consumi energetici conseguenti alla loro attuazione, anche ai fini della concessione dei finanziamenti regionali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125275
Art. 26 - Misure di compensazione ambientale

1. La Regione può promuovere accordi tra i soggetti che intendono svolgere le attività di cui agli articoli 11, 13, 14 “, 16 e 16 bis” N25 e gli enti locali interessati, anche su richiesta degli enti locali stessi, per l'individuazione di misure di compensazione e riequilibrio ambientale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125276
CAPO V - Servizi d'interesse generale dell'energia
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125277
Art. 27 - Diritto di accesso ai servizi energetici

1. La Regione e gli enti locali operano per garantire a coloro che dimorano o operano in qualsiasi parte del territorio della Toscana il diritto di disporre di servizi energetici di qualità e con moda

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125278
Art. 28 - Servizi d'interesse generale di approvvigionamento e di distribuzione di energia

1. N34

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125279
Art. 29 - Gestioni in corso dei servizi pubblici locali dell'energia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125280
Art. 30 - Promozione dei mercati dell'energia elettrica e del gas

1. N39

2. La Regione, tramite accordo con le associazioni dei consumatori e avvalendosi anche della R.E.A. SpA, promuove attivi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125281
Art. 31 - Tutela dei consumatori

1. La Regione e gli enti locali adottano o promuovono misure dirette a rendere effett

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125282
Art. 32 - Contratti di servizio e diritti dei consumatori

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125283
Art. 33 - Segnalazioni e reclami

1. La Regione e gli enti locali al fine dell'esercizio delle competenze di cui “all’articolo 31”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125284
CAPO VI - Disposizioni per la tutela dall'inquinamento luminoso
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125285
Art. 34 - Stazioni astronomiche e aree naturali protette

1. Sono disposte speciali forme di tutela a favore delle stazioni astronomiche, così classificate:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125286
Art. 35 - Misure minime di protezione dall'inquinamento luminoso

1. Attorno a ciascuna delle stazioni astronomiche di cui all'articolo 34 è istituita una zona di particolare protezione dall'inquinamento luminoso avente un'estensione di raggio, fatti salvi i confini regionali, pari a almeno:

a) 25 chilometri per le stazioni di cui all'articolo 34, comma 1, lettera a);

b) 10 chilometri per le stazioni di cui all'articolo 34, comma 1, lettera b).

2. Entro un chilometro in linea d'aria dalle stazioni di cui di cui all'articolo 34, comma 1, lettera a), sono viet

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125287
Art. 36 - Disposizioni transitorie a tutela delle stazioni astronomiche

1. Entro centoventi giorni dalla entrata in vigore della presente legge la Giunta regionale definisce gli elenchi di cui all'articolo 35, comma 9 e individua le zone di protezione di cui all'articolo 35, comma 1, nonché la fascia di cui all'articolo 35, comma 4.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125288
Art. 37 - Disposizioni transitorie per gli impianti di illuminazione esterna

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125289
CAPO VII - Norme finali e transitorie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125290
Art. 38 - Disposizioni transitorie per gli elettrodotti

1. Il proprietario di linea e relativo impianto elettrico avente tensione compresa fra 30000 e 150000 volt, già realizzata alla data di entrata in vigore della presente legge e per la quale non sia stata rilasciata la relativa autorizzazione, presenta apposita istanza alla Regione entro due anni dalla stessa data.

2. L'istanza è accompagnata da una relazione sottoscritta, sotto la propria responsabilità, da un tecnico qualificato, iscritto al competente albo professionale, in cui si descrive l'impianto e se ne attest

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125291
Art. 38 bis - Disposizioni transitorie per gli elettrodotti già autorizzati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125292
Art. 39 - Regolamento di attuazione della legge e ulteriori misure per l'attuazione

1. In relazione ad esigenze di uniformità e semplicità, la Regione può emanare linee guida, non vincolanti, anche in merito allo svolgimento dei procedimenti.

2. Con regolamento regionale, da adottarsi entro dodici mesi dall'entrata in vigore della presente legge, sono disciplinate, fatto salvo quanto previsto dalle norme tecniche fissate nel rispetto dei principi nazionali e dell'Unione europea:

a) le prescrizioni tecniche relative alle opere ed impianti disciplinati dalla presente legge che interessino aree protette o soggette a vincolo, a seguito di atti di pianificazione o in applicazione di norme comunitarie, nazionali o regionali;

b) la descrizione tipologica delle categorie di interventi di cui all'articolo 11, compreso gli interventi inerenti oleodotti che si configurano come nuova opera, delle categorie di interventi che configurino variazioni essenziali delle opere ed impianti esistenti o autorizzati, dei lavori di manutenzione distinguendo tra manutenzione ordinaria e manutenzione straordinaria;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125293
Art. 39 bis - Disposizione transitoria

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125294
Art. 40 - Disposizioni finanziarie

1. Le risorse relative alla presente legge fanno riferimento agli interventi già previsti dalle leggi regionali 45/1997, 51/1999, 37/2000, 88/1998 nella materia e sono stabilite annualmente con legge di bilancio.

2. Per l'anno 2005 le risorse ammontano a euro 1.572.082,75 e fanno carico per euro 1.462.082,75 alla UPB n. 413 (Energia - spese di investimento) e per euro 110.000,00 alla UPB n. 414 (Energia - spese correnti) del bilancio di previsione 2005.

2 bis. Agli oneri derivanti dall’attuazione degli articoli 23 ter e 23 quater, stimati in euro 200.000,00 per l’anno 2010 ed euro 60.000,00 per l’anno 2011, si fa fronte per l’anno 2010 con le risorse di cui alla UPB 413 “Energia - Spese di investimento del bilancio pluriennale vigente 2009 - 2011, annualità 2010 e per l’anno 2011 per euro 10.000,00 con le risorse di cui alla UPB 413 “Energia - Spese di investimento” e per euro 50.000,00 con le risorse di cui alla UPB 414 “Energia - Spese correnti” del bilancio pluriennale vigente 2009 - 2011, annualità 2011N8

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125295
Art. 41 - Modifiche all'articolo 13 della l.r. 79/1998

1. Dopo il comma 2 dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125296
Art. 42 - Abrogazione di disposizioni regionali e disapplicazione di disposizioni statali

1. A decorrere dall'entrata in vigore della presente legge cessano di avere applicazione nella Regione Toscana, per gli impianti di competenza della Regione e degli enti locali, le seguenti disposizioni statali:

a) regio decreto 11 dicembre 1933, n. 1775 (Testo unico delle disposizioni di legge sulle acque e impianti elettrici), articoli 111, 112, 113 e 114.

2. Sono abrogate le seguenti disposizioni regionali:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125297
Art. 43 - Decorrenza degli effetti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
33339 4125298
Allegato A (articolo 37) - Criteri tecnici per la progettazione, realizzazione e gestione di impianti di illuminazione esterna

1. Impegnare preferibilmente sorgenti luminose a vapori di sodio ad alta pressione o con efficienze luminose equivalenti o superiori; possono essere utilizzati altri tipi di sorgenti dove è assolutamente necessaria la corretta percezione dei colori.

2. Per le strade con traffico motorizzato, selezionare ogniqualvolta ciò sia possibile, i livelli minimi di luminanza ed illuminamento consentito dalle normative UNI 10439 o dalla norma DIN 5044.

3. Evitare per i nuovi impianti l'adozione di sistemi di illuminazione a diffusione libera o diffondenti o che comunque emettano un flusso luminoso nell'emisfero superiore eccedente il 3 per cento del flusso totale emesso dalla sorgente.

4. Limitare l'uso di proiettori ai casi di reale necessità, in ogni caso mantenendo l'orientazione del fascio verso il basso, non oltre i sessanta gradi (60°) dalla verticale.

5. Adottare sistemi automatici di controllo e riduzione del flusso luminoso, fino al 50 per cento del totale, dopo le ore 22 o dopo le ore 23 nel periodo di ora legale, e adottare lo spegnimento programmato totale degli impianti ogniqualvolta ciò sia possibile, tenuto conto delle esigenze di sicurezza.

6. Impiegare, laddove tecnicamente possibile, impianti che rispondano ai contenuti delle "Linee Guida per la progettazione, l'esecuzione e l'adeguamento degli impianti di illuminazione esterna" di cui alla deliberazione di Giunta regionale 27 settembre 2004, n. 962.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Certificazione energetica
  • Professioni
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico

Regione lazio, APE: elenco certificatori, sistema informatico, corsi di formazione abilitanti

Pagina informativa e FAQ sulla base: della Deliberaz. G.R. Lazio 06/12/2017, n. 824, con la quale hano preso il via l’elenco regionale dei tecnici abilitati alla certificazione energetica degli edifici ed il sistema informativo per la gestione degli attestati; della Deliberaz. G.R. Lazio 11/07/2017, n. 398, con la quale sono definiti le linee guida e lo standard formativo per i corsi di formazione e aggiornamento destinati ai tecnici certificatori energetici.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Il software gratuito DOCET per il calcolo della prestazione energetica ai fini dell’APE con il metodo semplificato

AGG. 20/07/2016: nuova versione aggiornata alle UNI 11300 parti 5 e 6 - Breve informativa sul software ENEA-CNR per il calcolo della prestazione energetica con il metodo semplificato, applicabile per edifici residenziali esistenti con superficie utile fino a 200 mq, e dunque per la maggior parte dei casi di APE redatti per compravendite o locazioni immobiliari.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Servizi del Certificatore energetico: compiti, obblighi e responsabilità del professionista

Un documento redatto dal gruppo di lavoro Energia del Consiglio Nazionale degli Ingegneri evidenzia i compiti e gli obblighi del professionista, con l’intento di garantire un servizio di qualità. Il documento può essere utilmente preso a riferimento da qualsiasi professionista, anche non appartenente alla categoria degli Ingegneri, e servire come strumento di “sensibilizzazione” del potenziale cliente che il professionista può utilizzare, ad esempio allegandolo ai contratti stipulati per assumere gli incarichi ed impegnandosi pertanto ad osservarlo.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Efficienza energetica degli edifici: pubblicate le FAQ del MISE

Il MISE ha reso disponibili i chiarimenti per l'applicazione delle nuove disposizioni sui requisiti minimi di prestazione energetica e sulla redazione del nuovo APE, in vigore dal 01/10/2015.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

La Certificazione energetica dopo il D.M. 26 giugno 2015: luci ed ombre tra vecchie problematiche e criticità irrisolte

Questo articolo, alla luce del nuovo quadro normativo che emerge a seguito dell’emanazione dei decreti ministeriali 26 giugno 2015 sulla prestazione energetica in edilizia e relativa certificazione, evidenzia le criticità applicative che ancora residuano, ostacolando una completa e concreta attuazione del sistema della certificazione energetica degli edifici e la realizzazione di tutti i potenziali benefici per il mercato immobiliare, i cittadini, i professionisti.
A cura di:
  • Vincenzo Lattanzi

16/01/2018

11/12/2017

23/06/2017