FAST FIND : NN10649

D. Leg.vo 06/09/2011, n. 159

Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136.
Scarica il pdf completo
311501 4964452
[Premessa]



IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964453
LIBRO I - Le misure di prevenzione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964454
Titolo I - LE MISURE DI PREVENZIONE PERSONALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964455
Capo I - Le misure di prevenzione personali applicate dal questore
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964456
Art. 1 - Soggetti destinatari

1. I provvedimenti previsti dal presente capo si applicano a:

a) c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964457
Art. 2 - Foglio di via obbligatorio

1. Qualora le persone indicate nell'articolo 1 siano pericolose per la sicurezza pubb

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964458
Art. 3 - Avviso orale

1. Il questore nella cui provincia la persona dimora può avvisare oralmente i soggetti di cui all'articolo 1 che esistono indizi a loro carico, indicando i motivi che li giustificano.

2. Il questore invita la persona a tenere una condotta conforme alla legge e redige il processo verbale dell'avviso al solo fine di dare allo stesso data certa.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964459
Capo II - Le misure di prevenzione personali applicate dall'autorità giudiziaria
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964460
Sezione I - Il procedimento applicativo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964461
Art. 4 - Soggetti destinatari

1. I provvedimenti previsti dal presente capo si applicano: N56

a) agli indiziati di appartenere alle associazioni di cui all'articolo 416-bis c.p.;

b) ai soggetti indiziati di uno dei reati previsti dall'articolo 51, comma 3-bis, del codice di procedura penale ovvero del delitto di cui all'articolo 12-quinquies, comma 1, del decreto-legge 8 giugno 1992, n. 306, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1992, n. 356 “, o del delitto di cui all'articolo 418 del codice p

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964462
Art. 5 - Titolarità della proposta. Competenza

1. Nei confronti delle persone indicate all'articolo 4 possono essere proposte dal questore, dal procuratore nazionale antimafia, dal procuratore della Repubblica presso il tribunale del capoluogo di distretto ove dimora la persona e dal direttore della Direzione investigativa antimafia le misure di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza e dell'obbligo di soggiorno nel comune di residenza o di dimora abituale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964463
Art. 6 - Tipologia delle misure e loro presupposti

1. Alle persone indicate nell'articolo 4, quando siano pericolose per la sicurezza pubblica, può essere applicata, nei modi stabiliti negli articoli seguenti, la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964464
Art. 7 - Procedimento applicativo

1. Il tribunale provvede, con decreto motivato, entro trenta giorni dal deposito della proposta. L'udienza si svolge senza la presenza del pubblico. Il presidente dispone che il procedimento si svolga in pubblica udienza quando l'interessato ne faccia richiesta.N40

2. Il presidente fissa la data dell'udienza e ne fa dare avviso alle parti, alle altre persone interessate e ai difensori. L'avviso è comunicato o notificato almeno dieci giorni prima della data predetta e contiene la concisa esposizione dei contenuti della proposta. Se l'interessato è privo di difensore, l'avviso è dato a quello di ufficio.N57

3. Fino a cinque giorni prima dell'udienza possono essere presentate memorie in cancelleria.

4. L'udienza si svolge con la partecipazione necessaria del difensore e del pubblico ministero. Gli altri destinatari dell'avviso sono sentiti se compaiono. Se l'interessato è detenuto o internato in luogo posto fuori della circoscrizione del giudice e ne fa tempestiva richiesta, la partecipazione all'udienza è assicurata a distanza mediante collegamento audiovisivo ai sensi dell'articolo 146-bis, c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964465
Art. 8 - Decisione

1. Il provvedimento del tribunale stabilisce la durata della misura di prevenzione che non può essere inferiore ad un anno né superiore a cinque.

2. Qualora il tribunale disponga l'applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all'articolo 6, nel provvedimento sono determinate le prescrizioni che la persona sottoposta a tale misura deve osservare.

3. A tale scopo, qualora la misura applicata sia quella della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza e si tratti di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964466
Art. 9 - Provvedimenti d'urgenza

1. Se la proposta riguarda la misura della sorveglianza speciale con l'obbligo o il divieto di soggiorno, il presidente del tribunale, con decreto, nella pendenza del procedimento di cui all'articolo 7, può disporre il temporaneo ritiro del passaporto e la sospensione della validità ai fini dell'espatrio di ogni altro documento equipollente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964467
Sezione II - Le impugnazioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964468
Art. 10 - Impugnazioni

1. Il procuratore della Repubblica, il procuratore generale presso la corte di appello e l'interessato “e il suo difensore”N35 hanno facoltà di proporre ricorso alla corte d'appello, anche per il merito.

1-bis. Il procuratore della Repubblica, senza ritardo, trasmette il proprio fascicolo al procuratore generale presso la corte di appello competente per il giudizio di secondo grado. Al termine del procedimento di primo grado, il procuratore della Repubblica forma un fascicolo nel quale vengono raccolti tutti gli elementi investigativi e probatori eventualmente sopravvenuti dopo la d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964469
Sezione III - L'esecuzione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964470
Art. 11 - Esecuzione

1. Il provvedimento di applicazione delle misure di prevenzione è comunicato al questore per l'esecuzione.

2. Il provvedim

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964471
Art. 12 - Autorizzazione ad allontanarsi dal comune di residenza o dimora abituale

1. Quando ricorrono gravi e comprovati motivi di salute, le persone sottoposte all'obbligo di soggiorno possono essere autorizzate a recarsi in un luogo determinato fuori del comune di residenza o di dimora abituale, ai fini degli accertamenti sanitari e delle cure indispensabili, allontanandosi per un periodo non superiore ai dieci giorni, oltre al tempo necessario per il viaggio. L'autorizzazi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964472
Art. 13 - Rapporti della sorveglianza speciale con le misure di sicurezza e la libertà vigilata

1. Quando sia stata applicata una misura di sicurezza detentiva o la libertà v

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964473
Art. 14 - Decorrenza e cessazione della sorveglianza speciale

1. La sorveglianza speciale comincia a decorrere dal giorno in cui il decreto è comunicato all'interessato e cessa di diritto allo scadere del termine nel decreto stesso stabilito, se il sorvegliato speciale non abbia, nel frattempo, commesso un reato.

2. Se nel corso del termine stabilito il sorvegliato commette un reato per il quale riporti successivamente condanna e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964474
Art. 15 - Rapporti dell'obbligo di soggiorno con la detenzione, le misure di sicurezza e la libertà vigilata

N13

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964475
Titolo II - LE MISURE DI PREVENZIONE PATRIMONIALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964476
Capo I - Il procedimento applicativo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964477
Art. 16 - Soggetti destinatari

1. Le disposizioni contenute nel presente titolo si applicano:

a) ai soggetti di cui all'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964478
Art. 17 - Titolarità della proposta

1. Nei confronti delle persone indicate all'articolo 16 possono essere proposte dal procuratore della Repubblica presso il tribunale del capoluogo del distretto ove dimora la persona, dal procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, dal questore o dal direttore della Direzione investigativa antimafia le misure di prevenzione patrimoniali di cui al presente titolo.N40

2. Nei casi previsti dall'articolo 4, comma 1, lettere c), i), i-bis) e i-ter), le funzioni e le competenze spettanti al procuratore della Repubblica presso il tribunale del capoluo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964479
Art. 18 - Applicazione delle misure di prevenzione patrimoniali. Morte del proposto

1. Le misure di prevenzione personali e patrimoniali possono essere richieste e applicate disgiuntamente e, per le misure di prevenzione patrimoniali, indipendentemente dalla pericolosità sociale del soggetto proposto per la loro applicazione al momento della richiesta della misura di prevenzione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964480
Art. 19 - Indagini patrimoniali

1. I soggetti di cui all'articolo 17, commi 1 e 2, procedono, anche a mezzo della guardia di finanza o della polizia giudiziaria, ad indagini sul tenore di vita, sulle disponibilità finanziarie e sul patrimonio dei soggetti indicati all'articolo 16 nei cui confronti possa essere proposta la misura di prevenzione della sorveglianza speciale della pubblica sicurezza con o senza divieto od obbligo di soggiorno, nonché, avvalendosi della guardia di finanza o della polizia giudiziaria, ad indagini sull'attività economica facente capo agli stessi soggetti allo scopo anche di individuare le fonti di reddito.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964481
Art. 20 - Sequestro

