FAST FIND : NW3978

Ultimo aggiornamento
27/10/2017

Linee Guida ANAC n. 6 in materia di gravi illeciti professionali

Sintesi operativa dei principali contenuti delle Linee Guida ANAC che danno attuazione all'art. 80, comma 13, del D. Leg.vo 50/2016 (Aggiornate con Delibera ANAC 11/10/2017, n. 1008). L'ambito di applicazione, le situazioni rilevanti ai fini dell'esclusione e le fattispecie esemplificative individuate dal Codice appalti.
A cura di:
  • Maria Francesca Mattei

Con la Determinazione n. 1293 del 16/11/2016 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 03/01/2017, n. 2), il Consiglio dell’ANAC ha adottato le Linee guida n. 6 di attuazione del D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50 (Codice appalti), in materia di “Indicazione dei mezzi di prova adeguati e delle carenze nell’esecuzione di un precedente contratto di appalto che possano considerarsi significative per la dimostrazione delle circostanze di esclusione di cui all’art. 80, comma 5, lett. c) del Codice”. A seguito dell’approvazione del D. Leg.vo 56/2017 (c.d. "correttivo"), con Delibera ANAC 11/10/2017, n. 1008, l’ANAC ha approvato le Linee guida aggiornate, le quali sono consultabili in allegato, unitamente alla relazione illustrativa che esamina le principali modifiche introdotte.
Per lo stato dell’arte di tutti i provvedimenti attuativi del D. Leg.vo 50/2016 si vedano gli articoli “Mappa di attuazione del nuovo Codice dei contratti pubblici” e “Tutte le Linee guida ed i provvedimenti attuativi del D. Leg.vo 50/2016”.

LE LINEE GUIDA SUI GRAVI ILLECITI PROFESSIONALI - Come noto, l’art. 80, comma 5, lettera c), del D. Leg.vo. 50/2016 prevede l’esclusione dalla partecipazione alle procedure d’appalto nel caso in cui la stazione appaltante dimostri “con adeguati mezzi di prova che l’operatore si è reso colpevole di gravi illeciti professionali, tali da rendere dubbia la sua integrità o affidabilità”. A tal fine, la norma individua - in via esemplificativa - alcune ipotesi idonee a concretare il “grave illecito professionale”, con conseguenti ripercussioni sul rapporto fiduciario tra stazione appaltante e operatore. Tra queste:

  • le carenze significative nell’esecuzione di precedenti contratti;
  • il tentativo di influenzare indebitamente il processo decisionale della stazione appaltante o di ottenere informazioni riservate ai fini di proprio vantaggio;
  • il fornire, anche per negligenza, informazioni false o fuorvianti ovvero l’omettere le informazioni dovute ai fini del corretto espletamento della procedura di selezione.

Ciò posto le Linee Guida in esame hanno l’obiettivo di:

  • precisare i mezzi di prova adeguati a comprovare le predette cause di esclusione;
  • individuare quali carenze nell’esecuzione di un precedente contratto d’appalto possano considerarsi significative;
  • specificare e circostanziare le fattispecie esemplificative individuate dalla norma;
  • identificare - sempre in via esemplificativa - ulteriori ipotesi rilevanti.

AMBITO DI APPLICAZIONE - La causa di esclusione in esame si applica ai settori ordinari per le aggiudicazioni sia sopra che sotto soglia, nonché ai settori speciali quando l’ente aggiudicatore è un’amministrazione aggiudicatrice.
I motivi di esclusione individuati dalla norma valgono anche ai fini della qualificazione degli esecutori di lavori pubblici, dei subappaltatori, delle imprese ausiliarie e del contraente generale.
Sono invece escluse dall’applicazione le aziende o società sottoposte a sequestro o confisca ex art. 12-sexies, D.L. 306/1992 o L. 575/1965 e affidate a un custode o amministratore giudiziario o finanziario, limitatamente a quelle riferite al periodo precedente a tale affidamento.

SITUAZIONI RILEVANTI AI FINI DELL’ESCLUSIONE - La stazione appaltante deve valutare la commissione di illeciti professionali gravi accertati con provvedimento esecutivo, tali da rendere dubbia l’integrità del concorrente, intesa come la sua moralità professionale oppure la sua affidabilità, intesa come la sua reale capacità tecnico professionale in relazione alla specifica prestazione oggetto di affidamento. I suddetti illeciti rilevano a prescindere dalla loro natura civile, penale o amministrativa. Inoltre, si attribuisce rilevanza ostativa alle condanne non definitive per alcuni reati incidenti sulla moralità professionale. 
Al ricorrere dei presupposti suindicati, rilevano quali cause ostative i comportamenti gravi e significativi riscontrati nell’esecuzione di precedenti contratti, anche stipulati con altre amministrazioni, che costituiscano singolarmente un grave illecito professionale e siano sintomatici di persistenti carenze professionali nell’esecuzione di prestazioni contrattuali (per dettagli si veda il paragrafo 2.2.1 delle Linee guida).
Rilevano, altresì, i comportamenti posti in essere dal concorrente volontariamente e consapevolmente, al fine di alterare illecitamente la par condicio tra i concorrenti o di soddisfare illecitamente interessi personali in danno dell’amministrazione aggiudicatrice o di altri partecipanti (per dettagli si veda il paragrafo 2.2.2 delle Linee guida).
Sono idonei a incidere sull’integrità del concorrente o sulla sua affidabilità: i comportamenti posti in essere con dolo o colpa grave, volti a ingenerare, nell’amministrazione, un convincimento erroneo su una circostanza rilevante ai fini della partecipazione o dell’attribuzione del punteggio (per dettagli si veda il paragrafo 2.1.2.3 delle Linee guida); i comportamenti contrari al dovere di leale collaborazione che abbiano comportato la mancata sottoscrizione del contratto per fatto doloso o gravemente colposo dell’affidatario e la conseguente escussione della garanzia (per dettagli si veda il paragrafo 2.1.2.4 delle Linee guida); i provvedimenti di condanna, anche non definitivi, per determinati reati (per dettagli si veda il paragrafo 2.1.2.5 delle Linee guida).

SOGGETTI DA CONSIDERARE AI FINI DELLE VIOLAZIONI - La stazione appaltante deve verificare l’assenza delle cause ostative in capo:

  • all’operatore economico, quando i gravi illeciti professionali sono riferibili direttamente allo stesso in quanto persona giuridica;
  • ai soggetti individuati dall’art. 80, comma 3, del Codice appalti quando i comportamenti ostativi sono riferibili esclusivamente a persone fisiche;
  • al subappaltatore nei casi previsti dall’art. 105, comma 6, del Codice appalti.

MEZZI DI PROVA E CRITERI DI VALUTAZIONE - Le stazioni appaltanti sono tenute a comunicare all’Autorità, ai fini dell’iscrizione nel Casellario Informatico di cui all’art. 213, comma 10, del Codice appalti i provvedimenti dalle stesse adottati e i provvedimenti emessi in sede giudiziale con riferimento ai contratti dalle stesse affidati idonei a incidere sull’integrità e l’affidabilità dei concorrenti. L’inadempimento dell’obbligo di comunicazione comporta l’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 213, comma 13, del Codice appalti.
Gli operatori economici, ai fini della partecipazione alle procedure di affidamento, sono tenuti a dichiarare, mediante utilizzo del modello DGUE, tutti i provvedimenti astrattamente idonei a porre in dubbio l’integrità o l’affidabilità del concorrente, anche se non ancora inseriti nel Casellario Informatico. La stazione appaltante che venga a conoscenza della sussistenza di una causa ostativa non inserita nel Casellario Informatico ne tiene conto ai fini delle valutazioni di competenza, previe idonee verifiche in ordine all’accertamento della veridicità dei fatti.
La durata dell’interdizione alla partecipazione alle procedure di affidamento è pari a cinque anni, se la sentenza penale di condanna non fissa la durata della pena accessoria; è pari alla durata della pena principale se questa è di durata inferiore a cinque anni. La durata dell’interdizione è pari a tre anni, decorrenti dalla data dell’accertamento del fatto ove non sia intervenuta una sentenza penale di condanna.

PROCEDIMENTO IN CONTRADDITTORIO E MISURE DI SELF-CLEANING -La sussistenza dei presupposti per l’esclusione dalla gara ai sensi dell’art. 80, comma 5, lettera c) del Codice appalti deve essere valutata in contraddittorio con l’operatore economico interessato in relazione alle circostanze concrete e in considerazione dell'oggetto e delle caratteristiche dell'appalto. La relativa decisione deve essere adeguatamente motivata.
L’operatore economico è ammesso a provare di aver adottato, entro il termine fissato per la presentazione delle offerte, misure di self-cleaning sufficienti a dimostrare la sua integrità e affidabilità nell’esecuzione del contratto oggetto di affidamento, indicandole specificamente nel DGUE.
Le valutazioni della stazione appaltante in ordine alle misure di self-cleaning sono effettuate in contraddittorio con l’operatore economico e la decisione assunta deve essere adeguatamente motivata. 
 

Dalla redazione

  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Linee guida ANAC e altri provvedimenti attuativi e collegati al Codice appalti (D. Leg.vo 50/2016)

Gerarchia delle fonti del diritto in tema di contratti pubblici; Mappa completa e aggiornata di tutti i provvedimenti da emanare, emanati e in corso di emanazione organizzata per classificazione tematica, con riferimento a: oggetto, norma che ne prevede l’emanazione, tipo provvedimento, stato dell’iter, disciplina transitoria, con accesso a tutti i testi completi aggiornati e ad approfondimenti redazionali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Soglie normativa comunitaria
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Il principio di rotazione degli affidamenti e degli inviti nei contratti pubblici sotto soglia

IL PRINCIPIO DI ROTAZIONE NEGLI AFFIDAMENTI SOTTO SOGLIA (Quando si applica; Quando non si applica; Cosa comporta; Schema grafico riepilogativo) - LA GIURISPRUDENZA SUL PRINCIPIO DI ROTAZIONE (Cogenza del principio; Principio di rotazione negli inviti; Invito all'affidatario uscente e motivazione; Necessità di valutazione caso per caso; Irrilevanza del tipo di procedura utilizzata per l’affidamento precedente; Mancato invito all'aggiudicatario uscente e pretese di quest’ultimo; Mancato rispetto del principio e scorrimento della graduatoria; Disapplicazione occasionale; Principio di rotazione nei contratti pubblici di concessione; Recesso prima del termine e precedente aggiudicatario).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Concordato preventivo e partecipazione ad affidamenti pubblici

PREMESSA - QUADRO NORMATIVO (Concordato con continuità aziendale; Codice appalti e chiarimenti ANAC) - ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA (Stipula e prosecuzione dei contratti di appalto; Partecipazione alla gara nelle more dell’ammissione al concordato; Raggruppamenti temporanei di imprese) - MODIFICHE DERIVANTI DAL CODICE DELLA CRISI DI IMPRESA.
A cura di:
  • Angela Perazzolo
  • Appalti e contratti pubblici
  • Soglie normativa comunitaria
  • Autorità di vigilanza
  • Requisiti di partecipazione alle gare

L'affidamento di contratti pubblici sotto soglia comunitaria

PREMESSA E QUADRO NORMATIVO (Norme del D. Leg.vo 50/2016 e Linee guida ANAC; Natura giuridica e valenza delle Linee guida ANAC) - AMBITO DI APPLICAZIONE: QUALI SONO I CONTRATTI SOTTO SOGLIA (Soglie di rilevanza comunitaria; Calcolo del valore stimato del contratto; Calcolo del valore stimato per le opere di urbanizzazione a scomputo; Contratti cui si applica la disciplina del sotto soglia; Contratti nei settori speciali; Altri strumenti di acquisto e negoziazione; Altre norme applicabili) - PRINCIPI COMUNI PER GLI AFFIDAMENTI SOTTO SOGLIA (Principi comuni; Sostenibilità energetica e ambientale; Conflitto di interesse; Il principio di rotazione degli affidamenti e degli inviti) - MODALITÀ DI AFFIDAMENTO E CRITERI DI AGGIUDICAZIONE - PROCEDURE DI AFFIDAMENTO PER I CONTRATTI SOTTO SOGLIA (Lavori, servizi e forniture di importo inferiore a 40.000 Euro; Lavori di importo compreso tra 40.000 e 150.000 Euro; Servizi e forniture di importo compreso tra 40.000 Euro e le soglie UE; Lavori di importo compreso tra 150.000 e 1 milione di Euro).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Emanuela Greco
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici
  • Beni culturali e paesaggio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

I lavori pubblici su beni culturali

NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Ambito di applicazione e contenuti del D.M. 154/2017; Entrata in vigore del D.M. 154/2017 e abrogazioni, possibile vuoto normativo in tema di progettazione) - REQUISITI DI QUALIFICAZIONE DEI SOGGETTI ESECUTORI (Idoneità tecnica - Certificazione dei lavori eseguiti; Qualificazione per affidamenti di importo inferiore a 150.000 euro; Idoneità tecnica - Idonea direzione tecnica; Mantenimento dei requisiti di qualificazione) - PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI (Progettazione; Direzione lavori e supporto al RUP; Tecnici interni alle stazioni appaltanti; Elaborati progettuali; Verifica dei progetti) - AFFIDAMENTO (Modalità di affidamento, procedure e criteri di scelta del contraente; Somma urgenza) - ESECUZIONE E COLLAUDO DEI LAVORI (Varianti; Collaudo; Consuntivo scientifico al termine dei lavori) - SPONSORIZZAZIONE.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Operatività Albo commissari di gara presso l'ANAC

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore a 1 milione di Euro

15/03/2019

01/03/2019

26/02/2019