20 dic 2018

FAST FIND : SC884

Ultimo aggiornamento
22/12/2017

Limiti di emissione impianti di combustione medi

Ai sensi dell’art. 6, comma 7, della DIRETTIVA (UE) 2015/2193 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 25 novembre 2015 relativa alla limitazione delle emissioni nell'atmosfera di taluni inquinanti originati da impianti di combustione medi, a decorrere dal 20/12/2018 le emissioni nell'atmosfera di biossido di zolfo (SO2), ossido di azoto (NOx) e polveri originate da un nuovo impianto di combustione medio non devono superare i valori limite di emissione fissati nella parte 2 dell'allegato II alla medesima Direttiva.

Sono fatte salve le possibilità di esonero stabilite dai commi 5 e 6 dell'art. 6 della Direttiva.

Per "impianti di combustione medi" si intendono quelli che hanno una potenza termica nominale pari o superiore a 1 MW e inferiore a 5 MW, indipendentemente dal tipo di combustibile utilizzato. La Direttiva si applica anche a un insieme formato da nuovi impianti di combustione medi aggregati (ai sensi dell'art. 4), anche qualora la potenza termica nominale totale di tale insieme sia pari o superiore a 50 MW, a meno che detto insieme non costituisca un impianto di combustione disciplinato dal Capo III della Direttiva 2010/75/UE. Sono viceversa esclusi dall'applicazione tutti gli impianti elencati al punto 3 dell’art. 2.

Inoltre, ai sensi dell’art. 3, comma 1, punto 6, della Direttiva medesima, si intende per “impianto di combustione esistente”, un impianto di combustione messo in funzione prima del 20/12/2018 o per il quale è stata concessa un'autorizzazione prima del 19/12/2017 conformemente alla legislazione nazionale, a condizione che l'impianto sia messo in funzione non oltre il 20/12/2018. È pertanto da considerare “nuovo” un impianto diverso da un impianto di combustione esistente.

La Direttiva è stata recepita dal D. Leg.vo 15/11/2017, n. 183, e pertanto le pertinenti modifiche sono state introdotte nei Titoli I, II e III della Parte V del D. Leg.vo 152/2006, e nei pertinenti allegati, norme cogenti cui occorre dunque fare riferimento.

Dalla redazione

  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Provvidenze
  • Imprese
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Finanza pubblica

Emilia Romagna: incentivi alle imprese per la rimozione e lo smaltimento di manufatti contenenti cemento-amianto

Oltre 3 milioni di euro a disposizione delle imprese emiliano-romagnole o per sostenere la qualificazione ambientale del sistema produttivo regionale promuovendo, attraverso incentivi per la riqualificazione ambientale, la rimozione e lo smaltimento del cemento-amianto dai luoghi di lavoro. La procedura per ottenere il contributo si articola in due fasi: fase 1 per la prenotazione on line (click day), fase 2 per la presentazione della domanda di contributo. I lavori dovranno essere conclusi entro 24 mesi dalla data di concessione del contributo.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Tutela ambientale
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Contributi agli enti locali per la realizzazione di piste ciclabili

La misura prevede la concessione di contributi agli enti locali per l’abbattimento degli interessi sui mutui relativi ad investimenti per la realizzazione di piste ciclabili. La dotazione finanziaria complessiva dello strumento è pari a 6.239.431,80 euro. Ciascun ente locale ammesso potrà godere del totale abbattimento degli interessi, su uno o più mutui, sino all'importo massimo complessivo di 3 milioni di euro.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Puglia: finanziamento di reti di percorsi ciclabili e/o ciclopedonali in aree urbane e sub-urbane

Stanziati 13,5 milioni di euro per sostenere gli interventi dei Comuni finalizzati alla realizzazione di reti percorsi ciclabili e/o ciclopedonali in aree urbane e sub-urbane. La finalità è quella di promuovere lo sviluppo ecocompatibile del territorio pugliese, attraverso l’integrazione e l'interconnessione delle reti infrastrutturali a supporto delle altre modalità di trasporto, al fine di avviare processi di sviluppo legati alla mobilità lavorativa, scolastica e turistica, anche favorendo l’accessibilità e la valorizzazione delle risorse territoriali, culturali ed ambientali.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Imprese
  • Fonti alternative
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Finanza pubblica
  • Impiantistica
  • Energia e risparmio energetico

Liguria: contributi per l’efficienza energetica nelle imprese

Il bando è destinato alle micro, piccole e medie imprese che realizzino interventi di efficientamento energetico sugli impianti e sulle strutture produttive, e impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili per l'autoconsumo. Gli investimenti ammessi ad agevolazione devono essere realizzati nell'ambito di strutture operative dell’impresa ubicate nel territorio della regione e devono essere conclusi entro 12 mesi dal ricevimento del provvedimento di concessione. Le forme di sostegno previste sono rappresentate da uno strumento finanziario (finanziamento) combinato con una sovvenzione a fondo perduto.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Provvidenze
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia scolastica
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Contributi ai piccoli comuni per la messa in sicurezza di scuole, strade ed edifici pubblici

La misura consiste nell'assegnazione, per l'anno 2019, di un contributo nel limite complessivo di 400 milioni di euro ai comuni con popolazione inferiore ai 20.000 abitanti, al fine di favorire gli investimenti per la messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale.
A cura di:
  • Emanuela Greco