FAST FIND : AR1317

Ultimo aggiornamento
20/03/2018

Programma biennale acquisizioni delle PA: redazione e obblighi di pubblicazione e trasmissione

Questo contributo spiega in cosa consiste l’obbligo di redigere il programma biennale degli acquisti di beni e servizi delle pubbliche amministrazioni, con i relativi aggiornamenti annuali, ai sensi dell’art. 21 del D. Leg.vo 50/2016. Sono fornite indicazioni operative sui contenuti e sulle modalità per adempiere agli obblighi di redazione, pubblicazione e trasmissione del programma. Aggiornamento al D. Min. Infrastrutture e Trasp. 16/01/2018, n. 14 che si applica per la formazione o l’aggiornamento dei programmi biennali degli acquisti di forniture e servizi per il periodo di programmazione 2019-2020.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
3172288 4576164
PREMESSA - QUADRO NORMATIVO

La L. 28/12/2015, n. 208 (Legge di stabilità 2016) aveva stabilito al comma 505 (poi abrogato dal D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50, come modificato dal D. Leg.vo 19/04/2017, n. 56) dell’articolo unico che:

- le pubbliche amministrazioni devono approvare un programma biennale per gli acquisti di beni e servizi di importo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3172288 4576165
ATTUALI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE E TRASMISSIONE

In pratica l’art. 21 del Codice dei contratti pubblici di cui al D. Leg.vo 50/2016 ha sostituito ed ampliato l’obbligo in precedenza fissato dalla L. 208/2015, estendendo i contenuti del programma biennale degli acquisti di beni e servizi a quelli di importo unitario pari o superiore a 40.000 Euro, e disponendo l’obbligo di pubblicazione anche sul sito del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti N2.

Il comma 6 dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3172288 4576166
Il decreto ministeriale previsto

L’art. 21, comma 8, del D. Leg.vo 50/2016 ha previsto poi l’emanazione di un decreto del Ministro delle infrastrutture e dei traspo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3172288 4576167
CHIARIMENTI ANAC E MINISTERO DELL’ECONOMIA E FINANZE

A proposito della gestione del periodo transitorio - fino a quando cioè non venisse emanato il decreto ministeriale previsto dall’art. 21, comma 8, del D. Leg.vo 50/2016 - vi sono da registrare i chiarimenti forniti dall’ANAC e dal Ministero del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3172288 4576168
Il D. Min. Infrastrutture e Trasp. 16/01/2018, n. 14

In attuazione del citato art. 21, comma 8, del D. Leg.vo 50/2016, è stato emesso il D. Min. Infrastrutture e Trasp. 16/01/2018, n. 14, che ha adottato il Regolamento recante procedure e schemi-tipo per la redazione e la pubblicazione del programma triennale dei lavori pubblici, del programma biennale per l’acquisizione di forniture e servizi e dei relativi elenchi annuali e aggiornamenti annuali.

Il suddetto decreto si applica per la formazione o l’aggiornamento dei programmi biennali degli acquisti di forniture e servizi per il periodo di programmazione 2019-2020. In particolare, il provvedimento specifica le modalità di redazione, approvazione, aggiornamento e modifica (inclusi gli obblighi informativi e di pubblicità) dei suddetti programmi e ne detta contenuti e ordine di priorità.

Il programma biennale ed i relativi elenchi annuali degli acquisti di forniture e servizi sono adottati dalle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Il decreto sui programmi triennali dei lavori pubblici e sui programmi biennali per l'acquisto di forniture e servizi

Nota illustrativa delle disposizioni del decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti che - ai sensi dell’art. 21, comma 8, del D. Leg.vo 50/2016 - definisce contenuti, ordini di priorità, schemi-tipo e modalità di predisposizione e aggiornamento del programma triennale dei lavori pubblici e del programma biennale degli acquisti di forniture e servizi.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Nomina, requisiti, funzioni e incompatibilità del RUP ai sensi del Codice appalti e delle Linee guida ANAC n. 3 (Delib. 1007/2017)

Nomina del RUP; Requisiti di professionalità generali; Struttura stabile per supporto al RUP; Successione di norme; Lavori e servizi attinenti all’ingegneria ed all’architettura - requisiti minimi di professionalità con tabella riepilogativa, compiti e funzioni; Servizi e forniture - requisiti minimi di professionalità con tabella riepilogativa, compiti e funzioni; RUP in caso di acquisti centralizzati e aggregati; Incompatibilità e conflitto di interessi; Partecipazione alla commissione di gara; Coincidenza tra RUP e progettista o direttore dei lavori; RUP e verifica della progettazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis

La Legge di Bilancio 2017 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Bilancio 2017 (L. 11 dicembre 2016, n. 232), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini

Tutte le indicazioni operative per il periodo transitorio di vigenza del D. Leg.vo 50/2016

Questo articolo riporta e compendia con taglio operativo tutte le indicazioni fornite dall’ANAC a stazioni appaltanti ed operatori a seguito dell’entrata in vigore del nuovo Codice dei contratti di cui al D. Leg.vo 50/2016: fattispecie nelle quali continuano ad applicarsi le disposizioni previgenti, acquisizione del CIG, comunicazioni e adempimenti vari di stazioni appaltanti ed operatori; iscrizione al casellario informatico per false dichiarazioni o falsa documentazione nel procedimento di attestazione SOA. AGGIORNATO CON IL COMUNICATO DEL 03/08/2016.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Nuovo Codice appalti (D. Leg.vo 50/2016): come comportarsi con procedure in corso o da indire ed atti di gara redatti o da redigere

Indicazioni operative su quale normativa applicare alle procedure già in corso ed a quelle in via di indizione, e conseguentemente anche se ed in quali casi modificare atti già precedentemente predisposti o ripetere fasi procedurali già espletate. Sono fornite in particolare indicazioni per la determina a contrarre, gli atti di programmazione e gli altri atti di gara, differenziando a seconda che gli stessi afferiscano a bandi/inviti rientranti nel nuovo o nel pregresso quadro normativo. AGGIORNAMENTO: precisazioni ANAC del 03/05/2016.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore a 1 milione di Euro