FAST FIND : NN15390

D.L. 23/12/2003, n. 347

Misure urgenti per la ristrutturazione industriale di grandi imprese in stato di insolvenza.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L. 18/02/2004, n. 39 (Legge di conversione). In vigore dal 21/02/2004, in corsivo.
- D.L. 03/03/2004, n. 119 (L. 05/07/2004, n. 166)
- D.L. 29/11/2004, n. 281 (L. 28/01/2005, n. 6)
- D.L. 28/02/2005, n. 22 (L. 29/04/2005, n. 71)
- L. 27/12/2006, n. 296
- D.L. 02/07/2007, n. 81 (L. 03/08/2007, n. 127)
- D.L. 28/08/2008, n. 134 (L. 27/10/2008, n. 166)
- D.L. 01/07/2009, n. 78 (L. 03/08/2009, n. 102)
- D.L. 29/12/2010, n. 225 (L. 26/02/2011, n. 10)
- D.L. 23/12/2013, n. 145 (L. 21/02/2014, n. 9)
- D.L. 05/01/2015, n. 1 (L. 04/03/2015, n. 20)
- D.L. 04/12/2015, n. 191 (L. 01/02/2016, n. 13)
- D.L. 09/06/2016, n. 98 (L. 01/08/2016, n. 151)
Scarica il pdf completo
3044992 4028178
[Premessa]

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA


Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3044992 4028179
Art. 1. - Requisiti per l'ammissione

N16

1. Le disposizioni del presente decreto si applicano alle imprese sogg

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3044992 4028180
Art. 2. - Ammissione immediata all'amministrazione straordinaria

1. L'impresa che si trovi nelle condizioni di cui all'articolo 1 può richiedere al Ministro delle attività produttive, con istanza motivata e corredata di adeguata documentazione, presentando contestuale ricorso per la dichiarazione dello stato di insolvenza al tribunale del luogo in cui ha la sede principale, l'ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria, tramite “la ristrutturazione economica e finanziaria di cui all'articolo 27, comma 2, lettera b), del decreto legislativo n. 270, ovvero tramite la cessione dei complessi aziendali di cui al comma 2, lettera a), del medesimo articolo 27” N21.

2. Con proprio decreto il Ministro delle attività produttive provvede, valutati i requisiti di cui all'articolo 1 all'ammissi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3044992 4028181
Art. 3. - Funzioni del commissario straordinario

1. Il commissario straordinario, sino alla dichiarazione dello stato di insolvenza, provvede all'amministrazione dell'impresa, compiendo ogni atto utile all'accertamento dello stato di insolvenza N1.

1-bis. Il giudice delegato, prima dell'autorizzazione del programma, può autorizzare il commissario straordinario al pagamento di creditori anteriori, quando ciò sia necessario per evitare un grave pregiudizio alla continuazione dell'attività d'impresa o alla consistenza patrimoniale dell'impresa stessa N23. N2

1-ter.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3044992 4028182
Art. 4. - Accertamento dello stato di insolvenza e programma del commissario straordinario

N23

1. Il tribunale, con sentenza pubblicata entro “quindici” N5giorni dalla comunicazione del decreto di cui all'articolo 2, comma 2, “sentiti il commissario straordinario, ove lo ritenga necessario, e il debitore nelle ipotesi di cui all'articolo 3, comma 3” N4, dichiara lo stato di insolvenza dell'impresa e assume i provvedimenti di cui all'articolo 8, comma 1, lettere a), d) ed e), del decreto legislativo n. 270. “La sentenza determina, con riferimento alla data del decreto di ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria, gli effetti di cui al decreto legislativo n. 270, in quanto compatibili.” N6

1-bis. “Qualora il tribunale respinga la richiesta di dichiarazione dello stato di insolvenza ovvero accerti l'insussistenza di anche uno solo dei requisiti previsti dall'articolo 1,” N4cessano gli effetti del decreto di cui all'articolo 2, comma 2. Restano in ogni caso salvi gli effetti degli atti legalmente compiuti dagli organi della procedura.

