FAST FIND : NW3911

Ultimo aggiornamento
07/03/2018

Oscillazione del premio INAIL per andamento infortunistico e nel primo biennio

Oscillazione del premio INAIL per andamento infortunistico e primo biennio di attività; Esclusioni; Tabella dei decreti ministeriali attuativi; Rinvio ad approfondimenti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
2309145 4548134
Oscillazione del premio INAIL per andamento infortunistico e primo biennio di attività

L’art. della L. 147/2013, 1, comma 128, prevede che con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, su proposta dell’INAIL, sia stabilita:

- una riduzione percentuale dell’importo dei premi e contributi dovuti per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, che tenga conto dell’andamento infortunistico aziendale, da applicare per tutte le tipologie di premi e contributi oggetto di riduzione;

- le modalità di applicazione della riduzione a favore delle imprese che abbiano iniziato l'attività da non oltre un biennio, nel rispetto delle norme in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, ai sensi di quanto previsto agli artt. 19 e 20 del D.M. 12/12/2000, che reca le modalità per l’applicazione delle tariffe e per il pagamento dei premi assicurativi.

Le oscillazioni per andamento infortunistico aziendale e per le aziende in attività da non oltre un biennio (cosiddette “seconda oscillazione” e “prima oscillazione”) si aggiungono alla cosiddetta “terza oscillazione”, prevista in relazione agli interventi effettuati per il miglioramento delle condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro, per la quale si rinvia all’articolo Oscillazione del premio INAILper prevenzione (OT/24).


2309145 4548135
Esclusioni

Sono comunque esclusi dalla riduzione i premi e i contributi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali previsti dalle seguenti disposizioni:

- art. 8 della L. 03/12/1999, n. 493 (lavoratori domestici);

- art. 72 del D. Leg.vo 10/09/2003, n. 276 (lavoro accessorio - si segnala peraltro che il menzionato articolo è stato abrogato e superato dall’art. 49 del D. Leg.vo 81/2015, cui occorre ora fare riferimento);

- D.M. 28/03/2007 che attua l’art. 1 della L. 27/12/2006, n. 296, comma 773 (apprendistato);

- art. 5 del D.P.R. 31/12/1971, n. 1403 (lavoratori addetti ai servizi domestici e familiari e lavoratori addetti a servizi di riassetto e di pulizia dei locali).


2309145 4548136
Tabella dei decreti ministeriali attuativi

Le percentuali di riduzione e le modalità attuative delle disposizioni sopra illustrate sono state adottate con i provvedimenti sotto indicati in tabella.


ANNO

DECRETO

PROVV. INAIL

OSCILLAZIONE

2014

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 22/04/2014

Determina INAIL 67/2014

14,67%

2015

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 14/01/2015

Determina INAIL 327/2014

15,38%

2016

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 30/09/2015

Determina INAIL 283/2015

16,61%

2017

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 09/11/2016

Determina INAIL 307/2016

16,48%

2018

D. Min. Lavoro e Pol. Soc. 12/02/2018

Determina INAIL 388/2017

15,81%


2309145 4548137
Rinvio ad approfondimenti

Si rinvia per dettagli alle pagine dedicate sul sito dell’INAIL:

- Oscillazione per andamento infortunistico

- Oscillazione primo biennio

legislazionetecnica.it

Riproduzione riservata

Dalla redazione

  • Fisco e Previdenza
  • Lavoro e pensioni
  • Assicurazione obbligatoria infortuni sul lavoro e malattie professionali

Oscillazione del premio INAILper prevenzione (OT/24)

Oscillazione del premio INAIL per prevenzione (OT/24); Condizioni per l’ottenimento; Percentuali di oscillazione; Rinvio ad approfondimenti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Lavoro e pensioni
  • Fisco e Previdenza

INPS - Gestione separata. Aliquote, massimale e minimale (aggiornamento 2017)

La Circolare n. 21 del 31/01/2017 dell'INPS riepiloga quali sono le aliquote contributive e di computo, il massimale annuo di reddito ed il minimale per l'accredito contributivo per il 2017.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Fisco e Previdenza
  • Imposte sul reddito

Rivalutazione dei terreni edificabili e agricoli e delle partecipazioni non negoziate

DISCIPLINA NORMATIVA SULLA RIVALUTAZIONE DEI TERRENI (Regole generali del meccanismo e vantaggi; Dettagli della disciplina; Tempistiche e termini di scadenza e aliquota d’imposta; Recupero delle imposte pagate in eventuali precedenti rivalutazioni; Esempi pratici applicativi) - PRINCIPALI INDICAZIONI DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE (Versamento effettuato oltre la scadenza; Mancato utilizzo del valore rivalutato; Mancato versamento delle rate successive; Giuramento perizia successivo all’atto; Omessa indicazione del valore rivalutato nell’atto; Ulteriori precisazioni varie) - VALUTAZIONI DI CONVENIENZA (Variabili di convenienza generali; Valutazioni in caso di trasferimento di diritti reali di godimento; Riepilogo delle variabili di convenienza) - RIVALUTAZIONE DI PARTECIPAZIONI SOCIETARIE - MODALITÀ DI VERSAMENTO E INDICAZIONE IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI.
A cura di:
  • Stefano Baruzzi
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Federalismo fiscale
  • Fisco e Previdenza
  • Finanza pubblica
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)

La tassa sui rifiuti (TARI) e il tributo per i servizi indivisibili (TASI)

Premessa, la riforma della fiscalità immobiliare locale nel 2014; La tassa sui rifiuti, TARI (scopo, presupposto impositivo, soggetti tenuti al pagamento, base imponibile, esclusione superfici in cui si formano rifiuti speciali, tariffa TARI fissata dal Comune, riduzioni tariffarie, modalità di calcolo, dichiarazione); Il tributo per i servizi indivisibili, TASI (scopo, presupposto impositivo, esclusioni, soggetti tenuti al pagamento; locazione finanziaria e TASI, detenzione temporanea dell’immobile e TASI, base imponibile, modalità di calcolo e dichiarazione, TASI e “immobili merce” delle imprese edili e immobiliari, dichiarazione).
A cura di:
  • Massimo Pipino
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Fisco e Previdenza

Erroneo versamento di tributi locali: cosa deve fare il contribuente

In questo articolo viene data informativa sugli adempimenti che il contribuente deve porre in essere in caso di erroneo versamento dell’IMU, inteso come versamento a un comune diverso da quello destinatario dell’imposta, versamento per importi superiori al dovuto, versamento allo Stato della quota dovuta ai comuni e viceversa. Il D.M. 24/02/2016 e la successiva Circolare 14/04/2016, n. 1/DF hanno definito adempimenti e procedure.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica

08/06/2018

23/05/2018

15/05/2018

19/04/2018