FAST FIND : NN15385

D. Leg.vo 19/08/2016, n. 175

Testo unico in materia di società a partecipazione pubblica.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- D. Leg.vo 16/06/2017, n. 100
Scarica il pdf completo
3039355 3924026
[Premessa]



IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA


Visti gli articoli 76 e 87 della CostituzioneR;

Visto l'articolo 18 della legge 7 agosto 2015, n. 124R, recante deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924027
Art. 1 - Oggetto

1. Le disposizioni del presente decreto hanno a oggetto la costituzione di società da parte di amministrazioni pubbliche, nonché l'acquisto, il mantenimento e la gestione di partecipazioni da parte di tali amministrazioni, in società a totale o parziale partecipazione pubblica, diretta o indiretta.

2. Le disp

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924028
Art. 2 - Definizioni

1. Ai fini del presente decreto si intendono per:

a) «amministrazioni pubbliche»: le amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo n. 165 del 2001R, i loro consorzi o associazioni per qualsiasi fine istituiti, gli enti pubblici economici “e le autorità di sistema portuale” N3;

b) «controllo»: la situazione descritta nell'articolo 2359 del codice civileR. Il controllo può sussistere anche quando, in applicazione di norme di legge o statutarie o di patti parasociali, per le decisioni finanziarie e gestionali strategiche relative all'attività sociale è richiesto il consenso unanime di tutte le parti che condividono il controllo;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924029
Art. 3 - Tipi di società in cui è ammessa la partecipazione pubblica

1. Le amministrazioni pubbliche possono partecipare esclusivamente a società,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924030
Art. 4 - Finalità perseguibili mediante l'acquisizione e la gestione di partecipazioni pubbliche

1. Le amministrazioni pubbliche non possono, direttamente o indirettamente, costituire società aventi per oggetto attività di produzione di beni e servizi non strettamente necessarie per il perseguimento delle proprie finalità istituzionali, né acquisire o mantenere partecipazioni, anche di minoranza, in tali società.

2. Nei limiti di cui al comma 1, le amministrazioni pubbliche possono, direttamente o indirettamente, costituire società e acquisire o mantenere partecipazioni in società esclusivamente per lo svolgimento delle attività sotto indicate:

a) produzione di un servizio di interesse generale, ivi inclusa la realizzazione e la gestione delle reti e degli impianti funzionali ai servizi medesimi;

b) progettazione e realizzazione di un'opera pubblica sulla base di un accordo di programma fra amministrazioni pubbliche, ai sensi dell'articolo 193 del decreto legislativo n. 50 del 2016;

c) realizzazione e gestione di un'opera pubblica ovvero organizzazione e gestione di un servizio d'interesse generale attraverso un contratto di partenariato di cui all'articolo 180 del decreto legislativo n. 50 del 2016, con un imprenditore selezionato con le modalità di cui all'articolo 17, commi 1 e 2;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924031
Art. 5 - Oneri di motivazione analitica

1. A eccezione dei casi in cui la costituzione di una società o l'acquisto di una partecipazione, anche attraverso aumento di capitale, avvenga in conformità a espresse previsioni legislative, l'atto deliberativo di costituzione di una società a partecipazione pubblica, anche nei casi di cui all'articolo 17, o di acquisto di partecipazioni, anche indirette, da parte di amministrazioni pubbliche in società già costituite deve essere analiticamente motivato con riferimento alla necessità della società per il perseguimento de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924032
Art. 6 - Principi fondamentali sull'organizzazione e sulla gestione delle società a controllo pubblico

1. Le società a controllo pubblico, che svolgano attività economiche protette da diritti speciali o esclusivi, insieme con altre attività svolte in regime di economia di mercato, in deroga all'obbligo di separazione societaria previsto dal comma 2-bis dell'articolo 8 della legge 10 ottobre 1990, n. 287R, adottano sistemi di contabilità separata per le attività oggetto di diritti speciali o esclusivi e per ciascuna attività.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924033
Art. 7 - Costituzione di società a partecipazione pubblica

