FAST FIND : AR1229

Ultimo aggiornamento
14/01/2019

Attività tecniche dipendenti della p.a.: abilitazione, svolgimento e incentivi

PREMESSA, NORMATIVA DI RIFERIMENTO; LE PRESTAZIONI TECNICHE INTERNE ALLA P.A. NEL D. LEG.VO 50/2016 (Individuazione delle prestazioni tecniche; Soggetti che possono svolgere prestazioni tecniche; Abilitazione professionale e assicurazione dei progettisti interni - Tecnici diplomati; Sostenimento degli oneri) - INCENTIVI PER IL PERSONALE INTERNO ALLE AMMINISTRAZIONI (Attività oggetto di incentivo; Ammontare dell’incentivo e ripartizione; Mancata adozione del regolamento interno ad opera delle amministrazioni; Appalti di servizi e forniture; Enti esclusi; Personale delle centrali uniche di committenza) - DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI APPLICABILE “RATIONE TEMPORIS” - GIURISPRUDENZA E CASISTICA.
A cura di:
  • Dino de Paolis
2735371 5208146
PREMESSA, NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Gli artt. 24 e 113 del D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50 (Codice dei contratti pubblici, nel seguito anche semplicemente “Codice”) trattano rispettivamente della progettazione interna ed esterna alle amministrazioni aggiudicatrici in materia di lavori pubblici, nonché degli oneri relativi alla progettazione ed alle altre funzioni tecniche (direzione lavori, collaudo, ecc.), quando svolte direttamente all’interno dell’amministra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208147
LE PRESTAZIONI TECNICHE INTERNE ALLA P.A. NEL D. LEG.VO 50/2016
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208148
Individuazione delle prestazioni tecniche

Le prestazioni tecniche sono individuate dall’art. 24 del D. Leg.vo 50/20

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208149
Soggetti che possono svolgere prestazioni tecniche

Le funzioni tecniche in oggetto possono essere svolte, ai sensi dell’art. 24 del D. Leg.vo 50/2016:

1) ad opera di soggetti interni alle pubbliche amministrazioni, ed in particolare:

- dagli uffici tecnici delle stazioni appaltanti;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208150
Abilitazione professionale e assicurazione dei progettisti interni - Tecnici diplomati

In caso di svolgimento delle attività di progettazione all’interno dell’amministrazione il progetto deve essere firmato da dipendenti dell’amministrazione abilitati all’esercizio della professione N1.

P

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208151
Sostenimento degli oneri

Gli oneri per la progettazione e per le altre funzioni tecniche fanno carico agli stanziamenti previsti per la realizzazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208152
INCENTIVI PER IL PERSONALE INTERNO ALLE AMMINISTRAZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208153
Attività oggetto di incentivo

L’art. 113 del D. Leg.vo 50/2016 non prevede l’incentivo interno per la progettazione, come in precedenza previsto sotto i previgenti regimi, ma solo per le altre funzioni tecniche svolte dai dipendenti pubblici relativamente a:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208154
Ammontare dell’incentivo e ripartizione

Le amministrazioni destinano a un apposito fondo per gli incentivi risorse finanziarie, in misura non superiore al 2% degli importi posti a base di gara, che a sua volta viene così suddiviso:

1) l’80% del fondo è ripartito per ciascuna opera, servizio o fornitura, tra il RUP, i soggetti che svolgono le funzioni tecniche sopra indicate nonché tra i loro collaboratori, con le modalità ed i criteri previsti in sede di contrattazione decentrata integrativa del personale, sulla base di apposito regolamento adottato dalle amm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208155
Copertura del fondo

Ai sensi dell’art. 113 del D. Leg.vo 5

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208156
Appalti di servizi e forniture

Le norme sulla corresponsione degli incentivi sopra illustrate si applicano anche agli appalti relativi a servizi o fornit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208157
Mancata adozione del regolamento interno ad opera delle amministrazioni

Un caso che può verificarsi nella pratica è rappresentato dalla mancata adozione del regolamento che - ai sensi dell’art. 113 del D. Leg.vo 50/2016, comma 3 - deve definire, in base a quanto stabilito in sede di contrattazione decentrata integrativa del personale, per ciascuna opera, servizio o fornitura, la ripartizione dell’80% del fondo tra il RUP, i soggetti che svolgono le funzioni tecniche ed i loro collaboratori.

A tal proposito, la giurisprudenza ha enucleato una serie di fondamentali principi, che qui di seguito vengono riassunti:

- l’incentivo può essere attribuito solo se previsto dalla contrattazione collettiva decentrata, e conseguentemente adottato l’atto regolamentare dell’amministrazione aggiudicatrice, che sostanzialmente ne “recepisce” i contenuti (Cass. 05/06/2017, n. 13937; Cass. 27/05/2016, n. 11022;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208158
Enti esclusi

Dopo le modifiche introdotte dal D

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208159
Personale delle centrali uniche di committenza

Dopo le modifiche introdotte dal D. Leg.vo 56/2017, è ora stab

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208160
DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI APPLICABILE “RATIONE TEMPORIS”

La questione di quale sia la disciplina degli incentivi ai tecnici della p.a. applicabile, in relazione al momento di svolgimento della prestazione, è stata oggetto della Deliberazione n. 11/2015 della sez. Autonomie della Corte dei conti, che ha provveduto a dirimere il contrasto venutosi a creare con differenti interpretazioni precedentemente rese dalla stessa Corte N7.

La menzionata pronuncia muove dall’assunto in base al quale - secondo l’art. 11 delle preleggi al Codice civile - non possono essere retroattive leggi che comprimano o abroghino diritti in spregio del principio di eguaglianza e del legittimo affidamento, salvo che non si tratti di norme di interpretazione autentica (poiché queste ultime non hanno carattere innovativo ma, appunto, di mera “interpretazione”).

Pertanto, il diritto al compenso sorge con lo svolgimento dell’attività, e, per le prestazioni di durata, cioè quelle che non si esauriscono in una puntuale attività, ma si svolgono lungo un certo arco di tempo, deve considerarsi la frazione temporale di attività compiuta.

Questa interpretazione è stata avvalorata anche dal Com. ANAC 06/09/2017, ove si legge che per gli incentivi inerenti le funzioni tecniche, ciò che rileva ai fini dell’individuazione della disciplina normativa applicabile è il compimento delle attività oggetto di incentivazione. Ne consegue che le disposizioni di cui all’art. 113 del D. Leg.vo 50/2016 si applicano alle attività incentivate svolte successivamente all’entrata in vigore del medesimo D. Leg.vo 50/2016.

Per individuare il regime di incentivi applicabile occorre di conseguenza basarsi sul momento in cui è stata svolta la prestazione, provvedendo anche, per le prestazioni “di durata” che abbiano avuto luogo a cavallo tra differenti regimi normativi, alla puntuale individuazione delle prestazioni svolte prima e dopo la data di demarcazione tra i regimi stessi.

Si fornisce di seguito una tabella riepilogativa di sintesi dei differenti regimi applicabili e delle rispettive date di decorrenza, cui fare riferimento per determinare se le prestazioni svolte. La tabella tratta anche la disciplina pregressa sulla base delle varie modifiche ad essa apportate, a partire dalla prima introduzione dell’incentivo ad opera dell’art. 18 della L. 109/1994.


Regime in sintesi

Norme di riferimento

Date di decorrenza

Incentivi per attività di programmazione, controllo, esecutive e di collaudo; escluse le attività di progettazione e coordinamento sicurezza ed esclusi i dirigenti.

Costituzione fondo in misura del 2% dell’importo a base di gara (non occorre regolamento interno per la definizione della percentuale definitiva), da destinare a:

- 80% attività incentivate di cui sopra;

- 20% beni e servizi per l&rsquo

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208161
GIURISPRUDENZA E CASISTICA

Si segnalano di seguito i principi di diritto espressi da alcune rilevanti sentenze su casistiche varie (si rinvia anche a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208162
Incentivi al RUP, necessità di nomina formale

Il conferimento della funzione di responsabile unico del procedimento richiede un formale atto di nomina, in assenza del q

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208163
Procedura negoziata senza bando di gara o comunque assenza di gara

La disciplina dell’incentivo richiede, da un lato, che vi sia l’effettivo svolgimento di una delle attività elenca

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208164
Operazioni di partenariato pubblico privato

Gli incentivi sono estendibili anche alle operazioni di partenariato pubblico privato, con possibile pagamento da parte del privato in relazione a un incremento dell’efficienza e dell’efficac

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208165
Incentivi al RUP in caso di progettazione svolta in tutto o in parte all’esterno

Il riconoscimento dell’incentivo alla progettazione in favore del responsabile unico del procedimento non presuppone

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208166
Nozione di “collaboratori”

La nozione di “collaboratori” fa riferimento alle professionalità - di norma tecniche - all&rsqu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5208167
Appalti di manutenzione ordinaria o straordinaria

Per l’attività astrattamente incentivabile espletata sotto la vigenza della pregressa normativa di cui all’art. 93 del D. Leg.vo 163/2006, è da escludere qualsiasi incentivazione considerato che la norma appena richiamata si riferisce esclusivamente alle opere e lavori.

