FAST FIND : NR34839

L. R. Basilicata 08/01/2016, n. 1

Istituzione dell’Ente di governo per i rifiuti e le risorse idriche della Basilicata (E.G.R.I.B.).
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 04/03/2016, n. 5
- L.R. 05/08/2016, n. 19
- L.R. 02/12/2016, n. 22
- L.R. 24/07/2017, n. 19
- L.R. 30/12/2017, n. 39
- L.R. 29/06/2018, n. 11
- L.R. 24/09/2018, n. 25
Scarica il pdf completo
2344863 4944712
Art. 1 - Finalità

1. Al fine di procedere al riordino ed efficientamento delle funzioni di programmazione, pianificazione e controllo dell'uso delle risorse idriche, al riordino della disciplina regionale sulla gestione del Servizio Idrico Integrato e sulla Gestione Integrata dei Rifiuti, in linea con quanto disposto dal D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 ed in attuazione dell'articolo 21 della legge regionale 27 gennaio 2015, n. 4, è istituito un unico ente denominato "Ente di Governo per i Rifiuti e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944713
Art. 2 - Ambito territoriale ottimale

1. Ai fini di cui all'articolo 1, comma 1, l'intero territorio regionale della Basili

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944714
Art. 3 - Entrate dell'E.G.R.I.B.

1. Costituiscono entrate dell'E.G.R.I.B.:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944715
Art. 4 - Organi

1. Sono organi dell'E.G.R.I.B.:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944716
Art. 5 - Assemblea - Presidente dell'Assemblea

1. L'Assemblea è composta dai Sindaci dei Comuni o loro delegati ricadenti nell'Ambito Territoriale Ottimale, dai Presidenti delle Province o loro delegati e dal Presidente della Regione o suo delegato.

2. Entro 60 giorni dall'entrata in vigore della presente legge gli enti locali di cui al comma 1 deliberano, secondo le previsioni dei rispettivi ordinamenti, la propria adesione all'E.G.R.I.B.

3. Decorso inutilmente il termine di cui al comma precedente il Presidente della Regione esercita, previa diffida all'ente locale ad ad

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944717
Art. 6 - Funzioni dell'Assemblea

1. L'Assemblea svolge funzioni di indirizzo e controllo sulle funzioni di attività di cui all'articolo 1, comma 2, lett. b) e c), attraverso:

a) lo svolgimento delle funzioni già attribuite alla Conferenza Interistituzionale Idrica, già Autorità d'Ambito del Servizio Idrico Integrato, secondo quanto previsto dalla legge regionale 23 dicembre 1996, n. 63 e ss.mm.ii., nonché quelle previste per l'ente di governo dell'ambito dal D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 e ss.mm.ii. in materia di Servizio Idrico Integrato in coerenza con gli Accordi di Programma Quadro (APQ) relativi alla risorsa idrica e in particolare:

1) approva il modello di gestione e le modalità di affidamento del servizio;

2. predispone la convenzione-tipo che regola il rapporto con il soggetto gestore del ser

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944718
Art. 7 - Amministratore unico

1. L'Amministratore unico è nominato dalla Giunta regionale ed è prescelto tra professionisti, esperti o dirigenti pubblici in possesso di elevata competenza nei settori di riferimento. Il relativo rapporto di lavoro &

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944719
Art. 8 - Funzioni dell'Amministratore unico

1. L'Amministratore unico ha la rappresentanza legale dell'E.G.R.I.B. ed ha la responsabilità dell'organizzazione interna e del funzionamento dell'ente, coordinandone la struttura operativa, e provvede in particolare:

a) al governo della risorsa idrica attraverso:

1) la proposta di definizione di Accordi di Programma per l'utilizzazione della risorsa idrica nel settore civile, industriale e agricolo;

2) il concorso alla determinazione della tariffa dell'acqua all'ingrosso (comprendente i costi industriali, i costi ambientali ed i costi della risorsa) nel rispetto delle norme di settore;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944720
Art. 9 - Revisore unico

1. Il Revisore unico è nominato “dal Consiglio regionale”

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944721
Art. 10 - Separazione dell'attività di programmazione da quella di gestione

1. L'E.G.R.I.B. è articolato in maniera tale da separare l'attività di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944722
Art. 11 - Piani d'Ambito

1. I Piani d'Ambito per il Servizio Idrico Integrato e per il Servizio di Gestione Integrata dei Rifiuti Urbani si compongono degli atti e dei contenuti di cui agli artt. 149 e 199 del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152 e ss.mm.ii..

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944723
Art. 12 - Articolazione organizzativa dell'E.G.R.I.B.

1. L'E.G.R.I.B. è dotato di un proprio ruolo organico a cui si applica lo stato giuridico ed il trattamento economico dei contratti collettivi nazionali di lavoro che trovano applicazione per i dipendenti del comparto Regioni autonomie locali.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944724
Art. 13 - Norme transitorie

1. Fino all'effettivo insediamento degli organi dell'E.G.R.I.B. le attività volte alla costituzione dell'Ente ed alla gestione provvisoria, in particolare lo svolgimento delle funzioni di cui all'articolo 1, comma 2, lett. a), sono attribuite, con apposito provvedimento della Giunta regionale, ad un Commissario straordinario in possesso dei requisiti previsti dall'articolo 7, comma 1. Al Commissario spetta il compenso dell'Amministratore unico da determinarsi previamente ai sensi dell'art. 7, comma 2.

2. Gli organi dell'E.G.R.I.B. sono costituiti entro il 31 marzo 2016.

3. Alla data del 1° aprile 2016 la Conferenza Interistituzio

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944725
Art. 14 - Controllo e vigilanza

1. Gli atti di cui all'articolo 6, comma 2, lett. b)

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944726
Art. 15 - Norma finanziaria

1. Per gli anni 2016 e 2017 "e l'anno 2018"N11, alla copertura degli oneri relativi al contributo regionale di funzionamento dell'Ente, derivanti dall'applicazione della presente legge, stimat

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944727
Art. 16 - Abrogazioni

1. Le disposizioni della disciplina regionale incompatibili con quelle di cui alla pr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2344863 4944728
Art. 17 - Entrata in vigore

1. La presente legge è dichiarata urgente ed entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Basilicata.


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Puglia: contributi per la rimozione di rifiuti dalle aree costiere

È di 4 milioni di euro la spesa autorizzata per sostenere i Comuni nelle attività volte alla rimozione di rifiuti presenti su aree costiere. La Regione Puglia è tra le regioni italiane con maggiore sviluppo costiero (circa 900 km), oltre che una regione notoriamente ad altissima vocazione turistica. Nel bando sono stabiliti i criteri e le modalità per l’attribuzione delle risorse che prevedono il 75% delle risorse ripartito tra tutti i Comuni costieri pugliesi in modo direttamente proporzionale rispetto ai metri lineari di costa ed il restante 25% distribuito, invece, ai Comuni costieri pugliesi dove sono presenti aree naturali protette. L’importo massimo concedibile del contributo è pari a 150 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Rifiuti

Rifiuti, non rifiuti e sottoprodotti: definizione, classificazione, normativa di riferimento

RIFIUTI, NON RIFIUTI E SOTTOPRODOTTI (Rifiuti; Non rifiuti (esclusioni dal campo di applicazione della parte IV del D. Leg.vo 152/2006); Sottoprodotti) - CESSAZIONE DELLA QUALITÀ DI RIFIUTO, RECUPERO (Condizioni per la cessazione della qualità di rifiuto; Normativa di riferimento per il recupero di rifiuti) - LE CONDIZIONI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO (Condizioni per la qualifica di sottoprodotto; Dimostrazione dei requisiti per la qualifica dei residui di produzione come sottoprodotti) - CRITERI PER LA QUALIFICAZIONE COME SOTTOPRODOTTO DI SPECIFICHE TIPOLOGIE DI SOSTANZE.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Provvidenze
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Finanza pubblica

Sicilia: contributi ai comuni per il compostaggio dei rifiuti organici

Aiuti ai Comuni della Regione Sicilia che realizzano le azioni previste nei piani di prevenzione e promuovono la diffusione di pratiche di compostaggio domestico e di comunità. Il bando stanzia 16 milioni di euro per la concessione di agevolazioni in favore dei Comuni, anche nelle forme associative regolarmente costituite (Ambiti di raccolta ottimali), per il sostegno alle attività di compostaggio di prossimità dei rifiuti organici. L'obiettivo è ridurre la quantità di rifiuti organici da far gestire alle ditte di raccolta e trasporto dei Comuni e da avviare a trattamento o smaltimento finale negli impianti industriali, recuperando matrici organiche dei rifiuti urbani e trasformandole in compost di qualità.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Rifiuti
  • Provvidenze
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Sicilia: 21,4 milioni di euro ai Comuni per i centri di raccolta differenziata

Il bando mette a disposizione dei Comuni risorse per un importo pari a 21,4 milioni di euro per realizzare nuovi centri di raccolta dei rifiuti o potenziare e adeguare quelli già esistenti. I Comuni possono partecipare da soli o associandosi tra di loro e ogni progetto potrà ricevere un massimo di 800 mila euro per gli impianti da costruire ex novo e fino a 300 mila euro per gli interventi di ristrutturazione.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Rifiuti
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Disciplina delle terre e rocce da scavo: sintesi operativa dopo il D.P.R. 120/2017

DEFINIZIONE E CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA Definizione di “terre e rocce da scavo”; Categorie di terre e rocce da scavo; Materiali provenienti da demolizioni; Immersione in mare di materiale derivante da attività di escavo e attività di posa in mare di cavi e condotte - SUOLO ESCAVATO ALLO STATO NATURALE UTILIZZATO IN SITU Riutilizzo in situ del suolo escavato naturale; Suolo naturale nel quale siano presenti “materiali di riporto”; Piano preliminare di utilizzo in sito delle terre e rocce da scavo per opere sottoposte a VIA - CONDIZIONI PER QUALIFICARE LE TERRE E ROCCE DA SCAVO COME “SOTTOPRODOTTI” Condizioni comuni a tutti i cantieri; Terre e rocce da scavo nelle quali siano presenti “materiali di riporto”; Onere di attestazione del corretto avvenuto utilizzo; Cantieri con oltre 6.000 mc di scavo per opere soggette a VIA o AIA; Cantieri con meno di 6.000 mc di scavo per opere non soggette a VIA o AIA; Cantieri con oltre 6.000 mc di scavo per opere non soggette a VIA o AIA; Trasporto delle terre e rocce qualificate sottoprodotti - TERRE E ROCCE DA SCAVO QUALIFICABILI COME “RIFIUTI”; Condizioni al cui verificarsi le terre e rocce da scavo sono qualificate “rifiuti”; Deposito temporaneo delle terre e rocce da scavo qualificate rifiuti - TERRE E ROCCE DA SCAVO IN SITI CONTAMINATI Attività di scavo in siti oggetto di bonifica; Piano dettagliato e campionamento del suolo; Piano operativo; Utilizzo delle terre e rocce scavate nel sito; Presenza di “materiali di riporto” - ATTUAZIONE E LINEE GUIDA.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Rifiuti
  • Albo nazionale dei gestori ambientali
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Regime transitorio responsabili tecnici imprese iscritte Albo gestori ambientali

  • Scarichi ed acque reflue
  • Acque
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Toscana, scarichi: conclusione degli interventi di realizzazione o adeguamento

  • Demanio idrico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Acque
  • Demanio
  • Pubblica Amministrazione

Scadenza concessioni demaniali per finalità turistico-ricreative e varie