1. La deliberazione di partecipazione di un'amministrazione pubblica alla costituzione di una società è adottata con:

a) decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell'economia e delle finanze di concerto con i ministri competenti per materia, previa deliberazione del Consiglio dei ministri, in caso di partecipazioni statali;

b) provvedimento del competente organo della regione, in caso di partecipazioni regionali;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924034
Art. 8 - Acquisto di partecipazioni in società già costituite

1. Le operazioni, anche mediante sottoscrizione di un aumento di capitale o partecipazione a operazioni straordinarie, che comportino l'ac

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924035
Art. 9 - Gestione delle partecipazioni pubbliche

1. Per le partecipazioni pubbliche statali i diritti del socio sono esercitati dal Ministero dell'economia e delle finanze, di concerto con altri Ministeri competenti per materia, individuati dalle relative disposizioni di legge o di regolamento ministeriale.

2. Per le partecipazioni regionali i diritti del socio sono esercitati secondo la disciplina stabilita dalla regione titolare delle partecipazioni.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924036
Art. 10 - Alienazione di partecipazioni sociali

1. Gli atti deliberativi aventi ad oggetto l'alienazione o la costituzione di vincoli su partecipazioni sociali delle amministrazioni pubbliche sono adottati secondo le modalità di cui all'articolo 7, comma 1.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924037
Art. 11 - Organi amministrativi e di controllo delle società a controllo pubblico

1. Salvi gli ulteriori requisiti previsti dallo statuto, i componenti degli organi amministrativi e di controllo di società a controllo pubblico devono possedere i requisiti di onorabilità, professionalità e autonomia stabiliti con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro dell'economia e delle finanze “, previa intesa in Conferenza unificata ai sensi dell’articolo 9 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281” N2. Resta fermo quanto disposto dall'articolo 12 del decreto legislativo 8 aprile 2013, n. 39R, e dall'articolo 5, comma 9, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95R, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135.

2. L'organo amministrativo delle società a controllo pubblico è costituito, di norma, da un amministratore unico.

3. L’assemblea della società a controllo pubblico, con delibera motivata con riguardo a specifiche ragioni di adeguatezza organizzativa e tenendo conto delle esigenze di contenimento dei costi, può disporre che la società sia amministrata da un consiglio di amministrazione composto da tre o cinque membri, ovvero che sia adottato uno dei sistemi alternativi di amministrazione e controllo previsti dai paragrafi 5 e 6 della sezione VI-bis del capo V del titolo V del libro V del codice civile. La delibera è trasmessa alla sezione della Corte dei conti competente ai sensi dell’articolo 5, comma 4, e alla struttura di cui all’articolo 15. N10

4. Nella scelta degli amministratori delle societ&a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924038
Art. 12 - Responsabilità degli enti partecipanti e dei componenti degli organi delle società partecipate

1. I componenti degli organi di amministrazione e controllo delle società partecipate sono soggetti alle azioni civili di responsabilit&agr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924039
Art. 13 - Controllo giudiziario sull'amministrazione di società a controllo pubblico

1. Nelle società a controllo pubblico, in deroga ai limiti minimi di partecipa

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924040
Art. 14 - Crisi d'impresa di società a partecipazione pubblica

1. Le società a partecipazione pubblica sono soggette alle disposizioni sul fallimento e sul concordato preventivo, nonché, ove ne ricorrano i presupposti, a quelle in materia di amministrazione straordinaria delle grandi imprese “in stato di insolvenza” N12 di cui al decreto legislativo 8 luglio 1999, n. 270R, e al decreto-legge 23 dicembre 2003, n. 347, convertito, con modificazioni, dalla legge 18 febbraio 2004, n. 39.

