FAST FIND : NN15061

Par. Aut. Vigilanza Contratti Pubbl. 26/02/2014, n. 37

Istanze di parere per la soluzione delle controversie ex articolo 6, comma 7, lettera n) del D.Lgs. n. 163/2006 presentate dall’A.t.i. Oberto & Rudella e dall’A.t.i. Arch. Leonardo Urbani – “Consulenza per la redazione del progetto preliminare al piano urbanistico comunale” – Importo a base di gara: euro 108.000,00 – S.A.: Comune di Merano.
Scarica il pdf completo
2748418 2750208
[Premessa]


Il Consiglio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2748418 2750209
Considerato in fatto

1) In data 9 maggio 2013 è pervenuta la prima delle istanze in epigrafe, con la quale la costituenda A.t.i. Oberto & Rudella contesta l’esclusione disposta nei suoi confronti, dal Comune di Merano nell’ambito della procedura aperta indetta con bando di gara pubblicato il 28 gennaio 2013, per l’affidamento dell’incarico di consulenza per la redazione del progetto di piano urbanistico comunale, di importo complessivo pari ad euro 108.000,00.

Al riguardo, il paragrafo II.1) del disciplinare di gara richiedeva che i concorrenti allegassero a pena d’esclusione

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2748418 2750210
Ritenuto in diritto

I quesiti all’esame dell’Autorità riguardano l’esclusione, per differenti motivi, della costituenda A.t.i. Oberto & Rudella e dell’A.t.i. Arch. Leonardo Urbani dalla gara per l’affidamento del servizio di consulenza alla redazione del progetto di piano regolatore del Comune di Merano.

1) Con riferimento alla prima delle istanze pervenute, che riguarda l’esclusione del raggruppamento Oberto e Rudella, giova precisare che il concorrente in questione ha allegato un modulo unico di dichiarazione di partecipazione alla gara, intestato al capogruppo Enrico Rudella che l’ha compilato in ogni sua parte e l’ha sottoscritto in calce, mentre la mandataria associata Silvia Oberto ed i professionisti mandanti Michele Stramandinoli e Franco Fietta hanno apposto le rispettive sottoscrizioni a margine di ogni pagina del suddetto modulo, allegando la fotocopia dei propri documenti d’identità.

Nelle controdeduzioni trasmesse all’Autorità, il Comune di Merano ha evidenziato che il paragrafo II.1) del disciplinare di gara richiedeva, a pena d’esclusione e con sufficiente chiarezza, che ogni membro del raggruppamento temporaneo producesse autonomamente la dichiarazione sostitutiva secondo l’Allegato 1. Ed in effetti, la lex specialis di gara non appare equivoca sul punto, né può dirsi che il fac-simile predisposto dalla S.A. contenga indicazioni incomplete o ingannevoli.

Nel caso di specie, invece, dalla dichiarazione presentata, risulta che il concorrente (composto dalla costituenda A.t.i.) abbia reso la necessaria dichiarazione, comprensiva esclusivamente delle informazioni e/o elementi relativi all’Arch. Enrico Rudella, ivi compresi il possesso dei propri requisiti di partecipazione di ordine generale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2748418 2750211
Il Consiglio

ritiene, nei limiti di cui in motivazione:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Sicurezza
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Appalti e contratti pubblici
  • Cantieri temporanei e mobili

Costo del lavoro nei contratti pubblici: tabelle ministeriali e giurisprudenza

Indicazioni relative alla valutazione dell’anomalia delle offerte nei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, con particolare riguardo al costo del lavoro. Decreti ministeriali con le tabelle di riferimento, aggiornati al D.M. 123/2017, e indicazioni della giurisprudenza, anche alla luce del quadro normativo mutato con il D. Leg.vo 50/2016.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Appalti e contratti pubblici
  • Avvisi e bandi di gara
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Oneri sicurezza e manodopera nei bandi di gara e nelle offerte

Distinzione tra costi per la sicurezza specifici dell’appalto (interferenze) e generici; Indicazione dei costi per la sicurezza da parte della stazione appaltante nella documentazione di gara; Costi della sicurezza soggetti e non soggetti a ribasso d’asta; Costi per la sicurezza e la manodopera nelle offerte; Obbligo di indicazione da parte dell’operatore economico e verifica di congruità; Conseguenze della mancata indicazione, punto della giurisprudenza.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Autorità di vigilanza

L'offerta economicamente più vantaggiosa per l'aggiudicazione dei contratti pubblici

QUADRO NORMATIVO - IL CRITERIO DELL’OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA (Generalità; Applicazione obbligatoria del criterio OEPV sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo; Applicazione del criterio del minor prezzo in via residuale; Tabella riepilogativa dei criteri di aggiudicazione) - I CRITERI DI VALUTAZIONE (Rating di legalità e rating di impresa; Le varianti e le opere aggiuntive; Criterio del prezzo fisso; Criterio del costo del ciclo di vita) - LA PONDERAZIONE DEI PUNTEGGI - LA VALUTAZIONE DEGLI ELEMENTI DELL’OFFERTA (La valutazione degli elementi quantitativi; La valutazione in base alla presenza di determinate caratteristiche; La valutazione degli elementi qualitativi e i criteri motivazionali) - LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA - COMPITI DELLE COMMISSIONI AGGIUDICATRICI.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Impresa, mercato e concorrenza
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disposizioni antimafia

Rating di legalità delle imprese: in cosa consiste, come richiederlo e come è considerato da banche e PA

Il rating di legalità è uno strumento introdotto nel 2012 per le imprese italiane, volto alla promozione e all'introduzione di principi di comportamento etico in ambito aziendale, tramite l’assegnazione di un riconoscimento misurato in "stellette" indicativo del rispetto della legalità da parte delle imprese che ne abbiano fatto richiesta. All'attribuzione del rating l’ordinamento ricollega vantaggi in sede di concessione di finanziamenti pubblici e agevolazioni per l’accesso al credito bancario.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Tariffa Professionale e compensi
  • Appalti e contratti pubblici
  • Disciplina economica dei contratti pubblici
  • Professioni

Determinazione dei corrispettivi per i servizi tecnici negli appalti pubblici

PREMESSA (Entrata in vigore e contenuti del D.M. 17/06/2016; Coordinamento con i livelli di progettazione previsti dal D. Leg.vo 50/2016) - APPLICAZIONE DEI CORRISPETTIVI (Riferimenti nel D. Leg.vo 50/2016 e nel D.M. 17/06/2016; Linee guida dell’ANAC e buone pratiche, giurisprudenza) - MODALITÀ DI CALCOLO DEI CORRISPETTIVI (Prestazioni non previste dal decreto o non determinabili; Corrispettivi per prestazioni non determinabili; Oneri accessori e spese; Schema grafico riepilogativo) - ESEMPI PRATICI.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Alfonso Mancini
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici

Operatività Albo commissari di gara presso l'ANAC per procedure di affidamento

  • Avvisi e bandi di gara
  • Appalti e contratti pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Obbligo di compilazione del DGUE in forma elettronica in base a regole AgID

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 100 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro