FAST FIND : NW2032

Ultimo aggiornamento
04/09/2017

Sgravi contributivi lavoratori imprese edili: riduzione 2017 e istruzioni operative

Emanato il decreto 05/07/2017 (pubblicato 08/08/2017) che conferma anche per il 2017 all'11,50% la misura dello sgravio contributivo per le imprese operanti nel settore edile. La riduzione era già operante nella medesima misura, come da decreto per il 2016, non essendo stato emanato il decreto 2017 entro la data prevista dalla norma (31 luglio 2017). Riepilogo, istruzioni operative (Circ. INPS 01/09/2017, n. 129) e modello di domanda.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

È stato pubblicato dal Ministero del lavoro e politiche sociali in data 08/08/2017 il D.M. 05/07/2017, recante "Determinazione della riduzione dei contributi previdenziali ed assistenziali in favore dei datori di lavoro del settore edile per l'anno 2017", che conferma anche per il 2017 nella misura dell'11,50% la riduzione contributiva prevista dall'art. 29, comma 2, del D.L. 244/1995, convertito in legge dalla L. 341/1995.
Peraltro, come stabilito dall’art. 29, commi 2 e 5 del menzionato D.L. 244/1995, poiché il previsto decreto non è stato emanato entro il 31/07/2017 (il decreto infatti, pur portando la data del 05/07/2017 è stato pubblicato sul sito web del Ministero in data 08/08/2017), i datori di lavoro del settore edile interessati avrebbero comunque potuto già a partire dal 01/09/2017 presentare la richiesta di riduzione per il 2016 dei contributi previdenziali ed assistenziali prevista dell'art. 29 della L. 341/1995, nella misura in vigore per l'anno precedente (D. Min. Lavoro e Politiche Sociali del 20/11/2016, con il quale la riduzione per l’anno 2016 è stata confermata pari all'11,50%).

SOGGETTI BENEFICIARI E CONDIZIONI - Le imprese che possono accedere al beneficio contributivo sono quelle individuate dai codici Istat dal 45.1 al 45.45.2, ivi comprese le cooperative di produzione e lavoro, e:

  • compete per i periodi di paga da gennaio a dicembre;
  • non trova applicazione sul contributo previsto dall’art. 25, comma 4, della L. 845/1978, destinato al finanziamento dei fondi interprofessionali per la formazione continua e versato dai datori di lavoro, unitamente alla contribuzione a copertura della disoccupazione involontaria;
  • è subordinata al rispetto delle condizioni previste dall’art. 6, commi da 9 a 13, del D.L. 09/10/1989, n. 338, nonché da quelle dettate dall’art. 1, comma 1, del medesimo decreto, in materia di retribuzione imponibile.

IL DECRETO ANNUALE - SCADENZA E RIDUZIONE CONTRIBUTIVA "NELLE MORE" - Si ricorda che per effetto dell'art. 29 del D.L. 244/1995 come modificato dall'art. 2, comma 3, della L. 266/2002, è stata prevista, fino a tutto il dicembre 2006, una riduzione del premio assicurativo a favore delle imprese del settore edile in possesso di determinati requisiti, nella misura fissata annualmente con specifico decreto ministeriale. La norma suddetta è stata poi modificata dall'art. 1, comma 51, della L. 247/2007, ripristinando l'agevolazione, che per il 2007 non era stata applicata, e subordinandone l'operatività all'emanazione del decreto di conferma o rideterminazione dello sconto, in relazione a ciascun anno.
Sempre l'art. 29 della L. 341/1995, al comma 5, prevede altresì che, qualora il decreto non sia emanato entro il 31 luglio, decorsi trenta giorni (e, cioè, a decorrere dal 31 agosto) e sino all'adozione del menzionato decreto, si applica (in via provvisoria) la riduzione determinata per l'anno precedente, salvo conguaglio da parte degli istituti previdenziali in relazione all'effettiva riduzione accordata (con il decreto), ovvero, nel caso di mancata adozione del decreto entro e non oltre il 15 dicembre dell'anno di riferimento.
Nell’ipotesi in cui il decreto, successivamente intervenuto, dovesse modificare la misura dello sgravio rispetto all’anno precedente, l’INPS provvederà a recuperare l’eccedenza, ovvero fornirà alle aziende istruzioni per il conguaglio delle differenze a credito.

INDICAZIONI OPERATIVE E SCADENZA - L'INPS ha fornito indicazioni operative con la Circolare n. 129 del 01/09/2017, disponibile in allegato a questo articolo. la Circolare in commento specifica che le istanze finalizzate all’applicazione della riduzione contributiva nel settore dell’edilizia devono essere inviate esclusivamente in via telematica, avvalendosi del modulo «Rid-Edil», disponibile nella funzionalità «invio nuova comunicazione» della sezione «comunicazioni on-line», nel «cassetto previdenziale aziendale» del sito internet dell’INPS.
Le domande presentate sono sottoposte a controllo automatizzato da parte dei sistemi informativi centrali dell’Istituto e definite entro il giorno successivo. In caso di esito positivo, viene aggiornata la posizione contributiva del datore di lavoro, al fine di consentire il godimento del beneficio; a tal fine viene attribuito il Codice Autorizzazione 7N. L’esito è visualizzabile all’interno del cassetto.
Nei casi di matricole sospese o cessate, il datore di lavoro, che deve recuperare lo sgravio per i mesi antecedenti la sospensione o la cessazione, inoltrerà l’istanza avvalendosi della funzionalità «contatti» del cassetto previdenziale aziendale, allegando una dichiarazione conforme al fac-simile recato dalla Circolare in commento e disponibile in allegato a questo articolo (allegato 2); la sede INPScompetente, verificata la spettanza del beneficio, attribuirà il codice 7N relativamente all’ultimo mese in cui la matricola era attiva.
Il beneficio potrà essere fruito entro il 16/01/2018, avvalendosi delle denunce contributive UniEmens con competenza fino al mese di dicembre 2017. I datori di lavoro potranno inviare le domande per l’applicazione della riduzione contributiva relativa al 2017 fino al 15/01/2018.

TABELLA DEI DECRETI ANNUALI - Di seguito la tabella dei precedenti decreti, con l'indicazione dell'anno di riferimento e della riduzione.

DECRETO

ANNO

%

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 05/07/2017201711,50%
D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 10/11/2016201611,50%

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 01/12/2015

2015

11,50%

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 05/12/2014

2014

11,50%

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 26/11/2013

2013

11,50%

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 30/10/2012

2012

11,50%

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 13/09/2011

2011

11,50%

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 04/10/2010

2010

11,50%

D. Min. Lavoro, Salute e Pol. Soc. 16/07/2009

2009

11,50%

D. Min. Lavoro, Salute e Pol. Soc. 24/06/2008

2008

11,50%

D. Min. Lavoro e Prev. Soc. 05/03/2007

2006

11,50%

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 01/02/2006

2005

11,50%

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 01/12/2004

2004

11,50%

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 09/02/2004

2003

11,50%

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 25/02/2003

2002

11,50%

 

Dalla redazione

  • Lavoro e pensioni
  • Fisco e Previdenza

INPS - Gestione separata. Aliquote, massimale e minimale (aggiornamento 2017)

La Circolare n. 21 del 31/01/2017 dell'INPS riepiloga quali sono le aliquote contributive e di computo, il massimale annuo di reddito ed il minimale per l'accredito contributivo per il 2017.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fisco e Previdenza
  • Professioni
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Finanza pubblica
  • Lavoro e pensioni
  • Leggi e manovre finanziarie
  • Appalti e contratti pubblici
  • Esercizio, ordinamento e deontologia

Anticipazioni sulle misure per lo sviluppo nella Legge di stabilità 2012

I primi commenti sul nuovo pacchetto di misure per lo sviluppo, la semplificazione burocratica ed il rilancio dell’economia, inizialmente previste in un nuovo decreto-sviluppo e poi inserite nella Legge di stabilità 2012 già approvata in Parlamento.
A cura di:
  • Piero de Paolis
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendite e locazioni immobiliari

Compravendite e locazioni immobiliari: prontuario operativo delle imposte indirette (IVA, registro, ipotecaria e catastale)

1. DEFINIZIONI UTILI (1.1. Distinzione tra fabbricati abitativi e strumentali; 1.2. Determinazione della data di ultimazione della costruzione o dell’intervento; 1.3. Terreni edificabili; 1.4. Reverse charge (inversione contabile)) - 2. OPERAZIONI IMMOBILIARI RILEVANTI E NON AI FINI IVA - 3. REGIME DELLE COMPRAVENDITE IMMOBILIARI (3.1. Compravendite immobiliari imponibili IVA ed esenti; 3.2. Compravendite immobiliari - Riepilogo della tassazione, delle aliquote e degli importi; 3.3. Compravendite immobiliari Casi particolari; 3.4. Compravendite immobiliari Determinazione della base imponibile) - 4. REGIME DELLE LOCAZIONI IMMOBILIARI (4.1. Locazioni immobiliari imponibili IVA ed esenti; 4.2. Locazioni immobiliari - Riepilogo della tassazione, delle aliquote e degli importi; 4.3. Locazioni immobiliari - Casi particolari) - 5. TRATTAMENTO FISCALE DELLE PERTINENZE.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Le agevolazioni fiscali per gli acquisti di abitazioni in fabbricati interamente ristrutturati

Una completa panoramica sulla detrazione del 50% per le cessioni di unità immobiliari residenziali, anche rurali, ubicate in fabbricati interamente assoggettati a interventi di ristrutturazione eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie. Le istruzioni alla dichiarazione dei redditi 2012 hanno chiarito che la detrazione si può applicare anche a tali fattispecie, e questa possibilità, anche se solo per il periodo di tempo che residua fino al 30 giugno 2013, salvo auspicabili proroghe, potrà essere utilizzata quale importante leva commerciale dalle imprese per cercare di spingere le vendite.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Fisco e Previdenza
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Imposte sul reddito
  • Imposte indirette
  • Agevolazioni per interventi di ristrutturazione e antisismici
  • Agevolazioni per interventi di risparmio energetico

Le novità fiscali introdotte dal D.L. 83/2012 dopo la conversione in legge

Il punto sul nuovo regime Iva per le cessioni e le locazioni di fabbricati abitativi e strumentali; reverse charge per le cessioni di fabbricati; locazioni soggette all’aliquota Iva agevolata del 10%; le nuove regole per l’applicazione dell’Iva secondo il regime di cassa; le detrazioni fiscali per interventi di ristrutturazione e per il risparmio energetico, con una tabella riepilogativa delle date di decorrenza a seconda delle tipologie di incentivi.
A cura di:
  • Dino de Paolis

18/07/2018

06/04/2018

29/01/2018

23/11/2017