31 dic 2018

FAST FIND : SC812

Ultimo aggiornamento
12/01/2018

Scadenza ulteriore incentivo impianti a biomasse, biogas e bioliquidi che hanno cessato gli incentivi

La L. 208/2015 (art. 1, comma 149, come modificato dall'art. 1 della L. 205/2017, comma 588) dispone che agli impianti di produzione di energia elettrica di impianti alimentati da biomasse, biogas e bioliquidi sostenibili, che hanno cessato al 01/01/2016 o cessano entro il 31/12/2018 di beneficiare di incentivi sull’energia prodotta è concesso un diritto a fruire, per cinque anni dal rientro in esercizio degli impianti, di un ulteriore incentivo all’energia prodotta (in alternativa all’integrazione dei ricavi prevista dall’art. 24 del D. Leg.vo 28/2011, comma 8, a favore degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili eserciti in assenza di incentivi).

Il comma 150 dispone che tale incentivo è pari all’80% di quello riconosciuto dal primo periodo del comma 1 dell'art. 19 del D.M. 06/07/2012 agli impianti di nuova costruzione e di pari potenza, ed è erogato dal GSE secondo le modalità fissate dallo stesso D.M., a partire dal giorno successivo alla cessazione del precedente incentivo, qualora tale data sia successiva al 31/12/2015, ovvero a partire dal 01/01/2016 se la data di cessazione del precedente incentivo è antecedente.

L’erogazione dell’incentivo è subordinata alla decisione favorevole della Commissione Europea in esito alla notifica del regime di aiuto di cui al successivo comma 151. Secondo tale comma (come modificato dall'art. 57-ter del D.L. 50/2017 che ha prorogato il termine), entro il 31/12/2018, i produttori interessati devono fornire al Ministero dello sviluppo economico le autorizzazioni di legge possedute per l’esercizio dell’impianto, la perizia asseverata di un tecnico attestante il buono stato di uso e di produttività dell’impianto e il piano di approvvigionamento delle materie prime, nonché gli altri elementi per la notifica alla Commissione UE del regime di aiuto ai fini della verifica dello stesso con la disciplina in materia di aiuti di Stato a favore dell’ambiente e dell’energia 2014-2020 (Comunicazione 2014/C 200/01).

Il termine in questione è stato prorogato dalla L. 205/2017, per coordinamento con il prolungamento del termine per la cessazione degli impianti al 31/12/2018.

Dalla redazione

  • Provvidenze
  • Edilizia scolastica
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica

Contributi agli enti locali per la messa in sicurezza degli edifici scolastici

La misura prevede la concessione di contributi agli enti locali per la progettazione di interventi per la messa in sicurezza degli edifici scolastici. La dotazione finanziaria è pari a 5 milioni di euro. L’importo del contributo può arrivare fino all'8% dell’importo presunto dei lavori per ogni edificio scolastico.
A cura di:
  • Emanuela Greco
  • Impiantistica
  • Finanza pubblica
  • Energia e risparmio energetico
  • Imprese
  • Provvidenze
  • Fonti alternative
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili

Abruzzo: fondi alle imprese per impianti da fonti rinnovabili ed efficientamento energetico

Il bando intende sostenere, con aiuti in regime di esenzione, le imprese che, all'interno di unità operative ubicate nel territorio regionale, realizzino investimenti per l’autoconsumo, volti all'efficientamento energetico o alla produzione di energia proveniente da fonti rinnovabili da parte delle PMI e, per le Grandi imprese, all'installazione di impianti di cogenerazione/trigenerazione ad alto rendimento.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Pubblica Amministrazione
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Amianto - Dismissione e bonifica
  • Enti locali

Piemonte: 2 milioni di euro per la rimozione dell’amianto dagli edifici pubblici

Il bando è aperto ai Comuni piemontesi, e prevede la disponibilità di oltre 2 milioni di euro. Le risorse saranno assegnate per contribuire alla bonifica, mediante rimozione, di edifici e strutture di proprietà comunale con manufatti contenenti amianto. Gli interventi dovranno essere realizzati dai Comuni beneficiari del contributo entro il 30/11/2020. Il finanziamento regionale coprirà il 100% dell'importo netto dei costi di bonifica e dei costi per il ripristino, strettamente conseguenti alla rimozione dei manufatti contenenti amianto, oltre all'importo netto degli oneri per la sicurezza.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti
  • Provvidenze
  • Finanza pubblica
  • Infrastrutture e opere pubbliche

Umbria: interventi di manutenzione straordinaria di strade comunali e relative pertinenze

Il bando sostiene i Comuni umbri attraverso un contributo agli investimenti finalizzato a cofinanziare interventi di manutenzione straordinaria delle strade comunali e relative pertinenze. L’obiettivo è quello del miglioramento delle condizioni di sicurezza dell’infrastruttura e degli utenti. Le risorse previste per gli anni 2019 e 2020 ammontano a Euro 1.500.000,00.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Imprese

Lombardia: contributi alle imprese per l'innovazione dei processi produttivi

La Regione Lombardia promuove un bando per erogare contributi a favore delle micro e piccole imprese edili, manifatturiere e dell'artigianato. L'obiettivo è quello di stimolare investimenti finalizzati all'ottimizzazione e all'innovazione dei processi produttivi. La dotazione finanziaria complessiva è di 6 milioni di euro. Sono ammessi a contributo i costi relativi all'acquisto e l'installazione di macchinari, hardware e software, opere murarie. L'agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari al 40% delle spese sostenute, nel limite massimo di 30 mila euro.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Appalti e contratti pubblici
  • Pubblica Amministrazione
  • Autorità di vigilanza

Pubblicazione attestazioni OIV 2019

  • Inquinamento atmosferico
  • Impiantistica
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Gas fluorurati a effetto serra: obblighi di comunicazione alla banca dati e tenuta dei registri

  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impiantistica
  • Inquinamento atmosferico

Gas fluorurati a effetto serra: obblighi di comunicazione alla banca dati e tenuta dei registri