FAST FIND : NW4039

Ultimo aggiornamento
16/03/2017

Sicurezza ascensori e componenti: il D.P.R. 23/2017 che recepisce la Direttiva 2014/33/UE

È stato pubblicato nella G.U. 62/2017 il D.P.R. 23/2017 chiamato a recepire la Direttiva 2014/33/UE relativa agli ascensori, ai relativi componenti di sicurezza ed alle modalità per l’esercizio. Sintesi del provvedimento ed indicazioni emerse in merito alla problematica dell’adeguamento degli ascensori più vecchi.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 15/03/2017, n. 62 il D.P.R. 10/01/2017, n. 23, recante modifiche al D.P.R. 30/04/1999, n. 162, conseguenti all’attuazione della Direttiva 2014/33/UE relativa agli ascensori, ai relativi componenti di sicurezza ed alle modalità per l’esercizio. Il provvedimento entra in vigore dal 16/03/2017.
Si evidenzia peraltro l’avvenuta scadenza dei termini, atteso che la Direttiva 2014/33/UE doveva essere recepita entro il 19/04/2016 e gli Stati membri sono tenuti ad applicare le disposizioni in essa contenute a partire dal 20/04/2016. Si rinvia per approfondimenti all’articolo “La nuova Direttiva n. 2014/33/UE sugli ascensori”.
Si riporta di seguito una breve sintesi del contenuto ed alcune indicazioni in ordine ai contenuti più dibattuti del D.P.R. 23/2017, inerenti le verifiche sugli ascensori già in esercizio.

BREVE SINTESI DEI CONTENUTI DEL D.P.R. 23/2017 - In estrema sintesi il provvedimento - del quale è consultabile il testo nelle FONTI COLLEGATE - riguarda gli ascensori quali “prodotti finiti, cioè solo dopo essere stati installati in modo permanente in edifici o costruzioni, nonché i componenti di sicurezza per ascensori nuovi prodotti da un fabbricante nell’Unione oppure i componenti di sicurezza nuovi o usati importati da un paese terzo.
A tal fine il provvedimento introduce:

  • misure volte ad affrontare il problema della non conformità, tra cui l’enunciazione di dettagliati obblighi essenziali di sicurezza e di corretta prassi costruttiva anche nella fase della progettazione, non solo per i fabbricanti ma anche per gli importatori ed i distributori tramite apposite procedure di valutazione della conformità;
  • il principio per cui gli operatori economici sono responsabili della conformità dei prodotti, in funzione del rispettivo ruolo che rivestono nella catena di fornitura, e qualsiasi operatore economico che immetta sul mercato un ascensore o componente con il proprio nome o marchio commerciale oppure lo modifichi, così da incidere sulla conformità, è considerato “fabbricante” e si deve assumere i relativi obblighi;
  • norme concernenti la tracciabilità durante l’intera catena di distribuzione, in modo che ogni operatore economico sia in grado di informare le autorità in merito al luogo di acquisto del prodotto e al soggetto al quale è stato fornito;
  • misure volte a garantire la qualità dell’operato degli “Organismi di valutazione della conformità” (OVC), con l’indicazione di criteri stringenti relativi in particolare alla loro indipendenza ed alla competenza nello svolgimento della loro attività: sono pertanto introdotte prescrizioni obbligatorie per gli OVC che desiderano essere notificati alla Commissione UE per fornire servizi di valutazione.

VERIFICHE SUGLI ASCENSORI GIÀ IN ESERCIZIO - Partendo dall’assunto che sul territorio nazionale esiste una forte disomogeneità con riferimento ai requisiti di sicurezza tra gli impianti installati in periodo successivo all’entrata in vigore del D.P.R. 162/1999 e quelli installati invece in periodo antecedente (privi quindi della marcatura europea), il D.P.R. 23/2017 puntava in un primo momento anche ad attuare quanto previsto dalla Raccomandazione 95/216/CE, che si pone l’obiettivo di garantire tendenzialmente il medesimo livello di sicurezza a tutti gli utenti di ascensori in esercizio, sia vecchi che nuovi (provvedimento già attuato nella maggior parte degli Stati membri ma non ancora in Italia).
Con riferimento a tale specifico aspetto degli ascensori più vecchi, la problematica relativa ai costi degli interventi per l’adeguamento, unitamente a perplessità successivamente emerse circa la possibilità giuridica e l’opportunità di un’attuazione della citata Raccomandazione contestualmente al recepimento della Direttiva in sede regolamentare, hanno fatto propendere per un rinvio della relativa decisione, subordinandola ad un ulteriore approfondimento.
A tal proposito già il parere del Consiglio di Stato (1852/2016) sul provvedimento in oggetto sottolineava al Governo l’esigenza di provvedere urgentemente all’adeguamento alle nuove norme di sicurezza del parco ascensori preesistenti, anche al fine di non correre il rischio che una significativa differenza degli standard di sicurezza tra vecchi e nuovi impianti venisse percepita come un’ingiustificata discriminazione per i proprietari di edifici acquistati in epoca più antica, legata a un mancato adeguamento alle nuove norme di sicurezza.
A sua volta la Commissione attività produttive invitava nel proprio parere il Governo a provvedere, con idonea normativa, ad individuare modalità di verifica per l’aggiornamento dei requisiti di sicurezza degli ascensori installati in data precedente a quella di entrata in vigore del D.P.R. 162/1999, anche attraverso l’individuazione di selettivi e limitati interventi, necessari ed urgenti a ridurre le cause di infortunio più frequenti per gli utilizzatori.
L'osservazione non è stata accolta in termini di modifiche al testo, bensì come raccomandazione per il futuro ai fini di una accelerazione degli ulteriori approfondimenti della valutazione di impatto di tale intervento che si sono ritenuti indispensabili ai fini di una più ponderata riproposizione dell’intervento stesso.

COMMISSIONI PER L'ABILITAZIONE - Le Commissioni parlamentari avevano anche raccomandato di accelerare il ripristino di organi o istituzioni competenti in materia di rilascio dei certificati di abilitazione all’esercizio della professione di manutentore di ascensori e montacarichi (il riferimento è in particolare alle soppresse Commissioni per l’abilitazione alla manutenzione di ascensori e montacarichi - di cui all’art. 6 del D. P.R. 24/12/1951, n. 1767), la cui assenza, oltre a compromettere l’attività di manutenzione, essenziale a garantire la sicurezza delle persone, rappresenta secondo la Commissione parlamentare un ostacolo per l’occupazione dei giovani ascensoristi e per lo sviluppo delle aziende del settore.
A tal proposito lo schema di decreto inizialmente proposto aveva introdotto alcuni commi aggiuntivi all'art. 15 del D.P.R. 162/1999, per risolvere tale questione. Tuttavia è stato osservato che per quanto l’esigenza possa essere meritevole e la soluzione attendibile, le nuove norme inserite erano chiaramente prive di base legale. Accogliendo tale rilievo la predetta disposizione concernente le Commissioni d’esame per l’abilitazione dei manutentori è stata completamente espunta dal testo del D.P.R. 23/2017, con riserva di riproporla in seguito in altra sede, con adeguata norma primaria.

Dalla redazione

  • Ascensori e montacarichi
  • Impiantistica

Ascensori e montacarichi: installazione, verifica e manutenzione

Installazione dell’ascensore e messa in esercizio, misure di sicurezza nell’uso, manutenzioni e verifiche, malfunzionamento e fermo impianto, modifiche rilevanti all’impianto, particolarità per gli ascensori in servizio pubblico. Indicazioni aggiornate al D.P.R. 23/2017 con tabella degli obblighi del proprietario o dell’amministratore di condominio.
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Impiantistica
  • Ascensori e montacarichi

Patentino ascensoristi: ripristino Commissione prefettizia ed esami di abilitazione (L. 167/2017)

La Legge europea per il 2017 – pubblicata nella G.U. 27/11/2017, n. 277 - prevede il ripristino della Commissione prefettizia incaricata di svolgere le prove teorico-pratiche di esame per acquisire l’abilitazione alle attività manutentive sugli impianti di ascensore.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ascensori e montacarichi
  • Impiantistica

Ascensori, accordo preventivo per l’installazione di impianti in deroga: documentazione e procedure

Il D.M. 19/03/2015 - emanato in attuazione del nuovo art. 17-bis del D.P.R. 162/1999 a sua volta introdotto dal D.P.R. 8/2015 - reca la documentazione necessaria e le indicazioni procedurali per le autorizzazioni all’istallazione in deroga ai requisiti di sicurezza per i rischi di schiacciamento (edifici esistenti ed edifici nuovi).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ascensori e montacarichi
  • Impiantistica

Ascensori in servizio pubblico, estensione campo di applicazione D.P.R. 162/1999 (D.P.R. 8/2015)

Emanato il D.P.R. 8/2015, allo scopo di chiudere la procedura d’infrazione 2011/4064 ai fini della corretta applicazione della Direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori, ma anche per introdurre ulteriori modifiche che intervengono in termini di aggiornamento e semplificazione procedimentale. Di fatto superato il D.M. 11/01/2010 relativo agli ascensori in servizio pubblico.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Ascensori e montacarichi
  • Impiantistica

La nuova Direttiva n. 2014/33/UE sugli ascensori

Nuove indicazioni per l’armonizzazione delle legislazioni sugli ascensori da applicarsi entro il 20/04/2016. La Direttiva n. 95/16/CEE è modificata e poi abrogata a partire dal 20/04/2016.
A cura di:
  • Vincenzo Soragnese
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Certificazione energetica
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Professioni

Puglia: obbligo di formazione dei certificatori energetici

  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Fonti alternative
  • Professioni
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico

Toscana, formazione installatori impianti alimentati da FER: avvio e proroga termine

  • Energia e risparmio energetico
  • Professioni
  • Impiantistica
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Fonti alternative

Trento, aggiornamento degli installatori di impianti energetici da fonti rinnovabili

  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Impianti di sollevamento e a fune
  • Norme tecniche
  • Impiantistica

Adeguamento a disposizioni tecniche impianti a fune per il trasporto di persone (D.M. 11/05/2017)

30/11/2017

18/09/2017

25/07/2017

26/04/2017