FAST FIND : NW4006

Ultimo aggiornamento
08/01/2017

Categorie superspecialistiche (SIOS): il D.M. 248/2016 attuativo del D. Leg.vo 50/2016

Il D.M. 10/11/2016, n. 248 è stato pubblicato sulla G.U. 04/01/2017, n. 3. Inserite tra le SIOS anche la OS 12-B (Bariere paramassi, fermaneve e simili) e la OS 32 (Strutture in legno). Obbligo di personale qualificato adeguate strutture. Riproposto l’art. 79, comma 16, del D.P.R. 207/2010 con importanti novità. Periodo di "monitoraggio" di un anno.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Il Decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti in data 10/11/2016, n. 248, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 3 del 04/01/2017. Si tratta di uno dei decreti più attesi, tra i numerosi provvedimenti attuativi la cui emanazione è prevista dal D. Leg.vo 50/2016, cioè quello relativo alla definizione dell’elenco delle opere per le quali sono necessari lavori o componenti di notevole contenuto tecnologico o di rilevante complessità quali strutture, impianti e opere speciali, nonché alla definizione dei requisiti di specializzazione richiesti per la loro esecuzione (cd. categorie “superspecialistiche”, o anche categorie “SIOS”), previsto dall’art. 89, comma 11, del D. Leg.vo 50/2016.
Analizziamo brevemente di seguito le novità principali del decreto, disponibile per la consultazione in allegato alla notizia.

ENTRATA IN VIGORE - Le disposizioni contenute nel decreto si applicano alle procedure e ai contratti i cui bandi o avvisi siano pubblicati successivamente alla data della sua entrata in vigore (19/01/2017) nonché, in caso di contratti senza pubblicazione di bandi o di avvisi, alle procedure e ai contratti in relazione ai quali, alla data di entrata in vigore, non siano ancora stati inviati gli inviti a presentare le offerte.

REGIME TRANSITORIO ORA SUPERATO - Fino alla data di entrata in vigore del decreto in oggetto hanno continuato ad applicarsi - ai sensi dell’art. 216, comma 15, del D. Leg.vo 50/2016 - le disposizioni di cui all’art. 12 del D.L. 47/2014 (convertito dalla L. 80/2014), ora superato, in merito al quale si veda l’articolo “Guida operativa con Tavole sinottiche alla qualificazione nei LL.PP. dopo la conversione del D.L. 47/2014”, che contiene anche due utilissime tavole sinottiche che riepilogano schematicamente le regole per la qualificazione nelle categorie di opere generali e specializzate diverse dalla prevalente.

IL D. LEG.VO 50/2016 E LE CATEGORIE SUPERSPECIALISTICHE - Dalla lettura in combinato disposto dell’art. 89, comma 11 e dell’art. 105, comma 5, del D. Leg.vo 50/2016, si evince che le per le opere rientranti nelle categorie superspecialistiche - qualora il relativo valore superi il 10% dell’importo totale dei lavori messi a gara - non è consentito fare ricorso né all’avvalimento né al subappalto, ove l’importo di quest’ultimo superi il 30% delle opere; inoltre il subappalto non può essere suddiviso senza ragioni obiettive.

CONTENUTI DEL D.M. 248/2016 - Il decreto si porta in sostanziale analogia con l’impianto normativo precedente al nuovo Codice, ma con l’introduzione di alcune novità di rilievo.
In particolare si rileva che l’elenco delle SIOS passa dalle precedenti 13 a 15 categorie, tramite l’inserimento anche delle categorie OS 12-B (Barriere paramassi, fermaneve e simili) e OS 32 (Strutture in legno), per tutto il resto restando invariato l’elenco delle strutture, impianti ed opere contenute nell’art. 12 del menzionato D.L. 47/2014.
Inoltre vengono individuati alcuni requisiti di specializzazione per l’esecuzione delle opere superspecialistiche, con particolare riferimento a: specializzazione e formazione continua e aggiornata del personale tecnico; disponibilità ove pertinente di adeguati stabilimenti industriali. Il tutto, sulla falsariga di un’impostazione generale del D. Leg.vo 50/2016, volta a garantire la competenza di tutti i soggetti coinvolti nelle gare pubbliche.
In merito alla categoria OG11 (impianti tecnologici) viene sostanzialmente riproposto il testo dell’art. 79, comma 16, del D.P.R. 207/2010 - al momento ancora vigente - fatta eccezione per la parte relativa alla individuazione delle categorie nella fase di progetto e successivo bando o avviso di gara. Per agevolare la comprensione si riporta di seguito il testo della parte del provvedimento che ripropone il citato comma 16, evidenziando come testo barrato la parte che non verrà riproposta.

