FAST FIND : NW1485

Ultimo aggiornamento
08/05/2017

Attestazione SOA, requisiti di ordine speciale: periodo documentabile

Dettagli per l’individuazione del periodo documentabile ai fini della dimostrazione della cifra d’affari, del requisito dell’adeguata dotazione di attrezzature tecniche e dell’adeguato organico medio annuo. Situazione aggiornata dopo il D. Leg.vo 56/2017 (c.d. "correttivo"), che ha reso permamente la possibilità di sfruttare il decennio antecendente il contratto con la SOA.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Il D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50, ha abrogato integralmente il "vecchio" Codice dei contratti pubblici di cui al D. Leg.vo 163/2006, e buona parte del relativo regolamento di attuazione, fatte salve alcune parti rimaste temporaneamente in vigore in attesa dell'emanazione di atti attuativi dell'ANAC.
Tra le norme abrogate anche l'art. 253 del D. Leg.vo 163/2006, comma 9-bis, che transitoriamente consentiva di allungare al decennio antecedente la sottoscrizione del contratto con la SOA il periodo utile ai fini della dimostrazione del requisito della cifra d'affari realizzata con lavori svolti mediante attività diretta ed indiretta, del requisito dell'adeguata dotazione di attrezzature tecniche, del requisito dell'adeguato organico medio annuo, del requisito dei lavori realizzati in ciascuna categoria e del requisito dell'esecuzione di un singolo lavoro ovvero di due o tre lavori in ogni singola categoria (c.d. "lavori di punta"). Il regime transitorio in oggetto era stato prorogato fino al 31/07/2016 ad opera del D.L. 210/2015 (convertito in legge, con modificazioni dalla L. 21/2016), che aveva appunto allungato - con l'art. 7, comma 2, lettera a) - al 31/07/2016 il termine di applicazione del regime transitorio in oggetto.
Tuttavia, l'art. 53del D. Leg.vo 19/04/2017, n. 56, comma 1, lettera a), punto 2), (c.d. "correttivo" al Codice dei contratti pubblici di cui al D. Leg.vo 50/2016), ha opportunamente modificato l'art. 84 del D. Leg.vo 50/2016, rendendo stabile la possibilità di fare riferimento al decennio antecedente la sottoscrizione del contratto con la SOA per il conseguimento della qualificazione.

SITUAZIONE DOPO L'EMANAZIONE DEL D. LEG.VO 57/2017 - Allo stato attuale dunque, l'art. 84 del D. Leg.vo 50/2016, comma 4, come modificato dall'art. 53, del D. Leg.vo 57/2017 dispone che le SOA attestano "[...] il possesso dei requisiti di capacita' economica e finanziaria e tecniche e professionali indicati all'articolo 83; il periodo di attività documentabile è quello relativo al decennio antecedente la data di sottoscrizione del contratto con la SOA per il conseguimento della qualificazione".

DISCIPLINA PREVIGENTE: L’ART. 253, COMMA 9-BIS, DEL D. LEG.VO 163/2006 - Con riferimento all’individuazione del periodo documentabile per la dimostrazione della cifra d’affari, del requisito dell’adeguata dotazione di attrezzature tecniche e dell’adeguato organico medio annuo il D. Leg.vo 152/2008 (cosiddetto “terzo correttivo” al Codice dei contratti pubblici di cui al D. Leg.vo 163/2006) aveva introdotto all’art. 253 del D. Leg.vo 163/2006 il comma 9-bis, volto ad istituire un regime transitorio in materia di qualificazione.
Tale norma - modificata dal D.L. 69/2013 (cosiddetto decreto “del fare”, convertito in legge dalla L. 98/2013) - prevedeva che ai fini sopra indicati il periodo di attività documentabile fosse quello relativo al decennio antecedente la data di sottoscrizione del contratto con la SOA per il conseguimento della qualificazione.
Il menzionato D.L. 69/2013 aveva anche prorogato il periodo transitorio di applicazione delle norme in questione sino al 31/12/2015. Detto periodo transitorio era stato ulteriormente prolungato al 31/07/2016 ad opera dell’art. 7del D.L. 30/12/2015, n. 210, comma 2, lettera a).
Relativamente alla dimostrazione del requisito dei lavori realizzati in ciascuna categoria e del requisito dei cosiddetti lavori “di punta”, il comma 9-bis dell’art. 253 del D. Leg.vo 163/2006 prevedeva altresì che fossero da considerare i lavori realizzati nel decennio antecedente la data di sottoscrizione del contratto con la SOA per il conseguimento della qualificazione.
L’Autorità aveva elaborato criteri interpretativi per l’applicazione della norma in questione, con il Comunicato alle SOA n. 54/2008. Tali criteri sono in seguito stati superati alla luce delle successive modifiche introdotte alla norma di riferimento, e sono state sostituite dal Com. ANAC 16/10/2014 (Manuale dell’Autorità sulla qualificazione per l’esecuzione di lavori pubblici di importo superiore a 150.000 euro - si faccia in particolare riferimento al paragrafo “Indicazioni per l’individuazione del periodo documentabile per la dimostrazione della cifra d’affari, dell’adeguata dotazione di attrezzature tecniche e dell’adeguato organico medio annuo” del capitolo 2.2.3).
L’ANAC in particolare aveva chiarito che la nuova formulazione della norma dovesse essere interpretata nel senso di consentire alle imprese in corso di attestazione la possibilità di utilizzare le annualità fiscali comprese nell’ambito dell’arco temporale del decennio antecedente alla data di stipula del contratto di qualificazione, ammettendo che le imprese potessero scegliere il periodo documentabile da un minimo di cinque anni sino ad un massimo di dieci anni.
Tale termine minimo quinquennale deve essere garantito - secondo l’ANAC - per far sì che il computo della cifra d’affari e dei costi delle attrezzature e del personale venga eseguito sulla media di almeno cinque annualità, assicurando in tal modo che la qualificazione venga riconosciuta a soggetti che abbiano dimostrato una sostanziale solidità, comprovata dalla permanenza nel mercato con una certa continuità per un periodo minimo predeterminato (coincidente, in tal caso, con il quinquennio previsto dal regime ordinario della qualificazione).

IMPRESE COSTITUITE DA MENO DI CINQUE ANNI - Le imprese costituite da meno di cinque anni alla data di stipula del contratto con la SOA possono ottenere il rilascio dell’attestato SOA, ancorché non possano produrre risultati di bilancio per un numero di anni pari a cinque. I dati relativi alla cifra d’affari, all’ammortamento ed al costo del lavoro saranno determinati sulla base del numero dei bilanci che possono essere esibiti.

VERIFICA TRIENNALE - L’ampliamento al decennio del periodo documentabile non si applicava comunque alla verifica triennale.

Dalla redazione

  • Appalti e contratti pubblici
  • Enti locali
  • Formazione
  • Avvisi e bandi di gara
  • Calamità/Terremoti
  • Compravendite e locazioni immobiliari
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Scuole
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Trasporti
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Tutela ambientale
  • Edilizia scolastica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Accise
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Prevenzione Incendi
  • Pubblica Amministrazione
  • Sicurezza
  • Fisco e Previdenza
  • Protezione civile
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Tracciabilità
  • Provvedimenti di proroga termini
  • Lavoro e pensioni
  • Rifiuti

Tutti i termini prorogati dal decreto-legge «Milleproroghe» 210/2015 (L. 21/2016)

Grandi impianti di combustione; Smaltimento in discarica rifiuti; Esclusione automatica delle offerte anomale; Affidamento servizi tecnici; Pubblicazione avvisi e bandi di gara; Attestazione SOA; Anticipazione del prezzo negli appalti; Qualificazione del contraente generale; Requisito della cifra d’affari realizzata nei contratti pubblici; Adeguamento antincendio edifici scolastici e strutture ricettive; Esercizio associato funzioni nei piccoli comuni; Trasferimento immobili agli enti territoriali; Commissioni censuarie; Processo amministrativo digitale; Bonifiche da ordigni bellici; Formazione installatori impianti a fonti rinnovabili; Salvamento acquatico; Mutui nei comuni colpiti da calamità; Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto; Revisione generale trattori agricoli; Norme Tecniche sbarramenti di ritenuta; Accise combustibile per cogenerazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Appalti e contratti pubblici
  • Autorità di vigilanza
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Soglie normativa comunitaria

L'affidamento di contratti pubblici sotto soglia comunitaria

PREMESSA E QUADRO NORMATIVO (Norme del D. Leg.vo 50/2016 e Linee guida ANAC; Natura giuridica e valenza delle Linee guida ANAC) - AMBITO DI APPLICAZIONE: QUALI SONO I CONTRATTI SOTTO SOGLIA (Soglie di rilevanza comunitaria; Calcolo del valore stimato del contratto; Calcolo del valore stimato per le opere di urbanizzazione a scomputo; Contratti cui si applica la disciplina del sotto soglia; Contratti nei settori speciali; Altri strumenti di acquisto e negoziazione; Altre norme applicabili) - PRINCIPI COMUNI PER GLI AFFIDAMENTI SOTTO SOGLIA (Principi comuni; Sostenibilità energetica e ambientale; Conflitto di interesse; Il principio di rotazione degli affidamenti e degli inviti) - MODALITÀ DI AFFIDAMENTO E CRITERI DI AGGIUDICAZIONE - PROCEDURE DI AFFIDAMENTO PER I CONTRATTI SOTTO SOGLIA (Lavori, servizi e forniture di importo inferiore a 40.000 Euro; Lavori di importo compreso tra 40.000 e 150.000 Euro; Servizi e forniture di importo compreso tra 40.000 Euro e le soglie UE; Lavori di importo compreso tra 150.000 e 1 milione di Euro).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Emanuela Greco
  • Professioni
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)

Affidamenti pubblici di servizi di progettazione, direzione lavori o dell’esecuzione, collaudo, coordinamento sicurezza e attività connesse

GENERALITÀ (Procedure di affidamento; Incarichi relativi ad immobili vincolati; Incarico di coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione; Direzione dei lavori di importo che, se sommato all’importo della progettazione, raggiunge la soglia comunitaria) - CONFERIMENTO DELL’INCARICO MEDIANTE AFFIDAMENTO DIRETTO (IMPORTO INFERIORE AD EURO 40.000) - AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI IMPORTO PARI O SUPERIORE AD EURO 40.000 E INFERIORE AD EURO 100.000 (Disciplina dell’elenco di operatori economici; Disciplina delle indagini di mercato; Verifica dei requisiti) - AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI IMPORTO PARI O SUPERIORE A 100.000 EURO (Classi o categorie di opere; Determinazione del corrispettivo da porre a base di gara; Definizione dei requisiti di carattere speciale che devono possedere i concorrenti per poter partecipare alla gara; Criteri di selezione; Raggruppamenti e Consorzi stabili; Classi, categorie e tariffe professionali; Elementi di valutazione; Criteri premiali per giovani professionisti; Criteri motivazionali).
A cura di:
  • Studio Groenlandia
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

La progettazione dei lavori pubblici nel D. Leg.vo 50/2016

LIVELLI DELLA PROGETTAZIONE E CONTENUTI MINIMI (Generalità e livelli di progettazione; Progetto di fattibilità tecnica ed economica; Progetto definitivo; Progetto esecutivo) - PROGETTAZIONE DA PORRE A BASE DI GARA; UTILIZZO DEL BUILDING INFORMATION MODELING (BIM - PROGETTAZIONE INTERNA ED ESTERNA, SOGGETTI ABILITATI (Impostazione generale; Svolgimento delle attività di progettazione all’interno dell’amministrazione; Affidamento delle attività all’esterno; Requisiti degli operatori; Obblighi di comunicazione all’ANAC e indicazioni operative) - COMPENSI PROFESSIONALI PER LE ATTIVITÀ DI PROGETTAZIONE; VERIFICA PREVENTIVA DELL’INTERESSE ARCHEOLOGICO - VERIFICA PREVENTIVA DELLA PROGETTAZIONE - APPROVAZIONE DEI PROGETTI RELATIVI A LAVORI - INCENTIVI AL PERSONALE INTERNO ALLA P.A. - GARE PER SERVIZI DI PROGETTAZIONE.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

Le commissioni giudicatrici nelle gare pubbliche, disciplina e albo dei commissari

LE COMMISSIONI GIUDICATRICI NEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI (Le commissioni giudicatrici, procedure coinvolte; L’Albo nazionale obbligatorio dei componenti delle commissioni giudicatrici; Compiti e funzioni delle commissioni giudicatrici; Compensi dei commissari) - ALBO DEI COMMISSARI, ARTICOLAZIONE E REQUISITI DI ISCRIZIONE (Organizzazione dell’Albo; Iscrizione all’Albo) - SCELTA E NOMINA DEI COMMISSARI DI GARA (Scelta dei commissari di gara; Nomina di commissari interni alla stazione appaltante; Numero dei componenti la commissione; Definizione delle liste da parte dell’ANAC; Sorteggio tra i nominativi indicati dall’ANAC; Tempistiche per la nomina dei commissari di gara; Presidente della commissione; Pubblicazione di dati sul sito della s.a. e comunicazioni all’ANAC; Rinnovo della procedura; Schema grafico riepilogativo) - INCOMPATIBILITÀ DEI MEMBRI DELLA COMMISSIONE (Incompatibilità dei commissari in generale; Conflitto di interesse; Incompatibilità del RUP al ruolo di commissario di gara; Dichiarazioni da rendere, sostituzione di candidato in presenza di cause ostative; Rifiuto del candidato).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Operatività Albo commissari di gara presso l'ANAC per procedure di affidamento

  • Avvisi e bandi di gara
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Obbligo di compilazione del DGUE in forma elettronica in base a regole AgID

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro