FAST FIND : NN15249

Circ. Ag. Italia digitale 24/06/2016, n. 2

Modalità di acquisizione di beni e servizi ICT nelle more della definizione del «Piano triennale per l'informatica nella pubblica amministrazione» previsto dalle disposizioni di cui all'art. 1, comma 513 e seguenti della legge 28 dicembre 2015, n. 208 (Legge di stabilità 2016).
Scarica il pdf completo
2932878 3649668
[Premessa]

Alle amministrazioni pubbliche

inserite nel conto

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932878 3649669
Premesse

La presente circolare ha lo scopo di fornire le modalità con le quali le amministrazioni pubbliche e le societ&agra

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932878 3649670
1. Contesto normativo di riferimento

La recente legge 28 dicembre 2015, n. 208 R (legge di stabilità 2016), all’art. 1, commi 512-517, prevede un obiettivo di risparmio della spesa annuale della pubblica amministrazione, da raggiungere alla fine del triennio 2016-2018, pari al 50 per cento della spesa annuale media per la gestione cor

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932878 3649671
2. Deroghe al risparmio di spesa (art. 1, comma 515)

Sono escluse dall’obiettivo di risparmio le spese:

a) sostenute per approvvigionarsi dei servizi di connettività;

b) effettuate tramite CONSIP S.p.a. o i soggetti aggr

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932878 3649672
3. Il Piano triennale ed il modello strategico di evoluzione del sistema informativo della pubblica amministrazione

Il Piano triennale è lo strumento con il quale raggiungere gli obiettivi definiti dalle disposizioni sopra richiamate e con il quale attuare l’Agenda digitale in un quadro organico, secondo quanto previsto dal documento Strategia per la crescita digitale, approvato dal Governo il 3 marzo 2015.

È quindi il documento di programmazione che deve, da un lato, definire il percorso di attuazione del «Modello strategico di evoluzione del sistema informativo della pubblica amministrazione» (di seguito «Modello strategico»), dall’altro, classificare le spese per amministrazione o categorie di amministrazioni in coerenza con gli obiettivi da raggiungere.

Necessita, quindi, di un lavoro organico che coinvolgerà le amministrazioni con forme e modalità diverse e andrà a regime dal 2017, anche in coerenza con quanto previsto nella circolare del Ministero dell’economia e delle finanze - Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, del 17 maggio 2016, n. 16, in merito alla quantificazione del risparmio previsto dalle disposizioni in argomento.

Il Piano triennale, pertanto, costituisce, insieme alle indicazioni già fo

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932878 3649673
4. Disposizioni per l’anno 2016.

Per la realizzazione del Piano triennale sono necessarie azioni di coinvolgimento delle Amministrazioni, già peraltro avviate, e che porteranno il sistema a regime a partire dal 2017.

Al fine di non pregiudicare la sua piena attuazione dal 2017 e conseguire gli obiettivi fissati dalla legge di stabilità 2016, la presente circolare definisce il percorso di «convergenza» che le amministrazioni dovranno seguire sin dal 2016 per adeguare i propri sistemi informativi al nuovo Modello strategico, la cui architettura è stata anticipata nel paragrafo 3.

Secondo quanto indicato nella circolare del Mef n. 16 del 17 maggio 2016, le Amministrazioni possono procedere agli approvvigionamenti ai sensi dell’art. 1, comma 516 della legge di stabilità 2016, attenendosi alle seguenti disposizioni, considerate essenziali per il conseguimento degli obiettivi di risparmio di spesa di cui all’art. 1, comma 515:

a) le pubbliche amministrazioni devono redigere e trasmettere ad AGID il piano di integrazione alle infrastrutture immateriali descritte al paragrafo 3, lettera b).

In particolare sarà necessario che il piano traguardi il pieno utilizzo di tutte le infrastrutture disponibili e non ancora utilizzate (SPID, ANPR, PagoPA e NoiPA), entro dicembre 2017 in modo da consentire

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2932878 3649674
Allegato - Appendice normativa: legge 28 dicembre 2015, n. 208 «Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2016)».

Art. 1. - (Omissis).

510. Le amministrazioni pubbliche obbligate ad approvvigionarsi attraverso le convenzioni di cui all’art. 26 della legge 23 dicembre 1999, n. 488 R, stipulate da CONSIP S.p.a., ovvero dalle centrali di committenza regionali, possono procedere ad acquisti autonomi esclusivamente a seguito di apposita autorizzazione specificamente motivata resa dall’organo di vertice amministrativo e trasmessa al competente ufficio della Corte dei conti, qualora il bene o il servizio oggetto di convenzione non sia idoneo al soddisfacimento dello specifico fabbisogno dell’amministrazione per mancanza di caratteristiche essenziali.

511. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, anche con riferimento ai contratti in corso a tale data, nei contratti pubblici relativi a servizi e forniture ad esecuzione continuata o periodica stipulati da un soggetto aggregatore di cui all’art. 9 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 R, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89 R, per l’adesione dei singoli soggetti contraenti, in cui la clausola di revisione e adeguamento dei prezzi sia collegata o indicizzata al valore di beni indifferenziati, qualora si sia verificata una variazione nel valore dei predetti beni, che abbia determinato un aumento o una diminuzione del prezzo complessivo in misura non inferiore al 10 per cento e tale da alterare significativamente l’originario equilibrio contrattuale, come accertato dall’autorità indipendente preposta alla regolazione del settore relativo allo specifico contratto ovvero, in mancanza, dall&rs

IL CONTENUTO COMPETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

La Legge di Stabilità 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Stabilità 2016 (L. 28 dicembre 2015, n. 208), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Guida alle norme per la certificazione, la cessione e la compensazione dei crediti verso la P.A. con indicazioni pratiche

Questo approfondimento riassume tutte le disposizioni che consentono il recupero dei crediti vantati da professionisti ed imprese nei confronti della P.A. tramite la certificazione dei crediti stessi e la loro successiva monetizzazione tramite cessione a terzi o compensazione nel modello F24. Il tutto con le necessarie indicazioni operative e pratiche. In allegato è possibile scaricare e consultare anche la Guida pratica alla certificazione dei crediti tramite la procedura telematica, messa a disposizione dal Ministero dell’economia e finanze. AGGIORNAMENTO AGOSTO 2017 (D.M. 09/08/2017 che ha esteso la possibilità della compensazione dei crediti certificati con tutte le somme relative a cartelle esattoriali notificate fino al 31/12/2016).
A cura di:
  • Dino de Paolis

Aggregazione, centralizzazione delle committenze e strumenti di negoziazione dopo il D. Leg.vo 50/2016

Questo articolo fa il punto sui modelli di acquisto (acquisto diretto, utilizzo di strumenti di negoziazione telematica, aggregazione, ricorso a centrali di committenza, ecc.) che l’ordinamento impone o mette a disposizione di stazioni appaltanti ed enti aggiudicatori alla luce del Codice dei contratti pubblici di cui al D. Leg.vo 50/2016 e delle altre norme vigenti. Sono trattate anche le disposizioni che prevedono l’obbligo di ricorso a soggetti aggregatori per determinate categorie di beni e servizi ed al superamento delle soglie di importo del fabbisogno annuale. Il contributo è aggiornato con le modifiche introdotte dal D. Leg.vo 19/04/2017, n. 56 (c.d. “correttivo”).
A cura di:
  • Dino de Paolis

Programma biennale acquisizioni delle PA: redazione e obblighi di pubblicazione e trasmissione

Questo contributo spiega in pratica in cosa consiste l’obbligo di redigere il programma biennale degli acquisti di beni e servizi delle pubbliche amministrazioni, con i relativi aggiornamenti annuali, ai sensi dell’art. 1, comma 505, della L. 208/2015 e dell’art. 21 del D. Leg.vo 50/2016. Sono fornite indicazioni operative sui contenuti e sulle modalità per adempiere agli obblighi di redazione, pubblicazione e trasmissione del programma, anche alla luce del Comunicato ANAC 26/10/2016 e dei chiarimenti forniti dal Ministero dell’economia e finanze. Aggiornamento alla Legge di bilancio 2017 (L. 232/2016) che ha prorogato al 2018 l’obbligo di approvare il programma biennale.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Concessioni demanio marittimo - Proroghe e scadenze aggiornate

Termini di scadenza delle concessioni demaniali marittime ed informativa sulla futura revisione della disciplina delle concessioni in argomento nonché sulla prevista ricognizione e revisione delle zone ricadenti nel demanio marittimo. AGGIORNAMENTO MARZO 2017: ulteriore proroga al 31/12/2017 concessioni scadenti il 31/12/2016 (D.L. 244/2016).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica