FAST FIND : AR1229

Ultimo aggiornamento
28/06/2019

Attività tecniche dipendenti della p.a.: abilitazione, svolgimento e incentivi

PREMESSA, NORMATIVA DI RIFERIMENTO; LE PRESTAZIONI TECNICHE INTERNE ALLA P.A. NEL D. LEG.VO 50/2016 (Individuazione delle prestazioni tecniche; Soggetti che possono svolgere prestazioni tecniche; Abilitazione professionale e assicurazione dei progettisti interni - Tecnici diplomati; Sostenimento degli oneri) - INCENTIVI PER IL PERSONALE INTERNO ALLE AMMINISTRAZIONI (Attività oggetto di incentivo; Ammontare dell’incentivo e ripartizione; Mancata adozione del regolamento interno ad opera delle amministrazioni; Appalti di servizi e forniture; Enti esclusi; Personale delle centrali uniche di committenza) - DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI APPLICABILE “RATIONE TEMPORIS” - GIURISPRUDENZA E CASISTICA.
A cura di:
  • Dino de Paolis
2735371 5747439
PREMESSA, NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Gli artt. 24 e 113 del D. Leg.vo 18/04/2016, n. 50 (Codice dei contratti pubblici, nel seguito anche semplicemente “Codice”) trattano rispettivamente della progettazione interna ed esterna alle amministrazioni aggiudicatrici in materia di lavori pubblici, nonché degli oneri relativi alla progettazione ed alle altre funzioni tecniche (direzione lavori, collaudo, ecc.), quando svolte direttamente all’interno dell’amministra

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747440
LE PRESTAZIONI TECNICHE INTERNE ALLA P.A. NEL D. LEG.VO 50/2016
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747441
Individuazione delle prestazioni tecniche

Le prestazioni tecniche sono individuate dall’art. 24 del D. Leg.vo 50/20

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747442
Soggetti che possono svolgere prestazioni tecniche

Le funzioni tecniche in oggetto possono essere svolte, ai sensi dell’art. 24 del D. Leg.vo 50/2016:

1) ad opera di soggetti interni alle pubbliche amministrazioni, ed in particolare:

- dagli uffici tecnici delle stazioni appaltanti;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747443
Abilitazione professionale e assicurazione dei progettisti interni - Tecnici diplomati

In caso di svolgimento delle attività di progettazione all’interno dell’amministrazione il progetto deve essere firmato da dipendenti dell’amministrazione abilitati all’esercizio della professione N1.

P

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747444
Sostenimento degli oneri

Gli oneri per la progettazione e per le altre funzioni tecniche fanno carico agli stanziamenti previsti per la realizzazio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747445
INCENTIVI PER IL PERSONALE INTERNO ALLE AMMINISTRAZIONI
IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747446
Attività oggetto di incentivo

L’art. 113 del D. Leg.vo 50/2016 non prevede l’incentivo interno per la progettazione, come in precedenza previsto sotto i previgenti regimi, ma solo per le altre funzioni tecniche svolte dai dipendenti pubblici relativamente a:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747447
Ammontare dell’incentivo e ripartizione

Le amministrazioni destinano a un apposito fondo per gli incentivi risorse finanziarie, in misura non superiore al 2% degli importi posti a base di gara, che a sua volta viene così suddiviso:

1) l’80% del fondo è ripartito per ciascuna opera, servizio o fornitura, tra il RUP, i soggetti che svolgono le funzioni tecniche sopra indicate nonché tra i loro collaboratori, con le modalità ed i criteri previsti in sede di contrattazione decentrata integrativa del personale, sulla base di apposito regolamento adottato dalle amm

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747448
Copertura del fondo

Ai sensi dell’art. 113 del D. Leg.vo 5

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747449
Appalti di servizi e forniture

Le norme sulla corresponsione degli incentivi sopra illustrate si applicano anche agli appalti relativi a servizi o fornit

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747450
Mancata adozione del regolamento interno ad opera delle amministrazioni

Un caso che può verificarsi nella pratica è rappresentato dalla mancata adozione del regolamento che - ai sensi dell’art. 113 del D. Leg.vo 50/2016, comma 3 - deve definire, in base a quanto stabilito in sede di contrattazione decentrata integrativa del personale, per ciascuna opera, servizio o fornitura, la ripartizione dell’80% del fondo tra il RUP, i soggetti che svolgono le funzioni tecniche ed i loro collaboratori.

A tal proposito, la giurisprudenza ha enucleato una serie di fondamentali principi, che qui di seguito vengono riassunti:

- l’incentivo può essere attribuito solo se previsto dalla contrattazione collettiva decentrata, e conseguentemente adottato l’atto regolamentare dell’amministrazione aggiudicatrice, che sostanzialmente ne “recepisce” i contenuti (Cass. 05/06/2017, n. 13937; Cass. 27/05/2016, n. 11022;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747451
Enti esclusi

Dopo le modifiche introdotte dal D

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747452
Personale delle centrali uniche di committenza

Dopo le modifiche introdotte dal D. Leg.vo 56/2017, è ora stab

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747453
DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI APPLICABILE “RATIONE TEMPORIS”

La questione di quale sia la disciplina degli incentivi ai tecnici della p.a. applicabile, in relazione al momento di svolgimento della prestazione, è stata oggetto della Deliberazione n. 11/2015 della sez. Autonomie della Corte dei conti, che ha provveduto a dirimere il contrasto venutosi a creare con differenti interpretazioni precedentemente rese dalla stessa Corte N7.

La menzionata pronuncia muove dall’assunto in base al quale - secondo l’art. 11 delle preleggi al Codice civile - non possono essere retroattive leggi che comprimano o abroghino diritti in spregio del principio di eguaglianza e del legittimo affidamento, salvo che non si tratti di norme di interpretazione autentica (poiché queste ultime non hanno carattere innovativo ma, appunto, di mera “interpretazione”).

Pertanto, il diritto al compenso sorge con lo svolgimento dell’attività, e, per le prestazioni di durata, cioè quelle che non si esauriscono in una puntuale attività, ma si svolgono lungo un certo arco di tempo, deve considerarsi la frazione temporale di attività compiuta.

Questa interpretazione è stata avvalorata anche dal Com. ANAC 06/09/2017, ove si legge che per gli incentivi inerenti le funzioni tecniche, ciò che rileva ai fini dell’individuazione della disciplina normativa applicabile è il compimento delle attività oggetto di incentivazione. Ne consegue che le disposizioni di cui all’art. 113 del D. Leg.vo 50/2016 si applicano alle attività incentivate svolte successivamente all’entrata in vigore del medesimo D. Leg.vo 50/2016.

Per individuare il regime di incentivi applicabile occorre di conseguenza basarsi sul momento in cui è stata svolta la prestazione, provvedendo anche, per le prestazioni “di durata” che abbiano avuto luogo a cavallo tra differenti regimi normativi, alla puntuale individuazione delle prestazioni svolte prima e dopo la data di demarcazione tra i regimi stessi.

Si fornisce di seguito una tabella riepilogativa di sintesi dei differenti regimi applicabili e delle rispettive date di decorrenza, cui fare riferimento per determinare se le prestazioni svolte. La tabella tiene conto anche della temporanea reintroduzione dell’incentivo anche per la progettazione e la verifica preventiva operata dal D.L. 18/04/2019, n. 32 (c.d. “sblocca cantieri”), poi nuovamente rimossa in fase di conversione in legge del medesimo decreto N8.

La tabella tratta anche la disciplina pregressa sulla base delle varie modifiche ad essa apportate, a partire dalla prima introduzione dell’incentivo ad opera dell’art. 18 della L. 109/1994.


REGIME IN SINTESI

NORME DI RIFERIMENTO

DATE DI DECORRENZA

Incentivi per attività di programmazione, controllo, esecutive e di collaudo; escluse le attività di progettazione e coordinamento sicurezza ed esclusi i dirigenti.

Costituzione fondo in misura del 2% dell’importo a base di gara (non occorre regolamento interno per la definizione della percentuale definitiva), da destinare a:

- 80% attività incentivate di cui sopra;

- 20% beni e servizi per l’innovazione e l’efficienza.

Criteri di riparto da stabilire in sede di contrattazione decentrata integrativa del personale, e riportare in apposito regolamento assunto dalle amministrazioni secondo i rispettivi ordinamenti.

Misura massima dell’incentivo (anche se corrisposto da diverse amministrazioni) 50% del trattamento economico lordo annuale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747454
GIURISPRUDENZA E CASISTICA

Si segnalano di seguito i principi di diritto espressi da alcune rilevanti sentenze su casistiche varie (si rinvia anche a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747455
Incentivi al direttore dell’esecuzione solo se diverso dal RUP

L’incentivo in esame è erogabile in tutte e tre le tipologie di contratti pubblici di appalto (lavori, servizi e forniture), purché ricorrano le condizioni di legge, tra cui in primo luogo lo svolgimento di una gara.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747456
Incentivi al RUP, necessità di nomina formale

Il conferimento della funzione di responsabile unico del procedimento richiede un formale atto di nomina, in assenza del q

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747457
Procedura negoziata senza bando di gara o comunque assenza di gara

La disciplina dell’incentivo richiede, da un lato, che vi sia l’effettivo svolgimento di una delle attività elencate dalla norma di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747458
Operazioni di partenariato pubblico privato

Gli incentivi sono estendibili anche alle operazioni di partenariato pubblico privato, con possibile pagamento da parte del privato in relazione a un incremento dell’efficienza e dell’efficacia nella realizzazione dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747459
Incentivi al RUP in caso di progettazione svolta in tutto o in parte all’esterno

Il riconoscimento dell’incentivo alla progettazione in favore del responsabile unico del procedimento non presuppone necessariamente che

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747460
Nozione di “collaboratori”

La nozione di “collaboratori” fa riferimento alle professionalità - di norma tecniche - all&rsqu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2735371 5747461
Appalti di manutenzione ordinaria o straordinaria

Per l’attività astrattamente incentivabile espletata sotto la vigenza della pregressa normativa di cui all’art. 93 del D. Leg.vo 163/2006, è da escludere qualsiasi incentivazione considerato che la norma appena richiamata si riferisce esclusivamente alle opere e lavori.

Nel fornire l’interpretazione della normativa previgente dettata dall’art. 93 del D. Leg.vo 163/2006, comma 7-bis, la Corte dei Conti, basandosi sull’interpretazione letterale del testo, aveva escluso dall’incentivo alla progettazione interna qualunque attività manutentiva, senza distinzione tra manutenzione ordinaria o straordinaria (C. Conti 10/2016, sez. Autonomie Visualizza PDF).


Quanto all’art 113 del D. Leg.vo 50/2016, dubbi sono stati inizialmente sollevati perché, se è pur vero che questa normativa non ha reiterato la predetta esclusione, le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria non risultano espressamente richiamate dall’attuale elencazione tassativa contenuta nell’art 113 del D. Leg.vo 50/2016 citato, mentre le forme di incentivazione per funzioni tecniche - ora riconosciute anche in relazione ad appalti per forniture e servizi - costituiscono eccezioni al generale principio della onnicomprensività del trattamento economico e pertanto possono essere corrisposte solo per le attività espressamente e tassativamente previste dalla legge.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Professioni
  • Appalti e contratti pubblici
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare

Affidamento contratti pubblici per servizi di Ingegneria e di Architettura (SIA)

GENERALITÀ (Definizione e normativa applicabile; Procedure di affidamento; Criteri di aggiudicazione; Esclusione per incarichi concernenti immobili vincolati; Incarico di coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione; Direzione dei lavori e somma di incarichi sopra soglia) - OPERATORI ECONOMICI ABILITATI E REQUISITI (Affidamento delle attività all’esterno; Requisiti degli operatori; Obblighi di comunicazione all’ANAC e indicazioni operative) - AFFIDAMENTO SIA CON PROCEDURA DIRETTA - AFFIDAMENTO SIA CON PROCEDURA NEGOZIATA (Generalità; Disciplina dell’elenco di operatori economici ; Disciplina delle indagini di mercato; Requisiti di partecipazione e valutazione delle offerte) - AFFIDAMENTO SIA CON PROCEDURE APERTE O RISTRETTE (Generalità ; Bando e disciplinare tipo per servizi di ingegneria e architettura; Classi e categorie di opere; Determinazione del corrispettivo da porre a base di gara; Requisiti di carattere speciale e criteri di selezione; Raggruppamenti e consorzi stabili; Valutazione di attività svolte per opere analoghe; Elementi di valutazione; Criteri premiali per giovani professionisti; Punteggi e fattori ponderali; Criteri motivazionali).
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Studio Groenlandia
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Appalti e contratti pubblici

La progettazione dei lavori pubblici

LIVELLI DELLA PROGETTAZIONE E CONTENUTI MINIMI (Generalità e livelli di progettazione; Progettazione semplificata per gli interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria; Progettazione lavori pubblici su beni culturali; Progetto di fattibilità tecnica ed economica; Progetto definitivo; Progetto esecutivo) - PROGETTAZIONE DA PORRE A BASE DI GARA - APPALTO INTEGRATO (Regola di base che prevede il progetto esecutivo a base di gara ed eccezioni; Deroghe al divieto di appalto integrato per i progetti approvati entro il 31/12/2020; Regime transitorio per i lavori pubblici di manutenzione ordinaria valido fino al 18/04/2019; Unitarietà della progettazione definitiva ed esecutiva) - UTILIZZO DEL BUILDING INFORMATION MODELING (BIM - PROGETTAZIONE INTERNA ED ESTERNA, SOGGETTI ABILITATI (Impostazione generale; Svolgimento delle attività di progettazione all’interno dell’amministrazione; Affidamento delle attività all’esterno; Requisiti degli operatori; Obblighi di comunicazione all’ANAC e indicazioni operative) - COMPENSI PROFESSIONALI PER LE ATTIVITÀ DI PROGETTAZIONE; VERIFICA PREVENTIVA DELL’INTERESSE ARCHEOLOGICO - VERIFICA PREVENTIVA DELLA PROGETTAZIONE - APPROVAZIONE DEI PROGETTI RELATIVI A LAVORI (Generalità; Parere sui progetti del Consiglio superiore dei lavori pubblici) - INCENTIVI AL PERSONALE INTERNO ALLA P.A. - GARE PER SERVIZI DI PROGETTAZIONE.
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Autorità di vigilanza

La programmazione degli acquisti pubblici di beni e servizi

QUADRO NORMATIVO (Le norme, poi abrogate, contenute nella Legge di stabilità 2016; Le norme nel Codice dei contratti pubblici 2016; Le norme nel Codice dei contratti pubblici del 2006) - REDAZIONE, FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DELLA PIANIFICAZIONE (Il decreto ministeriale attuativo del Codice; Schemi tipo per la redazione della programmazione degli acquisti di forniture e servizi; Dettaglio sui contenuti della pianificazione; Strumenti di supporto elaborati dall’Istituto ITACA) - OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE E TRASMISSIONE.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

La programmazione dei lavori pubblici

NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Le norme nel Codice dei contratti pubblici 2016; Il decreto ministeriale attuativo del Codice; Le norme nel Codice dei contratti pubblici del 2006) - REDAZIONE, FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO DELLA PIANIFICAZIONE (Contenuti della pianificazione; Elenco annuale; Livelli di progettazione; Schemi tipo per la redazione della programmazione dei lavori pubblici; Ordine di priorità degli interventi; Iter di approvazione del programma triennale; Modalità di aggiornamento e modifica; Strumenti di supporto elaborati dall'Istituto ITACA) - OPERE PUBBLICHE INCOMPIUTE - CHIARIMENTI PERIODO ANTECEDENTE AL DECRETO ATTUATIVO.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Autorità di vigilanza
  • Appalti e contratti pubblici
  • Attività in cantiere (direzione lavori, collaudo, coordinamento sicurezza, ecc.)
  • Professioni

Direzione, esecuzione e contabilità dei lavori pubblici

NORMATIVA DI RIFERIMENTO; SOGGETTI COINVOLTI NELL’ESECUZIONE DEI LAVORI PUBBLICI E RUOLI (Responsabile unico del procedimento (RUP); Direttore dei lavori, direttori operativi e ispettori di cantiere; Rapporti tra RUP, DL, CSE ed esecutore dei lavori; DL e coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione; Schema grafico riepilogativo) - REQUISITI E NOMINA DEL DIRETTORE DEI LAVORI (Requisiti generali del DL; Incompatibilità del DL con l’esecutore dei lavori; Unicità della figura del direttore dei lavori; Casi in cui il RUP può o meno coincidere con il direttore dei lavori ; Compensi del direttore dei lavori) - FASE ESECUTIVA E ATTIVITÀ DEL DIRETTORE DEI LAVORI (Attestazione dello stato dei luoghi; Consegna dei lavori; Accettazione ed impiego di materiali e componenti; Verifica del rispetto degli obblighi dell’esecutore e del subappaltatore; Gestione delle modifiche, variazioni e varianti contrattuali; Contestazioni e riserve; Sospensione dei lavori; Gestione dei sinistri; Ultimazione dei lavori; Assistenza al collaudo) - CONTABILITÀ DEI LAVORI PUBBLICI (Controllo amministrativo contabile dei lavori; Documenti contabili; Forma e modalità di tenuta dei documenti di contabilità ; Contabilità semplificata).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Emanuela Greco
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 50 milioni di Euro

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di lavori complessi di importo pari o superiore a 15 milioni di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di qualsiasi importo

  • Appalti e contratti pubblici
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore a 1 milione di Euro

  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Appalti e contratti pubblici

Obbligo BIM nei progetti di importo pari o superiore alla soglia comunitaria

24/06/2019

21/06/2019