Nel fornire l’interpretazione della normativa previgente dettata dall’art. 93 del D. Leg.vo 163/2006, comma 7-bis, la Corte dei Conti, basandosi sull’interpretazione letterale del testo, aveva escluso dall’incentivo alla progettazione interna qualunque attività manutentiva, senza distinzione tra manutenzione ordinaria o straordinaria (C. Conti 10/2016, sez. Autonomie Visualizza PDF).


Quanto all’art 113 del D. Leg.vo 50/2016, dubbi sono stati inizialmente sollevati perché, se è pur vero che questa normativa non ha reiterato la predetta esclusione, le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria non risultano espressamente richiamate dall’attuale elencazione tassativa contenuta nell’art 113 del D. Leg.vo 50/2016 citato, mentre le forme di incentivazione per funzioni tecniche - ora riconosciute anche in relazione ad appalti per forniture e servizi - costituiscono eccezioni al generale principio della onnicomprensività del trattamento economico e pertanto possono essere corrisposte solo per le attività espressamente e tassativamente previste dalla legge.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Energia e risparmio energetico
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Tutela ambientale
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Emilia Romagna: contributi per la redazione del piano di azione per il clima e l'energia sostenibile

Il bando è rivolto agli Enti locali della Regione Emilia-Romagna, per sostenere l'adesione al patto dei sindaci per l'energia ed il clima e la redazione del piano di azione per l'energia sostenibile e il clima (Paesc), e prevede la concessione di un contributo a fondo perduto, a forfait, secondo le soglie di abitanti. Il contributo raddoppia per i Comuni fusi e le Unioni che partecipano con il 100% dei Comuni.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Distributori di carburanti
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze

Lombardia: sviluppo della rete distributiva di impianti di erogazione di metano liquido (GNL)

L’iniziativa è diretta alle micro, piccole e medie imprese, operanti nel settore della distribuzione dei carburanti che intendano realizzare impianti ad uso pubblico di erogazione del metano in forma liquida (GNL). La finalità del bando è quella di creare una rete innovativa di distribuzione di carburante a basso impatto ambientale che al contempo risulti efficace per l’approvvigionamento dei mezzi di trasporto pesanti, in particolare per quelli che effettuano spostamenti a medio-lunga percorrenza.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Provvidenze
  • Enti locali
  • Aree urbane
  • Finanza pubblica

Toscana: finanziamenti per interventi di rigenerazione urbana nelle aree interne

Bando da oltre 4 milioni di euro per finanziare interventi di rigenerazione urbana nelle aree interne della Toscana. L'obiettivo è quello aiutare i Comuni, grandi e piccoli, a migliorare e innovare il tessuto urbano, prevenire il degrado, recuperare “aree critiche” ed immobili di grandi dimensioni abbandonati o in rovina grazie ad interventi mirati, che mettano a frutto lo spirito della legge sul governo del territorio (L.R. Toscana n. 65/2014) e riattivino aree interne al perimetro urbanizzato dando loro nuova vita e nuove finalità.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Pubblica Amministrazione
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Finanza pubblica
  • Enti locali

Lombardia: 8 milioni di euro per la sicurezza stradale

La Regione Lombardia concede contributi a fondo perduto per la realizzazione di interventi di riduzione dell’incidentalità stradale sulla rete viaria dei Comuni e Province. Sono ammessi a finanziamento le spese sostenute relativamente ai seguenti progetti: opere infrastrutturali, interventi per la messa in sicurezza, segnaletica, piste e percorsi ciclabili, impianti di illuminazione a basso consumo energetico. Disponibili in tutto 8 milioni di euro suddivisi per gli anni 2019, 2020 e 2021. Il cofinanziamento è riconosciuto fino al 50% del costo totale delle spese ammissibili.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Enti locali
  • Pubblica Amministrazione
  • Beni culturali e paesaggio
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica

Lazio: valorizzazione del patrimonio culturale dei piccoli comuni

Il Bando regionale prevede la concessione di 2.000.000 € di contributi nel triennio 2019-2021 destinati alla riqualificazione di spazi, strutture e beni di valore storico e simbolico per i piccoli comuni del Lazio. I comuni potranno presentare proposte di intervento per contributi in conto capitale fino a 40 mila euro da assegnare in base a specifici criteri di priorità.
A cura di:
  • Anna Petricca