18 apr 2018

FAST FIND : SC924

Ultimo aggiornamento
28/07/2016

Obbligo di compilazione del DGUE in forma elettronica

Ai sensi dell'art. 85, comma 1, del D. Leg.vo 50/2016 - e come ribadito dal Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti nelle Linee guida pubblicate tramite comunicato nella G.U. del 22/07/2016, n. 170 - a partire dal 18/04/2018 il Documento di gara unico europeo (“DGUE”), adottato con il Regolamento di esecuzione UE 2016/7, dovrà essere compilato esclusivamente in forma elettronica.
Si ricorda che il DGUE è un modello di autodichiarazione, previsto in modo standardizzato a livello europeo e basato sul possesso dei requisiti di carattere generale e speciale che tutte le stazioni appaltanti devono allegare agli atti di gara per permettere a chi presenta la domanda di partecipazione, o l’offerta, di autodichiarare il possesso dei requisiti per poter essere ammesso alla gara. Il modello di formulario è utilizzato per tutte le procedure di affidamento di contratti di appalto di lavori, servizi e forniture nei settori ordinari e nei settori speciali nonché per le procedure di affidamento di contratti di concessione e di partenariato pubblico-privato disciplinate dal Codice, fatta eccezione per gli affidamenti diretti di importo inferiore a 40.000 euro, per i quali l’utilizzazione del DGUE è rimessa alla discrezionalità della singola stazione appaltante, che potrà decidere se far rendere le dichiarazioni sui requisiti con il documento unico o con modelli semplificati definiti in proprio.

Dalla redazione

  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici
  • Avvisi e bandi di gara

Oneri sicurezza e manodopera nei bandi di gara e nelle offerte

Distinzione tra costi per la sicurezza specifici dell’appalto (interferenze) e generici; Indicazione dei costi per la sicurezza da parte della stazione appaltante nella documentazione di gara; Costi della sicurezza soggetti e non soggetti a ribasso d’asta; Costi per la sicurezza e la manodopera nelle offerte; Obbligo di indicazione da parte dell’operatore economico e verifica di congruità; Conseguenze della mancata indicazione, punto della giurisprudenza.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Cause di esclusione degli operatori economici nel D. Leg.vo 50/2016 - Normativa, prassi e giurisprudenza

Sintesi operativa delle cause di esclusione dalla partecipazione ad una procedura di appalto e di concessione disciplinate dall'art. 80 del D. Leg.vo 50/2016 con le successive modifiche introdotte dal D. Leg.vo 56/2017 (c.d. “Correttivo”). Le singole fattispecie sono riportate in forma tabellare, corredate dai chiarimenti necessari, anche alla luce del Comunicato ANAC 08/11/2017. Sono poi chiarite le modalità per la dichiarazione da parte degli operatori economici e per la verifica da parte delle stazioni appaltanti. L’articolo è corredato in chiusura da una breve rassegna di giurisprudenza amministrativa concernente fattispecie sottoposte all'applicazione del D. Leg.vo 50/2016.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Linee guida ANAC n. 1 sui servizi di ingegneria e architettura (Delib. 973 del 14/09/2016)

Sintesi operativa dei punti principali delle Linee guida ANAC n. 1 sui servizi di ingegneria e architettura (Delib. 973 del 14/09/2016). Quadro normativo; corrispettivo a base di gara; determinazione classe e categoria opere; continuità nella progettazione; elenchi ed indagini di mercato; requisiti di partecipazione; offerta economicamente più vantaggiosa. Obbligo di determinare i corrispettivi con i parametri di cui al D.M. 17/06/2016. Chiarimenti Comunicato ANAC del 14/12/2016. AGG. 07/07/2017: Adeguamento linee guida in base al correttivo in corso.
A cura di:
  • Dino de Paolis

DGUE: indicazioni e modalità per la compilazione del modello di formulario

Indicazioni operative per la compilazione del DGUE dopo la pubblicazione delle Linee guida del MIT (Circolare 3/2016) - che forniscono alle stazioni appaltanti le prime indicazioni per il corretto utilizzo del modello, obbligatorio per partecipare a tutti gli affidamenti oltre i 40.000 euro - e la messa a disposizione da parte della Commissione Europea di un sito web dedicato.
A cura di:
  • Valentina Rampulla
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Omessa dichiarazione della condanna dell’amministratore cessato dalla carica: conseguenze

Punto della situazione dopo la sentenza della Corte di giustizia UE 20/12/2017, causa C- 178/16, l’omessa dichiarazione da parte dell’offerente della condanna, anche se non ancora definitiva, dell’amministratore cessato dalla carica, comporta la mancata dimostrazione della dissociazione dell’impresa dalla condotta illecita e conseguentemente l’esclusione dalla gara.
A cura di:
  • Angela Perazzolo