2. Qualora emergano, nell'ambito dei programmi di valutazione del rischio di cui all'articolo 6, “comma 2”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924041
Art. 15 - Monitoraggio, indirizzo e coordinamento sulle società a partecipazione pubblica

1. Nell'ambito del Ministero dell'economia e delle finanze, nei limiti delle risorse disponibili a legislazione vigente, “con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze,” N2 è individuata la struttura competente per “l’indirizzo,” N2 il controllo e il monitoraggio sull'attuazione del presente decreto. Il Ministero dell'eco

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924042
Art. 16 - Società in house

1. Le società in house ricevono affidamenti diretti di contratti pubblici dalle amministrazioni che esercitano su di esse il controllo analogo o da ciascuna delle amministrazioni che esercitano su di esse il controllo analogo congiunto solo se non vi sia partecipazione di capitali privati, ad eccezione di quella prescritta da norme di legge e che avvenga in forme che non comportino controllo o potere di veto, né l'esercizio di un'influenza determinante sulla società controllata.

2. Ai fini della realizzazione dell'assetto organizzativo di cui al comma 1:

a) gli statuti delle società per azioni possono contenere clausole in deroga delle disposizioni dell'articolo 2380-bis e de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924043
Art. 17 - Società a partecipazione mista pubblico-privata

1. Nelle società “a partecipazione mista pubblico-privata” N3 la quota di partecipazione del soggetto privato non può essere inferiore al trenta per cento e la selezione del medesimo si svolge con procedure di evidenza pubblica a norma dell'articolo 5, comma 9, del decreto legislativo n. 50 del 2016R e ha a oggetto, al contempo, la sottoscrizione o l'acquisto della partecipazione societaria da parte del socio privato e l'affidamento del contratto di appalto o di concessione oggetto esclusivo dell'attività della società mista.

2. Il socio privato deve possedere i requisiti di qualificazione previsti da norme legali o regolamentari in relazione alla prestazione per cui la società è stata costituita. All'avviso pubblico sono allegati la bozza dello statuto e degli eventuali accordi parasociali, nonch&e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924044
Art. 18 - Quotazione di società a controllo pubblico in mercati regolamentati

1. Le società controllate da una o più amministrazioni pubbliche possono quotare azioni o altri strumenti finanziari in mercati regolament

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924045
Art. 19 - Gestione del personale

1. Salvo quanto previsto dal presente decreto, ai rapporti di lavoro dei dipendenti delle società a controllo pubblico si applicano le disposizioni del capo I, titolo II, del libro V del codice civile, dalle leggi sui rapporti di lavoro subordinato nell'impresa, ivi incluse quelle in materia di ammortizzatori sociali, secondo quanto previsto dalla normativa vigente, e dai contratti collettivi.

2. Le società a controllo pubblico stabiliscono, con propri provvedimenti, criteri e modalità per il reclutamento del personale nel rispetto dei principi, anche di derivazione europea, di trasparenza, pubblicità e imparzialità e dei principi di cui all'articolo 35, comma 3, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. In caso di mancata adozione dei suddetti provvedimenti, trova diretta applicazione il suddetto articolo 35, comma 3, del decreto legislativo n. 165 del 2001R.

3. I provvedimenti di cui al comma 2 sono pubblicati sul sito istituzionale della società. In caso di mancata o incompleta pubblicazione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924046
Art. 20 - Razionalizzazione periodica delle partecipazioni pubbliche

1. Fermo quanto previsto dall'articolo 24, comma 1, le amministrazioni pubbliche effettuano annualmente, con proprio provvedimento, un'analisi dell'assetto complessivo delle società in cui detengono partecipazioni, dirette o indirette, predisponendo, ove ricorrano i presupposti di cui al comma 2, un piano di riassetto per la loro razionalizzazione, fusione o soppressione, anche mediante messa in liquidazione o cessione. Fatto salvo quanto previsto dall'articolo 17, comma 4, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, le amministrazioni che non detengono alcuna partecipazione lo comunicano alla sezione della Corte dei conti competente ai sensi dell'articolo 5, comma 4, e alla struttura di cui all'articolo 15.

2. I piani di razionalizzazione, corredati di un'apposita relazione tecnica, con specifica indicazione di modalità e tempi di attuazione, sono adottati ove, in sede di analisi di cui al comma 1, le amministrazioni pubbliche rilevino:

a) partecipazioni societarie che non rientrino in alcuna delle categorie di cui all'articolo 4;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924047
Art. 21 - Norme finanziarie sulle società partecipate dalle amministrazioni locali

1. Nel caso in cui società partecipate dalle pubbliche amministrazioni locali comprese nell'elenco di cui all'articolo 1, comma 3, della legge 31 dicembre 2009, n. 196R, presentino un risultato di esercizio negativo, le pubbliche amministrazioni locali partecipanti, che adottano la contabilità finanziaria, accantonano nell'anno successivo in apposito fondo vincolato un importo pari al risultato negativo non immediatamente ripianato, in misura proporzionale alla quota di partecipazione. Le pubbliche amministrazioni locali che adottano la contabilità civilistica adeguano il valore della partecipazione, nel corso dell'esercizio successivo, all'importo corrispondente alla frazione del patrimonio netto della società partecipata ove il risultato negativo non venga immediat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924048
Art. 22 - Trasparenza

1. Le società a controllo pubblico assicurano il massimo livello di trasparenz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924049
Art. 23 - Clausola di salvaguardia

1. Le disposizioni del presente decreto si applicano nelle Regioni a statuto speciale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924050
Art. 24 - Revisione straordinaria delle partecipazioni

1. Le partecipazioni detenute, direttamente o indirettamente, dalle amministrazioni pubbliche alla data di entrata in vigore del presente decreto in società non riconducibili ad alcuna delle categorie di cui all'articolo 4, N15 ovvero che non soddisfano i requisiti di cui all'articolo 5, commi 1 e 2, o che ricadono in una delle ipotesi di cui all'articolo 20, comma 2, sono alienate o sono oggetto delle misure di cui all'articolo 20, commi 1 e 2. A tal fine, entro “il 30 settembre 2017” N3, ciascuna amministrazione pubblica effettua con provvedimento motivato la ricognizione di tutte le partecipazioni possedute alla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924051
Art. 25 - Disposizioni transitorie in materia di personale

1. Entro “il 30 settembre 2017” N3, le società a controllo pubblico effettuano una ricognizione del personale in servizio, per individuare eventuali eccedenze, anche in relazione a quanto previsto dall'articolo 24. L'elenco del personale eccedente, con la puntuale indicazione dei profili posseduti, è trasmesso alla regione nel cui territorio la società ha sede legale secondo modalità stabilite da un decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, “adottato” N17 di concerto con il Mini

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924052
Art. 26 - Altre disposizioni transitorie

1. Le società a controllo pubblico già costituite all'atto dell'entrata in vigore del presente decreto adeguano i propri statuti alle disposizioni del presente decreto entro il 31 dicembre 2016. Per le disposizioni dell'articolo 17, comma 1, il termine per l'adeguamento è fissato al “31 luglio 2017” N18.

2. L'articolo 4 del presente decreto non è applicabile alle società elencate nell'allegato A, nonché alle società aventi come oggetto sociale esclusivo la gestione di fondi europei per conto dello Stato o delle regioni “, ovvero la realizzazione di progetti di ricerca finanziati dalle istituzioni dell’Unione europea” N2.

3. Le pubbliche amministrazioni possono comunque mantenere le partecipazioni in società quotate detenute al 31 dicembre 2015.

4. Nei “diciotto” N12 mesi successivi alla sua entrata in vigore, il presente decreto non si applica alle società in partecipazione pubblica che abbiano deliberato la quotazione delle proprie azioni in mercati regolamentati con provvedimento comunicato alla Corte dei conti. Ove entro il suddetto termine la società interessata abbia presentato domanda di ammissione alla quotazione, il presente decreto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924053
Art. 27 - Coordinamento con la legislazione vigente

1. All'articolo 18 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112R, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133 sono apportate le seguenti modificazioni:

a) nella rubrica, le parole: «delle società» sono sostituite dalle seguenti: «delle aziende e istituzioni»;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924054
Art. 28 - Abrogazioni

1. Sono abrogati:

a) gli articoli 116, 122 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267R;

b) l'articolo 14, comma 1, del decreto legge 30 settembre 2003, n. 269R, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326;

c) l'articolo 1, comma 3, lettera n), della legge 23 agosto 2004, n. 239R;

d) l'articolo 13 del decreto legge 4 luglio 2006, n. 223

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
3039355 3924055
Allegato A

N19

Società


Coni Servizi

EXPO

Arexpo

Invimit

Fises


Gruppo


Gruppo ANA

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

Riforma P.A. (L. 124/2015): il D. Leg.vo 175/2016 sulle società partecipate

Sintesi delle principali novità contenute nel D. Leg.vo 175/2016 recante il "Testo Unico in materia di società a partecipazione pubblica", in attuazione della delega di cui all'art. 18 della L. 124/2015 di riforma della P.A. Articolo aggiornato con le disposizioni del D. Leg.vo 100/2017.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei

PA: obblighi di pubblicazione sui titolari di incarichi e sugli enti in controllo e relative sanzioni

Obblighi di pubblicazione titolari di incarichi e deleghe (art. 14 del D. Leg.vo 33/2013), obblighi di pubblicazione enti vigilati e controllati (art. 22 del D. Leg.vo 33/2013) e sanzioni, alla luce del Regolamento ANAC sulle sanzioni, delle Linee guida trasparenza (Delib. 1310/2016) e sull'art. 14 (Delib. 241/2017). Aggiornamento alla parziale sospensiva degli obblighi ai sensi della Delib. 382/2017 ed alla Delib. 641/2017.
A cura di:
  • Rosalisa Lancia

Criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

Contenuti e obiettivi del Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione (PAN-GPP), criteri ambientali minimi da introdurre negli appalti pubblici e riflessi pratici della disciplina a seguito delle modifiche introdotte all'art. 34 del D. Leg.vo 50/2016 ad opera del D. Leg.vo 56/2017 (c.d. "correttivo").
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Guida alle norme per la certificazione, la cessione e la compensazione dei crediti verso la P.A. con indicazioni pratiche

Questo approfondimento riassume tutte le disposizioni che consentono il recupero dei crediti vantati da professionisti ed imprese nei confronti della P.A. tramite la certificazione dei crediti stessi e la loro successiva monetizzazione tramite cessione a terzi o compensazione nel modello F24. Il tutto con le necessarie indicazioni operative e pratiche. In allegato è possibile scaricare e consultare anche la Guida pratica alla certificazione dei crediti tramite la procedura telematica, messa a disposizione dal Ministero dell’economia e finanze. AGGIORNAMENTO AGOSTO 2017 (D.M. 09/08/2017 che ha esteso la possibilità della compensazione dei crediti certificati con tutte le somme relative a cartelle esattoriali notificate fino al 31/12/2016).
A cura di:
  • Dino de Paolis

Il Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese (AGGIORNAMENTO GIUGNO 2017)

Questo articolo riepiloga e mette a disposizione tutta la normativa concernente l'operatività del Fondo di garanzia per le PMI istituito dalla L. 662/1996, e successivamente esteso anche ai liberi professionisti iscritti agli albi, alle operazioni di "microcredito" e alle PMI innovative. AGGIORNAMENTO 13/06/2017: D.M. 07/12/2016 che ha sostituito le disposizioni operative del Fondo.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ordinamento giuridico e processuale
  • Procedimenti amministrativi
  • Pubblica Amministrazione
  • Informatica

Deposito copia cartacea ricorsi nel processo amministrativo telematico

  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica
  • Commercio e mercati
  • Procedimenti amministrativi

Emilia Romagna - Prosecuzione attività in locali privi di requisiti imprese con sede non agibile al 31/12/2016

  • Procedimenti amministrativi
  • Commercio e mercati
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione

Emilia Romagna - Prosecuzione attività in locali privi di requisiti imprese con sede agibile al 31/12/2016

25/09/2017

16/09/2017

14/09/2017

27/06/2017