FAST FIND : NR11998

L. R. Lazio 28/10/2002, n. 39

Norme in materia di gestione delle risorse forestali.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 06/02/2003, n. 2
- L.R. 27/02/2004, n. 2
- L.R. 13/09/2004, n. 11
- L.R. 14/07/2014, n. 7
- L.R. 14/08/2017, n. 9
Scarica il pdf completo
29155 4154143
TITOLO I - Disposizioni generali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154144
Art. 1 - Princìpi

1. La Regione riconosce il bosco come bene di rilevante interesse per la collettività.

2. La Regione, in armonia con i princìpi della gestione sostenibile delle risorse naturali e delle necessità della collettività, ed in linea con gli orientamenti previsti dalla strategia forestale e dalle politiche ambientali dell'Unione Europea e con gli indirizzi di politica forestale internazionale, promuove lo sviluppo del sistema forestale nonché la multifunzionalità del sistema forestale stesso e la sua valorizzazione con particolare riguardo agli obiettivi:

a) di tutela idrogeologica dei territori montani ai sensi della legge 30 dicembre 1923, n. 3267 (Riordinamento e riforma della legislazione in materia di boschi e di terreni montani);

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154145
Art. 2 - Finalità

1. La presente legge, al fine di garantirne la tutela e promuoverne la valorizzazione, disciplina l'uso delle risorse forestali, del territorio boscato e delle aree correlate, tenendo conto delle peculiarità proprie di ogni ecosistema.

2. Con la presente legge si perseguono, in particolare, i seguenti obiettivi:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154146
Art. 3 - Oggetto

1. Ferme restando le estensioni territoriali vigenti del vincolo idrogeologico ai sensi della L. n. 3267/1923 e di quello paesistico, ai sensi del D.Lgs. n. 490/1999, la Regione con la presente legge provvede al riordino della normativa in materia forestale adottando una disciplina unitaria e coordinata per:

a) i boschi e le strutture boscate assimilate, come definiti all'articolo 4, ed i territori che li ospitano;

b) le pertinenze di qualsiasi natura di interesse forestale, nonché i filari, le alberature stradali, le fasce arborate e le piante sparse, anche se di origine artificiale e di specie diverse da quelle di cui agli allegati A1 ed A2, che assolvono funzioni di pubblico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154147
Art. 4 - Definizione di bosco e delle aree assimilate

1. Ai fini della presente legge costituiscono bosco:

a) qualsiasi area coperta da vegetazione forestale di specie di cui agli allegati A1 ed A2, avente estensione non inferiore a 5 mila metri quadrati e di larghezza, mediamente maggiore di venti metri, e copertura non inferiore al 20 per cento in qualsiasi stadio di sviluppo, con misurazione effettuata dalla base esterna dei fusti;

b) le aree riparali ricoperte da vegetazione con specie di cui agli allegati A1, A2 ed A3, di qualsiasi estensione;

c) le aree ricoperte da vegetazione arbustiva, denominati arbusteti, di specie di cui all'allegato A3, associate ad esemplari di specie di cui agli allegati A1 ed A2;

d) i castagneti da frutto e le sugherete aventi le dimensioni di cui alla lettera a);

e) le aree già boccate nelle quali l'assenza del s

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154148
Art. 5 - Funzioni e compiti amministrativi

1. Le funzioni ed i compiti amministrativi concernenti le materie oggetto della presente legge sono ripartiti tra Regione ed enti locali secondo quanto stabilito dalla legge regionale 6 agosto 1999, n. 14. La decorrenza dell'effettivo esercizio di tali funzioni e compiti è disciplinata ai sensi dell'articolo 191 della stessa L.R. n. 14/1999.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154149
Art. 6 - Disposizioni comuni

1. Le aree di cui all'articolo 4 costituiscono il patrimonio forestale regionale complessivo ed hanno destinazione d'uso del suolo forestale irreversibile, fatte salve le autorizzazioni alla trasformazione di cui all'articolo 37.

2. Sono oggetto di au

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154150
TITOLO II - Programmazione e Pianificazione forestale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154151
Capo I - Strumenti per la programmazione
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154152
Art. 7 - Piano forestale regionale

1. La Regione definisce le linee generali di tutela, valorizzazione e sviluppo del sistema forestale del Lazio attraverso il Piano forestale regionale, di seguito denominato P.F.R., di durata non inferiore ad un quinquennio.

2. Il P.F.R. provvede a:

a) analizzare lo stato e le caratteristiche dei boschi in relazione alla situazione ambientale generale e all'economia della regione;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154153
Art. 8 - Sezione del Comitato tecnico-scientifico per l'ambiente (3)

N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154154
TITOLO II - Programmazione e Pianificazione forestale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154155
Capo II - Conoscenza, monitoraggio e innovazione delle risorse forestali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154156
Art. 9 - Servizi informativi di interesse forestale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154157
Art. 10 - Cartografia e inventario forestale del Lazio

1. Al fine di conoscere e descrivere le risorse forestali, la Regione provvede, anche avvalendosi di altri soggetti pubblici o privati operanti nel settore forestale, alla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154158
Art. 11 - Conoscenza ed innovazione nel settore forestale

1. La Regione può affidare, attraverso apposita convenzione, agli enti di ricerca e ad altri organismi ed istituti di sperimentazione, l'esecuzione di studi finalizzati alla conoscenza ed all'innovazione nel settore forestale, nell'eserc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154159
TITOLO II - Programmazione e Pianificazione forestale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154160
Capo III - Pianificazione forestale e delle aree pascolive
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154161
Art. 12 - Ruolo della pianificazione

1. La Regione riconosce la pianificazione quale strumento prioritario per la gestione sostenibile del patrimonio boschivo e pascolivo di cui all'articolo 4 e la promuove ai sensi d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154162
Art. 13 - Piani di gestione ed assestamento forestale

1. I piani che interessano le aree boscate sono denominati piani di gestione ed assestamento forestale ed hanno una durata non superiore a quindici anni.

2. Il piano di gestione ed assestamento forestale deve contenere almeno i seguenti elementi:

a) obiettivi del piano;

b) delimitazione e zonizzazione del patrimonio;

c) documentazione cartografica;

d) analisi della vegetazione;

e) descrizione delle particelle forestali;

f) determinazione della provvigione e della ripr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154163
Art. 14 - Piano poliennale di taglio

1. La pianificazione dei boschi di proprietà privata può attuarsi, in alternativa ai piani di cui all'articolo 13, attraverso piani poliennali di taglio aventi durata minima di cinque anni e massima di dieci anni. Il piano poliennale di taglio deve contenere almeno i seguenti elementi;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154164
Art. 15 - Pianificazione dei pascoli

1. La gestione del patrimonio pascolivo di cui all'articolo 3, comma 1, lettera c), di superficie complessiva superiore a trenta ettari, e di proprietà pubblica, è effettuata sulla base di piani di assestamento e di utilizzazione dei pascoli.

2. I piani di cui al comma 1 devono conformarsi alla pianific

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154165
Art. 16 - Approvazione della pianificazione forestale e pascoliva

1. I piani di cui agli articoli 13, 14 e 15 sono approvati dalla Giunta regionale, previo parere dell'organo consultivo di cui all'articolo 8, entro centottanta giorni dalla data di ricevimento.

2. Prima della loro approvazione, i piani di cui al comma 1 riguardanti territori ricadenti in tutto o in parte nell'àmbito di un'area naturale protetta devono essere trasmessi all'ente gestore dell'area stessa per il rilascio del nullaosta ai sensi dell'articolo 28 della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154166
TITOLO II - Programmazione e Pianificazione forestale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154167
Capo IV - Pianificazione forestale per le diverse tipologie di proprietà
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154168
Art. 17 - Pianificazione della proprietà forestale pubblica e collettiva

1. La gestione del patrimonio forestale di proprietà pubblica o collettiva, nonché degli enti morali, deve essere effettuata sulla base di piani di gestione ed assestamento forestale di cui all'articolo 13.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154169
Art. 18 - Pianificazione della gestione di proprietà forestali private

1. La gestione della proprietà forestale privata può essere effettuata sulla base dei piani di cui agli arti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154170
TITOLO II - Programmazione e Pianificazione forestale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154171
Capo V - Amministrazione e gestione del patrimonio forestale pubblico e collettivo
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154172
Art. 19 - Proprietà costituenti il patrimonio forestale pubblico e collettivo

1. Il patrimonio forestale pubblico si compone delle proprietà di beni forestali demaniali e patrimoniali, acquista

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154173
Art. 20 - Patrimonio forestale della Regione

1. Il patrimonio forestale della Regione, anche denominato demanio forestale regionale, è costituito dalle foreste trasferite dallo Stato alla Regione ai sensi dell'articolo 68 del d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154174
Art. 21 - Amministrazione del patrimonio forestale pubblico e collettivo

1. Gli enti pubblici e collettivi gestiscono direttamente, anche in forma associata, il proprio patrimonio forestale.

2. Gli enti di cui al comma 1 destinano almeno il 10 per cento dei ricavi di tutte le attività connesse con la gestione dei beni forestali di proprietà, ivi compresi gli introiti derivanti dalle attività forestali

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154175
Art. 22 - Concessioni d'uso

1. Gli enti titolari del patrimonio forestale possono concedere, con provvedimento motivato e sulla base delle previsioni dei piani di gestione ed assestamento forestale di cui all'articolo 13, l'uso temporaneo dei beni del patrimonio stesso a soggetti privati, con priorità per quelli senza fini di lucro o aventi fin

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154176
TITOLO II - Programmazione e Pianificazione forestale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154177
Capo VI - Forme associative di gestione ed affidamento di beni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154178
Art. 23 - Forme associative di gestione

1. La Regione promuove la formazione di consorzi ed altre forme associative di gestione allo scopo di gestire in modo programmato, integrato e coordinato, il patrimonio silvo-pastorale di proprietari diversi,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154179
Art. 24 - Affidamento di beni

1. I proprietari pubblici e privati possono affidare, attraverso apposita convenzione, agli enti locali ed agli enti gestori delle aree naturali protette, ovvero ad altri soggetti pubblici e privati, la gestione del proprio patrimonio boschivo.

2. La gestione del patrimonio forestale pubblico e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154180
TITOLO III - Tutela del paesaggio, della cultura e degli ecosistemi forestali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154181
Capo I - Tutela del paesaggio e degli ecosistemi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154182
Art. 25 - Tutela del paesaggio e della cultura dei boschi

1. La Regione, per i fini di cui all'articolo 1, comma 2, e ad integrazione della normativa per la tutela delle aree boscate prevista dalla

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154183
Art. 26 - Boschi con finalità di conservazione della biodiversità e del germoplasma

1. Nel territorio del Lazio almeno il 10 per cento del patrimonio forestale è destinato alla conservazione della biodiversità e del germoplasma vegetazionale.

2. Per i fini di cui al comma 1, le province o le comunità montane, ovvero gli enti gestori delle aree naturali protette per i territori ricadenti all'interno di esse, adottano entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge, appositi piani per l'individuazione dei boschi da destinare alla conservazione della biodiversità e del germoplasma vegetazionale, in relazione alle disponibilit&agr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154184
Art. 27 - Tutela dei boschi produttivi per fini naturalistici

1. Al fine di valorizzare la funzione naturalistica, ambientale e paesistica dei boschi produttivi, annualmente le province o le comunità montane indicano la superficie dei boschi economicamente produttivi da destinare alla conservazione integrale. Tali aree, distribuite in appezzamenti di superficie compresa tra un minimo di settec

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154185
Art. 28 - Tutela di particolari ecosistemi

1. La Regione tutela, secondo le modalità stabilite dal regolamento forestale, di cui all'articolo 36, le alberature e/o gli individui arborei camporili nonché le siepi del sist

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154186
Art. 29 - Tutela dei filari, delle alberature e degli arbusti

1. Le piante costituenti i filari e le alberature stradali di cui all'articolo 3, comma 1, lettera b), nell'eventualit&agr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154187
Art. 30 - Tutela della flora spontanea

1. La flora spontanea ricompresa nell'allegato B presente nelle aree boscate di cui all'articolo 4 ed in quelle non boscate tutelate dal vincolo per scopi idrogeologici, è tutelata ai sensi del presente articolo, in deroga a quanto previsto dalla legge regionale 19 settembre 1974, n. 61. La Giunta regionale c

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154188
TITOLO III - Tutela del paesaggio, della cultura e degli ecosistemi forestali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154189
Capo II - Tutela degli alberi monumentali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154190
Art. 31 - Tutela degli alberi monumentali

1. La Regione detta norme per la tutela degli alberi monumentali di pregio naturalistico, storico, paesistico e culturale sia su proprietà pubblica sia su proprietà privata, presenti su tutto il territorio regionale.

2. Ai fini di cui al comma 1 vengono considerati alberi monumentali, anche se non iscritti nell'elenco delle specie forestali di cui agli

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154191
Art. 32 - Elenco degli alberi monumentali

1. È istituito l'elenco regionale degli alberi monumentali. L'elenco è tenuto presso l'assessorato regionale competente in materia di ambiente.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154192
Art. 33 - Valorizzazione degli alberi monumentali

1. Gli alberi inseriti nell'elenco regionale degli alberi monumentali devono essere segnalati in loco riportando almeno la

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154193
Art. 34 - Boschi monumentali

1. Sono riconosciuti come boschi monumentali le aree boscate di cui all'articolo 4 dove almeno il 10 per cento degli alber

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154194
Art. 34-bis - Tutela delle foreste vetuste e delle faggete depresse

N3

1. Ai fini della conservazione della biodiversità e del patrimonio naturale regionale, la Regione tutela le formazioni forestali definite foreste vetuste e faggete depresse.

2. Ai fini del comma 1 si definiscon

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154195
TITOLO IV - Norme per l'esercizio sostenibile delle attività forestali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154196
Capo I - Generalità
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154197
Art. 35 - Finalità delle attività forestali

1. La Regione riconosce le attività in bosco quale strumento fondamentale per il recupero dei soprassuoli forestali, per la tutela degli ecosistemi e degli aspetti paesist

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154198
Art. 36 - Regolamento forestale

1. Entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge “la Regione emana”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154199
Art. 37 - Trasformazione del bosco e degli arbusteti in altre qualità di coltura

1. La trasformazione dei boschi e degli arbusteti come definiti dall'articolo 4, è vietata fatte salve le autorizzazioni rilasciate in conformità all'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154200
Art. 38 - Conversione del bosco e sostituzione della specie

1. Nelle aree boscate di cui all'articolo 4, la conversione dei boschi e degli arbusteti e le sostituzioni della specie devono essere autorizzate dalle province o dalle comunità montane, ovvero dai comuni per superficie inferiore a tre ettari, previo parere dell'organo consultivo di cui all'articolo 8, sulla base di comprovati motivi di ordine fitosanitario, idrogeologico

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154201
Art. 39 - Trasformazioni e conversioni non soggette ad autorizzazione

1. Il regolamento forestale individua, nell'àmbito delle opere e dei lavori che per la loro natura ed entità non comportano la trasformazione permanente dei boschi, i casi in cui l'autorizzazione medesima può essere sostituita dalla comunicazione di inizio lavori.

2. Sono, altresì, sog

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154202
Art. 40 - Rimboschimento compensativo

1. Qualora la trasformazione del bosco in altre qualità di coltura comporti l'eliminazione, anche per interventi successivi e di soggetti diversi, di una superficie continua superiore a 5 mila metri quadrati di area boscata di cui all'articolo 4, la trasformazione medesima deve essere compensata da rimboschimenti di terreni nudi di pari superficie, realizzati con specie di cui all'allegato A1, preferibilmente di provenienza locale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154203
Art. 41 - Viabilità forestale

1. Per rete viabile forestale si intende il complesso di strade forestali e di piste forestali principali, a carattere permanente, nonché di piste forestali secondarie, a carattere temporaneo, che interessano e/o attraversano le aree boscate di cui all'articolo 4 e che consentono anche l'esercizio delle attività forestali, la sorveglianza, la prevenzione ed estinzione di processi di degrado e degli incendi boschivi. Non sono considerate forestali le strade carrozzabili pu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154204
Art. 42 - Raccolta dei prodotti forestali non legnosi e di quelli legnosi già abbattuti

1. La raccolta dei funghi epigei spontanei e dei prodotti eduli del sottobosco nonché quella dei tartufi sono regolate, rispettivamente, dalla legge regionale 5 agosto 1998, n. 32 e dalla legge regionale 16 dicembre 1988, n. 82.

2. I fiori e le fronde di piante erbacee ed arbustive possono essere raccolti purché appartenenti a specie non incluse nell'allegato B.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154205
Art. 43 - Attività ricreative e sportive

1. L'accesso al pubblico nelle aree boscate di cui all'articolo 3 è consentito quando esse sono sprovviste di recinzione o di specifica segnaletica di divieto di accesso e transito.

2. Per limitare i danni all'ecosistema forestale il regolamento forestale indica le attività ricreative e sportive vietate e quelle consentite.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154206
TITOLO IV - Norme per l'esercizio sostenibile delle attività forestali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154207
Capo II - Fauna selvatica nelle aree boschive
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154208
Art. 44 - Presenza di fauna selvatica nelle aree boschive e danni al patrimonio forestale

1. Le aree boscate di cui all'articolo 3 costituiscono l'habitat fondamentale per la fauna selvatica presente sul territorio regional

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154209
TITOLO IV - Norme per l'esercizio sostenibile delle attività forestali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154210
Capo III - Gestione colturale dei soprassuoli forestali
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154211
Art. 45 - Disciplina delle utilizzazioni forestali

1. Gli interventi di utilizzazione forestale prescritti da piani di cui agli articoli 13 e 14, regolarmente approvati, non devono essere sottoposti ad ulteriore autorizzazione. In tal caso è obbligatoria la comunicazione di inizio lavori da inviarsi alle province o alle comunità montane, ovvero ai comuni per boschi di superficie inferiore a tre ettari, entro i termini stabiliti dal regolamento forestale.

2. Ai sensi dell'articolo 6, comma 2, gli interventi di utilizzazione forestale, in assenza dei piani di cui al comma 1, devono essere autorizzati sulla base di un progetto di utilizzazione forestale, di durata non superiore a quattro anni, redatto secondo le modalità stabilite nel regolamento forestale, fatto salvo quanto previsto al comma 3. Tale progetto non può derogare alle disposizioni previste dal regolamento forestale, a meno che esplicitamente pre

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154212
Art. 46 - Rinnovazione dei boschi

1. La rinnovazione dei boschi, nonché l'ampliamento ed il rinfoltimento della superficie boscata di cui all'articolo 3, deve avvenire, dove possibile, per via naturale. Ove si faccia ricorso ad idoneo materiale di propagazione raccolto nelle immediate adiacenze, o comunque affine, tale operazione deve

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154213
Art. 47 - Progetto di miglioramento e ricostituzione boschiva

1. I proprietari o possessori di boschi pubblici e/o privati che intendono costituire, recuperare, migliorare, ricostituire o sottoporre a conversione gli stessi boschi usufruendo di contributi pubblici

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154214
Art. 48 - Manutenzione delle strutture ed infrastrutture nelle aree boscate

1. Fermo restando quanto stabilito dall'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154215
Art. 49 - Cantiere forestale

1. Si definisce cantiere forestale qualunque luogo in cui si effettuano i seguenti lavori forestali:

a) operazioni di rimboschimento e/o imboschimento;

b) potature e decespugliamento;

c) utilizzazioni forestali e prime trasformazioni della massa legnosa;

d)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154216
Art. 50 - Epoca delle utilizzazioni

1. Il regolamento forestale indica il periodo di esecuzione degli interventi forestali in relazione all'àmbito terr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154217
TITOLO V - Gestione dei castagneti
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154218
Art. 51 - Ruolo dei castagneti

1. La Regione riconosce ai castagneti un ruolo fondamentale per la stabilità idrogeologica del territorio, per il valore naturalistico degli ecosistemi, per le qualità del paesaggio, per l'economia rurale e fore

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154219
Art. 52 - Gestione dei castagneti

1. Il regolamento forestale disciplina l'esercizio delle attività di gestione dei castagneti secondo il princìpio della gestione ecosostenibile.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154220
Art. 53 - Conversione dei castagneti

1. La conversione dei cedui castanili in castagneti da frutto, e viceversa, è realizzata sulla base di un progetto di miglioramento

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154221
Art. 54 - Interventi di prevenzione e lotta fitosanitaria nel castagno

1. Fermo restando quanto previsto dagli articoli 74 e 75, la Regione, sentito il servizio fitosanitario regionale, ai fini della prevenzione dai parassiti nel castagno e della lotta contro gli stessi, può disporre:

a) per il mal d'inchiostro da Phytophthora spp:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154222
TITOLO VI - Uso dei pascoli e delle aree non boscate sottoposte a vincolo idrogeologico
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154223
Capo I - Uso delle aree pascolive
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154224
Art. 55 - Gestione dei pascoli

1. La Regione persegue la tutela e valorizzazione dei pascoli di cui all'articolo 3 in quanto costituenti una realtà territoriale complementare con le formazioni boschive e fondamentale per l'assetto, il paesaggio e l'economia delle aree rurali.

2. Gli enti pubblici proprietari ovvero gestori di pascoli gestiscono le aree

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154225
Art. 56 - Esercizio del pascolo nel bosco

1. Al fine di incentivare la permanenza degli insediamenti zootecnici in aree montane e salvaguardare razze e popolazioni animali autoctone, sia come ausilio nella prevenzione degli incendi boschivi, sia per il sostegno all'economia rurale, le aree boschive possono essere utilizzate per il pascolo del bestiame secondo i princìpi dell'uso sostenibile delle risorse.

2. Gli enti pubblici proprietari e/o gestori dei boschi, in conformità con le indicazioni dei piani di gestione ed assest

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154226
TITOLO VI - Uso dei pascoli e delle aree non boscate sottoposte a vincolo idrogeologico
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154227
Capo II - Trasformazione dei terreni saldi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154228
Art. 57 - Trasformazione dei terreni in altre qualità di coltura

1. Nei terreni non boscati sottoposti a vincolo per scopi idrogeologici la trasformazione dei terreni saldi in terreni sog

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154229
TITOLO VII - Vivaistica forestale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154230
Art. 58 - Attività vivaistica forestale

1. È considerata attività vivaistica forestale la produzione di piante e di altro materiale di propagazione, comprese le sementi nonché il prelievo nelle aree boscate di piante o di materiali di moltiplicazione raccolti in natura o provenienti da espianti autorizzati ai sensi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154231
Art. 59 - Materiale di propagazione

1. Il materiale di propagazione forestale di specie di cui agli allegati A1 ed A2 è prodotto e commercializzato, o comunque ceduto, in conformità alla direttiva 66/604/CEE e successive modifiche ed alla legge 22 maggio 1973, n. 269 (Disciplina della produzione e del commercio di sementi e piante di rimboschimento).

2. Il materiale di propagazione forestale deve provenire da:

a) strutture per la rip

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154232
Art. 60 - Rinnovazione artificiale

1. Fatto salvo quanto stabilito dall'articolo 46, comma 1, è obbligatorio l'impiego di materiale di propagazione forestale di cui all

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154233
Art. 61 - Libro regionale dei boschi da seme

1. È istituita ai sensi dell'articolo 69, primo comma del D.P.R. n. 616/1977, il libro regionale dei boschi da seme, in cui sono iscritti i boschi e gli arboreti da seme per la produzione di materiale di propagazione forestale.

2. L'iscrizione dei boschi e degli arboreti da seme nel libro di cui al comma 1 è effettuata sulla base dei requisiti ind

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154234
Art. 62 - Certificazione e controllo del materiale forestale di propagazione

1. Le certificazioni varietali, di qualità, fitosanitarie e di provenienza del materiale di propagazione sono effettuate da laboratori accreditati ai sensi dell'articolo 10, del D.M. 14 aprile 1997 del Ministero delle risorse agricole alimentari e forestali e dell'articolo 10, comma 5 del D.Lgs. 19 maggio 2000,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154235
Art. 63 - Alberi di Natale

1. La produzione e la commercializzazione degli abeti o di altre conifere destinati ad essere utilizzati come alberi di Natale, provenienti dai vivai, sono regolamentate dalle norme vigenti in materia.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154236
TITOLO VIII - Prevenzione e lotta ai processi di degrado dei boschi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154237
Capo I - Previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154238
Art. 64 - Piano regionale di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi

1. La Giunta regionale, su proposta dell'assessore regionale competente in materia ambientale e sentita la competente commissione consiliare, adotta, ai sensi degli articoli 3 e 8 della L. n. 353/2000, il piano regionale di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi, di seguito denominato piano, sulla base delle linee guida e delle direttive statali di cui all'articolo 3 della citata legge ed in coerenza con gli indirizzi della programmazione regionale in materia di protezione civile di cui alla legge regionale 11 aprile 1985, n. 37 e successive modifiche.

2. Il piano individua:

a) le cause determinanti ed i fattori predisponenti l'incendio e la sua propagazione;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154239
Art. 65 - Disposizione transitoria per i periodi a rischio di incendi boschivi e di allerta

1. In attesa dell'adozione del piano di cui all'articolo 64, il periodo a rischio di incendi boschivi è considerato

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154240
Art. 66 - Attività di prevenzione degli incendi

1. La Regione ritiene prioritari gli interventi colturali finalizzati alla prevenzione degli incendi boschivi, ai quali è riconosciuta priorità nell'attribuzione dei contributi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154241
Art. 67 - Lotta attiva contro gli incendi boschivi

1. Ferme restando le competenze delle amministrazioni statali in materia, nell'esercizio delle funzioni concernenti la lotta attiva contro gli incendi boschivi, la Regione si avvale, ai sensi dell'articolo 7 della L. n. 353/2000, oltre che

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154242
Art. 68 - Vincoli, divieti, prescrizioni e sanzioni

1. Alle aree boscate ed ai pascoli i cui soprassuoli siano stati percorsi dal fuoco si applicano i vincoli, i divieti, le prescrizioni e le sanzioni previsti dall'articolo 10 della L. n. 353/2000 e dai commi successivi. Ai fini dell'individuazione del periodo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154243
Art. 69 - Catasto degli incendi boschivi e cartografia delle aree incendiate (9)

1. Ai fini dell'individuazione delle aree boscate e dei pascoli percorsi dal fuoco nell'ultimo quinquennio, i comuni, singoli o associati, entro novanta giorni dalla data di adozione del piano di cui all'articolo 64, costituiscono il catasto degli incendi boschivi, di seguito denominato catasto, secondo le modalità previste dall'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154244
Art. 70 - Obblighi degli enti locali

1. Gli enti locali, in casso d'incendio, sono tenuti a provvedere all'immediata mobilitazione delle proprie squadre.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154245
Art. 71 - Volontariato

1. Nella prevenzione e nella lotta attiva contro gli incendi boschivi la Regione e gli enti di cui all'articolo 70 possono impiegare, con apposite convenzioni, organizzazioni di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154246
Art. 72 - Addestramento ed aggiornamento del personale

1. Al fine di migliorare i sistemi d'allertamento e d'intervento nella lotta agli incendi boschivi la Regione, ai sensi de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154247
TITOLO VIII - Prevenzione e lotta ai processi di degrado dei boschi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154248
Capo II - Norme per la difesa dei boschi da fitopatologie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154249
Art. 73 - Finalità

1. Nell'àmbito del territorio regionale la difesa fitosanitaria rappresenta il principale strumento per la salvagua

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154250
Art. 74 - Disposizioni per la prevenzione e lotta ai parassiti

1. “Il controllo sullo stato fitosanitario dei boschi e sulla corretta esecuzione delle forme di lotta ai parassiti, comprese quelle obbligatorie ai sensi della normativa vigente, è esercitato” N1 dalla Regione attraverso il servizio fitosanitario regionale di cui alla legge regionale 11 giugno 1996, n. 20. Il P.F.R. di cui all'articolo 7, definisce gli interventi da attuarsi con riferimento allo stato fitosanitario dei boschi.

2. I proprietari o i possessori di boschi hanno l'obbligo di dare immediata comunicazione al servizio di cui al comma 1 della presenza di attacchi parassitari dannosi alle piant

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154251
Art. 75 - Parassiti sottoposti a lotta in àmbito regionale

1. Fermo restando quanto stabilito dalla normativa statale in materia di lotta fitosanitaria obbligatoria, su indicazione del servizio fitosanitario regionale, in cui si specifica l'estensione del territorio interessato, sono sottoposti a lotta su tutto il territorio regionale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154252
TITOLO VIII - Prevenzione e lotta ai processi di degrado dei boschi
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154253
Capo III - Norme per il recupero dei boschi degradati
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154254
Art. 76 - Recupero dei boschi degradati

1. Le province o le comunità montane possono sostituirsi nella gestione dei boschi abbandonati affetti da gravi processi di degrado che diffondendosi possono arrecare pregiudizio al restante patrimonio forestale regionale. A tal fine, essi possono predisporre,

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154255
TITOLO IX - Interventi pubblici in àmbito forestale
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154256
Art. 77 - Àmbito degli interventi

1. Gli interventi pubblici forestali sono diretti alla realizzazione di opere e servizi volti a tutelare, valorizzare ed ampliare i boschi del Lazio ed a garantirne la funzione sociale.

2. Sono interventi pubblici forestali:

a) le opere di sistemazione idraulico-forestale comportanti:

1) interventi di inerbimento, cespugliamento e rimboschimento;

2) interventi di bioingegneria naturalistica volti al consolidamento dei versanti ed alla difesa del suolo dall'erosione e dal dil

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154257
Art. 78 - Attuazione degli interventi mediante affidamento a terzi

1. Qualora gli interventi di cui all'articolo 77 siano attuati mediante affidamento a terzi, essi devono essere eseguiti d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154258
Art. 79 - Formazione professionale

1. La Regione prevede, nell'àmbito dei piani regionali delle attività di formazione professionale, di cui al

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154259
TITOLO X - Interventi per la promozione della selvicoltura
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154260
Art. 80 - Misure a favore del sistema forestale

1. La Regione con le modalità opportune ed in conformità alle disposizioni nazionali e comunitarie vigenti, anche attraverso la concessione di contributi, favorisce gli interventi finalizzati a:

a) migliorare, tutelare, pianificare e recuperare il sistema forestale ed i pascoli;

b) prevedere, prevenire e lottare contro gli incendi boschivi;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154261
TITOLO XI - Norme finanziarie, finali e transitorie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154262
Capo I - Disposizioni finanziarie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154263
Art. 81 - Fondo regionale forestale

1. È istituito il fondo regionale forestale finalizzato alla copertura delle spese relative alla redazione del P.F.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154264
Art. 82 - Copertura finanziaria

1. Per gli interventi previsti dalla presente legge, nel bilancio regionale per l'esercizio 2002 è istituito, apposito capitolo, nell'&a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154265
TITOLO XI - Norme finanziarie, finali e transitorie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154266
Capo II - Vigilanza e sanzioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154267
Art. 83 - Vigilanza ed irrogazione delle sanzioni

1. Le funzioni concernenti la vigilanza e l'irrogazione delle sanzioni nella materia di cui alla presente legge sono eserc

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154268
Art. 84 - Sanzioni

1. Salvo che il fatto costituisca reato e ferme restando le sanzioni amministrative previste da leggi statali, per le violazioni alle disposizioni della presente legge si applicano le seguenti sanzioni amministrative:

a) pagamento di una somma minima di euro 2.582,28 e massima di euro 25.822,84 per:

1) l'abbattimento di alberi monumentali in assenza di autorizzazione, in questo caso si applica il divieto di edificabilità per i successivi venti anni sull'area basimetrica già soggetta a vincolo. La sanzione si applica per ogni singolo albero monumentale abbattuto;

2) la produzione e/o vendita di materiale di propagazione forestale in assenza di licenza;

3) l'impiego di materiale di propagazione forestale con certificazione non riconosciuta dalla Regione per gli interventi di cui all'articolo 60;

4) l'esercizio dell'attività silvana in difformità a quanto indicato dall'articolo 49 in materia di sicurezza dei lavoratori, dei luoghi di lavoro, uso di macchine ed attrezzature. Gli organi incaricati alla vigilanza devono dare l'immediata informativa all'autorità di competenza per gli adempimenti previsti dalle normative vigenti in materia;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154269
Art. 85 - Lavori di ripristino

1. In caso di violazione alle disposizioni della presente legge, la Regione, oltre ad irrogare le sanzioni di cui all'articolo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154270
TITOLO XI - Norme finanziarie, finali e transitorie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154271
Capo III - Disposizioni transitorie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154272
Art. 86 - Pianificazione forestale vigente

1. I piani di assestamento e gli altri piani concernenti l'utilizzazione boschiva vigenti alla data di entrata in vigore della presen

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154273
Art. 87 - Disposizione transitoria per l'utilizzazione boschiva nelle proprietà pubbliche e collettive

1. In assenza dei piani di gestione ed assestamento forestale, e comunque per un periodo non superiore a dieci anni dalla data di entrata in vigore della presente legge, le attività

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154274
Art. 88-bis - Disposizione transitoria per la sezione specializzata del Comitato tecnico scientifico per l'ambiente

N8

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154275
TITOLO XI - Norme finanziarie, finali e transitorie
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154276
Capo IV - Modifiche ed abrogazioni
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154277
Art. 89 - Modifiche alla legge regionale 6 luglio 1998, n. 24

1. Al comma 3, lettera b), dell'articolo 10 della L.R. n. 24/1998 dopo la parola "frutta" sono inserite le seguenti: "di superficie non infer

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154278
Art. 90 - Modifiche alla legge regionale 6 agosto 1999, n. 14

1. Alla lettera b) del comma 1 dell'articolo 100 della L.R. n. 14/1999 le parole: "di assestamento boschivo", sono sostituite dalle seguenti: "di gestione e assestamento forestale, dei piani poliennali di taglio, dei piani di assestamento ed utilizzazione dei pascoli, dei piani sommari di gestione dei pascoli e dei progetti di miglioramento e ricostituzione boschiva;".

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154279
Art. 91 - Modifica della legge regionale 11 dicembre 1998, n. 53

1. All'articolo 5, comma 3, della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154280
Art. 92 - Modifiche alla legge regionale 6 ottobre 1997, n. 29

1. Al comma 2 dell'articolo 33 della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154281
Art. 93 - Modifiche alla legge regionale 20 gennaio 1999, n. 4

1. All'allegato A alla L.R. n. 4/1999, sono apportate le seguenti modifiche:

a) al quinto

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154282
Art. 94 - Abrogazioni

1. Sono abrogate tutte le norme in contrasto con la presente legge. Sono, in particolare, abrogate:

a)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154283
Allegato A1 - Specie forestali autoctone di prima e seconda grandezza presenti nella flora spontanea del Lazio.*

* I generi sono in ordine alfabetico, le specie in ordine sistematico (di verosimile parentela) secondo la Flora d'Italia (Pignatti, 1982)

Abies alba Miller (Abete bianco) RR

Acer platanoides L. (Acer riccio) R

Acer lobelii Ten. (Acero di Lobel) ?

Acer campestre L. (Acero oppio) CC

Acer pseudoplatanus L. (Acero di monte) C

Acer obtusatum Willd. subsp. obtusatum (Acero d'Ungheria) CC

Acer obtusatum Willd. subsp. neapolitanum (Ten.) Pax (Acero napoletano) C

Acer monspessulanum L. subsp. monspessulanum (Acero minore) CC

Alnus glutinosa (L.) Gaertner (Ontano comune) C

Alnus cordata (Loidel.) Desf (Ontano cordato) ?

Betula pendula Roth (Betulla verrucosa) RR

Carpinus betulus L. (Carpino bianco) CC

Castanea sativa Miller (Castagno) CC

Celtis australis L. (Bagolaro) CC

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154284
Allegato A2 - Specie naturalizzate e/o costituenti soprassuoli di origine artificiale*

* I generi sono in ordine alfabetico, le specie in ordine sistematico (di verosimile parentela) secondo la Flora d'Italia (Pignatti, 1982).

Abies alba miller (Abete bianco)**

Ailanthus altissima (= A. glandulosa Desf) (Ailanto) Nat, CC

Cedrus deodara (D. Don) G. Don (Cedro dell'Himalaya) R

Cedrus atlantica (Endl.) Carrière (Cedro dell'Atlante) R.

Cupressus serpervirens L. (Cipresso comune) Spont RR

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154285
Allegato A3 - Specie legnose arbustive spontanee in àmbito forestale nel Lazio*

* I generi sono in ordine alfabetico, le specie in ordine sistematico (di verosimile parentela) secondo la Flora d'Italia (Pignatti, 1982)

Adenocarpus complicatus (L.) Gay (Ginestra ghiandolosa) PC

Amelanchier ovalis Medicus subsp. ovalis (Pero corvino) PC

Amelanchier ovalis Medicus subsp. cretica (Willd.) Pignatti RR ?

Arbutus unedo L. (Corbezzolo) CC

Buxus sempervirens L. (Bosso) C

Calicotome villosa (Poiret) Link (Sparzio villoso) PC

Carpinus orientalis Miller (Carpino orientale, Carpinella) C

Cytisophyllum sessilifolium (L.) O.F. Lang (= Cytisus sessilifolius L.) (Citiso a foglie sessili) CC

Cytisus villosus Pourret (= Cytisus triflorus L'Her) (Citiso trifloro) CC

Cytisus scoparius (L.) Link subsp. scoparius (Ginestra dei carbonai) CC

Colutea arborescens L. (Vesicaria) C

Cornus sanguinea L. subsp. sanguinea (Corniolo sanguinello) CC

Cornus mas L. (Corniolo maschio) CC

Cotinus coggygria Scop. (= Rhus cotinus L.) (Sommacco selvatico) RR Cotoneaster integerrimus Medicus (Cotognastro minore) R

Cotoneaster nebrodensis (Guss.) C. Koch (= C. tomentosus Lindley) (Cotognastro bianco) R

Crataegus laevigata (Poiret) DC. sub

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
29155 4154286
Allegato B - Specie di ecosistemi forestali e ad essi marginali a rischio del Lazio

Abies alba Miller

Acerl lobelii Ten.

Acer platanoides L.

Adenocarpus complicatus (L.) Gay

Agrostis canina L. subsp. canina

Agrostis canina L. subsp. montelucci Selvi

Allium flavum L.

Alnus cordata (Loisel.) Desf.

Amelanchier ovalis Medicus subsp. cretica (Willd.) Pignatti

Anagyris foetida

Arabis brassica (Leers) R. Rauschert

Argylolobium zanonii (Turra) P. W. Ball

Arisarum proboscideum (L.) Savi

Berberis vulgaris L.

Betula pendula Roth

Biarum tenuifolium (L.) Schott in Schott et Endl.

Bupleurum gracile (M. Bieb.) DC. var. rollii Montelucci

Buxus sempervirens L.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Testo coordinato con modifiche fino alla L.R. 11/2004

Dalla redazione

  • Calamità/Terremoti
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Enti locali
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Appalti e contratti pubblici
  • Impiantistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Protezione civile
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Prevenzione Incendi
  • Fisco e Previdenza
  • Professioni
  • Difesa suolo
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Rifiuti
  • Tutela ambientale
  • Servizi pubblici locali
  • Provvedimenti di proroga termini
  • Lavoro e pensioni
  • Provvidenze
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Tracciabilità
  • Compravendita e locazione
  • Terremoto Abruzzo
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Agricoltura e Foreste
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Alberghi e strutture ricettive
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Edilizia scolastica
  • Beni culturali e paesaggio
  • Impianti di telefonia e comunicazione
  • Informatica
  • Procedimenti amministrativi
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti

Tutti i termini prorogati dal decreto-legge «Milleproroghe» 192/2014 (L. 11/2015)

Libretto di centrale impianti termici; Smaltimento rifiuti in discarica; SISTRI; Gestione dei rifiuti in Campania; Anticipazione prezzo nei lavori pubblici; Centrali uniche di committenza; Qualificazione contraente generale; Appaltabilità e cantierabilità grandi opere; Messa in sicurezza edifici scolastici; Interventi per il dissesto idrogeologico; Antincendio strutture ricettive; Antincendio nuove attività esistenti; Zone a burocrazia zero; Impianti a fonti rinnovabili e Conto energia in zone terremotate; Macchine agricole; Contribuenti minimi; Locazione immobili pubblici; Sfratti esecutivi; Processo amministrativo digitale; Affidamento servizio distribuzione gas; Accise sul combustibile impiegato per la cogenerazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia e immobili

Manufatti leggeri, anche prefabbricati, temporanei, contingenti o precari: regime e titolo edilizio per la realizzazione

MANUFATTI LEGGERI E/O PREFABBRICATI (Interventi soggetti alla richiesta di Permesso di costruire; Interventi nell’ambito di strutture ricettive all’aperto; Strutture ricettive all’aperto - Disciplina anteriore al 02/02/2016) - MANUFATTI TEMPORANEI, CONTINGENTI O PRECARI (Distinzione tra manufatti realizzabili liberamente e richiedenti Permesso di costruire; Caratteristiche dalle quali desumere la precarietà e temporaneità del manufatto; Strutture destinate all’esercizio di attività di somministrazione) - TABELLA RIASSUNTIVA - RASSEGNA DI CASI GIURISPRUDENZIALI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Beni culturali e paesaggio

Le norme per la tutela degli alberi monumentali

Premessa, normativa di riferimento; Le previsioni dell’art. 7 della L. 10/2013 in tema di alberi monumentali; Il decreto attuativo 23/10/2014; Definizione di “albero monumentale” ed ulteriori criteri; Misure di tutela; Istituzione dell’elenco e modalità per la composizione e la tenuta; Approvazione del primo elenco degli alberi monumentali d’Italia; Tutela dei boschi vetusti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Beni culturali e paesaggio
  • Appalti e contratti pubblici
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

I lavori pubblici su beni culturali

Approfondimento a seguito del D.M. 22/08/2017, n. 154, previsto dall’art. 146, comma 4, del D. Leg.vo 50/2016, relativo agli appalti pubblici di lavori riguardanti i beni culturali tutelati. Normativa di riferimento; Entrata in vigore del D.M. 154/2017 e abrogazioni; Qualificazione soggetti esecutori; Progettazione e direzione lavori; Dettaglio elaborati progettuali; Progettazione semplificata per lavori di manutenzione; Verifica dei progetti; Affidamento; Somma urgenza; Esecuzione e collaudo; Varianti; Contratti di sponsorizzazione.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Beni culturali e paesaggio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Interventi esclusi da autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura semplificata (D.P.R. 31/2017)

Obiettivi, effetti ed applicazione del D.P.R. 31/2007 (emanazione e vigenza, ambito di applicazione e coordinamento con altre discipline, regime transitorio per i procedimenti pendenti); regime degli interventi esonerati o semplificati (interventi per i quali non necessita l’autorizzazione paesaggistica, interventi soggetti ad autorizzazione paesaggistica semplificata ed accordi tra amministrazioni, differenze e analogie); Rinnovo autorizzazioni per interventi in tutto o in parte non eseguiti; Procedimento per l’autorizzazione paesaggistica semplificata; Chiarimenti vari, casi e questioni.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Beni culturali e paesaggio
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Urbanistica
  • Finanza pubblica
  • Tutela ambientale
  • Enti locali
  • Aree urbane
  • Difesa suolo
  • Provvidenze

Sicilia: aiuti ai Comuni per la tutela e lo sviluppo del territorio

  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Beni culturali e paesaggio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti

Emilia Romagna, percorsi escursionistici: contributi per la manutenzione e la segnaletica - Anno 2019

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Beni culturali e paesaggio

Grande Progetto Pompei, termine attività dell’Unità Grande Pompei

  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Provvidenze
  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Tutela ambientale
  • Energia e risparmio energetico
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Fonti alternative

Veneto: bando per la rottamazione delle vecchie stufe a biomassa