N43

1. Il tribunale, anche d'ufficio, con decreto motivato, ordina il sequestro dei beni dei quali la persona nei cui confronti è stata presentata la proposta risulta poter disporre, direttamente o indirettamente, quando il loro valore risulta sproporzionato al reddito dichiarato o all'attività economica svolta ovvero quando, sulla base di sufficienti indizi, si ha motivo di ritenere che gli stessi siano il frutto di attività illecite o ne costit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964482
Art. 21 - Esecuzione del sequestro

1. Il sequestro è eseguito con le modalità previste dall'articolo 104 del decreto legislativo 28 luglio 1989, n. 271. “La polizia giudiziar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964483
Art. 22 - Provvedimenti d'urgenza

1. Quando vi sia concreto pericolo che i beni di cui si prevede debba essere disposta la confisca vengano dispersi, sottratti od alienati, i soggetti di cui all'articolo 17, commi 1 e 2 possono, unitamente alla proposta, richiedere al presidente del tribunale competente per l'applicazione dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964484
Art. 23 - Procedimento applicativo

1. Salvo che sia diversamente disposto, al procedimento per l'applicazione di una misura di prevenzione patrimoniale si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni dettate dal titolo I, capo II, sezione I.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964485
Art. 24 - Confisca

1. Il tribunale dispone la confisca dei beni sequestrati di cui la persona nei cui confronti è instaurato il procedimento non possa giustificare la legittima provenienza e di cui, anche per interposta persona fisica o giuridica, risulti essere titolare o avere la disponibilità a qualsiasi titolo in valore sproporzionato al proprio reddito, dichiarato ai fini delle imposte sul reddito, o alla propria attività economica, nonché dei beni che risultino essere frutto di attività illecite o ne costituiscano il reimpiego. In ogni caso il proposto non può giustificare la legittima provenienza dei beni adducendo che il denaro utilizzato per acquistarli sia provento o reimpiego dell'evasione fiscale. Se il tribunale non dispone la confisca, può applicare anche d'uf

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964486
Art. 25 - Sequestro o confisca per equivalente

N43

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964487
Art. 26 - Intestazione fittizia

1. Quando accerta che taluni beni sono stati fittiziamente intestati o trasferiti a terzi, con il decreto che dispone la confisca il giudice dichiara la nullità de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964488
Capo II - Le impugnazioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964489
Art. 27 - Comunicazioni e impugnazioni

1. I provvedimenti con i quali il tribunale dispone la confisca dei beni sequestrati, l'applicazione, il diniego o la revoca del sequestro, il rigetto della richiesta di confisca anche qualora non sia stato precedentemente disposto il sequestro ovvero la restituzione della cauzione o la liberazione delle garanzie o la confisca della cauzione o l'esecuzione sui beni costituiti in garanzia sono comunicati senza indugio al procuratore generale presso la corte di appello, al procuratore della Repubblica e agli interessati.N40

2. Per le impugnazioni con

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964490
Capo III - La revocazione della confisca
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964491
Art. 28 - Revocazione della confisca

1. “La revocazione della decisione definitiva sulla confisca di prevenzione può essere richiesta, nelle forme previste dagli articoli 630 e seguenti del codice di procedura penale, in quanto compatibili, alla corte di appello individuata secondo i criteri di cui all'articolo 11 dello stesso codice:”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964492
Capo IV - Rapporti con i procedimenti penali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964493
Art. 29 - Indipendenza dall'esercizio dell'azione penale

1. L'azione di prevenzione può essere esercitata anche indipendentemente dall'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964494
Art. 30 - Rapporti con sequestro e confisca disposti in seno a procedimenti penali

1. Il sequestro e la confisca di prevenzione possono essere disposti anche in relazione a beni già sottoposti a sequestro in un procedimento penale. In tal caso la custodia giudiziale dei beni sequestrati nel processo penale viene affidata all'amministratore giudiziario, il quale provvede alla gestione dei beni stessi ai sensi del titolo III. Questi comunica al giudice del procedimento penale, previa autorizzazione del tribunale che ha disposto la misura di prevenzione, copia delle relazioni periodiche. In caso di revoc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964495
Capo V - Le misure di prevenzione patrimoniali diverse dalla confisca
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964496
Art. 31 - Cauzione. Garanzie reali

1. Il tribunale, con l'applicazione della misura di prevenzione, dispone che la persona sottoposta a tale misura versi presso la cassa delle ammende una somma, a titolo di cauzione, di entità che, tenuto conto anche delle sue condizioni economiche e dei provvedimenti adottati a norma dell'articolo 22, costituisca un'efficace remora alla violazione delle prescrizioni imposte.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964497
Art. 32 - Confisca della cauzione

1. In caso di violazione degli obblighi o dei divieti derivanti dall'applicazione della misura di prevenzione, il tribunale dispone la confisca della cauzione oppure che si pro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964498
Art. 33 - L'amministrazione giudiziaria dei beni personali

1. Nei confronti dei soggetti indicati nell'articolo 4, comma 1, lettere c), d), e), f), g) ed h) il tribunale può aggiungere ad una delle misure di prevenzione previste dall'articolo 6, quella dell'amministra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964499
Art. 34 - L'amministrazione giudiziaria dei beni connessi ad attività economiche e delle aziende

N43

1. Quando, a seguito degli accertamenti di cui all'articolo 19 o di quelli compiuti per verificare i pericoli di infiltrazione mafiosa, previsti dall'articolo 92, ovvero di quelli compiuti ai sensi dell'articolo 213 del codice dei contratti pubblici, di cui al decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, dall'Autorità nazionale anticorruzione, sussistono sufficienti indizi per ritenere che il libero esercizio di determinate attività economiche, comprese quelle di carattere imprenditoriale, sia direttamente o indirettamente sottoposto alle condizioni di intimidazione o di assoggettamento previste dall'articolo 416-bis del codice penale o possa comunque agevolare l'attività di persone nei confronti delle quali è stata prop

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964500
Art. 34-bis. - Controllo giudiziario delle aziende

N45

1. Quando l'agevolazione prevista dal comma 1 dell'articolo 34 risulta occasionale, il tribunale dispone, anche d'ufficio, il controllo giudiziario delle attività economiche e delle aziende di cui al medesimo comma 1, se sussistono circostanze di fatto da cui si possa desumere il pericolo concreto di infiltrazioni mafiose idonee a condizionarne l'attività.

2. Il controllo giudiziario è adottato dal tribunale per un periodo non inferiore a un anno e non superiore a tre anni. Con il provvedimento che lo dispone, il tribunale può:

a) imporre nei confronti di chi ha la proprietà, l'uso o l'amministrazione dei beni e delle aziende di cui al comma 1 l'obbligo di comunicare al questore e al nucleo di polizia tributaria del luogo di dimora abituale, ovvero del luogo in cui si trovano i beni se si tratta di residenti all'ester

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964501
Capo V-bis - Trattazione prioritaria del procedimento

N4

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964502
Art. 34-ter. - Trattazione prioritaria dei procedimenti di prevenzione patrimoniale

N54

1. È assicurata la priorità assoluta nella trattazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964503
Titolo III - L'AMMINISTRAZIONE, LA GESTIONE E LA DESTINAZIONE DEI BENI SEQUESTRATI E CONFISCATI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964504
Capo I - L'amministrazione dei beni sequestrati e confiscati
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964505
Art. 35 - Nomina e revoca dell'amministratore giudiziario

1. Con il provvedimento con il quale dispone il sequestro previsto dal capo I del titolo II del presente libro il tribunale nomina il giudice delegato alla procedura e un amministratore giudiziario. Qualora la gestione dei beni in stato di sequestro sia particolarmente complessa, anche avuto riguardo al numero dei comuni ove sono situati i beni immobili o i complessi aziendali o alla natura dell'attività aziendale da proseguire o al valore ingente del patrimonio, il tribunale può nominare più amministratori giudiziari. In tal caso il tribunale stabilisce se essi possano operare disgiuntamente.N40

2. L'amministratore giudiziario è scelto tra gli iscritti nell'Albo nazionale degli amministratori giudiziari secondo criteri di trasparenza che assicurano la rotazione degli incarichi tra gli amministratori, tenuto conto della natura e dell'entità dei beni in stato di sequestro, delle caratteristiche dell'attività aziendale da proseguire e delle specifiche competenze connesse alla gestione. Con decreto del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro dell'interno e con il Ministro dello sviluppo economico, sono individuati criteri di nomina degli amministratori giudiziari e dei coadiutori che tengano conto del numero degli incarichi aziendali in corso, comunque non superiore a tre, "con esclusione degli incarichi già in corso quale coadiutore,"N 71 della natura monocratica o collegiale dell'incarico, della tipologia e del valore dei compendi da amministrare, avuto riguardo anche al numero dei lavoratori, della natura diretta o indiretta della gestione, dell'ubicazione dei beni sul territorio, delle pregresse esperienze professionali s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964506
Art. 35.1 - Dichiarazione di incompatibilità

N64

1. L’amministratore giudiziario, al momento dell’accettazione dell’incarico e comunque entro due giorni dalla comunicazione della nomina, deposita presso la cancelleria dell’ufficio giudiziario conferente l’incarico una dichiarazione attestante l’insussistenza delle cause di incompatibilità di cui all’articolo 35, comma 4 -bis . In caso di violazione della disposizione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964507
Art. 35.2 - Vigilanza

N64

1. I sistemi informativi automatizzati del Ministero della giustizia assicurano al presidente della Corte di appello la possibilit&agrav

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964508
Art. 35-bis. - Responsabilità nella gestione e controlli della pubblica amministrazione

N45

1. Fatti salvi i casi di dolo o colpa grave, sono esenti da responsabilità civile l'amministratore giudiziario, il coadiutore

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964509
Art. 36 - Relazione dell'amministratore giudiziario

1. L'amministratore giudiziario presenta al giudice delegato, entro trenta giorni dalla nomina, una relazione particolareggiata dei beni sequestrati. La relazione contiene:

a) l'indicazione, lo stato e la consistenza dei singoli beni ovvero delle singole aziende, nonché i provvedimenti da adottare per la liberazione dei beni sequestrati;N36

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964510
Art. 37 - Compiti dell'amministratore giudiziario

1. L'amministratore giudiziario, fermo restando quanto previsto dagli articoli 2214 e seguenti del codice civile, tiene un registro, preventivamente vidimato dal giudice delegato alla procedura, sul quale annota tempestivamente le operazioni relative alla sua amministrazione secondo i criteri stabiliti al comma 6. Con decreto emanato dal Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze, sono stabilite le norme per l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964511
Art. 38 - Compiti dell'Agenzia

1. Fino al decreto di confisca di secondo grado emesso dalla corte di appello nei procedimenti di prevenzione, l'Agenzia svolge attività di ausilio e di supporto all'autorità giudiziaria, con le modalità previste dagli articoli 110, 111 e 112, proponendo altresì al tribunale l'adozione di tutti i provvedimenti necessari per la migliore utilizzazione del bene in vista della sua destinazione o assegnazione.N40

2. All'Agenzia sono comunicati per via telematica i provvedimenti di modifica o revoca del sequestro e quelli di autorizzazione al compimento di atti di amministrazione straordinaria. L'Agenzia effettua le comunicazioni telematiche con l'autorità giudiziaria at

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964512
Art. 39 - Assistenza legale alla procedura

1. L'Avvocatura dello Stato assume la rappresentanza e la difesa dell'amministratore giudiziario nell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964513
Capo II - La gestione dei beni sequestrati e confiscati
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964514
Art. 40 - Gestione dei beni sequestrati

1. Il giudice delegato impartisce le direttive generali della gestione dei beni sequestrati, anche avvalendosi dell'attività di ausilio e supporto dell'Agenzia ai sensi degli articoli 110, 111 e 112.N40

2. Il giudice delegato può adottare, nei confronti della persona sottoposta alla procedura e della sua famiglia, i provvedimenti indicati nell'articolo 47, primo comma, del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, e successive modificazioni, quando ricorrano le condizioni ivi previste. N40

2-bis. Nel caso previsto dal secondo comma dell'articolo 47 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, e, comunque, nei casi previsti dal comma 3-ter, primo periodo, del presente articolo, il tribunale, con decreto revocabile in ogni momento, dispone il differimento dell'esecuzione dello sgombero non oltre il decreto di confisca definitivo. Il beneficiario, pena la revoca del provvedimento, è tenuto a corrispondere l'indennità eventualmente determinata d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964515
Art. 41 - Gestione delle aziende sequestrate

1. Nel caso in cui il sequestro abbia ad oggetto aziende di cui agli articoli 2555 e seguenti del codice civile, anche per effetto del sequestro avente a oggetto partecipazioni societarie, l'amministratore giudiziario è scelto nella sezione di esperti in gestione aziendale dell'Albo nazionale degli amministratori giudiziari. Dopo la relazione di cui all'articolo 36, comma 1, l'amministratore giudiziario, entro tre mesi dalla sua nomina, prorogabili a sei mesi per giustificati motivi dal giudice delegato, presenta una relazione, che trasmette anche all'Agenzia, contenente:

a) gli ulteriori dati acquisiti, integrativi di quelli già esposti nella relazione di cui all'articolo 36, comma 1;

b) l'esposizione della situazione patrimoniale, economica e finanziaria, con lo stato analitico ed estimativo delle attività;

c) una dettagliata analisi sulla sussistenza di concrete possibilità di prosecuzione o di ripresa dell'attività, tenuto conto del grado di caratterizzazione della stessa con il proposto e i suoi familiari, della natura dell'attività esercitata, delle modalità e dell'ambiente in cui è svolta, della forza lavoro occupata e di quella necessaria per il regolare esercizio dell'impresa, della capacità produttiva e del mercato di riferimento nonché degli oneri correlati al processo di legalizzazione dell'azienda. Nel caso di proposta di prosecuzione o di ripresa dell'attività è allegato un programma contenente la descrizione analitica delle modalità e dei tempi di adempimento della proposta, che deve essere corredato, previa autorizzazione del giudice delegato, della relazione di un professionista in possesso dei requisiti di cui all'articolo 67, terzo comma, lettera d), del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267, e successive modificazioni, che attesti la veridicità dei dati aziendali e la fattibilità del programma medesimo, considerata la possibilità di avvalersi delle agevolazioni e delle misure previste dall'articolo 41-bis del presente decreto;

d) la stima del valore di mercato dell'azienda, tenuto conto degli oneri correlati al processo di legalizzazione del

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964516
Art. 41-bis. - Strumenti finanziari per la gestione e la valorizzazione delle aziende sequestrate e confiscate

N45

1. L'accesso alle risorse delle sezioni di cui alle lettere a) e b) del comma 196 dell'articolo 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208, è richiesto dall'amministratore giudiziario, previa autorizzazione del giudice delegato, o dall'Agenzia, dopo l'adozione dei provvedimenti di prosecuzione o di ripresa dell'attività dell'impresa previsti dall'articolo 41, comma 1-sexies.

2. I crediti derivanti dai finanziamenti erogati dalla sezione di cui alla lettera b) del comma 196 dell'articolo 1 della legge 28 dicembre 20

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964517
Art. 41-ter. - Istituzione dei tavoli provinciali permanenti sulle aziende sequestrate e confiscate, presso le prefetture-uffici territoriali del Governo

N45

1. Al fine di favorire il coordinamento tra le istituzioni, le associazioni indicate nell'articolo 48, comma 3, lettera c), le organizzazioni sindacali e le associazioni dei datori di lavoro più rappresentative a livello nazionale, sono istituiti, presso le prefetture-uffici territoriali del Governo, tavoli provinciali permanenti sulle aziende sequestrate e confiscate, aventi il compito di:

a) favorire la continuazione dell'attività produttiva e salvaguardare i livelli occupazionali;

b) dare ausilio all'amministratore giudiziario, sulla base delle direttive impartite

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964518
Art. 41-quater. - Supporto delle aziende sequestrate o confiscate

N45

1. Nella gestione dell'azienda l'amministratore giudiziario, sentito il competente tavolo provinciale permanente di cui all'articolo 41-ter, previa autorizzazione del giudice delegato, e l'Agenzia possono

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964519
Art. 42 - Disciplina delle spese, dei compensi e dei rimborsi

1. Le spese necessarie o utili per la conservazione e l'amministrazione dei beni sono sostenute dall'amministratore giudiziario mediante prelevamento dalle somme riscosse a qualunque titolo ovvero sequestrate, confiscate o comunque nella disponibilità del procedimento.

2. Se dalla gestione dei beni sequestrati o confiscati non è ricavabile denaro sufficiente per il pagamento delle spese di cui al comma 1, le stesse sono anticipate dallo Stato, con diritto al recupero nei confronti del titolare del bene in

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964520
Art. 43 - Rendiconto di gestione

1. All'esito della procedura, e comunque dopo il provvedimento di confisca di primo grado, entro sessanta giorni dal deposito, l'amministratore giudiziario presenta al giudice delegato il conto della gestione, tenuto conto dei criteri fissati dall'articolo 37, comma 5.N40

2. Il conto della gestione espone in modo completo e analitico l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964521
Art. 44 - Gestione dei beni confiscati

1. “L'Agenzia gestisce i beni confiscati anche in via non definitiva dal decreto di confisca della corte di appello, ai sensi dell'articolo 20 della legge 23 dicembre 1993, n. 559, e, in qua

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964522
Capo III - La destinazione dei beni confiscati
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964523
Art. 45 - Confisca definitiva. Devoluzione allo Stato

1. A seguito della confisca definitiva di prevenzione i beni sono acquisiti al patrim

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964524
Art. 45-bis - Liberazione degli immobili e delle aziende

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964525
Art. 46 - Restituzione per equivalente

1. La restituzione dei beni confiscati, ad eccezione dei beni culturali di cui all'articolo 10, comma 3, del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, e successive modificazioni, e degli immobili e delle aree dichiarati di notevole interesse pubblico ai sensi degli articoli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964526
Art. 47 - Procedimento di destinazione

1. La destinazione dei beni immobili e dei beni aziendali è effettuata con delibera del Consiglio direttivo dell'Agenzia, sulla base della stima del valore risultante dalla relazione d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964527
Art. 48 - Destinazione dei beni e delle somme

1. L'Agenzia versa al Fondo unico giustizia:

a) le somme di denaro confiscate che non debbano essere utilizzate per la gestione di altri beni confiscati o che non debbano essere utilizzate per il risarcimento delle vittime dei reati di tipo mafioso;

b) le somme ricavate dalla vendita, anche mediante trattativa privata, dei beni mobili, anche registrati, confiscati, compresi i titoli e le partecipazioni societarie, al netto del ricavato della vendita dei beni finalizzata al risarcimento delle vittime dei reati di tipo mafioso. “La vendita delle partecipazioni societarie maggioritarie o totalitarie è consentita esclusivamente se la società è priva di beni costituiti in azienda ai sensi degli articoli 2555 e seguenti del codice civile o di beni immobili e, comunque, dopo aver assunto le determinazioni previste dai commi seguenti. In ogni caso la vendita delle partecipazioni societarie viene effettuata con modalità tali da garantire la tutela dei livelli occupazionali preesistenti”N48;

c) le somme derivanti dal recupero dei crediti personali. Se la procedura di recupero è antieconomica, ovvero, dopo accertamenti sulla solvibilità del debitore svolti anche attraverso gli organi di polizia, il debitore risulti insolvibile, il credito è annullato con provvedimento del direttore dell'Agenzia.

1-bis. L'Agenzia versa il 3 per cento del totale delle somme di cui al comma 1 al fondo integrativo statale per la concessione di borse di studio, di cui all'articolo 18 del decreto legislativo 29 marzo 2012, n. 68.

2. La disposizione del comma 1 non si applica alle somme di denaro e ai proventi derivanti o comunque connessi ai beni aziendali confiscati.

3. I beni immobili sono:

a) mantenuti al patrimonio dello Stato per finalità di giustizia, di ordine pubblico e di protezione civile e, ove idonei, anche per altri usi governativi o pubblici connessi allo svolgimento delle attività istituzionali di amministrazioni statali, agenzie fiscali, università statali, enti pubblici e istituzioni culturali di rilevante interesse, salvo che si debba procedere alla vendita degli stessi finalizzata al risarcimento delle vittime dei reati di tipo mafioso;

b) mantenuti nel patrimonio dello Stato e, previa autorizzazione del "Ministro dell'interno"N69, utilizzati dall'Agenzia per finalità economiche;N36

c) trasferiti per finalità istituzionali o sociali “ovvero economiche, con vincolo di reimpiego dei proventi per finalità sociali”N35, in via prioritaria, "al patrimonio indisponibile del comune ove l'immobile è sito, ovvero al patrimonio indisponibile della provincia, della città metropolitana o della regione"N69. Gli enti territoriali provvedono a formare un apposito elenco dei beni confiscati ad essi trasferiti, che viene periodicamente aggiornato “con cadenza mensile”N35. L'elenco, reso pubblico “nel sito internet istituzionale dell'ente”N38, deve contenere i dati concernenti la consistenza, la destinazione e l'utilizzazione dei beni nonché, in caso di assegnazione a terzi, i dati identificativi del concessionario e gli estremi, l'oggetto e la durata dell'atto di concessione. “La mancata pubblicazione comporta responsabilità dirigenziale ai sensi dell'articolo 46 del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33.”N42 Gli enti territoriali, anche consorziandosi o attraverso associazioni, possono amministrare direttamente il bene o, sulla base di apposita convenzione, assegnarlo in concessione, a titolo gratuito e nel rispetto dei principi di trasparenza, adeguata pubblicità e parità di trattamento, a comunità, anche giovanili, ad enti, ad associazioni maggiormente rappresentative degli enti locali, ad organizzazioni di volontariato di cui alla legge 11 agosto 1991, n. 266, a cooperative sociali di cui alla legge 8 novembre 1991, n. 381, o a comunità terapeutiche e centri di recupero e cura di tossicodipendenti di cui al testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964528
Art. 49 - Regolamento

1. Con decreto del Ministro della giustizia, di concerto con i Ministri dell'economia e delle finanze, dell'interno e della difesa, è adottato, ai sensi dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964529
Capo IV - Regime fiscale dei beni sequestrati o confiscati
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964530
Art. 50 - Procedure esecutive dei concessionari di riscossione pubblica

1. Le procedure esecutive, gli atti di pignoramento e i provvedimenti cautelari in corso da parte della società Equitalia Spa o di altri concessionari di riscossione pubblica

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964531
Art. 51 - (Regime-fiscale e degli oneri economici)

1. I redditi derivanti dai beni sequestrati continuano ad essere assoggettati a tassazione con riferimento alle categorie di reddito previste dall'articolo 6 del testo unico delle Imposte sui Redditi approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 con le medesime modalità applicate prima del sequestro.

2. Se il sequestro si protrae oltre il periodo d'imposta in cui ha avuto inizio, il reddito derivante dai beni sequestrati relativo alla residua frazione di tale periodo e a ciascun successivo periodo intermedio è determinato ai fini fiscali in via provvisoria dall'amministratore giudiziario,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964532
Titolo IV - LA TUTELA DEI TERZI E I RAPPORTI CON LE PROCEDURE CONCORSUALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964533
Capo I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964534
Art. 52 - Diritti dei terzi

1. La confisca non pregiudica i diritti di credito dei terzi che risultano da atti aventi data certa anteriore al sequestro, nonché i diritti reali di garanzia costituiti in epoca anteriore al sequestro, ove ricorrano le seguenti condizioni:

a) che il proposto non disponga di altri beni sui quali esercitare la garanzia patrimoniale idonea al soddisfacimento del credito, salvo che per i crediti assistiti da cause legittime di prelazione su beni sequestrati;N36

b) che il credito non sia strumentale all'attività illecita o a quella che ne costituisce il frutto o il reimpiego, sempre che il creditore dimostri la buona fede e l'inconsapevole affidamento; N36

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964535
Art. 53 - Limite della garanzia patrimoniale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964536
Art. 54 - Pagamento di crediti prededucibili

1. I crediti prededucibili sorti nel corso del procedimento di prevenzione che sono liquidi, esigibili e non contestati, non debbono essere accertati secondo le modalità previste dagli arti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964537
Art. 54-bis. - Pagamento di debiti anteriori al sequestro

N45

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964538
Art. 55 - Azioni esecutive

1. A seguito del sequestro non possono essere iniziate o proseguite azioni esecutive. I beni già oggetto di esecuzione sono presi in consegna dall'amministratore giudiziario.

2. Le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964539
Art. 56 - Rapporti pendenti

1. Se al momento dell'esecuzione del sequestro un contratto relativo all'azienda sequestrata o stipulato dal proposto in relazione al bene in stato di sequestro deve essere in tutto o in parte ancora eseguito, l'esecuzione del contratto rimane sospesa fino a quando l'amministratore giudiziario, previa autorizzazione del giudice delegato, dichiara di subentrare nel contratto in luogo del proposto, assumendo tutti i relativi obblighi, ovvero di risolvere il contratto, salvo che, nei contratti ad effetti reali, sia già avvenuto il trasferimen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964540
Capo II - Accertamento dei diritti dei terzi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964541
Art. 57 - Elenco dei crediti. Fissazione dell'udienza di verifica dei crediti

1. L'amministratore giudiziario allega alle relazioni da presentare al giudice delegato l'elenco nominativo di tutti i creditori anteriori al sequestro, ivi compresi quelli di cui all'articolo 54-bis, l'indicazione dei crediti e dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964542
Art. 58 - Domanda del creditore

1. I creditori di cui all'articolo 52 presentano al giudice domanda di ammissione del credito.

2. La domanda di cui al comma 1 contiene:

a) le generalità del creditore;

b) la determinazione del credito di cui si chiede l'ammissione allo stato passivo ovvero la descrizione del bene su cui si vantano d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964543
Art. 59 - Verifica dei crediti. Composizione dello stato passivo

1. All'udienza fissata per la verifica dei crediti il giudice delegato, con l'assistenza dell'amministratore giudiziario e con la partecipazione facoltativa del pubblico ministero, assunte anche d'ufficio le opportune informazioni, verifica le domande, indicando distintamente i crediti che ritiene di ammettere, con indicazione delle eventuali cause di prelazione, e quelli che ritiene di non ammettere, in tutto o in parte, esponendo succintamente i motivi dell'esclusione.N40

2. All'udienza di verifica gli interessati po

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964544
Art. 60 - Liquidazione dei beni

1. Dopo l'irrevocabilità del provvedimento di confisca, l'Agenzia procede al pagamento dei creditori ammessi al passivo in ragione delle distinte masse nonché dell'ordine dei privilegi e delle cause legittime di prelazione sui beni trasferiti al patrimonio dello Stato. L'Agenzia, ove le somme apprese, riscosse o comunque ricevute non siano sufficienti a soddisfare i creditori utilmente collocati al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964545
Art. 61 - Progetto e piano di pagamento dei crediti

1. Dopo l'irrevocabilità del provvedimento di confisca l'Agenzia redige il progetto di pagamento dei crediti. Il progetto contiene l'elenco dei crediti utilmente collocati al passivo, con le relative cause di prelazione, nonché l'indicazione degli importi da corrispondere a ciascun creditore.N40

2. I crediti, nei limiti previsti dall'articolo 53, sono soddisfatti nel seguente ordine:

1) pagamento dei crediti prededucibili;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964546
Art. 62 - Revocazione

1. Il pubblico ministero, l'amministratore giudiziario e l'Agenzia possono in ogni te

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964547
Capo III - Rapporti con le procedure concorsuali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964548
Art. 63 - Dichiarazione di fallimento successiva al sequestro

1. Salva l'iniziativa per la dichiarazione di fallimento assunta dal debitore o da uno o più creditori, il pubblico ministero, anche su segnalazione dell'amministratore giudiziario che ne rilevi i presupposti, chiede al tribunale competente che venga dichiarato il fallimento dell'imprenditore i cui beni aziendali siano sottoposti a sequestro o a confisca.

2. Nel caso in cui l'imprenditore di cui al comma 1 sia soggetto alla procedura di liquidazione coatta amministrativa con esclusione del fallimento, il pubblico ministero chiede al tribunale competente l'emissione del provvedimento di cui all'articolo 195 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267 e successive modificazioni.

3. Il pubblico ministero segnala alla Banca d'Italia la sussistenza del procedimento di prevenzione su beni appartenenti ad istituti bancari o creditizi ai fini dell'adozione dei provvedimenti di cui al titolo IV del decreto leg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964549
Art. 64 - Sequestro successivo alla dichiarazione di fallimento

1. Ove sui beni compresi nel fallimento ai sensi dell'articolo 42 del regio decreto 16 marzo 1942, n. 267 sia disposto sequestro, il giudice delegato al fallimento, sentito il curatore ed il comitato dei creditori, dispone con decreto non reclamabile la separazione di tali beni dalla massa attiva del fallimento e la loro consegna all'amministratore giudiziario.

2. Salvo quanto previsto dal comma 7, i crediti e i diritti inerenti ai rapporti relativi ai beni sottoposti a sequestro, ancorché già verificati dal giudice del fallimento, sono ulteriormente verificati dal giudice delegato del tribunale di prevenzione ai sen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964550
Art. 65 - Rapporti del controllo giudiziario e dell'amministrazione giudiziaria con il fallimento

1. Il controllo e l'amministrazione giudiziaria non possono essere disposti su beni compresi nel fallimento.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964551
Titolo V - EFFETTI, SANZIONI E DISPOSIZIONI FINALI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964552
Capo I - Effetti delle misure di prevenzione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964553
Art. 66 - Principi generali

1. L'applicazione delle misure di prevenzione di cui al libro I, titolo I, importa gl

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964554
Art. 67 - Effetti delle misure di prevenzione

1. Le persone alle quali sia stata applicata con provvedimento definitivo una delle misure di prevenzione previste dal libro I, titolo I, capo II non possono ottenere:

a) licenze o autorizzazioni di polizia e di commercio;

b) concessioni di acque pubbliche e diritti ad esse inerenti nonché concessioni di beni demaniali allorché siano richieste per l'esercizio di attività imprenditoriali;

c) concessioni di costruzione e gestione di opere riguardanti la pubblica amministrazione e concessioni di servizi pubblici;

d) iscrizioni negli elenchi di appaltatori o di fornitori di opere, beni e servizi riguardanti la pubblica amministrazione, nei registri della camera di commercio per l'esercizio del commercio all'ingrosso e nei registri di commissionari astatori presso i mercati annonari all'ingrosso;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964555
Art. 68 - Divieti e decadenze nei confronti dei conviventi

1. Il tribunale, prima di adottare alcuno dei provvedimenti di cui al comma 4 dell'articolo 67, chiama, con decreto motivato, ad intervenire nel procedimento le parti interessate, le quali poss

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964556
Art. 69 - Elenco generale degli enti e delle amministrazioni

1. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, d'intesa con tutti i Ministri interessati, è costituito un elenco generale degli enti e delle amministrazioni legittimati a disporre le licenze, le concessioni e le iscrizioni e le attestazioni, nonché le autorizzazioni, le abilitazioni e le erogazioni indicate nell'articolo 67, comma 1. Con le stesse modalità saranno effettuati gli aggiornamenti eventualmente necessari.

2. Le cancellerie dei tribunali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964557
Capo II - La riabilitazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964558
Art. 70 - Riabilitazione

1. Dopo tre anni dalla cessazione della misura di prevenzione personale, l'interessato può chiedere la riabilitazione. La riabilitazione è concessa, se il soggetto ha dato prova costante ed effettiv

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964559
Capo III - Le sanzioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964560
Art. 71 - Circostanza aggravante

1. Le pene stabilite per i delitti previsti dagli articoli “270-bis, 270-ter, 270-quater, 270-quater.1, 270-quinquies,”N23 “314, 316, 316-bis, 316-ter, 317, 318, 319, 319-ter, 319-quater, 320, 321, 322, 322-bis,”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964561
Art. 72 - Reati concernenti le armi e gli esplosivi

1. Le pene stabilite per i reati concernenti le armi alterate nonché le armi e le munizion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964562
Art. 73 - Violazioni al codice della strada

1. Nel caso di guida di un autoveicolo o motoveicolo, senza patente, o dopo che la pa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964563
Art. 74 - Reati del pubblico ufficiale

1. Il pubblico amministratore, il funzionario o il dipendente che, intervenuta la decadenza o la sospensione di cui all'articolo 67, non dispone, entro trenta giorni dalla comunicazione, il ritiro delle licenze, autorizzazioni, abilitazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964564
Art. 75 - Violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale

1. Il contravventore agli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale è punito con l'arresto da tre mesi ad un anno.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964565
Art. 75-bis - Violazione delle misure imposte con provvedimenti d'urgenza

N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964566
Art. 76 - Altre sanzioni penali

1. La persona che, avendo ottenuto l'autorizzazione di cui all'articolo 12, non rientri nel termine stabilito nel comune di soggiorno obbligato, o non osservi le prescrizioni fissate per il viaggio, ovvero si allontani dal comune ove ha chiesto di recarsi, è punita con la reclusione da due a cinque anni; è consentito l'arresto anche fuori dei casi di flagranza.

2. Chiunque violi il divieto di cui all'articolo 3, commi 4 e 5, è punito con la reclusione da uno a tre anni e con la multa da euro 1.549 a euro 5.164. Gli strumenti, gli apparati, i mezzi e i programmi posseduti o utilizzati sono confiscati ed assegnati alle Forze di polizia, se ne fanno richiesta, per essere impiegati nei compiti di istituto.

3. Il contravventore alle disposizioni di cui all'articolo 2, è punito c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964567
Capo IV - Disposizioni finali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964568
Art. 77 - Fermo di indiziato di delitto

1. Nei confronti dei soggetti di cui all'articolo 4 il fermo di indiziato di delitto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964569
Art. 78 - Intercettazioni telefoniche

1. Il procuratore della Repubblica del luogo dove le operazioni debbono essere eseguite, può autorizzare gli ufficiali di polizia giudiziaria ad intercettare comunicazioni o conversazioni telefoniche o telegrafiche o quelle indicate nell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964570
Art. 79 - Verifiche fiscali, economiche e patrimoniali a carico di soggetti sottoposti a misure di prevenzione

1. Salvo quanto previsto dagli articoli 25 e 26 della legge 13 settembre 1982, n. 646, a carico delle persone nei cui confronti sia stata disposta, con provvedimento anche non definitivo, una misura di prevenzione, il nucleo di polizia tributaria del Corpo della guardia di finanza, competente in relazione al luogo di dimora abituale del soggetto, può procedere alla verifica della relativa posizione fiscale, economica e patrimoniale ai fini dell'accertamento di illeciti valutari e societari e comunque in materia economica e finanziaria, anche allo scopo di verificare l'osservanza della disciplina dei divieti autorizzatori, concess

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964571
Art. 80 - Obbligo di comunicazione

1. Salvo quanto previsto dall'articolo 30 della legge 13 settembre 1982, n. 646, le persone già sottopo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964572
Art. 81 - Registro delle misure di prevenzione

1. Presso le segreterie delle procure della Repubblica e presso le cancellerie dei tribunali sono istituiti appositi registri, anche informatici, per le annotazioni relative ai procedimenti di prevenzione. Nei registri viene curata l'immediata annotazione nominativa delle persone fisi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964573
LIBRO II - NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE ANTIMAFIA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964574
Capo I - Disposizioni di carattere generale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964575
Art. 82. - Oggetto

1. Il presente Libro disciplina la documentazione antimafia ed i suoi effetti, istitu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964576
Art. 83. - Ambito di applicazione della documentazione antimafia

1. Le pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici, anche costituiti in stazioni uniche appaltanti, gli enti e le aziende vigilati dallo Stato o da altro ente pubblico e le società o imprese comunque controllate dallo Stato o da altro ente pubblico nonché “i concessionari di lavori o di servizi pubblici”N38, devono acquisire la documentazione antimafia di cui all'articolo 84 prima di stipulare, approvare o autorizzare i contratti e subcontratti relativi a lavori, servizi e forniture pubblici, ovvero prima di rilasciare o consentire i provvedimenti indicati nell'articolo 67.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964577
Capo II - Documentazione antimafia
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964578
Art. 84. - Definizioni

1. La documentazione antimafia è costituita dalla comunicazione antimafia e dall'informazione antimafia.

2. La comunicazione antimafia consiste nell'attestazione della sussistenza o meno di una delle cause di decadenza, di sospensione o di divieto di cui all'articolo 67.

3. L'informazione antimafia consiste nell'attestazione della sussistenza o meno di una delle cause di decadenza, di sospensione o di divieto di cui all'articolo 67, nonché, fatto salvo quanto previsto dall'“articolo 91, comma 6” N4, nell'attestazione della sussistenza o meno di eventuali tentativi di infiltrazione mafiosa tendenti a condizionare le scelte e gli indirizzi delle società o imprese interessate indicati nel comma 4.

4. Le situazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964579
Art. 85. - Soggetti sottoposti alla verifica antimafia

1. La documentazione antimafia, se si tratta di imprese individuali, deve riferirsi al titolare ed al direttore tecnico, ove previsto.

2. La documentazione antimafia, se si tratta di associazioni, imprese, società, consorzi e raggruppamenti temporanei di imprese, deve riferirsi, oltre che al direttore tecnico, ove previsto:

a) per le associazioni, a chi ne ha la legale rappresentanza;

b) per le società di capitali, anche consortili ai sensi dell'articolo 2615-ter del codice civile, per le società cooperative, per i consorzi di cooperative, per i consorzi di cui al libro quinto, titolo X, capo II, sezione II, del codice civile, al legale rappresentante e agli eventuali altri componenti l'organo di amministrazione nonché a ciascuno dei consorziati che nei consorzi e nelle società consortili

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964580
Art. 86. - Validità della documentazione antimafia

1. La comunicazione antimafia, acquisita dai soggetti di cui all'articolo 83, commi 1 e 2, con le modalità di cui all'articolo 88, ha una validità di sei mesi dalla data dell'acquisizione.N5

2. L'informazione antimafia, acquisita dai soggetti di cui all'articolo 83, commi 1 e 2, con le modalità di cui all

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964581
Capo III - Comunicazioni antimafia
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964582
Art. 87. - Competenza al rilascio della comunicazione antimafia

1. La comunicazione antimafia è acquisita mediante consultazione della banca dati nazionale unica da parte dei soggetti di cui all'articolo 97, comma 1, debitamente autorizzati, salvo i casi di cui all'articolo 88, commi 2, 3 e 3-bis. N17

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964583
Art. 88. - Termini per il rilascio della comunicazione antimafia

1. Il rilascio della comunicazione antimafia è immediatamente conseguente alla consultazione della banca dati quando non emerge “, a carico dei soggetti ivi censiti,” N3 la sussistenza di cause di decadenza, di sospensione o di divieto di cui all'articolo 67. In tali casi, la comunicazione antimafia liberatoria attesta che la stessa è emessa utilizzando il collegamento alla "banca dati nazionale unica"N21.

2. Quando dalla consultazione della banca dati emerge la sussistenza di cause di decadenza, di sospensione o di divieto di cui all'articolo 67, il prefetto effettua le necessarie verifiche e accerta la corrispondenza dei motivi ostativ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964584
Art. 89. - Autocertificazione

1. Fuori dei casi in cui è richiesta l'informazione antimafia "e salvo quanto previsto dall'articolo 88, comma 4-bis"N19, i contratti e subcontratti relativi a lavori, servizi o forniture dichiarati urgenti ed i provvedimenti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964585
Art. 89-bis - Accertamento di tentativi di infiltrazione mafiosa in esito alla richiesta di comunicazione antimafia)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964586
Capo IV - Informazioni antimafia
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964587
Art. 90. - Competenza al rilascio dell'informazione antimafia

1. L'informazione antimafia è conseguita mediante consultazione della banca dati nazionale unica da parte dei soggetti di cui all'articolo 97, comma 1, debitamente autorizzati, salvo i casi di cui all'articolo 92, commi 2 e 3. N17

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964588
Art. 91. - Informazione antimafia

1. I soggetti di cui all'articolo 83, commi 1 e 2, devono acquisire l'informazione di cui all'articolo 84, comma 3, prima di stipulare, approvare o autorizzare i contratti e subcontratti, ovvero prima di rilasciare o consentire i provvedimenti indicati nell'articolo 67, il cui valore sia:

a) pari o superiore a quello determinato dalla legge in attuazione delle direttive comunitarie in materia di opere e lavori pubblici, servizi pubblici e pubbliche forniture, indipendentemente dai casi di esclusione ivi indicati;

b) superiore a 150.000 euro per le concessioni di acque pubbliche o di beni demaniali per lo svolgimento di attività imprenditoriali, ovvero per la concessione di contributi, finanziamenti e agevolazioni su mutuo o altre erogazioni dello stesso tipo per lo svolgimento di attività imprenditoriali;

c) superiore a 150.000 euro per l'autorizzazione di subcontratti, cessioni, cottimi, concernenti la realizzazione di opere o lavori pubblici o la prestazione di servizi o forniture pubbliche.

1-bis. L'informazione antimafia è sempre richiesta nelle ipotesi di concessione di terreni agricoli demaniali che ricadono nell'ambito dei regimi di sostegno previsti dalla politica agricola comune, a prescindere dal loro valore complessivo, nonché su tutti i terreni agricoli, a qualunque titolo acquisiti, che usufruiscono di fondi europei “per un importo superiore a 5.000 euro” N59. N41 N62

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964589
Art. 92. - Termini per il rilascio delle informazioni

1. Il rilascio dell'informazione antimafia è immediatamente conseguente alla consultazione della banca dati quando non emerge “, a carico dei soggetti ivi censiti,” N3 la sussistenza di cause di decadenza, di sospensione o di divieto di cui all'articolo 67 o di un tentativo di infiltrazione mafiosa di cui all'articolo 84, comma 4. In tali casi l'informazione antimafia liberatoria attesta che la stessa è emessa utilizzando il collegamento alla "banca dati nazionale unica"N21.

2. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 9

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964590
Art. 93. - Poteri di accesso e accertamento del prefetto

1. Per l'espletamento delle funzioni volte a prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti, il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze di cui all'articolo 5, comma 3, del decreto del Ministro dell'interno 14 marzo 2003, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 54 del 5 marzo 2004.

2. Ai fini di cui al comma 1 sono imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici tutti i soggetti che intervengono a qualunque titolo nel ciclo di realizzazione dell'opera, anche con noli e forniture di beni e prestazioni di servizi, ivi compresi quelli di natura intellettuale, qualunque sia l'importo dei relativi contratti o dei

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964591
Art. 94. - Effetti delle informazioni del prefetto

1. Quando emerge la sussistenza di cause di decadenza, di sospensione o di divieto di cui all'articolo 67 o di un tentativo di infiltrazione mafiosa, di cui all'articolo 84, comma 4 ed all'“articolo 91, comma 6” N4, nelle società o imprese interessate, i soggetti di cui all'articolo 83, commi 1

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964592
Art. 95. - Disposizioni relative ai contratti pubblici

1. Se taluna delle situazioni da cui emerge un tentativo di infiltrazione mafiosa, di cui all'articolo 84, comma 4, ed all'“articolo 91, comma 6” N4, interessa un'impresa diversa da quella mandataria che partecipa ad un'assoc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964593
Art. 96. - Istituzione della banca dati nazionale unica della documentazione antimafia

1. Presso il Ministero dell'interno, Dipartimento per le politiche del personale dell'amministrazione civile e per le risorse strumental

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964594
Capo V - Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964595
Art. 97. - Consultazione della "banca dati nazionale unica"N21

1. Ai fini del rilascio della documentazione antimafia, la "banca dati nazionale unica"N21 può essere consultata, secondo le

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964596
Art. 98. - Contenuto della "banca dati nazionale unica"N21

1. Nella "banca dati nazionale unica"N21 sono contenute le comunicazioni e le informazioni antimafia, l

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964597
Art. 99. - Modalità di funzionamento della "banca dati nazionale unica"N21

1. Con uno o più regolamenti ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, da adottarsi, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, su proposta del Ministro dell'interno, di concerto con i Ministri della pubblica amministrazione e dell'innovazione, della giustizia, dello sviluppo economico e delle infrastrutture e dei trasporti, sentito il Garante per la protezione dei dati personali, sono disciplinate le modalità:

a) di funzionamento della "banca dati nazionale unica"N21;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964598
Art. 99-bis - Mancato funzionamento della banca dati nazionale unica della documentazione antimafia

N20

1. Qualora la banca dati nazionale unica non sia in grado di funzionare regolarmente a c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964599
Capo VI - Disposizioni concernenti gli enti locali sciolti ai sensi dell'articolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964600
Art. 100. - Obbligo di acquisizione della documentazione antimafia nel quinquennio successivo allo scioglimento ai sensi dell'articolo 143 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267

1. L'ente locale, sciolto ai sensi dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964601
Art. 101. - Facoltà di avvalersi della Stazione unica appaltante

1. Salvo che la legge disponga diversamente, l'ente locale, i cui organi sono stati sciolti ai sensi dell'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964602
LIBRO III - Attività informative ed investigative nella lotta contro la criminalità organizzata. Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata.
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964603
Titolo I - ATTIVITÀ INFORMATIVE ED INVESTIGATIVE NELLA LOTTA CONTRO LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964604
Capo I - Direzione distrettuale antimafia e Direzione nazionale antimafia
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964605
Art. 102 - Direzione distrettuale antimafia

1. Per la trattazione dei procedimenti relativi ai reati indicati nell'articolo 51, comma 3-bis, del codice di procedura penale il procuratore della Repubblica presso il tribunale del capoluogo del distretto costituisce, nell'ambito del suo ufficio, una direzione distrettuale antimafia

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964606
Art. 103 - Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo

N26

1. Nell'ambito della procura generale presso la Corte di cassazione è istituita la Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964607
Art. 104 - Attribuzioni del procuratore generale presso la Corte di cassazione in relazione all'attività di coordinamento investigativo

1. Il procuratore generale presso la Corte di cassazione esercita la sorveglianza sul

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964608
Art. 105 - Applicazione di magistrati del pubblico ministero in casi particolari

1. Per la trattazione dei procedimenti relativi ai delitti indicati nell'articolo 51, comma 3-bis “e comma 3-quater”N23, del codice di procedura penale, il procuratore nazionale antimafia “e antiterrorismo”N23 può, quando si tratta di procedimenti di particolare complessità o che richiedono specifiche esp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964609
Art. 106 - Applicazione di magistrati in materia di misure di prevenzione

1. Il procuratore nazionale antimafia “e antiterrorismo”N23può dispo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964610
Capo II - Consiglio generale per la lotta alla criminalità organizzata e Direzione investigativa antimafia
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964611
Art. 107 - Consiglio generale per la lotta alla criminalità organizzata

1. Presso il Ministero dell'interno è istituito il Consiglio generale per la lotta alla criminalità organizzata, presieduto dal Ministro dell'interno quale responsabile dell'alta direzione e del coordinamento in materia di ordine e sicurezza pubblica. Il Consiglio è composto:

a) dal Capo della polizia - Direttore generale della pubblica sicurezza;

b) dal Comandante generale dell'Arma dei carabinieri;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964612
Art. 108 - Direzione investigativa antimafia

1. È istituita, nell'ambito del Dipartimento della pubblica sicurezza, una Direzione investigativa antimafia (D.I.A.) con il compito di assicurare lo svolgimento, in forma coordinata, delle attività di investigazione preventiva attinenti alla criminalità organizzata, nonché di effettuare indagini di polizia giudiziaria relative esclusivamente a delitti di associazione di tipo mafioso o comunque ricollegabili all'associazione medesima.

2. Formano oggetto delle attività di investigazione preventiva della Direzione investigativa antimafia le connotazioni strutturali, le articolazioni e i collegamenti interni ed internazionali delle organizzazioni criminali, gli obiettivi e le modalità operative di dette organizzazioni, nonché ogni altra forma di manifestazione delittuosa alle stesse riconducibile ivi compreso il fenomeno delle estorsioni.

3. La Direzione investigativa antimafia nell'assolvimento dei suoi compiti opera in stretto collegamento con gli uffici e le strutture delle forze di polizia esistenti a livello centrale e periferico.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964613
Art. 109 - Relazione al Parlamento

1. Il Ministro dell'interno riferisce, ogni sei mesi, al Parlamento sull'attivit&agra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964614
Titolo II - L'AGENZIA NAZIONALE PER L'AMMINISTRAZIONE E LA DESTINAZIONE DEI BENI SEQUESTRATI E CONFISCATI ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

N5

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964615
Art. 110. - L'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata

N43

1. "L'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata è posta sotto la vigilanza del Ministro dell'interno, ha personalità giuridica di diritto pubblico ed è dotata di autonomia organizzativa e contabile, ha la sede principale in Roma e fino a 4 sedi secondarie istituite con le modalità di cui all'articolo 112, nei limiti delle risorse ordinarie iscritte nel proprio bilancio."N74 L'Agenzia dispone, compatibilmente con le sue esigenze di funzionalità, che le proprie sedi siano stabilite all'interno di un immobile confiscato ai sensi del presente decreto.

2. All'Agenzia sono attribuiti i seguenti compiti:

a) acquisizione, attraverso i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964616
Art. 111. - Organi dell'Agenzia

N43

1. Sono organi dell'Agenzia e restano in carica per quattro anni rinnovabili per una sola volta:

a) il Direttore;

b) il Consiglio direttivo;

c) il Collegio dei revisori;

d) il Comitato consultivo di indirizzo.

2. Il Direttore è scelto tra figure professionali che abbiano maturato esperienza professionale specifica, almeno quinquennale, nella gestione dei beni e delle aziende: prefetti, dirigenti dell'Agenzia del demanio, magistrati che abbiano conseguito almeno la quinta valutazione di professionalità o delle magistrature superiori. Il soggetto scelto è collocato fuori ruolo o in a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964617
Art. 112. - Attribuzioni degli organi dell'Agenzia

N43

1. Il Direttore dell'Agenzia ne assume la rappresentanza legale, può nominare uno o più delegati anche con poteri di rappresentanza, convoca con frequenza periodica il Consiglio direttivo e il Comitato consultivo di indirizzo e stabilisce l'ordine del giorno delle sedute. Provvede altresì all'attuazione degli indirizzi e delle linee guida di cui al comma 4, lettera d), e presenta al Consiglio direttivo il bilancio preventivo e il conto consuntivo. Il Direttore riferisce periodicamente ai Ministri dell'interno e della giustizia e presenta una relazione semestrale sull'attività svolta dall'Agenzia, fermo restando quanto previsto dall'articolo 49, comma 1, ultimo periodo.

2. L'Agenzia coadiuva l'autorità giudiziaria nella gestione fino al provvedimento di confisca emesso dalla corte di appello e adotta i provvedimenti di destinazione dei beni confiscati per le prioritarie finalità istituzionali e sociali, secondo le modalità indicate dal libro I, titolo III, capo III. Nelle ipotesi previste dalle norme in materia di tutela ambientale e di sicurezza, ovvero quando il bene sia improduttivo, oggettivamente inutilizzabile, non destinabile o non alienabile, l'Agenzia, con delibera del Consiglio direttivo, adotta i provvedimenti di distruzione o di demolizione.

3. L'Agenzia, per le attività connesse all'amministrazione e alla destinazione dei beni sequestrati e confiscati anche in via non definitiva, nonché per il monitoraggio sul corretto utilizzo dei beni assegnati, si avvale delle prefetture-uffici territ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964618
Art. 113. - Organizzazione e funzionamento dell'Agenzia

N43

1. Con uno o più regolamenti, adottati ai sensi dell'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, su proposta del Ministro dell'interno, di concerto con i Ministri della giustizia, dell'economia e delle finanze e per la semplificazione e la pubblica amministrazione, sono disciplinati, entro il limite di spesa di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964619
Art. 113-bis. - Disposizioni in materia di organico dell'Agenzia

N43

1. La dotazione organica dell'Agenzia è determinata in duecento unità complessive, ripartite tra le diverse qualifiche, dirigenziali e no, secondo contingenti da definire con il regolamento adottato ai sensi dell'articolo 113, comma 1.

2. Alla copertura dell'incremento della dotazione organica di centosettanta unità, di cui al comma 1, si provvede ", nel limite di cento unità"N71 mediante le procedure di mobilità di cui all'articolo 30 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni. Il passaggio del personale all'Agenzia a seguito della procedura di mobilità determina la soppressione del posto in organico nell'amministrazione di provenienza e il contestuale trasferimento delle relative risorse finanziarie al bilancio dell'Agenzia e av

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964620
Art. 113-ter. - Incarichi speciali

N45

1. In aggiunta al personale di cui all'articolo 113-bis, presso l'Agenzia e alle dirette dipendenze funzionali del Direttore può operare, in presenza di professionalit&agrav

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964621
Art. 114 - Foro esclusivo

1. Per tutte le controversie attribuite alla cognizione del giudice amministrativo de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964622
LIBRO IV - Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e alla legislazione penale complementare. Abrogazioni. Disposizioni transitorie e di coordinamento
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964623
Art. 115 - Modifiche all'articolo 23-bis della legge 13 settembre 1982, n. 646

1. All'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964624
Art. 116 - Disposizioni di coordinamento

1. Dalla data di entrata in vigore del presente decreto, i richiami alle disposizioni contenute nella legge 27 dicembre 1956, n. 1423, ovunque presenti, si intendono riferiti alle corrispondenti disposizioni contenute nel presente decreto.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964625
Art. 117 - Disciplina transitoria

1. Le disposizioni contenute nel libro I non si applicano ai procedimenti nei quali, alla data di entrata in vigore del presente decreto, sia già stata formulata proposta di applicazione della misura di prevenzione. In tali casi, continuano ad applicarsi le norme previgenti.

2. N14

3. Al fine di garantire il potenziamento dell'attività istituzionale e lo sviluppo organizzativo delle strutture, l'Agenzia, previa autorizzazione del Ministro dell'interno, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e con il Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione, si avvale di personale proveniente dalle pubbliche amministrazioni, dalle Agenzie, compresa l'Agenzia del demanio, e dagli enti territoriali, assegnato all'Agenzia medesima anche in posizione di comando o di distacco, ove consentito dai rispettivi ordinamenti, ovvero stipula contratti di lavoro a tem

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964626
Art. 118 - Disposizioni finanziarie

1. Alla copertura degli oneri derivanti dall'istituzione e dal funzionamento dell'Agenzia, ivi compresi quelli relativi alle spese di personale di cui all'articolo 117, commi 2 e 4, pari a 3,4 milioni di euro per l'anno 2010, pari a 4,2 milioni di euro per gli anni 2011 e 2012 e pari a 5,472 milioni di euro a decorrere dall'anno 2013, si provvede, quanto a 3,25 milioni di euro per l'anno 2010 e 4 milioni di euro, a decorrere dall'anno 2011 mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2010-2012, nell'ambito del programma «Fondi di riserva e speciali» della missione «Fondi da ripartire» dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2010, allo scopo parzialmente utilizzando l'accantonamento relativo al Ministero dell'interno

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964627
Art. 119 - Entrata in vigore

1. Le disposizioni del libro II, capi I, II, III e IV, entrano in vigore decorsi due

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
311501 4964628
Art. 120 - Abrogazioni

1. Sono abrogate le seguenti disposizioni:

c) decreto-legge 4 febbraio 2010, n. 4, convertito in legge 31 marzo 2010, n. 50;

d) articoli da 18 a 24 della legge 22 maggio 1975, n. 152;

f) articoli da 2 ad 11, 13 e 15 della legge 3 agosto 1988, n. 327;

g) articolo 7-ter della legge 13 dicembre 1989, n. 401;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Edilizia e immobili
  • Appalti e contratti pubblici
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Titoli abilitativi
  • Disposizioni antimafia
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Edilizia privata e titoli abilitativi

Informativa antimafia e attività soggette al rilascio di autorizzazioni o a SCIA (C. Stato sent. 565/2017)

Il Consiglio di Stato, pronunciandosi con riferimento ad una fattispecie di richiesta di autorizzazione unica ambientale relativa allo scarico di acque reflue industriali da parte di un'impresa operante nel settore del commercio all'ingrosso di materiale da costruzione, ha ritenuto applicabile la disciplina dell’informativa antimafia anche in relazione ad attività sottoposte a provvedimenti di contenuto autorizzatorio o che siano soggette a SCIA.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disposizioni antimafia
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione

White list negli appalti pubblici: normativa, ambito di applicazione e procedimento di iscrizione

Sintesi operativa del procedimento di iscrizione nell'elenco dei formatori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa operanti nei settori esposti maggiormente a rischio. Attività più vulnerabili, requisiti necessari per l’iscrizione e obblighi di comunicazione da parte delle imprese interessate.
A cura di:
  • Valentina Rampulla
  • Disposizioni antimafia
  • Appalti e contratti pubblici

Gestione straordinaria di imprese nell’ambito della prevenzione anticorruzione e antimafia

Questo articolo riepiloga le misure straordinarie di gestione, sostegno e monitoraggio delle imprese nell’ambito della prevenzione anticorruzione e antimafia, introdotte dall’art. 32 del D.L. 90/2014 (convertito in legge dalla L. 114/2014). Viene data particolare attenzione agli aspetti pratici ed applicativi, come delineati dalle tre Linee guida emanate dal Ministero dell’Interno e dall’ANAC e concernenti gli ambiti applicativi, le misure applicabili ed i compensi per i Commissari prefettizi ed agli esperti incaricati.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei
  • Disposizioni antimafia
  • Terremoto Abruzzo
  • Calamità/Terremoti
  • Appalti e contratti pubblici
  • Protezione civile

Terremoto Abruzzo: tutte le Linee Guida per lo svolgimento dei controlli antimafia

Questo articolo riepiloga tutte le Linee Guida emanate dal CCASGO relative ai controlli antimafia sui lavori di ricostruzione post sisma Abruzzo 2009. Ultimo aggiornamento: Linee Guida del 05/11/2015.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disposizioni antimafia

Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia: il decreto istitutivo (DPCM 193/2014)

Il D.P.C.M. 30/10/2014, n. 193, in attuazione dell’art. 99, comma 1, del "Codice antimafia" (D. Leg.vo 159/2011), regola l’organizzazione della Banca dati nazionale unica della documentazione antimafia, anche per ciò che concerne le procedure di accesso, registrazione e consultazione, nonché le modalità di collegamento ad altre banche dati.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Disposizioni antimafia
  • Appalti e contratti pubblici
  • Ordinamento giuridico e processuale

Informativa antimafia terreni agricoli che usufruiscono di fondi europei inferiori a 25.000 Euro

  • Leggi e manovre finanziarie
  • Finanza pubblica
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Accesso al fondo per la progettazione definitiva ed esecutiva nei comuni a rischio sismico (2019)

  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Operatività Albo commissari di gara presso l'ANAC per procedure di affidamento

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

10/10/2018