FAST FIND : NN15275

L. 28/06/2016, n. 132

Istituzione del Sistema nazionale a rete per la protezione dell'ambiente e disciplina dell'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale.
In vigore dal 14/01/2017.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- Sent. Corte Cost. 12/10/2017, n. 212
Scarica il pdf completo
2951675 4158785
Art. 1. - Sistema nazionale a rete per la protezione dell’ambiente

1. Al fine di assicurare omogeneità ed efficacia all’esercizio dell’azione conoscitiva e di controllo pubblico della qualità dell’ambiente a supporto delle politiche di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158786
Art. 2. - Definizioni

1. Ai fini della presente legge si intende per:

a) «Sistema nazionale»: l’insieme composto dall’ISPRA, istituito ai sensi dell’articolo 28 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158787
Art. 3. - Funzioni del Sistema nazionale

1. Nel rispetto delle competenze delle regioni e delle Province autonome di Trento e di Bolzano, il Sistema nazionale svolge le seguenti funzioni:

a) monitoraggio dello stato dell’ambiente, del consumo di suolo, delle risorse ambientali e della loro evoluzione in termini quantitativi e qualitativi, eseguito avvalendosi di reti di osservazione e strumenti modellistici;

b) controllo delle fonti e dei fattori di inquinamento delle matrici ambientali e delle pressioni sull’ambiente derivanti da processi territoriali e da fenomeni di origine antropica o naturale, anche di carattere emergenziale, e dei relativi impatti, mediante attività di campionamento, analisi e misura, sopralluogo e ispezione, ivi inclusa la verifica delle forme di autocontrollo previste dalla normativa vigente;

c) attività di ricerca finalizzata all’espletamento dei compiti e delle funzioni di cui al presente articolo, sviluppo delle conoscenze e produzione, promozione e pubblica diffusione dei dati tecnico-scientifici e delle conoscenze ufficiali sullo stato dell’ambiente e sulla sua evoluzione, sulle fonti e sui fattori di inquinamento, sulle pressi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158788
Art. 4. - Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale

1. L’ISPRA è persona giuridica di diritto pubblico dotata di autonomia tecnico-scientifica, di ricerca, organizzativa, finanziaria, gestionale, patrimoniale e contabile, sottoposta alla vigilanza del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.

2. L’ISPRA, fermi restando i compiti e le funzioni ad esso attribuiti dalla normativa vigente, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, adegua la propria struttura organizzativa e tecnica al perseguimento degli obiettivi di cui alla presente legge. Entro cen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158789
Art. 5. - Disposizioni per assicurare l’espletamento di alcune attività del Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare

1. Dopo il comma 2 dell’articolo 28 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, è inserito il seguente:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158790
Art. 6. - Funzioni di indirizzo e di coordinamento dell’ISPRA

1. Fatte salve le competenze delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano, le funzioni di indirizzo e di coordinamento tecnico dell’ISPRA sono finalizzate a rendere omogenee, sotto il profilo tecnico, le attività del Sistema nazionale e sono svolte con il contributo e la partecipazione di tutte le componenti del Sistema medesimo, nell’ambito del Consiglio di cui all’articolo 13. Tali funzioni comprendono:

a) l’istruttoria ai fini della determinazione dei LEPTA ai sensi dell’articolo 9, comma 3;

b) la definizione di procedure ufficiali, da adottare entro centoventi giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, relative alle specifiche attività che l’ISPRA svolge a supporto delle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158791
Art. 7. - Agenzie per la protezione dell’ambiente

1. Le agenzie per la protezione dell’ambiente sono persone giuridiche di diritto pubblico, dotate di autonomia tecnico-scientifica, amministrativa e contabile. N1

2. Le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano disciplinano con proprie leggi la struttura, il funzionamento, il finanziamento e la pianificazione delle attività delle

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158792
Art. 8. - Requisiti del direttore generale dell’ISPRA e delle agenzie

1. Il direttore generale dell’ISPRA e i direttori generali delle agenzie sono nominati, secondo le procedure previste dalla legge per ciascun ente, tra soggetti di elevata professionalità e qualificata esperienza nel settore ambientale che non ric

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158793
Art. 9. - Livelli essenziali delle prestazioni tecniche ambientali

1. I LEPTA costituiscono il livello minimo omogeneo in tutto il territorio nazionale per le attività di cui all’articolo 3 che il Sistema nazionale è tenuto a garantire, anche ai fini del perseguimento degli obiettivi di prevenzione collettiva previsti dai livelli essenziali di assistenza sanitaria.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158794
Art. 10. - Programmazione delle attività

1. L’ISPRA, previo parere vincolante del Consiglio del Sistema nazionale di cui all’articolo 13, predispone il programma triennale delle attività del Sistema nazionale individuando le pr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158795
Art. 11. - Sistema informativo nazionale ambientale

1. L’ISPRA provvede, nell’ambito delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente, alla realizzazione e alla gestione del Sistema informativo nazionale ambientale (SINA), avvalendosi di poli territoriali costituiti da punti focali regionali (PFR), cui concorrono i sistemi informativi regionali ambientali (SIRA) e la cui gestione è affidata alle agenzie territorialmente competenti. Il SINA, i PFR e i SIRA costituiscono la rete informativa nazionale ambientale denominata SINANET.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158796
Art. 12. - Rete nazionale dei laboratori accreditati

1. Il Sistema nazionale organizza i propri laboratori che si occupano di analisi ambientali in una rete nazionale di laboratori accreditati per armonizzare i sistemi di conoscenza, di monitoraggio e di controllo delle matrici ambientali, anche al fine di assicurare economie nelle attività di laboratorio che presentino natura di ele

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158797
Art. 13. - Consiglio del Sistema nazionale

1. Al fine di promuovere e di indirizzare lo sviluppo coordinato delle attività del Sistema nazionale, anche in una logica di sinergica collaborazione tra le regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, è istituito il Consiglio del Sistema nazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158798
Art. 14. - Disposizioni sul personale ispettivo

1. L’ISPRA, con il contributo delle agenzie, predispone, basandosi sul principio del merito, uno schema di regolamento che stabilisce, nell’ambito delle risorse umane disponibili a legislazione vigente e comunque senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, le modalità di individuazione del personale incaricato degli interventi ispettivi nell’ambito delle funzioni di controllo svolte dal Sistema nazionale, ai sensi della vigente normativa ambientale dell’Unione europea, nazionale e regionale, il codice etico, le competenze del personale ispettivo e i criteri generali per lo svolgimento delle attività ispettive, prevedendo il principio della rotazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158799
Art. 15. - Modalità di finanziamento

1. L’ISPRA e le agenzie provvedono allo svolgimento delle proprie funzioni istituzionali nell’ambito delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente e comunque senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

2. Le spese relative al rilascio dei pareri sulle domande di autorizzazione ambien

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158800
Art. 16. - Disposizioni transitorie e finali

1. Ai fini dell’efficace svolgimento delle funzioni attribuite dalla presente legge al Sistema nazionale, con particolare riferimento all’obbligo di garantire i LEPTA, l’ISPRA e le agenzie, nei limiti delle risorse finanziarie disponibili a legislazione vigente, fermo restando il rispetto delle regole del patto di stabilità interno e dei vincoli normativi assunzionali, possono procedere all

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2951675 4158801
Art. 17. - Clausola di invarianza finanziaria

1. Dall’attuazione della presente legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica. Le amministrazioni pubbliche interessate provvedono

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Urbanistica
  • Edilizia e immobili

La semplificazione per l’edilizia operata dal «decreto del fare»

Il c.d. «decreto del fare», D.L. 21 giugno 2013 n. 69, convertito a fine agosto, prevede ulteriori semplificazioni in materia edilizia, che non sembrano in grado di portare certezza in un settore entrato in confusione a seguito della pluralità di provvedimenti che si sono succeduti senza un reciproco coordinamento e, soprattutto, senza delineare un orizzonte strategico dove la semplificazione discenda dalla certezza delle norme e dei procedimenti. Anche questa volta, in attesa di una specifica sistematizzazione della materia, si è persa una occasione per cercare di risolvere i nodi che attualmente risultano maggiormente ostativi ad una ripresa delle iniziative nel settore delle costruzioni.
A cura di:
  • Roberto Gallia
  • Tutela ambientale
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Energia e risparmio energetico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Liguria: promozione dell'eco-efficienza e riduzione consumi di energia primaria negli edifici e strutture pubbliche

Contributi a fondo perduto nella misura massima del 70% per le Province, la città metropolitana di Genova ed i Comuni con popolazione superiore a 2 mila abitanti per interventi finalizzati alla riduzione dei consumi di energia primaria e delle emissioni inquinanti negli edifici e nelle strutture pubbliche. Le risorse previste ammontano a 5 milioni di euro e le domande dovranno essere redatte esclusivamente on line. Gli interventi dovranno riguardare l'intero immobile ed essere almeno di ristrutturazione importante di primo livello.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Marchio Ecolabel UE: Regolamento n. 66/2010 e criteri di assegnazione

Regolamento UE n. 66/2010 e sue modifiche; il marchio Ecolabel UE; criteri di assegnazione del marchio; elenco delle Decisioni UE per i gruppi di prodotti.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti
  • Tutela ambientale

Classificazione dei rifiuti in base all'origine e in base alla pericolosità

Classificazione in base all’origine: rifiuti urbani e rifiuti speciali; classificazione in base al pericolo: rifiuti pericolosi e non pericolosi; caratteristica di pericolo HP 14 “ecotossico”. Norme di riferimento: Allegato D della parte IV del D. Leg.vo 152/2006; Dec. Comm. UE 18/12/2014, n. 955; Regolam. Comm. UE 18/12/2014, n. 1357; Regolamento Cons. UE 08/06/2017, n. 997. Orientamenti UE: Comunicazione Comm. UE 09/04/2018.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Appalti e contratti pubblici
  • Trasporti
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Mobilità sostenibile e realizzazione della rete nazionale di percorribilità ciclistica

Si illustrano le principali disposizioni della Legge 11/01/2018, n. 2, pubblicata nella G.U. 31/01/2018, n. 25, che persegue l’obiettivo di promuovere l’uso della bicicletta come mezzo di trasporto alternativo all'automobile e prevede che lo stato, le regioni e gli enti locali rendano lo sviluppo della mobilità ciclistica e delle necessarie infrastrutture di rete una componente fondamentale delle politiche della mobilità in tutto il territorio nazionale.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Agricoltura e Foreste
  • Acque

Lombardia: presentazione o aggiornamento della Comunicazione nitrati per l'anno 2019

  • Agricoltura e Foreste
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale

Lombardia: domanda di adesione alla deroga nitrati per l'anno 2019

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Trasporti
  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico

Adozione nuovi PUMS secondo le linee guida di cui al D.M. 04/08/2017

  • Tutela ambientale
  • Prevenzione Incendi
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Progetti speciali di prevenzione dei danni in Sardegna

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Pubblica Amministrazione
  • Tutela ambientale

Aumento progressivo dell'applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture