FAST FIND : NW3985

Ultimo aggiornamento
01/09/2016

Limiti alla possibilità di commistione tra requisiti di partecipazione e criteri di aggiudicazione (C. Stato 1890/2016)

In tema di rapporti tra requisiti di selezione e criteri di aggiudicazione, è possibile riconoscere uno specifico maggior punteggio alle offerte presentate da concorrenti che hanno espletato servizi identici a quelli oggetto dell’appalto, in quanto tale aspetto rappresenta un indice dell’affidabilità del concorrente; ciò a condizione che venga presa in considerazione non l’astratta capacità e/o affidabilità del concorrente a prestare il servizio, bensì l’adeguatezza della rispettiva organizzazione a prestare il servizio per come proposto in offerta.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei

La pronuncia in commento affronta un tema particolarmente dibattuto in dottrina e giurisprudenza sotto la vigenza del D. Leg.vo 163/2006, in particolare con riferimento al rapporto tra requisiti di partecipazione e criteri di aggiudicazione si è andato formando un indirizzo giurisprudenziale piuttosto consolidato (cfr. in termini Consiglio di Stato n. 5105/2009, n. 837/2009, n. 4971/2008) secondo cui, in caso di aggiudicazione con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, la stazione appaltante, nell’individuare i punteggi da attribuire, non deve confondere i requisiti soggettivi di partecipazione alla gara con gli elementi di valutazione dell’offerta.

SEPARAZIONE TRA REQUISITI DI PARTECIPAZIONE E CRITERI DI VALUTAZIONE DELL’OFFERTA - Ciò in considerazione del fatto che in materia di appalti pubblici, le stazioni appaltanti non possono in linea di principio - in ossequio ai principi di massima concorrenzialità e di par condicio tra i concorrenti, che permeano la materia - introdurre tra i criteri di valutazione delle offerte elementi attinenti alla capacità tecnica dell’impresa. Nello stesso senso si è pronunciata, da ultimo, la sentenza in commento con specifico riguardo alle certificazioni di qualità aziendale.

LA GIURISPRUDENZA CHE PREVEDE ALCUNE MODESTE DEROGHE AL PRINCIPIO - Occorre, tuttavia, segnalare alcune pronunce che hanno espresso una timida apertura alla considerazione, in fase di valutazione delle offerte, di profili attinenti l’organizzazione e le capacità professionali del personale impiegato nell’esecuzione dell’appalto, tenuto conto anche della posizione permissiva delle nuove Direttive comunitarie in materia di appalti e concessioni.
Si ricordano, ad esempio, le pronunce del Consiglio di Stato n. 6002/2009 e n. 3716/2009 che, in relazione ad un appalto di servizi, hanno posto in evidenza la necessità di attenuare tale rigida separazione in forza del fatto che dall’esperienza maturata da una concorrente possono trarsi indici significativi della qualità delle prestazioni e dell’affidabilità dell’impresa, qualora tali aspetti non risultino preponderanti nella valutazione complessiva dell’offerta. Ne consegue come il principio di separazione tra requisiti soggettivi ed i criteri oggettivi di valutazione dell’offerta non risulterebbe eluso nella misura in cui “gli aspetti organizzativi non vengono considerati in quanto tali ma nella misura in cui garantiscono la prestazione del servizio secondo le modalità prospettate nell’offerta, cioè considerando l’assetto organizzativo-strutturale non in modo avulso, e quindi come dato relativo alla mera affidabilità soggettiva, ma come elemento incidente sulle modalità esecutive dello specifico servizio e, quindi, come parametro afferente alle caratteristiche oggettive dell’offerta”.
Analogamente, è stato ritenuto legittimo il riferimento tra i criteri di valutazione dell’offerta, anche al “valore qualitativo dell’impresa”, ritendendo che detto criterio avesse ad oggetto non già la valutazione delle “generiche capacità tecniche del concorrente, già verificate ai fini dell’ammissione alla gara sulla base di criteri diversi”, bensì “la specifica attitudine - anche sulla base di esperienze pregresse - a realizzare lo specifico progetto oggetto di gara e, quindi, per converso, la concreta fattibilità della proposta presentata dal concorrente medesimo” (cfr. Consiglio di Stato, n. 2770/2008).
In base a tale indirizzo meno restrittivo sarebbe quindi possibile anche riconoscere uno specifico maggior punteggio alle offerte presentate da concorrenti che hanno espletato servizi identici a quelli oggetto dell’appalto, in quanto tale aspetto rappresenta un indice dell’affidabilità del concorrente. Ciò, tuttavia, a condizione che venga presa in considerazione non l’astratta capacità e/o affidabilità del concorrente a prestare il servizio, bensì l’adeguatezza della rispettiva organizzazione a prestare il servizio per come proposto in offerta.
Ed è proprio in relazione a tale indirizzo meno restrittivo che la pronuncia in commento pone l’accento sulla necessità che, in ogni caso, il punteggio attribuibile alle offerte per elementi di carattere soggettivo non incida in maniera rilevante su quello complessivo.

LE APERTURE CONTENUTE NEL D. LEG.VO 50/2016 - Occorre, peraltro, considerare come il D. Leg.vo 50/2016 apra invece nuovi spazi alla possibilità di tenere conto in fase di aggiudicazione anche delle qualità soggettive dei concorrenti. In particolare, l’art. 95, comma 6, lettera e) consente di valutare, tra gli altri aspetti, anche “l'organizzazione, le qualifiche e l'esperienza del personale effettivamente utilizzato nell'appalto, qualora la qualità del personale incaricato possa avere un'influenza significativa sul livello dell'esecuzione dell'appalto”.

Dalla redazione

  • Compensazione prezzi dei materiali
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disciplina economica dei contratti pubblici

Compensazione dei prezzi dei materiali da costruzione

Guida alla determinazione della compensazione alla luce del D.M. 27/03/2018, che non ha rilevato variazioni di entità superiore al 10% nel 2017, rispetto al 2016. Tabella completa per il calcolo delle compensazioni relative alle lavorazioni contabilizzate nel 2017 relative ad offerte presentate negli anni 2016 e precedenti. Le istanze di compensazione dovranno essere presentate entro il 06/06/2018.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Fisco e Previdenza
  • Lavoro e pensioni
  • Appalti e contratti pubblici

La responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore negli appalti pubblici e privati

Norme di riferimento sulla solidarietà retributiva e contributiva; Disciplina della solidarietà retributiva e contributiva (generalità, somme oggetto dell’obbligazione in solido, contratti che rientrano nell’applicazione della disciplina, distinzione tra appalto e contratti similari, soggetti che possono essere chiamati a rispondere in solido, estensione ai contratti di subfornitura con Sentenza Corte Costituzionale 254/2017, schema grafico riepilogativo, durata del vincolo di obbligazione in solido, soggetti beneficiari della tutela, le modifiche introdotte dal D.L. 25/2017); Ulteriori norme specifiche per gli appalti pubblici; La tutela generale in via residuale disposta dal Codice civile; Sicurezza sul lavoro; Solidarietà fiscale, le norme ora soppresse.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Sicurezza
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Appalti e contratti pubblici
  • Cantieri temporanei e mobili

Costo del lavoro nei contratti pubblici: tabelle ministeriali e giurisprudenza

Indicazioni relative alla valutazione dell’anomalia delle offerte nei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, con particolare riguardo al costo del lavoro. Decreti ministeriali con le tabelle di riferimento, aggiornati al D.M. 123/2017, e indicazioni della giurisprudenza, anche alla luce del quadro normativo mutato con il D. Leg.vo 50/2016.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Soggetti aggregatori per i contratti pubblici: elenco aggiornato e "tavolo tecnico"

Possono essere soggetti aggregatori le città metropolitane le province, le associazioni, unioni e consorzi di enti locali, che nei tre anni precedenti abbiano indetto procedure di importo sopra soglia il cui valore complessivo sia superiore a 200 milioni di euro nel triennio e comunque con un valore minimo di 50 milioni di euro per ciascun anno.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disciplina economica dei contratti pubblici

Oneri sicurezza aziendali, valutazione concreta e indicazione (C. Stato 177/2018)

La stima da parte della stazione appaltante, nel bando di gara, dell’incidenza degli oneri per la sicurezza aziendali, non vale ad escludere l’obbligo per l’operatore economico di indicare tali oneri e di farlo a valle di una stima concreta della loro reale incidenza. Lo ha chiarito il Consiglio di Stato con la Sentenza 15/01/2018, n. 177.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Appalti e contratti pubblici
  • Avvisi e bandi di gara
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Obbligo di compilazione del DGUE in forma elettronica in base a regole AgID

  • Avvisi e bandi di gara
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Obbligo di compilazione del DGUE in forma elettronica

  • Appalti e contratti pubblici
  • Pubblica Amministrazione
  • Autorità di vigilanza

Pubblicazione attestazioni OIV 2018

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

18/04/2018

16/04/2018

30/03/2018

27/03/2018