Per la qualificazione nella categoria OG 11, l’impresa deve dimostrare di possedere, per ciascuna delle categorie di opere specializzate individuate con l’acronimo OS 3, OS 28 e OS 30 nella tabella di cui all’allegato A, almeno la percentuale di seguito indicata dei requisiti di ordine speciale previsti dal presente articolo per l’importo corrispondente alla classifica richiesta:
- categoria OS 3: 40%;
- categoria OS 28: 70%;
- categoria OS 30: 70%.
L’impresa qualificata nella categoria OG 11 può eseguire i lavori in ciascuna delle categorie OS 3, OS 28 e OS 30 per la classifica corrispondente a quella posseduta. I certificati di esecuzione dei lavori relativi alla categoria OG 11 indicano, oltre all’importo complessivo dei lavori riferito alla categoria OG 11, anche gli importi dei lavori riferiti a ciascuna delle suddette categorie di opere specializzate e sono utilizzati unicamente per la qualificazione nella categoria OG 11. Ai fini dell’individuazione delle categorie nella fase di progetto e successivo bando o avviso di gara o lettera di invito, un insieme di lavorazioni è definito come appartenente alla categoria OG 11 qualora dette lavorazioni siano riferibili a ciascuna delle categorie specializzate OS 3, OS 28 e OS 30; l’importo di ciascuna di tali categorie di opere specializzate, così individuate, deve essere pari almeno alla percentuale di seguito indicata dell’importo globale delle lavorazioni attinenti alla categoria OG 11:
- categoria OS 3: 10%;
- categoria OS 28: 25%;
- categoria OS 30: 25%.

PARERE DEL CONSIGLIO DI STATO - Il decreto, secondo il Ministero proponente, è volto a risolvere “due ordini di criticità”, consistenti nell’esigenza di “garantire una adeguata competenza nella realizzazione di opere che hanno un particolare impatto sull’incolumità e sulla salute pubblica” e nella necessità di tutelare, al contempo, “la concorrenza nel mercato degli appalti e, dunque, l’accesso delle imprese, anche in considerazione dei principi del TFUE”.
La ratio sottesa alla predisposizione del decreto in esame deve pertanto essere rinvenuta anche nella necessità di trovare un corretto “bilanciamento dei contrapposti interessi tra imprese generali e specialistiche”, individuando un elenco di opere superspecialistiche che tenga conto dell’esigenza di salvaguardare sia il “patrimonio culturale” del Paese, sia “l’incolumità dei lavoratori addetti” alla realizzazione degli interventi, sia, infine, “l’incolumità pubblica” in relazione alla circostanza che alcune di tali opere vanno ad incidere su un contesto “ad elevato rischio sismico ed idrogeologico”.
Il Consiglio di Stato, nel condividere questa impostazione di fondo, ha rilevato che l’effettivo conseguimento di un corretto bilanciamento fra i predetti interessi, così come gli effetti della disciplina in questione sulle imprese, potranno essere valutati, a seguito della concreta applicazione del decreto in esame, tramite l’analisi di alcuni specifici indicatori quali il numero dei contratti stipulati concernenti le opere superspecialistiche, ricavabile dalla banca dati nazionale dei contratti pubblici, ed il numero degli eventuali contenziosi che scaturiranno dall’applicazione della normativa in esame.
Pertanto, in relazione a quanto precede, il Consiglio di Stato ha valutato positivamente la scelta - fatta propria dall’art. 4 del decreto - di sottoporre l’atto normativo ad un periodo di monitoraggio di dodici mesi all’esito del quale si procederà all’aggiornamento del suo contenuto, sia in ragione della circostanza che il contesto normativo nel quale si inserisce il presente decreto potrebbe mutare a seguito della definizione, da parte dell’ANAC, del sistema unico di qualificazione degli operatori economici previsto dall’art. 84 del D. Leg.vo 50/2016, sia in considerazione del fatto che tale previsione potrebbe risultare utile al fine di superare le problematiche paventate da alcune associazioni di settore nel corso del procedimento prodromico alla stesura dello del provvedimento.
Infatti, come già accennato, nel corso dell'iter del provvedimento erano giunte osservazioni e richieste di chiarimenti da parte di diversi stakeholders del settore, in particolare Assoroccia, Federlegnoarredo, Ance e Finco. Il Consiglio di Stato aveva in un primo parere interlocutorio rilevato che in relazione alle richieste delle prime due associazioni l'amministrazione aveva integrato lo schema in esame tramite l’inserimento delle categorie OS 12-B e OS 32 nell’ambito delle opere “superspecialistiche” di cui all’art. 2 del decreto stesso, mentre non aveva fornito adeguati elementi istruttori in merito alle osservazioni e alle proposte di modifica avanzate dalle altre associazioni di settore - ovvero l’Ance e la Finco - e non aveva puntualmente esplicitato, nella documentazione trasmessa alla Sezione, la sua posizione in merito alle succitate osservazioni e proposte di modifica.
Pertanto il Consiglio di Stato aveva ritenuto che fosse necessario fornire puntuali chiarimenti in merito a quanto rilevato dall’Ance e dalla Finco, ed aveva in un primo momento sospeso l’espressione del richiesto parere sul decreto de quo. Per dettagli in merito alle ulteriori delucidazioni fornite dal Ministero proponente sul punto si rinvia alla consultazione del parere del Consiglio di Stato, disponibile in allegato alla presente notizia.

