FAST FIND : NR34769

L. R. Basilicata 30/12/2015, n. 54

Recepimento dei criteri per il corretto inserimento nel paesaggio e sul territorio degli impianti da fonti di energia rinnovabili ai sensi del D.M. 10.9.2010.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- Avviso di rettifica in B.U. 16/01/2016, n. 2 Parte I
- L.R. 04/03/2016, n. 5
- L.R. 24/07/2017, n. 19
- L.R. 11/09/2017, n. 21
Scarica il pdf completo
2314826 4126771
Art. 1 - Finalità

1. Fatte salve le disposizioni della legge regionale 19 gennaio 2010, n. 1 “Nor

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2314826 4126772
Art. 2 - Criteri e modalità di inserimento

N4

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2314826 4126773
Art. 3 - Aggiornamento, modifiche ed integrazioni

1. La Giunta regionale, sentita la Commissione consiliare competente, ove necessario, provvede, all’aggiornamento, all’integrazione e a qualsiasi modificazione degli allegati indicati nell’art. 2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2314826 4126774
Art. 4 - Norme transitorie e finali

1. Le disposizioni della presente legge si applicano anche ai procedimenti di autoriz

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2314826 4126775
Art. 5 - Pubblicazione

1. La presente legge è dichiarata urgente ed entra in vigore il giorno success

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2314826 4126776
Allegato A (art. 2 comma 1) - Recepimento dei criteri per il corretto inserimento nel paesaggio e sul territorio degli impianti da fonti di energia rinnovabili ai sensi del D.M. 10.09.2010

Premessa

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 219 del 18/9/2010 sono state pubblicate le "Linee guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili" emanate con D.M. 10 settembre 2010 di concerto tra il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in attuazione a quanto previsto dall'art. 12 del D.Lgs. 29 dicembre 2003, n. 387.

Tale decreto demanda alle Regioni il compito di avviare "un'apposita istruttoria avente ad oggetto la ricognizione delle disposizioni volte alla tutela dell'ambiente del paesaggio del patrimonio storico e artistico, delle tradizioni agroalimentari locali, della biodiversità e del paesaggio rurale che identificano obiettivi di protezione non compatibili con l'insediamento in determinate aree di specifiche tipologie e/o dimensioni di impianti...".

Nel 2011, con DGR n. 879/2011 la Regione Basilicata ha approvato lo schema di Protocollo di Intesa con il MIBAC ed il MATIM per la definizione congiunta del PPR, in applicazione dell'art. 143 comma 2 del D.Lgs. n. 42/2004.

L'Intesa è stata firmata in data 14/9/2011 avviando, così, la collaborazione istituzionale con i due Ministeri, con l'impegno a garantire la corretta gestione del territorio, un'efficace ed efficiente tutela e valorizzazione dei suoi caratteri paesaggistici, storici, culturali e naturalistico - ambientali. In particolare, le parti hanno stabilito "di individuare prioritariamente e congiuntamente la metodologia per il riconoscimento delle aree non idonee alla localizzazione degli impianti da fonti rinnovabili, ai sensi del DM Sviluppo economico 10/9/2010 "Linee guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili" sulla base dei criteri di cui all'Allegato 3 paragrafo 17 Criteri per l'individuazione di aree non idonee del citato DM".

In attuazione di dette disposizioni è stata avviata l'istruttoria per l'individuazione delle aree e dei siti non idonei a cura di un apposito Gruppo di Lavoro interistituzionale e interdipartimentale. In tale operazione si è tenuto conto delle peculiarità del territorio conciliando le politiche di tutela dell'ambiente e del paesaggio, del territorio rurale e delle tradizioni agro-alimentari locali con quelle di sviluppo e valorizzazione delle energie rinnovabili.

La metodologia utilizzata, con riferimento all'Allegato 3 del D.M. 10 settembre 2010, ha portato all'individuazione di 4 macro aree tematiche:

1. aree sottoposte a tutela del paesaggio, del patrimonio s torico, artistico e archeologico;

2. aree comprese nel Sistema Ecologico Funzionale Territoriale;

3. aree agricole;

4. aree in dissesto idraulico ed idrogeologico;

Per ciascuna macro area tematica sono state identificate diverse tipologie di beni ed aree ritenute "non idonee" procedendo alla mappatura sia delle aree non idonee già identificate dal PIEAR (L.R. n. 1/ 2010), sia delle aree non idonee di nuova identificazione in attuazione delle linee guida.

Rispetto alle aree già identificate dal PIEAR (L.R. n.1/2010), per alcuni beni sono stati ampliati i buffer di riferimento e riportate le relative motivazioni.

La sovrapposizione delle informazioni, ha consentito la produzione di una cartografia di sintesi che individua siti e aree non idonee all'istallazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili; tali cartografie sono da considerarsi non esaustive per l'indisponibilità in formato vettoriale di alcuni dati. Pertanto in tutti gli ambiti di riferimento risulta necessario porre un particolare livello di attenzione nella redazione dei progetti per l'installazione degli impianti, anche integrando gli elaborati progettuali con appositi studi a scale adeguate riferiti all'insieme delle aree e siti non idonei di seguito considerati.

Risulta altresì necessario porre un particolare livello di attenzione nella valutazione dei progetti che, al fine di garantire il corretto inserimento degli impianti sul territorio, dovrà tener conto della situazione di base - impianti già realizzati - in cui il nuovo intervento dovrà inserirsi e dei potenziali effetti cumulativi del medesimo (anche in termini di co-visibilità) in rapporto ad altri progetti già autorizzati o presentati.

La valutazione cui l'Amministrazione competente è chiamata non può esaurirsi nell'esame del progetto proposto quale fatto a se stante, avulso dal contesto edilizio, ambientale e territoriale di fondo, né da proposte di progetti in territori attigui.


Aree e Siti non idonei

Sono considerati "non idonei" all'installazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili, così come specificate per tipologia e potenza nell'allegato quadro sinottico, le aree e i siti riconducibili alle seguenti macro aree tematiche:


1. Aree sottoposte a tutela del paesaggio, del patrimonio storico, artistico e archeologico

Sono compresi in questa macro area i beni ed ambiti territoriali sottoposti a tutela del paesaggio e del patrimonio storico artistico e archeologico ai sensi del D. Lgs n. 42/2004 e s.m.ii.(Codice dei beni culturali e paesaggio).


1.1. Siti inseriti nel patrimonio mondiale dell' UNESCO

È compreso in questa tipologia il territorio della Basilicata che risulta iscritto nell'elenco dei siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO denominato IT 670 "I Sassi ed il parco delle chiese rupestri di Matera", istituito dal 1993. È previsto un buffer di 8000 mt dal perimetro del sito.


1.2. Beni monumentali

Sono comprese in questa tipologia i beni monumentali individuati e normati dagli artt. 10, 12 e 46 del D. Lgs. n. 42/2004 e s.m.ii. Per i beni monumentali esterni al perimetro dei centri urbani (Ambito Urbano da RU o da Zonizzazione Prg/PdF) si prevede, per gli impianti eolici di grande generazione, un buffer di 3000 mt dal perimetro del manufatto vincolato e, o qualora esistente, dalla relativa area di tutela indiretta. Il buffer si incrementa fino a 10.000 mt nei casi di beni monumentali isolati posti in altura. Per gli impianti fotovoltaici di grande generazione e per i solari termodinamici si prevede un buffer è di 1000 mt.

Si precisa che secondo il PIEAR i siti storico-monumentali ed architettonici sono aree ove non è consentita la realizzazione di impianti eolici di grande generazione per una fascia di rispetto di 1000 mt, di impianti solari termodinamici e fotovoltaici di grande generazione per una fascia di rispetto di 300 mt.