2. “Salvo che per le imprese “di cui all'articolo 2, comma 2, secondo periodo,” N33 per le quali sia stato fatto immediato ricorso alla trattativa di cui al comma 4-quater del presente articolo, e con esclusivo riferimento ai beni, rami e complessi aziendali oggetto della stessa,” N20 entro centottanta giorni dalla data del decreto di nomina, il commissario straordinario presenta al Ministro delle attività produttive il programma di cui all'articolo 54 del decreto legislativo n. 270, redatto secondo l'indirizzo di cui all'articolo 27, comma 2, “lettera a), ovvero” N20 lettera b), del decreto medesimo “, considerando specificamente, anche ai fini di cui all'articolo 4-bis, la posizione dei piccoli risparmiatori persone fisiche, che abbiano investito in obbligazioni, emesse o garantite dall'impresa in amministrazione straordinaria” N7. Contestualmente, il commissario presenta al giudice delegato la relazione contenente la descrizione particolareggiata delle cause di insolvenza, prevista dall'articolo 28 del decreto legislativo n. 270, accompagnata dallo stato a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3044992 4028183
Art. 4-bis. - Concordato

N28

1. Nel programma il commissario straordinario può prevedere la soddisfazione dei creditori attraverso un concordato, di cui deve indicare dettagliatamente le condizioni e le eventuali garanzie. Il concordato può prevedere N35:

a) la suddivisione dei creditori in classi secondo la posizione giuridica ed interessi economici omogenei; N8

b) trattamenti differenziati fra creditori appartenenti a classi diverse;

c) la ristrutturazione dei debiti e la soddisfazione dei creditori attraverso qualsiasi forma tecnica, “o giuridica, anche mediante accollo, fusione o altra operazione societaria” N4; in particolare, la proposta di concordato può prevedere l'attribuzione ai creditori, o ad alcune categorie di essi “nonché a società da questi partecipate” N7, di azioni o quote, ovvero obbligazioni, anche convertibili in azioni o altri strumenti finanziari e titoli di debito;

c-bis) l'attribuzione ad un assuntore delle attività delle imprese interessate dalla proposta di concordato. Potranno costituirsi come assuntori anche i creditori o società da questi partecipate o società, costituite dal commissario straordinario, le cui azioni siano destinate ad essere attribuite ai creditori per effetto del concordato. Come patto di concordato, potranno essere trasferite all'assuntore le azioni revocatorie, di cui all'articolo 6, promosse dal commissario straordinario fino alla data di pubblicazione della sentenza di approvazione del concordato. N9

1-bis. La presentazione della proposta di concordato comporta l'interruzione delle operazioni di accertamento del passivo. Anche prima della presentazione, il commissario straordinario può chiedere al giudice delegato di disporre la sospensione delle operazioni di verifica dello stato passivo, quando vi siano concrete possibilità di prop

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3044992 4028184
Art. 4-ter. - Accertamento del passivo

N15

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3044992 4028185
Art. 5. - Operazioni necessarie per la salvaguardia del gruppo

1. “Il Ministero delle attività produttive” N4, dopo la dichiarazione dello stato di insolvenza, può autorizzare operazioni di cessione e di utilizzo di beni, di aziende o di rami di aziende dell'impresa richieste dal commissario straordinario qualora siano finalizzate alla ristrutturazione “o alla salvaguardia del valore economico e produttivo totale o parziale” N20 dell'impresa o del gruppo. “Per motivi di urgenza le medesime operazioni possono essere autorizzate anche prima della dichiarazione dello stato di insolvenza.”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3044992 4028186
Art. 6. - Azioni revocatorie

1. Il commissario straordinario può proporre le azioni revocatorie previste “dagli articoli 49 e 91” N4 del decreto legislativo n. 270 “anche nel caso di autorizzazione all'esecuzione del programma di ristrutturazione, purché si traducano in un vantaggio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3044992 4028187
Art. 7. - Intesa del Ministero delle politiche agricole e forestali

1. In caso di imprese che operano nella produzione, prima trasformazione e commercializzazione nei settori connessi ai pro

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3044992 4028188
Art. 8. - Disposizioni finali

1. Per quanto non disposto diversamente dal presente decreto, si applicano le norme di cui al decreto legislativo n. 270

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3044992 4028189
Art. 9. - Entrata in vigore

1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge.



IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Tariffa Professionale e compensi
  • Ritardi nei pagamenti commerciali
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Indici, tassi e costi di costruzione
  • Professioni
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Ritardato pagamento di onorari e corrispettivi: interessi, tutele, prescrizione

INTERESSI IN CASO DI RITARDATO PAGAMENTO (INTERESSI DI MORA) (Ritardato pagamento e maturazione degli interessi di mora; Interessi di mora a carattere compensativo e a carattere risarcitorio; Norme di riferimento per la misura e la decorrenza degli interessi di mora; Schema grafico riepilogativo) - MISURA E DECORRENZA DEGLI INTERESSI DI MORA (Cliente privato; Cliente impresa, professionista o pubblica amministrazione; Contratti pubblici; Schema grafico riepilogativo; Divieto di anatocismo (interessi composti, o interessi sugli interessi)) - INDICAZIONI PRATICHE PER IL RECUPERO DEL CREDITO (Solleciti di pagamento; Richiesta di decreto ingiuntivo (o “ingiunzione di pagamento”)) - PRESCRIZIONE DEL CREDITO (Durata della prescrizione; Decorrenza della prescrizione; Schema grafico prescrizione per i professionisti).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Finanza pubblica
  • Imprese
  • Provvidenze

Emilia Romagna: sostegno alle start up innovative per il 2018

Contributo in conto capitale fino al 60% delle spese, elevabile al 70% in caso di assunzione di dipendenti a tempo indeterminato entro la fine del progetto, per l’avvio e la crescita di start up innovative ad elevato contenuto tecnologico basate sulla valorizzazione economica dei risultati della ricerca e, comunque, di nuovi prodotti e servizi di alta tecnologia o ad alto contenuto innovativo. Richiesta la documentazione antimafia solo per progetti che superano i 150.000 euro di contributo. Domande dal 02/07/2018 al 30/11/2018.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disposizioni antimafia

Rating di legalità delle imprese: in cosa consiste, come richiederlo e come è considerato da banche e PA

Il rating di legalità è uno strumento introdotto nel 2012 per le imprese italiane, volto alla promozione e all'introduzione di principi di comportamento etico in ambito aziendale, tramite l’assegnazione di un riconoscimento misurato in "stellette" indicativo del rispetto della legalità da parte delle imprese che ne abbiano fatto richiesta. All'attribuzione del rating l’ordinamento ricollega vantaggi in sede di concessione di finanziamenti pubblici e agevolazioni per l’accesso al credito bancario.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Provvidenze
  • Imprese
  • Finanza pubblica

Molise: high tech business per start up innovative

Contributo a fondo perduto dal 50% al 70%, fino ad un massimo di 100 mila o 120 mila euro, per la creazione e il consolidamento di start up innovative ad alta intensità di applicazione di conoscenza ed alle iniziative di spin-off della ricerca. Sono ammissibili alle agevolazioni di cui al presente avviso i piani di impresa coerenti con gli ambiti prioritari di intervento di cui alla RIS3 -sistema agroalimentare, industrie culturali, turistiche e creative, scienze della vita, innovazione nel sistema ICT- che prevedono un investimento minimo di 20 mila euro. I piani possono riguardare, fra le altre, la progettazione, lo sviluppo, la personalizzazione, il collaudo di soluzioni architetturali informatiche e di impianti tecnologici produttivi; consulenze specialistiche tecnologiche.
A cura di:
  • Club Mep Network
  • Finanza pubblica
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Provvidenze

Campania: sostegno all'internazionalizzazione delle imprese

L’agevolazione è finalizzata a sostenere il processo di internazionalizzazione del sistema produttivo regionale, attraverso la concessione di contributi in conto capitale per Programmi di internazionalizzazione realizzati da Micro e PMI, in forma singola o associata. È prevista la concessione di un contributo pari al 70% delle spese ammesse, nella misura massima di 150.000 euro. La dotazione finanziaria è di 15 milioni di euro.
A cura di:
  • Club Mep Network