FAST FIND : NW3983

Ultimo aggiornamento
07/11/2017

Punteggi premianti per utilizzo di materiali riciclati negli appalti

Con D.M. 24/05/2016 si è proceduto alla determinazione dei punteggi premianti per l'affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione degli edifici e per la gestione dei cantieri della pubblica amministrazione, e dei punteggi premianti per le forniture di articoli di arredo urbano.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

NORME SULLE AZIONI PREMIANTI PER L’UTILIZZO DI MATERIALI RICICLATI NEGLI APPALTI - Nelle gare d’appalto per l’incremento dell’efficienza energetica delle scuole e comunque per la loro ristrutturazione o costruzione, nonché nelle gare d’appalto per la realizzazione di pavimentazioni stradali e barriere acustiche, anche ai fini dell’esecuzione degli interventi di risanamento acustico realizzati ai sensi del Decreto del Ministro dell’ambiente 29/11/2000, l’art. 206-sexies del Codice ambientale di cui al D. Leg.vo 03/04/2006, n. 152 (inserito dall’art. 23 della L. 28/12/2015, n. 221 - cosiddetto “Collegato ambientale”) prevede l’inserimento nei bandi di gara di criteri di valutazione delle offerte con punteggi premianti per i prodotti contenenti materiali post consumo o derivanti dal recupero degli scarti e dei materiali rivenienti dal disassemblaggio dei prodotti complessi nelle percentuali fissate.

PREVISIONE DI DECRETI ATTUATIVI - Il comma 3 del menzionato art. 206-sexies, stabilisce poi che l’entità dei punteggi premianti e le caratteristiche dei materiali ammessi a beneficiarne - nonché altri dettagli attuativi tra i quali i descrittori acustici da tenere in considerazione nei bandi di gara e i relativi valori di riferimento - sono da definirsi con decreti ministeriali, anche nell’ambito dei decreti attuativi del Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi nel settore della pubblica amministrazione di cui al D.M. 11/04/2008 (cosiddetto PAN-GPP, si veda per approfondimenti “Criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture”).

PREVISIONI GIÀ INSERITE NEI DECRETI ATTUATIVI DEL PAN-GPP - Tra i decreti ministeriali attuativi del PAN-GPP:

  • il D.M. 05/02/2015 reca i criteri ambientali minimi per l'acquisto di articoli di arredo urbano: panchine, fioriere, porta biciclette, tavoli, attrezzature per il gioco e le strutture ludiche, pavimentazioni antitrauma, transenne, steccati, bagni chimici, contenitori per la raccolta dei rifiuti, tappeti per parchi giochi, accessori per piste ciclabili, attraversamenti pedonali, dissuasori di sosta, rallentatori di traffico, ecc.;
  • il D.M. 11/10/2017 reca i criteri ambientali minimi per affidamento del servizio di progettazione per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici e per la progettazione e gestione del cantiere.

I criteri ambientali minimi di cui ai citati decreti sono in linea con le finalità e i contenuti della disciplina dettata dal citato art. 206-sexies, commi 1 e 3, lettera b) (relativa alla previsione di descrittori acustici), del D. Leg.vo 152/2006; pertanto si è ritenuto di dover intervenire per dare attuazione agli altri dettagli della disciplina, con particolare riguardo allo specifico punteggio premiante per i beni derivanti da materiali post consumo riciclati, dal recupero degli scarti e da materiali ottenuti dal disassemblaggio dei prodotti complessi.

PUNTEGGI PREMIANTI STABILITI DAL D.M. 24/05/2016 - È stato conseguentemente emanato il D.M. 24/05/2016 (pubblicato nella G.U. 07/06/2016, n. 131), recante “Determinazione dei punteggi premianti per l'affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione degli edifici e per la gestione dei cantieri della pubblica amministrazione, e dei punteggi premianti per le forniture di articoli di arredo urbano”, il quale ha in estrema sintesi stabilito quanto segue.

  • Quanto all’affidamento del servizio di progettazione per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici: ai progetti che prevedono l’utilizzo di materiali o manufatti costituiti da un contenuto minimo di materiale post consumo, derivante dal recupero degli scarti e dei materiali rivenienti dal disassemblaggio dei prodotti complessi, maggiore rispetto a quanto indicato nelle corrispondenti specifiche tecniche, è assegnato un punteggio pari almeno al 5% del punteggio tecnico.
  • Quanto all’acquisto di articoli di arredo urbano: all’offerta di articoli in plastica o miscele di gommaplastica, plastica-legno e gomma, quali panchine, tavoli, panche, elementi di parchi giochi o altri analoghi articoli di arredo urbano, costituiti da materiale riciclato post consumo o derivante dal recupero degli scarti e dei materiali rivenienti dal disassemblaggio dei prodotti complessi, in una percentuale compresa tra il 60% e il 90% del peso complessivo del bene è assegnato un punteggio pari al 5% del punteggio tecnico.

Per entrambi i casi sono stabiliti poi criteri per la verifica di conformità.

Dalla redazione

Criteri ambientali minimi negli appalti pubblici di servizi e forniture

Contenuti e obiettivi del Piano d’azione per la sostenibilità ambientale dei consumi della pubblica amministrazione (PAN-GPP), criteri ambientali minimi da introdurre negli appalti pubblici e riflessi pratici della disciplina a seguito delle modifiche introdotte all'art. 34 del D. Leg.vo 50/2016 ad opera del D. Leg.vo 56/2017 (c.d. "correttivo").
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Il “Collegato ambientale” 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella L. 28/12/2015, n. 221 (Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali, cosiddetta “Legge sulla green economy” o “Collegato ambientale”), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Bonifica amianto negli edifici pubblici: i finanziamenti per la progettazione

Bando per il finanziamento della progettazione preliminare e definitiva di interventi di bonifica di edifici pubblici contaminati da amianto, con riferimento all'annualità 2016, previsto dal D.M. 21/09/2016 che ha istituito il Fondo con una dotazione finanziaria complessiva di 17,572 milioni di euro. Le modalità di funzionamento, gli interventi finanziabili, i criteri di priorità e la documentazione richiesta. Disponibili risposte a FAQ del Ministero.
A cura di:
  • Valentina Rampulla

Requisiti tecnici e costruttivi degli impianti termici civili: applicazione e obblighi di adeguamento

L’art. 73 della L. 221/2015 esclude gli impianti alimentati da gas combustibili rientranti nel campo di applicazione della norma UNI 11528 dall’applicazione dei requisiti tecnici e costruttivi degli impianti termici civili previsti dal Codice ambientale. Riepilogo della normativa e chiarimenti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Collegato ambientale 2016: tutte le novità per edilizia, appalti, ambiente

Rassegna delle tantissime novità contenute nella L. 28/12/2015,n. 221. Valutazione impatto sanitario; Sistemi efficienti di utenza; Attraversamento infrastrutture elettriche su beni demaniali; Green public procurement; Terre e rocce da scavo; Rifiuti ammessi in discarica; Interventi edilizi in aree a rischio idrogeologico; Permessi edilizi manufatti leggeri e prefabbricati.
A cura di:
  • Alfonso Mancini