FAST FIND : NN10676

D.L. 25/06/2008, n. 112

Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria.
Stralcio. In vigore dal 25/06/2008.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L. 06/08/2008, n. 133 (legge di conversione). Modifiche riportate in corsivo, in vigore dal 22.8.2008
- D.L. 10/11/2008, n. 180 (L. 09/01/2009, n. 1)
- L. 22/12/2008, n. 201
- L. 30/12/2008, n. 205
- D.L. 30/12/2008, n. 207 (L. 27/02/2009, n. 14)
- L. 28/01/2009, n. 2
- L. 18/02/2009, n. 9
- L. 09/04/2009, n. 33
- L. 18/06/2009, n. 69
- L. 03/08/2009, n. 102
- L. 23/07/2009, n. 99
- L. 23/12/2009, n. 191
- L. 20/11/2009, n. 166
- L. 26/02/2010, n. 25
- D. Leg.vo 15/03/2010, n. 66
- C. Cost. 22-26/03/2010, n. 121
- L. 22/05/2010, n. 73
- D.L. 31/05/2010, n. 78 (L. 30/07/2010, n. 122)
- L. 30/07/2010, n. 122
- L. 04/11/2010, n. 183
- L. 30/12/2010, n. 240
- L. 26/02/2011, n. 10
- D.P.C.M. 25/03/2011 (Ulteriore proroga di termini relativa al Ministero della gioventù)
- L. 26/05/2011, n. 75
- L. 12/07/2011, n. 106 (“decreto sviluppo”)
- L. 15/07/2011, n. 111
- D.P.R. 18/07/2011, n. 113
- D.L. 13/08/2011, n. 138 (L. 14/09/2011, n. 148)
- L. 12/11/2011, n. 183
- L. 22/12/2011, n. 214
- D.L. 29/12/2011, n. 216 (L. 24/02/2012, n. 14)
- D.L. 24/01/2012, n. 1 (L. 24/03/2012, n. 27)
- D.L. 09/02/2012, n. 5 (L. 04/04/2012, n. 35)
- D.L. 02/03/2012, n. 16 (L. 26/04/2012, n. 44)
- D.L. 22/06/2012, n. 83 (L. 07/08/2012, n. 134)
- D.L. 06/07/2012, n. 95 (L. 07/08/2012, n. 135)
- D.L. 18/10/2012, n. 179 (L. 17/12/2012, n. 221)
- D.L. 26/04/2013, n. 43 (L. 24/06/2013, n. 71)
- D.L. 21/06/2013, n. 69 (L. 09/08/2013, n. 98)
- D.L. 31/08/2013, n. 101 (L. 30/10/2013, n. 125)
- D.L. 31/08/2013, n. 102 (L. 28/10/2013, n. 124)
- L. 27/12/2013, n. 147
- D.L. 28/03/2014, n. 47 (L. 23/05/2014, n. 80)
- D.L. 24/06/2014, n. 90 (L. 11/08/2014, n. 114)
- D.L. 12/09/2014, n. 133 (L. 11/11/2014, n. 164)
- L. 30/10/2014, n. 161
- L. 23/12/2014, n. 190
- Sentenza C. Cost. 11/02/2015, n. 10
- D. Leg.vo 14/09/2015, n. 151
- L. 28/12/2015, n. 208
- D. Leg.vo 15/02/2016, n. 33
- L. 28/06/2016, n. 132
- D. Leg.vo 30/06/2016, n. 127
- D. Leg.vo 19/08/2016, n. 175
- D.L. 22/10/2016, n. 193 (L. 01/12/2016, n. 225)
- L. 11/12/2016, n. 232
- L. 04/08/2017, n. 124
- L. 27/12/2017, n. 205
Scarica il pdf completo
311588 4458715
TITOLO I - FINALITÀ E AMBITO DI INTERVENTO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458716
Art. 1. - Finalità e ambito di intervento

1. Le disposizioni del presente decreto comprendono le misure necessarie e urgenti per attuare, a decorrere dalla seconda metà dell’esercizio finanziario in corso, un intervento organico diretto a conseguire, unitamente agli altri provvedimenti indicati nel Documento di programmazione economico-finanziaria per il 2009:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458717
TITOLO II - SVILUPPO ECONOMICO, SEMPLIFICAZIONE E COMPETITIVITÀ
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458718
CAPO I - INNOVAZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458719
Art. 2. - Banda larga

1. Gli interventi di installazione di reti e impianti di comunicazione elettronica in fibra ottica sono realizzabili mediante denuncia di inizio attività.

2. N75

3. N76 All’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni compete altresì l’emanazione del regolamento N1 in materia di installazione delle reti dorsali.

4. L’operatore della comunicazione, almeno trenta giorni prima dell’effettivo inizio dei lavori, presenta allo sportello unico dell’Amministrazione territoriale competente la denuncia, accompagnata da una dettagliata relazione e dagli elaborati progettuali, che asseveri la conformità delle opere da realizzare alla normativa vigente. Con il medesimo atto, trasmesso anche al gestore interessato, indica le infrastrutture civili esistenti di cui intenda avvalersi ai sensi del comma 2 per la posa della fibra.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458720
Art. 3. - Art. 4. (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458721
CAPO II - IMPRESA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458722
Art. 5. - Art. 6-ter. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458723
Art. 6-quater. - Concentrazione strategica degli interventi del Fondo per le aree sottoutilizzate

1. Al fine di rafforzare la concentrazione su interventi di rilevanza strategica nazionale delle risorse del Fondo per le aree sottoutilizzate di cui all’articolo 61 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni, su indicazione dei Min

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458724
Art. 6-quinquies. - Fondo per il finanziamento di interventi finalizzati al potenziamento della rete infrastrutturale di livello nazionale

1. È istituito, nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico, a decorrere dall’anno 2009, un fondo per il finanziamento, in via prioritaria, di interventi finalizzati al potenziamento della rete infrastrutturale di livello nazionale, ivi comprese le reti di telecomunicazione e quelle energetiche, di cui è riconosciuta la valenza strategica ai fini della competitività e della coesione del Paese. Il fondo è alimentato con gli stanziamenti nazionali assegnati per l’attuazione del Quadro strategico na

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458725
Art. 6-sexies. - Ricognizione delle risorse per la programmazione unitaria

1. Per promuovere il coordinamento della programmazione statale e regionale ed in particolare per garantire l’unitarietà dell’impianto programmatico del Quadro strategico nazionale per la politica regionale di sviluppo 2007-2013 e favorire il tempestivo e coordinato utilizzo delle relative risorse, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, sentito il Ministero dello sviluppo economico, effettua la ricognizione delle risorse generate da progetti originariamente finanziati con fonti di finanziamento diverse dai Fondi strutturali europei ed inseriti nei programmi cofinanziati che siano oggetto di rimborso a carico del bilancio comunitario e del fondo di rotazione di cui all’articolo 5 della legge 16 aprile 1987, n. 183, in particolare individuando le risorse che non siano state impegnate attraverso obbligazioni giuridicamente vinc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458726
CAPO III - ENERGIA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458727
Art. 7. - Strategia energetica nazionale N6

N31

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458728
Art. 8. - Legge obiettivo per lo sfruttamento di giacimenti di idrocarburi

1. Il divieto di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi nelle acque del golfo di Venezia, di cui all’articolo 4 della legge 9 gennaio 1991, n. 9, come modificata dall’articolo 26 della legge 31 luglio 2002, n. 179, si applica fino a quando il Consiglio dei Ministri, d’intesa con la regione Veneto, su proposta del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, non abbia definitivamente accertato la non sussistenza di rischi apprezzabili di subsidenza sulle coste, sulla base di nuovi e aggiornati studi, che dovranno essere presentati dai titolari di permessi di ricerca e delle concessioni di coltivazione, utilizzando i metodi di valutazione più conservativi e prevedendo l’uso delle migliori tecnologie disponibili per la coltivazione. Ai fini della suddetta attività di accertamento, il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare si avvale dell’Istituto superi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458729
Art. 9. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458730
Art. 10. - Promozione degli interventi infrastrutturali strategici e nei settori dell’energia e delle telecomunicazioni

1. Al comma 355 dell’

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458731
CAPO IV - CASA E INFRASTRUTTURE


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458732
Art. 11. - Piano Casa

1. Al fine di garantire su tutto il territorio nazionale i livelli minimi essenziali di fabbisogno abitativo per il pieno sviluppo della persona umana, è approvato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, previa delibera del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) e “d’intesa con” N11 la Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e successive modificazioni, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, un piano nazionale di edilizia abitativa.

2. Il piano è rivolto all’incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l’offerta di abitazioni di edilizia residenziale, da realizzare nel rispetto dei criteri di efficienza energetica e di riduzione delle emissioni inquinanti, con il coinvolgimento di capitali pubblici e privati, destinate prioritariamente a prima casa per:

a) nuclei familiari a basso reddito, anche monoparentali o monoreddito;

b) giovani coppie a basso reddito;

c) anziani in condizioni sociali o economiche svantaggiate;

d) studenti fuori sede;

e) soggetti sottoposti a procedure esecutive di rilascio;

f) altri soggetti in possesso dei requisiti di cui all’articolo 1 della legge 8 febbraio 2007, n. 9;

g) immigrati regolari a basso reddito, residenti da almeno dieci anni nel territorio nazionale ovvero da almeno cinque anni nella medesima regione.

3. Il piano nazionale di edilizia abitativa ha ad oggetto la costruzione di nuove abitazioni e la realizzazione di misure di recupero del patrimonio abitativo esistente ed è articolato, sulla base di criteri oggettivi che tengano conto dell’effettivo bisogno abitativo presente nelle diverse realtà territoriali, attraverso i seguenti interventi:

a) c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458733
Art. 12. - Abrogazione della revoca delle concessioni TAV

1. All’articolo 13 del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, sono apportate le seguenti modifiche:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458734
Art. 13. - “Misure per razionalizzare la gestione e la dismissione del patrimonio residenziale pubblico”N37

1. In attuazione degli articoli 47 e 117, commi secondo, lettera m), e terzo della Costituzione, al fine di assicurare il coordinamento della finanza pubblica, i livelli essenziali delle prestazioni e favorire l'accesso alla proprietà dell'abitazione, entro il 30 giugno 2014, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro per gli affari regionali e le autonomie, previa intesa della Conferenza unificata, di cui all'art. 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, approvano con decreto le procedure di alienazione degli immobili di proprietà dei comuni, degli enti pubblici anche territoriali, nonché degli Istituti autonomi per le case popolari, comunque denominati, anche in deroga alle disposizioni procedurali previste dalla legge 24 dicembre 1993, n. 560. Il suddetto decreto dovrà tenere conto anche della possibilità di favorire la dismissione degli alloggi nei condomini misti nei quali la proprietà pubblica è inferiore al 50 per cento oltre che in quelli inseriti in situazioni abitative estranee all'edilizia residenziale pubblica, al fine di conseguire una razionalizzazione del patrimonio e una riduzione degli oneri a carico della finanza locale. Le risorse derivanti dalle alienazioni devono essere destinate esclusivamente a un programma straordinario di realizzazione o di acquisto di nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica e di manutenzione straordinaria del patrimonio esistente. N59

2. Ai fini della conclusione degli accordi di cui al comma 1, si tiene conto dei seguenti criteri:

a) determinazione del prezzo di vendita delle unità immobiliari in proporzione al canone di locazione;

b) riconoscimento del diritto di opzione all’acquisto, purché i soggetti interessati non siano proprietari di un’altra abitazione, in favore dell’assegnatario non moroso nel pagamento del canone di locazione o degli on

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458735
Art. 14. - Expo Milano 2015

1. Per la realizzazione delle opere e delle attività connesse allo svolgimento del grande evento EXPO Milano 2015 in attuazione dell’adempimento degli obblighi internazionali assunti dal Governo italiano nei confronti del Bureau International des Expositions (BIE) è autorizzata la spesa di 30 milioni di euro per l’anno 2009, 45 milioni di euro per l’anno 2010, 59 milioni di euro per l’anno 2011, 223 milioni di euro per l’anno 2012, 564 milioni di euro per l’anno 2013, 445 milioni di euro per l’anno 2014 e 120 milioni di euro per l’anno 2015.

2. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, sentiti il presidente della Regione Lombardia, il Sindaco di Milano e i rappresentanti degli enti locali interessati, sono istituiti gli organismi per la gestione delle attività, compresa la previsione di un tavolo istituzionale per il governo complessivo degli interventi regionali e sovra regionali presieduto dal presidente della Regione Lombardia pro tempore, e sono stabiliti i criteri di ripartizione e le modalità di erogazione dei finanziamenti. Con il medesimo decreto è nominato, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, anche nell'ambito dei soggetti della gov

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458736
Art. 14-bis. - Infrastrutture militari

N50

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458737
CAPO V - Omissis


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458738
CAPO VI - LIBERALIZZAZIONI E DEREGOLAZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458739
Art. 18. - Reclutamento del personale delle aziende e istituzioni pubbliche

N79

1. N80

2.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458740
Art. 19. - Abolizione dei limiti al cumulo tra pensione e redditi di lavoro

1. A decorrere dal 1° gennaio 2009 le pensioni dirette di anzianità a carico dell’assicurazione generale obbligatoria e delle forme sostitutive ed esclusive della medesima sono totalmente cumulabili con i redditi da lavoro autonomo e dipendente. A decorrere dalla medesima data di cui al primo periodo del presente comma sono totalmente cumulabili con i redditi da lavoro autonomo e dipendente le pensioni dirette conseguite nel regime contributivo in via anticipata rispett

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458741
Art. 20. - Disposizioni in materia contributiva

(Omissis)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458742
Art. 21. - Modifiche alla disciplina del contratto di lavoro a tempo determinato

1. All’articolo 1, comma 1, del decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368, dopo le parole «tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo» sono aggiunte le seguenti: «, anche se riferibili alla ordinaria attività del datore di lavoro».

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458743
Art. 22. - Modifiche alla disciplina dei contratti occasionali di tipo accessorio

1. L’articolo 70, comma 1, del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, è sostituito dal seguente: «1. Per prestazioni di lavoro accessorio si intendono attività lavorative di natura occasionale rese nell’ambito: a) di lavori domestici; b) di lavori di giardinaggio, pulizia e manutenzione di edifici, strade, parchi e monumenti; c) dell’insegnamento privato supplementare; d) di manifestazioni sportive, culturali o caritatevo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458744
Art. 23. - Modifiche alla disciplina del contratto di apprendistato

1. All’articolo 49, comma 3, del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 le parole da «inferiore a due anni e superiore a sei» sono sostituite con «superiore a sei anni».

2. All’articolo 49 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 è aggiunto il seguente comma: «5-ter. In caso di formazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458745
Art. 23-bis. - Servizi pubblici locali di rilevanza economica

N36

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458746
CAPO VII - SEMPLIFICAZIONI


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458747
Art. 24. - Taglia-leggi

1. A far data dal centottantesimo giorno successivo alla data di entrata in vigore del presente decreto sono o restano abrogate le disposizioni elencate nell’Allegato A e s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458748
Art. 25. - Taglia-oneri amministrativi

1. Entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, su proposta del Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione e del Ministro per la semplificazione normativa, è approvato un programma per la misurazione degli oneri amministrativi derivanti da obblighi informativi nelle materie affidate alla competenza dello Stato, con l’obiettivo di giungere, entro il 31 dicembre 2012, alla riduzione di tali oneri per una quota complessiva del 25%, come stabilito in sede europea. Per la riduzione relativa alle materie di competenza regionale, si provvede ai sensi dell’articolo 20-ter della legge 15 marzo 1997, n. 59, e dei successivi accordi attuativi.

2. In attuazione del programma di cui al comma 1, il Dipartimento della funzione pubblica coordina le attività di misurazione in raccordo con l’Unità per la semplificazione e la qualità della regolazione e le amministrazioni interessate per materia.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458749
Art. 26. - Taglia-enti

1. Gli enti pubblici non economici con una dotazione organica inferiore alle 50 unità, con esclusione degli ordini professionali e le loro federazioni, delle federazioni sportive e degli enti non inclusi nell’elenco ISTAT pubblicato in attuazione del comma 5 dell’articolo 1 della legge 30 dicembre 2004, n. 311, degli enti la cui funzione consiste nella conservazione e nella trasmissione della memoria della Resistenza e delle deportazioni, anche con riferimento alle leggi 20 luglio 2000, n. 211, istitutiva della Giornata della memoria e 30 marzo 2004, n. 92, istitutiva del Giorno del ricordo, nonché delle Autorità portuali, degli enti parco e degli enti di ricerca, sono soppressi al novantesimo giorno dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, ad eccezione di quelli confermati con decreto dei Ministri per la pubblica amministrazione e l’innovazione e per la semplificazione normativa, da emanarsi entro il predetto termine. Sono, altresì, soppressi tutti gli enti pubblici non economici, per i quali, alla scadenza del “31 ottobre 2009”,N9 non siano

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458750
Art. 27. - Taglia-carta

1. Al fine di ridurre l’utilizzo della carta, dal 1° gennaio 2009, le amministrazioni pubbliche riducono del 50% risp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458751
Art. 28. - Misure per garantire la razionalizzazione di strutture tecniche statali

1. È istituito, sotto la vigilanza del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, l’Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA).

2. L’ISPRA svolge le funzioni, con le inerenti risorse finanziarie strumentali e di personale, dell’Agenzia per la protezione dell’Ambiente e per i servizi tecnici di cui all’articolo 38 del decreto legislativo n. 300 del 30 luglio 1999 e successive modificazioni, dell’Istituto Nazionale per la fauna selvatica di cui alla legge 11 febbraio 1992, n. 157 e successive modificazioni, e dell’Istituto Centrale per la Ricerca scientifica e tecnologica applicata al mare di cui all’articolo 1-bis del decreto-legge 4 dicembre 1993, n. 496, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 gennaio 1994, n. 61, i quali, a decorrere dalla data di insediamento dei commissari di cui al comma 5 del presente articolo, sono soppressi.

2-bis. Con decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare sono individuate le funzioni degli organismi collegiali già operanti presso il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, di cui all&rsquo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458752
Art. 29. - Trattamento dei dati personali

1. All’articolo 34 del codice in materia di protezione dei dati personali, di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, dopo il comma 1 è aggiunto il seguente:

«1-bis. Per i soggetti che trattano soltanto dati personali non sensibili e che trattano come unici dati sensibili quelli costituiti dallo stato di salute o malattia dei propri dipendenti e collaboratori anche a progetto, senza indicazione della relativa diagnosi, ovvero dall’adesione ad organizzazioni sindacali o a carattere sindacale, la tenuta di un aggiornato documento programmatico sulla sicurezza è sostituita dall’obbligo di autocertificazione, resa dal titolare del trattamento ai sensi dell’articolo 47 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458753
Art. 30. - Semplificazione dei controlli amministrativi a carico delle imprese soggette a certificazione

1. Per le imprese soggette a certificazione ambientale o di qualità rilasciata da un soggetto certificatore accreditato in conformità a norme tecniche europee ed internazionali, i controlli periodici svolti dagli enti certificatori sostituiscono i controlli amministrativi o le ulteriori attività amministrative di verifica, anche ai fini dell’eventuale rinnovo o aggiornamento delle autorizzazioni per l’eserc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458754
Art. 31. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458755
Art. 32. - Strumenti di pagamento

1. All’articolo 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, sono apportate le seguenti modificazioni:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458756
Art. 33. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458757
Art. 34. - Tutela dei consumatori e apparecchi di misurazione

[Soppresso]

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458758
Art. 35. - Semplificazione della disciplina per l’installazione degli impianti all’interno degli edifici

1. Entro il 31 dicembre 2008 il Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro per la semplificazione normativa, emana uno o più decreti, ai sensi dell’articolo 17 della legge 23 agosto 1988, n. 400, volti a disciplinare:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458759
Art. 36. - Art. 37. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458760
Art. 38. - Impresa in un giorno

1. Al fine di garantire il diritto di iniziativa economica privata di cui all’articolo 41 della Costituzione, l’avvio di attività imprenditoriale, per il soggetto in possesso dei requisiti di legge, è tutelato sin dalla presentazione della dichiarazione di inizio attività o dalla richiesta del titolo autorizzatorio.

2. Ai sensi dell’articolo 117, secondo comma, lettere e), m), p) e r), della Costituzione, le disposizioni del presente articolo introducono, anche attraverso il coordinamento informativo statistico e informatico dei dati delle amministrazioni, misure per assicurare, nel rispetto delle libertà fondamentali, l’efficienza del mercato, la libera concorrenza e i livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale. Esse costituiscono adempimento della direttiva 2006/123/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 dicembre 2006, ai sensi dell’articolo 117, primo comma, della Costituzione. N12

3. Con regolamento, adottato ai sensi dell’articolo 17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Ministro dello sviluppo economico e del Ministro per la semplificazione normativa “, di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione” N12, sentita la Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, e successive modificazioni, si procede alla semplificazione e al riordino della disciplina dello sportello unico per le attività produttive di cui al regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 20 ottobre 1998, n. 447, e successive modificazioni, in bas

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458761
Art. 39. - Adempimenti di natura formale nella gestione dei rapporti di lavoro

1. Il datore di lavoro privato, con la sola esclusione del datore di lavoro domestico, deve istituire e tenere il libro unico del lavoro nel quale sono iscritti tutti i lavoratori subordinati, i collaboratori coordinati e continuativi e gli associati in partecipazione con apporto lavorativo. Per ciascun lavoratore devono essere indicati il nome e cognome, il codice fiscale e, ove ricorrano, la qualifica e il livello, la retribuzione base, l’anzianità di servizio, nonché le relative posizioni assicurative.

2. Nel libro unico del lavoro deve essere effettuata ogni annotazione relativa a dazioni in danaro o in natura corrisposte o gestite dal datore di lavoro, compresi le somme a titolo di rimborso spese, le trattenute a qualsiasi titolo effettuate, le detrazioni fiscali, i dati relativi agli assegni per il nucleo familiare, le prestazioni ricevute da enti e istituti previdenziali. Le somme erogate a titolo di premio o per prestazioni di lavoro straordinario devono essere indicate specificatamente. Il libro unico del lavoro deve altresì contenere un calendario delle presenze, da cui risulti, per ogni giorno, il numero di ore di lavoro effettuate da ciascun lavoratore subordinato, nonché l’indicazione delle ore di straordinario, delle eventuali assenze dal lavoro, anche non retribuite, delle ferie e dei riposi. Nella ipotesi in cui al lavoratore venga corrisposta una retribuzione fissa o a giornata intera o a periodi superiori è annotata solo la giornata di presenza al lavoro.

3. Il libro unico del lavoro deve essere compilato coi dati di cui ai commi 1 e 2, per ciascun mese di riferimento, “entro la fine” N42 del mese successivo.

4. Il Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali stabilisce, con decreto da emanarsi entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, le modalità e tempi di tenuta e conservazione del libro unico del lavoro e disciplina il relativo regime transitorio.

5. Con la consegna al lavoratore di copia delle scritturazioni effettuate nel libro unico del lavoro il datore di lavoro adempie agli obblighi di cui

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458762
Art. 40. - Tenuta dei documenti di lavoro ed altri adempimenti formali

1. L'articolo 5 della legge 11 gennaio 1979, n. 12 è sostituito dal seguente:

"Art. 5. - (Tenuta dei libri e documenti di lavoro) - 1. Per lo svolgimento della attività di cui all'articolo 2 i documenti dei datori di lavoro possono essere tenuti presso lo studio dei consulenti del lavoro o degli altri professionisti di cui all'articolo 1, comma 1. I datori di lavoro che intendono avvalersi di questa facoltà devono comunicare preventivamente alla Direzione provinciale del lavoro competente per territorio le generalità del soggetto al quale è stato affidato l'incarico, nonché il luogo ove sono reperibili i documenti.

2. Il consulente del lavoro e gli altri professionisti di cui all'articolo 1, comma 1, che, senza giustificato motivo, non ottemperino entro 15 giorni alla richiesta degli organi di vigilanza di esibire la documentazione in loro possesso, sono puniti con la sanzione pecuniaria amministrativa da 100 a 1000 euro. In caso di recidiva della violazione è data informazione tempestiva al Consiglio provinciale dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458763
Art. 41. - Modifiche alla disciplina in materia di orario di lavoro

1. All'articolo 1, comma 2, lettera e), n. 2, del decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66 dopo le parole «è considerato lavoratore notturno qualsiasi lavoratore che svolga», sono inserite le seguenti: «per almeno tre ore».

2. All'articolo 1, comma 2, lettera h), del decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66 dopo le parole «passeggeri o merci», sono inserite le seguenti: «sia per conto proprio che per conto di terzi».

3. All'articolo 2, comma 3, del decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66 dopo le parole «attività operative specificamente istituzionali», sono aggiunte le seguenti: «e agli addetti ai servizi di vigilanza privata».

4. All'articolo 7 del decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66 dopo le parole «frazionati durante la giornata», sono aggiunte le seguenti: «o da regimi di reperibilità».

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458764
Art. 42. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458765
Art. 43. - Semplificazione degli strumenti di attrazione degli investimenti e di sviluppo d'impresa

1. Per favorire l'attrazione degli investimenti e la realizzazione di progetti di sviluppo di impresa rilevanti per il rafforzamento della struttura produttiva del Paese, con particolare riferimento alle aree del Mezzogiorno, con decreto di natura non regolamentare del Ministro dello sviluppo economico, sono stabiliti i criteri, le condizioni e le modalità per la concessione di agevolazioni finanziarie a sostegno degli investimenti privati e per la realizzazione di interventi ad essi complementari e funzionali. Con tale decreto, da adottare di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, con il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, per quanto riguarda le attività della filiera agricola e della pesca e acquacoltura, e con il Ministro per la semplificazione normativa, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, si provvede, in particolare a:

a) individuare le attività, le iniziative, le categorie di imprese, il valore minimo degli investimenti e le spese ammissibili all'agevolazione, la misura e la natura finanziaria delle agevolazioni concedibili nei limiti consentiti dalla vigente normativa comunitaria, i criteri di valutazione dell'istanza di ammissione all'agevolazione;

b) affidare, con le modalità stabilite da apposita convenzione, all'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.A. le funzioni relative alla gestione dell'intervento di cui al presente articolo, ivi comprese quelle relativ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458766
Art. 44 - Art. 45. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458767
CAPO VIII - PIANO INDUSTRIALE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458768
Art. 46. - Riduzione delle collaborazioni e consulenze nella pubblica amministrazione

1. Il comma 6 dell’articolo 7 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, come modificato dal decreto legge 4 luglio 2006, n. 233, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, e da ultimo dall’articolo 3, comma 76, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, è così sostituito:

«6. Per esigenze cui non possono far fronte con personale in servizio, le amministrazioni pubbliche possono conferire incarichi individuali, con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa, ad esperti di particolare e comprovata specializza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458769
Art. 46-bis. - Art. 47. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458770
Art. 48. - Risparmio energetico

1. Le pubbliche amministrazioni “centrali”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458771
Art. 49. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458772
CAPO IX - GIUSTIZIA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458773
Art. 50. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458774
Art. 51. - Comunicazioni e notificazioni per via telematica

1. N58

2. N58

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458775
Art. 52. - Art. 56. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458776
CAPO X - PRIVATIZZAZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458777
Art. 57. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458778
Art. 58. - Ricognizione e valorizzazione del patrimonio immobiliare di regioni, comuni ed altri enti locali

1. Per procedere al riordino, gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare di Regioni, Province, Comuni e altri Enti locali, nonché di società o Enti a totale partecipazione dei predetti enti, ciascuno di essi, con delibera dell’organo di Governo individua, redigendo apposito elenco, sulla base e nei limiti della documentazione esistente presso i propri archivi e uffici, i singoli beni immobili ricadenti nel territorio di competenza, non strumentali all’esercizio delle proprie funzioni istituzionali, suscettibili di valorizzazione ovvero di dismissione. Viene così redatto il piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari allegato al bilancio di previsione nel quale, previa intesa, sono inseriti immobili di proprietà dello Stato individuati dal Ministero dell’economia e delle finanze - Agenzia del demanio tra quelli che insistono nel relativo territorio. N38

2. L’inserimento degli immobili nel piano ne determina la conseguente classificazione come patrimonio disponibile, fatto salvo il rispetto delle tutele di natura storico-artistica, archeologica, architettonica e paesaggistico-ambientale. Il piano è trasmesso agli Enti competenti, i quali si esprimono entro trenta giorni, decorsi i quali, in caso di mancata espressione da parte dei medesimi Enti, la predetta classificazione è resa definitiva. La deliberazione del consiglio comunale di approvazione, ovvero di ratifica dell’atto di deliberazione se trattasi di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458779
Art. 59. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458780
TITOLO III - STABILIZZAZIONE DELLA FINANZA PUBBLICA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458781
CAPO I - BILANCIO DELLO STATO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458782
Art. 60. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458783
Art. 61. - Ulteriori misure di riduzione della spesa ed abolizione della quota di partecipazione al costo per le prestazioni di assistenza specialistica

(Omissis).

2. Al fine di valorizzare le professionalità interne alle amministrazioni, riducendo ulteriormente la spesa per studi e consulenze, all’articolo 1, comma 9, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) le parole: «al 40 per cento», sono sostituite dalle seguenti: «al 30 per cento»;

b) in fine, è aggiunto il seguente periodo: «Nel limite di spesa stabilito ai sensi del primo periodo deve rientrare anche la spesa annua per studi ed incarichi di consulenza conferiti a pubblici dipendenti».

3. Le disposizioni introdotte dal comma 2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458784
Art. 62. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458785
Art. 63. - Esigenze prioritarie

(Omissis)

4. Per far fronte alle esigenze del Gruppo Ferrovie dello Stato S.p.a. è autorizzata la spesa di 300 milioni di euro per l’anno 2008. Con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, da emanarsi entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, è definita la destinazione del contributo.

5. Per far fronte alle obbligazioni già assunte per la realizzazione di interventi previsti nel contratto di programma 2003-2005 e in Accordi pregressi, a valere su r

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458786
Art. 63-bis. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458787
CAPO II - CONTENIMENTO DELLA SPESA PER IL PUBBLICO IMPIEGO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458788
Art. 64. - Art. 65. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458789
Art. 66 - Turn over

1. Le amministrazioni di cui al presente articolo provvedono, entro il 31 dicembre 2008 a rideterminare la programmazione triennale del fabbisogno di personale in relazione alle misure di razionalizzazione, di riduzione delle dotazioni organiche e di contenimento delle assunzioni previste dal presente decreto.

2. All'articolo 1, comma 523, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 le parole «per gli anni 2008 e 2009» sono sostituite dalle parole «per l'anno 2008» e le parole «per ciascun anno» sono sostituite dalle parole «per il medesimo anno».

3. Per l'anno 2009 le amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 523, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 possono procedere, previo effettivo svolgimento delle procedure di mobilità, ad assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite di un contingente di personale complessivamente corrispondente ad una spesa pari al 10 per cento di quella relativa alle cessazioni avvenute nell'anno precedente. In ogni caso il numero delle unità di personale da assumere non può eccedere, per ciascuna amministrazione, il 10 per cento delle unità cessate nell'anno precedente.

4. All'articolo 1, comma 526, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 le parole «per gli anni 2008 e 2009» sono sostituite dalle seguenti: «per l'anno 2008».

5. Per l'anno 2009 le amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 526, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 possono procedere alla stabilizzazione di personale in possesso dei requisiti ivi richiamati nel limite di un contingente di personale complessivamente corrispondente ad una spesa pari al 10 per cento di quella relativa alle cessazioni avvenute nell'anno precedente. In ogni caso il numero delle unità di personale da stabilizzare non può eccedere, per ciascuna amministrazione, il 10 per cento delle unità cessate nell'anno precedente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458790
Art. 67. - Art. 72. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458791
Art. 73. - Part time

1. All'articolo 1, comma 58, della legge 23 dicembre 1996, n. 662 sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al primo periodo le parole: "avviene automaticamente" sono sostituite dalle seguenti: "può essere concessa dall'amministrazione";

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458792
Art. 74. - Art. 75. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458793
Art. 76. - Spese di personale per gli enti locali e delle camere di commercio

(Omissis)

3. L'articolo 82, comma 11, del testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e successive modificazioni è sostituito dal seguente: "La corresponsione dei gettoni di presenza è comunque subordinata alla effettiva partecipazione del consigliere a consigli e commissioni; il regolamento ne stabilisce termini e modalità".

4. In caso di mancato rispetto del patto di stabilità interno nell'esercizio precedente è fatto divieto agli enti di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titol

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458794
CAPO III - PATTO DI STABILITÀ INTERNO
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458795
Art. 77. - Art. 77-quater. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458796
Art. 78. - Disposizioni urgenti per Roma capitale

1. Al fine di assicurare il raggiungimento degli obiettivi strutturali di risanamento della finanza pubblica e nel rispetto dei princìpi indicati dall’articolo 119 della Costituzione, nelle more dell’approvazione della legge di disciplina dell’ordinamento, anche contabile, di Roma Capitale ai sensi dell’articolo 114, terzo comma, della Costituzione, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, il Sindaco del comune di Roma, senza nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio dello Stato è nominato Commissario straordinario del Governo per la ricognizione della situazione economico-finanziaria del comune e delle società da esso partecipate, con esclusione di quelle quotate nei mercati regolamentati, e per la predisposizione ed attuazione di un piano di rientro dall’indebitamento pregresso.

2. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri:

a) sono individuati gli istituti e gli strumenti disciplinati dal Titolo VIII del testo unico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458797
CAPO IV - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458798
TITOLO IV - PEREQUAZIONE TRIBUTARIA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458799
CAPO I - MISURE FISCALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458800
Art. 81. - Settori petrolifero e del gas

(Omissis)

16. In dipendenza dell’andamento dell’economia e dell’impatto sociale dell’aumento dei prezzi e delle tariffe del settore energetico, l’aliquota dell’imposta sul reddito delle società di cui all’ articolo 75 del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, è applicata con una addizionale di “6,5 punti percentuali” N71 per i soggetti che abbiano conseguito nel periodo di imposta precedente un “volume di ricavi superiore a 3 milioni di euro e un reddito imponibile superiore a 300 mila euro” N67 e che operano nei settori di seguito indicati:

a) ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi;

b) raffinazione petrolio, produzione o commercializzazione di benzine, petroli, gasoli per usi vari, oli lubrificanti e residuati, gas di petrolio liquefatto e gas naturale;

c) produzione, trasmissione e dispacciamento, distribuzione o commercializzazione dell'energia elettrica; N68

c-bis) trasporto o distribuzione del gas naturale. N69

Nel caso di soggetti operanti anche in settori diversi da quelli di cui alle lettere a), b) e c), la disposizione del primo periodo si applica qualora i ricavi relativi ad attività riconducibili ai predetti settori siano prevalenti rispetto all’ammontare complessivo dei ricavi conseguiti N70. N72

16-bis. I soggetti indicati nel comma 16 che abbiano esercitato l’opzione per la tassazione di gruppo di cui all’ articolo 117 del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458801
Art. 82 - Banche, assicurazioni, fondi di investimento immobiliari "familiari" e cooperative

1. All'articolo 96 del Testo Unico delle imposte sui redditi approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, dopo il comma 5 è inserito il seguente:

"5-bis. Gli interessi passivi sostenuti dai soggetti indicati nel primo periodo del comma 5, sono deducibili dalla base imponibile della predetta imposta nei limiti del 96 per cento del loro ammontare. Nell'ambito del consolidato nazionale di cui agli articoli da 117 a 129, l'ammontare complessivo degli interessi passivi maturati in capo a soggetti di cui al periodo precedente partecipanti al consolidato a favore di altri soggetti partecipanti sono integralmente deducibili sino a concorrenza dell'ammontare complessivo degli interessi passivi maturati in capo ai soggetti partecipanti a favore di soggetti estranei al consolidato. La società o ente controllante opera la deduzione integrale degli interessi passivi di cui al periodo precedente in sede di dichiarazione di cui all'articolo 122, apportando la relativa variazione in diminuzione della somma algebrica dei redditi complessivi netti dei soggetti partecipanti."

2. In deroga all'articolo 3 della legge 27 luglio 2000, n. 212, le disposizioni di cui al comma 5-bis dell'articolo 96 del Testo Unico delle imposte sui redditi approvato con decreto del Presidente della Repubblica n. 917, del 1986, come introdotto dal comma 1, si applicano a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2007. Limitatamente al medesimo periodo d'imposta gli interessi passivi di cui al citato comma 5-bis sono deducibili nei limiti del 97 per cento del loro ammontare.

3. Al decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, sono apportate le seguenti modifiche:

a) all'articolo 6, comma 8, dopo il primo periodo è aggiunto il seguente: "Gli interessi passivi concorrono alla formazione del valore della produzione nella misura del 96 per cento del loro ammontare";

b) all'articolo 6, comma 9, dopo il primo periodo è aggiunto il seguente: "Gli interessi passivi concorrono alla formazione del valore della produzione nella misura del 96 per cento del loro ammontare";

c) all'articolo 7, comma 2, è aggiunto in fine il seguente periodo: "Gli interessi passivi concorrono alla formazione del valore della produzione nella misura del 96 per cento del loro ammontare".

4. In deroga all'articolo 3 della legge 27 luglio 2000, n. 212, le disposizioni di cui al comma 3 si applicano a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2007. Limitatamente al medesimo periodo d'imposta gli interessi passivi di cui al comma 3 sono deducibili nei limiti del 97 per cento del loro ammontare.

5. Nella determinazione degli acconti dovuti ai fini dell'imposta sul reddito delle società e dell'imposta regionale sulle attività produttive per il medesimo periodo d'imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2007, in sede di versamento della seconda o unica rata, si assume, quale imposta del p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458802
Art. 83. - Efficienza dell’Amministrazione finanziaria

(Omissis)

16. Al fine di assicurare maggiore effettività alla previsione di cui all'articolo 1 del decreto-legge 30 settembre 2005, n. 203, convertito, con modificazioni, dalla legge 2 dicembre 2005, n. 248, i comuni, entro i sei mesi successivi alla richiesta di iscrizione nell'anagrafe degli italiani residenti all'estero, confermano all'Ufficio dell'Agenzia delle entrate competente per l'ultimo domicilio fiscale che il richiedente ha effettivamente cessato la residenza nel territorio nazionale. Per il triennio successivo alla predetta richiesta di iscrizione la effettività della cessazione della residenza nel territorio nazionale è sottoposta a vigilanza da parte dei comuni e dell'Agenzia delle entrate, la quale si avvale delle facoltà istruttorie di cui al Titolo IV del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458803
Art. 83-bis. - Tutela della sicurezza stradale e della regolarità del mercato dell’autotrasporto di cose per conto di terzi

1. N63

2. N63

3. N63

4. Nel contratto di trasporto, anche stipulato in forma non scritta, di cui all'articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre 2005, n. 286, e successive modificazioni, i prezzi e le condizioni sono rimessi all'autonomia negoziale delle parti, tenuto conto dei principi di adeguatezza in materia di sicurezza stradale e sociale. N65

4-bis. Al fine di garantire l'affidamento del trasporto a vettori in regola con l'adempimento degli obblighi retributivi, previdenziali e assicurativi, il committente è tenuto a verificare preliminarmente alla stipulazione del contratto tale regolarità mediante acquisizione del documento di cui al comma 4-sexies. In tal caso il committente non assume gli oneri di cui ai commi 4-ter e 4-quinquies. N65

4-ter. Il committente che non esegue la verifica di cui al comma 4-bis ovvero di cui al comma 4-quater è obbligato in solido con il vettore, nonché con ciascuno degli eventuali sub-vettori, entro il limite di un anno dalla cessazione del contratto di trasporto, a corrispondere ai lavoratori i trattamenti retributivi, nonché i contributi previdenziali e i premi assicurativi agli enti competenti, dovuti limitatamente alle prestazioni ricevute nel corso della durata del contratto di trasporto, restando escluso qualsiasi obbligo per le sanzioni amministrative di cui risponde solo il responsabile dell'inadempimento. Il committente che ha eseguito il pagamento può esercitare l'azione di regresso nei confronti del coobbligato secondo le regole generali. N65

4-quater. La verifica sulla regolarità del vettore è effettuata limitatamente ai requisiti e ai sensi del comma 4-bis, fino alla data di adozione della delibera del presidente del Comitato centrale per l'albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l'autotrasporto di cose per conto di terzi, da emanare entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente disposizione. A decorrere dall'adozione della delibera di cui al primo periodo, la verifica sulla regolarità del vettore è assolta dal committente mediante accesso ad apposita sezione del portale internet attivato dal citato Comitato centrale, dal quale sia sinteticamente acquisita la qualificazione di regolarità del vettore a cui si intende affidare lo svolgimento di servizi di autotrasporto. A tal fine il medesimo Comitato centrale, previa opportuna intesa, acquisisce sistematicamente in via elettronica dalle amministrazioni e dagli enti competenti l'informazione necessaria a definire e aggiornare la regolarità dei vettori iscritti. N65

4-quinquies. In caso di contratto di trasporto stipulato in forma non scritta il committente che non esegue la verifica di cui al comma 4-bis ov

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458804
TITOLO V - DISPOSIZIONI FINANZIARIE E FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458805
Art. 84. - (Omissis)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458806
Art. 85. - Entrata in vigore

1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Uff

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311588 4458807
Allegato A - Omissis



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

Standard urbanistici, dotazioni territoriali, regolamento edilizio unico nazionale

Non è stato ancora prodotto il regolamento edilizio unico nazionale, annunciato entro novembre 2015, ma nelle more sono state diffuse 42 definizioni tecniche, che comprendono anche le “dotazioni territoriali” che sembra debbano sostituire gli “standard urbanistici”. L’argomento meriterebbe una attenzione maggiore di una estemporanea innovazione, poiché riguarda il governo delle città nel rilevante aspetto della dotazione di servizi, finalizzati all’innalzamento della qualità della vita dei residenti e alla creazione di un contesto favorevole all’insediamento ed allo sviluppo di impresa.
A cura di:
  • Roberto Gallia

Nuove procedure alienazione immobili pubblici ex art. 3 D.L. “Casa” 47/2014

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 115 del 20/05/2015 il D.M. 24/02/2015 concernente le procedure di alienazione degli immobili di proprietà degli enti pubblici al fine di incrementare le risorse destinate alla realizzazione, manutenzione o acquisto di alloggi di edilizia residenziale pubblica.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Recupero a fini abitativi immobili confiscati alla criminalità organizzata

Destinati 18 milioni di Euro per un programma di edilizia sociale nell’ambito del Piano nazionale di edilizia abitativa di cui al D.L. 112/2008. Gli immobili saranno conferiti in proprietà agli enti locali che provvederanno direttamente alla progettazione, affidamento e gestione dei lavori.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Fondo di garanzia per la prima casa: il D.M. 31/07/2014 con le regole attuative ed il Protocollo d'intesa ABI-MEF

Criteri, condizioni e modalità per l'operatività della garanzia dello Stato sui mutui per l’acquisto della prima casa ai sensi della legge di stabilità 2014. Soggetti beneficiari, soggetti per i quali è prevista una priorità, operazioni ammissibili alla garanzia del Fondo, caratteristiche dell’immobile, soggetti finanziatori e garanzia. Il Protocollo d'intesa tra ABI e Ministero dell'economia e finanze stipulato in data 08/10/2014.
A cura di:
  • Dino de Paolis

La semplificazione per l’edilizia operata dal «decreto del fare»

Il c.d. «decreto del fare», D.L. 21 giugno 2013 n. 69, convertito a fine agosto, prevede ulteriori semplificazioni in materia edilizia, che non sembrano in grado di portare certezza in un settore entrato in confusione a seguito della pluralità di provvedimenti che si sono succeduti senza un reciproco coordinamento e, soprattutto, senza delineare un orizzonte strategico dove la semplificazione discenda dalla certezza delle norme e dei procedimenti. Anche questa volta, in attesa di una specifica sistematizzazione della materia, si è persa una occasione per cercare di risolvere i nodi che attualmente risultano maggiormente ostativi ad una ripresa delle iniziative nel settore delle costruzioni.
A cura di:
  • Roberto Gallia