31 dic 2018

FAST FIND : SC812

Ultimo aggiornamento
12/01/2018

Scadenza ulteriore incentivo impianti a biomasse, biogas e bioliquidi che hanno cessato gli incentivi

La L. 208/2015 (art. 1, comma 149, come modificato dall'art. 1 della L. 205/2017, comma 588) dispone che agli impianti di produzione di energia elettrica di impianti alimentati da biomasse, biogas e bioliquidi sostenibili, che hanno cessato al 01/01/2016 o cessano entro il 31/12/2018 di beneficiare di incentivi sull’energia prodotta è concesso un diritto a fruire, per cinque anni dal rientro in esercizio degli impianti, di un ulteriore incentivo all’energia prodotta (in alternativa all’integrazione dei ricavi prevista dall’art. 24 del D. Leg.vo 28/2011, comma 8, a favore degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili eserciti in assenza di incentivi).

Il comma 150 dispone che tale incentivo è pari all’80% di quello riconosciuto dal primo periodo del comma 1 dell'art. 19 del D.M. 06/07/2012 agli impianti di nuova costruzione e di pari potenza, ed è erogato dal GSE secondo le modalità fissate dallo stesso D.M., a partire dal giorno successivo alla cessazione del precedente incentivo, qualora tale data sia successiva al 31/12/2015, ovvero a partire dal 01/01/2016 se la data di cessazione del precedente incentivo è antecedente.

L’erogazione dell’incentivo è subordinata alla decisione favorevole della Commissione Europea in esito alla notifica del regime di aiuto di cui al successivo comma 151. Secondo tale comma (come modificato dall'art. 57-ter del D.L. 50/2017 che ha prorogato il termine), entro il 31/12/2018, i produttori interessati devono fornire al Ministero dello sviluppo economico le autorizzazioni di legge possedute per l’esercizio dell’impianto, la perizia asseverata di un tecnico attestante il buono stato di uso e di produttività dell’impianto e il piano di approvvigionamento delle materie prime, nonché gli altri elementi per la notifica alla Commissione UE del regime di aiuto ai fini della verifica dello stesso con la disciplina in materia di aiuti di Stato a favore dell’ambiente e dell’energia 2014-2020 (Comunicazione 2014/C 200/01).

Il termine in questione è stato prorogato dalla L. 205/2017, per coordinamento con il prolungamento del termine per la cessazione degli impianti al 31/12/2018.

Dalla redazione

I controlli e le sanzioni in materia di incentivi per le fonti rinnovabili

Breve informativa sui controlli e sulle conseguenze di eventuali violazioni delle norme previste per l’accesso agli incentivi per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili. L’art. 57-quater del D.L. 24/04/2017, n. 50, ha introdotto una sostanziale deroga alla disciplina vigente finalizzata alla salvaguardia della produzione di energia da impianti fotovoltaici di potenza superiore a 3 kW.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

La Legge di Stabilità 2016 comma per comma

Analisi sintetica e puntuale di tutte le disposizioni di interesse del settore tecnico contenute nella Legge di Stabilità 2016 (L. 28 dicembre 2015, n. 208), con rinvio ad approfondimenti sulle novità di maggiore rilievo.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Autorizzazioni, vita tecnica e revisioni degli impianti funicolari aerei e terrestri

A seguito dell'emanazione del D.M. 01/12/2015, n. 203, presentiamo un approfondimento che riepiloga informa schematica e operativa le regole che disciplinano, a far data dal 22/12/2015, le autorizzazioni alla costruzione ed all’esercizio, la durata della “vita tecnica” e le revisioni degli impianti funicolari aerei e terrestri. Informazioni anche sulla disciplina precedente (D.M. 23/1985, superato dal D.M. 203/2015) e transitoria (art. 31 del D.L. "sblocca Italia" 133/2014).
A cura di:
  • Dino de Paolis

Rendita catastale degli immobili ad uso produttivo, chiarimenti Agenzia Entrate (Nota 60244/2016)

Chiarimenti operativi con riferimento al tema della determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari urbane a destinazione speciale e particolare, censite in catasto nelle categorie dei gruppi D e E, dopo le norme che hanno ridefinito l'oggetto della stima catastale, introducendo sostanziali cambiamenti al pregresso quadro normativo di riferimento (cosiddetta norma "imbullonati").
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Classificazione, regime e procedure per la realizzazione degli interventi edilizi

Con questo articolo si intende fornire un riepilogo, alla luce della normativa nazionale vigente dopo l’entrata in vigore del D. Leg.vo 222/2016, della disciplina dell’attività edilizia: interventi, titoli abilitativi, procedure da seguire. Verranno dunque illustrate le diverse categorie nelle quali l’ordinamento giuridico classifica gli interventi e le opere edilizie, i differenti regimi autorizzativi e le relative procedure amministrative da seguire per la loro realizzazione.
A cura di:
  • Dino de Paolis