 

Dalla redazione

  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

La qualificazione degli esecutori di lavori pubblici dopo il D. Leg.vo 50/2016

Questo lavoro tratta la qualificazione dei soggetti esecutori di lavori pubblici in base alle norme contenute nell’art. 12 del D.L. 47/2014 (convertito in legge dalla L. 80/2014), che continuano ad applicarsi anche a seguito dell’emanazione del D. Leg.vo 50/2016 in attesa di un nuovo decreto ministeriale di riordino. L’articolo consiste di due utilissime tavole sinottiche che riepilogano schematicamente le regole per la qualificazione nelle categorie di opere generali e specializzate diverse dalla prevalente, aggiornate al D. Leg.vo 50/2016.
A cura di:
  • Massimo Urbani
  • Professioni
  • Appalti e contratti pubblici
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Affidamenti pubblici di servizi di progettazione, direzione lavori o dell’esecuzione, collaudo, coordinamento sicurezza e attività connesse

GENERALITÀ (Procedure di affidamento; Incarichi relativi ad immobili vincolati; Incarico di coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione; Direzione dei lavori di importo che, se sommato all’importo della progettazione, raggiunge la soglia comunitaria) - CONFERIMENTO DELL’INCARICO MEDIANTE AFFIDAMENTO DIRETTO (IMPORTO INFERIORE AD EURO 40.000) - AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI IMPORTO PARI O SUPERIORE AD EURO 40.000 E INFERIORE AD EURO 100.000 (Disciplina dell’elenco di operatori economici; Disciplina delle indagini di mercato; Verifica dei requisiti) - AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI IMPORTO PARI O SUPERIORE A 100.000 EURO (Classi o categorie di opere; Determinazione del corrispettivo da porre a base di gara; Definizione dei requisiti di carattere speciale che devono possedere i concorrenti per poter partecipare alla gara; Criteri di selezione; Raggruppamenti e Consorzi stabili; Classi, categorie e tariffe professionali; Elementi di valutazione; Criteri premiali per giovani professionisti; Criteri motivazionali).
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

L’affidamento di servizi di consulenza e assistenza legale

Vademecum di riferimento per amministrazioni ed enti pubblici alla luce delle norme del Codice e delle Linee guida ANAC n. 12, relativo all'affidamento di servizi legali. Individuazione dei servizi legali soggetti ed esclusi dall'applicazione del D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50; corrette procedure per l’aggiudicazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Rosalisa Lancia
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Il sistema AVCPass per la verifica dei requisiti di partecipazione alle gare pubbliche

SUCCESSIONE DI NORME E REGIME TRANSITORIO (Norme che prevedono la verifica dei requisiti tramite il sistema AVCPass; La nuova Banca dati nazionale degli operatori economici in corso di istituzione; Regime transitorio) - AMBITO APPLICATIVO DEL SISTEMA AVCPASS - FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA IN SINTESI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Avvisi e bandi di gara
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Oneri sicurezza e manodopera nei bandi di gara e nelle offerte

Distinzione tra costi per la sicurezza specifici dell’appalto (interferenze) e generici; Indicazione dei costi per la sicurezza da parte della stazione appaltante nella documentazione di gara; Costi della sicurezza soggetti e non soggetti a ribasso d’asta; Costi per la sicurezza e la manodopera nelle offerte; Obbligo di indicazione da parte dell’operatore economico e verifica di congruità; Conseguenze della mancata indicazione, punto della giurisprudenza.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Operatività Albo commissari di gara presso l'ANAC per procedure di affidamento

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo