FAST FIND : NW123

Ultimo aggiornamento
23/06/2008

Prevalenza piano paesaggistico su altri atti di pianificazione (Corte Cost. 180/2008)

Le disposizioni dei Piani paesaggistici sono sempre prevalenti sulle previsioni eventualmente in contrasto contenute negli atti di pianificazione ad incidenza territoriale, ivi compresi quelli predisposti dagli Enti gestori delle aree naturali protette.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Con la sentenza n. 180 in data 30/05/2008 la Corte Costituzionale ha chiarito che le disposizioni dei Piani paesaggistici sono sempre prevalenti sulle previsioni eventualmente in contrasto contenute negli atti di pianificazione ad incidenza territoriale, ivi compresi quelli predisposti dagli Enti gestori delle aree naturali protette.

Nella fattispecie la Corte ha dichiarato costituzionalmente illegittimo l'art. 12, comma 2, della legge della Regione Piemonte 19 febbraio 2007, n. 3 (Istituzione del Parco fluviale Gesso e Stura), nella parte in cui dispone che «Il piano d’area è efficace anche per la tutela del paesaggio ai fini e per gli effetti di cui all'articolo 143 del D. Leg.vo 42/2004 ...».

Detta previsione si pone infatti in contrasto con il principio in base al quale la cura degli interessi pubblici concernenti la conservazione ambientale e paesaggistica spetta in via esclusiva allo Stato, ai sensi dell'art. 117, comma 2, lettera s), della Costituzione. Dal dettato costituzionale discende altresì l'impossibilità di alterare la «gerarchia» degli strumenti di pianificazione del territorio, espressa dall'art. 145 del D. Leg.vo 42/2004, e la conseguente necessità che prevalga comunque l'impronta unitaria della pianificazione paesaggistica.
Il citato articolo 145 dispone infatti al comma 3 che «... Per quanto attiene alla tutela del paesaggio, le disposizioni dei piani paesaggistici sono comunque prevalenti sulle disposizioni contenute negli atti di pianificazione ad incidenza territoriale previsti dalle normative di settore, ivi compresi quelli degli enti gestori delle aree naturali protette.».

Dalla redazione

La Legge di Stabilità 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Stabilità 2016 (L. 28 dicembre 2015, n. 208), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Tutti i termini prorogati dal Decreto-Legge “Milleproroghe” 244/2016 (L. 19/2017)

Rassegna completa di tutti i termini in scadenza di interesse di professionisti tecnici, enti e pubbliche amministrazioni, imprese, prorogati dal consueto decreto-legge “Milleproroghe” (D.L. 244/2016 convertito in legge dalla L. 19/2017). Prevenzione incendi; Protezione civile, calamità e terremoti; Appalti, opere e infrastrutture; Pubblica amministrazione; Ambiente, fonti rinnovabili e sicurezza sul lavoro; Varie.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Fondo per l’attuazione del programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha approvato il bando con il quale sono definite le modalità e la procedura di presentazione dei progetti per la riqualificazione urbana e la sicurezza delle periferie delle città metropolitane, dei comuni capoluogo di provincia e della città di Aosta. AGGIORNAMENTO: modificate le percentuali di erogazione dei finanziamenti.
A cura di:
  • Roberto Gallia

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca

Il “Collegato ambientale” 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella L. 28/12/2015, n. 221 (Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell'uso eccessivo di risorse naturali, cosiddetta “Legge sulla green economy” o “Collegato ambientale”), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Alfonso Mancini