1.3. Beni archeologici

Si precisa che sono da ritenere aree non idonee all'installazione di impianti da fonti rinnovabili, così come specificati nell'allegato quadro sinottico, i siti archeologici menzionati nell'appendice A del PIEAR (L. R. 19 gennaio 2010 n. 1), al V punto del paragrafo 1.2.1.1 in relazione all'eolico, al V punto del paragrafo 2.2.3.1 in riferimento al fotovoltaico e al punto V del paragrafo 2.1.2.1 in riferimento al solare termodinamico; nel primo caso è prevista una fascia di rispetto di 1.000 m.; nel caso degli impianti fotovoltaici e solari termodinamici, invece, la distanza prevista è di 300 m.

Il sito come "traccia archeologica di un'attività antropica" costituisce l'unità territoriale minima, riconoscibile nelle distinte categorie, indicate dall'allegato 3 (par. 17) delle Linee guida, di cui al D.M. 10/09/2010, come criteri di individuazione delle aree non idonee, secondo i seguenti raggruppamenti:

- "aree e beni di notevole

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2314826 4126777
Allegato B

N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2314826 4126778
Allegato C

N2

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
2314826 4126779
Allegato D - Art. 2, comma 1 della legge regionale 30 dicembre 2015, n. 54 “Recepimento dei criteri per il corretto inserimento nel paesaggio e sul territorio degli impianti da fonti di energia rinnovabili ai sensi del D.M. 10 settembre 2010”

N7

Aree idonee e non idonee. Per il corretto inserimento nel paesaggio e sul territorio degli impianti da F.E.R. da 0 a 1 MW.

- Siti patrimonio UNESCO (IT 670 “I Sassi ed il parco delle chiese rupestri di Matera”) – buffer 8000 m

- Beni monumentali esterni al perimetro dei centri urbani (artt. 10, 12 e 46 del D. Lgs. n. 42/2004) – buffer 2000 m

- Beni di interesse archeologico (

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

Calabria: le procedure autorizzative per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili

Dopo il provvedimento con il quale la regione ha esteso la procedura abilitativa semplificata di cui all’art. 6 del D. Leg.vo 28/2011 a tutti gli impianti alimentati da fonti rinnovabili di potenza fino ad 1 MW, facciamo il punto delle procedure in vigore e degli adempimenti in carico ai proponenti ed alle pubbliche amministrazioni.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Guida alle procedure autorizzative per la costruzione e l’esercizio di impianti alimentati da fonti rinnovabili

Questo contributo intende riepilogare e chiarire, attraverso l’analisi del complesso e intricato quadro normativo sulla materia, quali siano i corretti titoli abilitativi da conseguire per la costruzione e l’esercizio sull’intero territorio nazionale di impianti alimentati da fonti di energia rinnovabile. Autorizzazione unica, procedura abilitativa semplificata, comunicazione preventiva ai sensi del TU edilizia, con o senza relazione tecnica asseverata ed elaborati grafici progettuali, comunicazione preventiva ai sensi di altre normative di settore. Riepilogo delle prerogative regionali.
A cura di:
  • Dino de Paolis

Linee Guida impianti a fonti rinnovabili (D.M. 10/09/2010)

Nota illustrativa al D.M. 10/09/2010, che concerne le linee guida per l'autorizzazione alla costruzione ed all'esercizio degli impianti alimentati da fonti rinnovabili.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

Fonti rinnovabili: il nuovo assetto normativo dopo il decreto legislativo 28/2011

Commentiamo le principali disposizioni del nuovo, contestato, decreto legislativo, che rivede profondamente la disciplina normativa sulla promozione delle fonti rinnovabili. Le novità in tema di procedure autorizzatorie, obblighi per edifici nuovi e ristrutturati, certificazione energetica, Conto energia, impianti fotovoltaici a terra nei terreni agricoli.
A cura di:
  • Piero de Paolis

Certificazione energetica e fonti rinnovabili: in Gazzetta il decreto legislativo 28/2011

Conto energia solo fino a maggio, obbligo di rinnovabili negli edifici nuovi, semplificazione per fotovoltaico e solare termico, certificazione energetica.

18/07/2016

31/12/2015

26/09/2017

01/08/2017