FAST FIND : NW3908

Ultimo aggiornamento
15/12/2015

Norme tecniche per la sicurezza degli impianti a gas

Approvate nuove norme tecniche per la salvaguardia della sicurezza relativamente a materiali, apparecchi, installazioni ed impianti alimentati con gas combustibile ed all’odorizzazione degli stessi, in attuazione della L. 1083/1971 e del D.P.R. 661/1996. Elenco riepilogativo delle norme tecniche approvate e tuttora valide.
A cura di:
  • Alfonso Mancini

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 03/12/2015, n. 282 è stato pubblicato il D. Min. Sviluppo Econ. 30/09/2015, che reca “Approvazione delle norme tecniche per la salvaguardia della sicurezza relativamente ai materiali, agli apparecchi, alle installazioni e agli impianti alimentati con gas combustibile e all'odorizzazione del gas”.

Il provvedimento attua la L. 06/12/1971, n. 1083 (Norme per la sicurezza dell'impiego del gas combustibile), la quale prescrive all’art. 1 che, per esigenze di salvaguardia della sicurezza, tutti i materiali, gli apparecchi, le installazioni e gli impianti alimentati con gas combustibile per uso domestico ed usi similari devono essere realizzati secondo le regole specifiche della “buona tecnica”.
È la stessa L. 1083/1971, all’art. 3, a chiarire che si considerano conformi alle regole della “buona tecnica” per la sicurezza i materiali, gli apparecchi, le installazioni e gli impianti alimentati con gas combustibile per uso domestico realizzati secondo le norme specifiche per la sicurezza pubblicate dall'ente nazionale di unificazione (UNI) in tabelle con la denominazione “UNI-CIG”. Dette norme sono approvate con decreto del Ministro per l'industria, il commercio e l'artigianato (ora Ministro dello sviluppo economico).

Il provvedimento attua altresì il D.P.R. 15/11/1996, n. 661 (Regolamento per l'attuazione della direttiva 90/396/CEE concernente gli apparecchi a gas) il quale tratta, tra gli altri, gli apparecchi utilizzati per la cottura, il riscaldamento, la produzione di acqua calda, il raffreddamento, l'illuminazione ed il lavaggio, che bruciano combustibili gassosi e hanno una temperatura normale dell'acqua, se impiegata, non superiore a 105 gradi centigradi, cui sono assimilati i bruciatori ad aria soffiata nonché i corpi di scambio di calore destinati ad essere attrezzati con tali bruciatori (art. 1, comma 1, lettera a)). Secondo il D.P.R. 661/1996 in questione, gli apparecchi di cui sopra devono soddisfare i requisiti essenziali che sono loro applicabili, e che figurano nell'Allegato I del D.P.R. 661/1996; si presumono conformi ai suddetti requisiti essenziali gli apparecchi e dispositivi fabbricati in conformità:

  • alle norme nazionali che li riguardano e che recepiscono le norme armonizzate i cui riferimenti sono pubblicati nella Gazzetta ufficiale delle Comunità europee;
  • alle norme nazionali che li riguardano, nei settori in cui norme armonizzate non siano state ancora emanate.

Anche le norme previste dal D.P.R. 661/1996 sono individuate con decreto del Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato (ora Ministro dello sviluppo economico), nonché di concerto con il Ministro dell'interno per quanto riguarda gli aspetti relativi alla sicurezza degli incendi.
Ai fini di cui alla L. 1083/1971, per gli apparecchi trattati dal D.P.R. 661/1996 sopra elencati, si considerano regole specifiche di buona tecnica per la sicurezza unicamente quelle previste dal medesimo D.P.R. 661/1996.

Il provvedimento contiene altresì in allegato un elenco riepilogativo delle norme tecniche approvate ai sensi della L. 1083/1971 e del D.P.R. 661/1996, da ritenersi tuttora valide.

Dalla redazione

  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti tecnici e tecnologici
  • Impiantistica
  • Sicurezza

Norme per la sicurezza degli impianti: guida all'applicazione del D.M. 37/2008

Quadro normativo di riferimento - Campo di applicazione - Soggetti coinvolti nell’applicazione delle norme: Imprese abilitate e iter per l’autorizzazione, Responsabili tecnici delle imprese: requisiti richiesti e differenze con la normativa previgente, Ruolo dei liberi professionisti, Committenti o proprietari e relativi obblighi - Attività e obblighi previsti: Progettazione degli impianti, Realizzazione, installazione e manutenzione degli impianti, Apposizione di cartello informativo, Dichiarazione di conformità, Dichiarazione di rispondenza, Altri adempimenti burocratici ed obblighi documentali Obblighi in caso di trasferimento di un immobile.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Sicurezza
  • Urbanistica
  • Fisco e Previdenza
  • Impiantistica
  • Pubblica Amministrazione
  • Prevenzione Incendi
  • Protezione civile
  • Edilizia e immobili
  • Finanza pubblica
  • Edilizia scolastica
  • Energia e risparmio energetico
  • Provvedimenti di proroga termini
  • Lavoro e pensioni
  • Demanio idrico
  • Mercato del gas e dell'energia
  • Tracciabilità
  • Impatto ambientale - Autorizzazioni e procedure
  • Rifiuti
  • Beni culturali e paesaggio
  • Fiscalità immobiliare locale (IMU-TARI-TASI)
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Terremoto Abruzzo
  • Terremoto Centro Italia 2016
  • Terremoto Emilia Romagna, Lombardia e Veneto
  • Accise
  • Acque
  • Patrimonio immobiliare pubblico
  • Uffici e luoghi di lavoro
  • Pianificazione del territorio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Scuole
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Appalti e contratti pubblici
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Enti locali
  • Calamità/Terremoti
  • Commercio e mercati
  • Avvisi e bandi di gara
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Tutti i termini prorogati dal Decreto-Legge “Milleproroghe” 244/2016 (L. 19/2017)

Rassegna completa di tutti i termini in scadenza di interesse di professionisti tecnici, enti e pubbliche amministrazioni, imprese, prorogati dal consueto decreto-legge “Milleproroghe” (D.L. 244/2016 convertito in legge dalla L. 19/2017). Prevenzione incendi; Protezione civile, calamità e terremoti; Appalti, opere e infrastrutture; Pubblica amministrazione; Ambiente, fonti rinnovabili e sicurezza sul lavoro; Varie.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Costruzioni in zone sismiche
  • Distanze tra le costruzioni
  • Cave, miniere e attività estrattive
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Impianti tecnici e tecnologici
  • Informatica
  • Pianificazione del territorio
  • Abusi e reati edilizi - Condono e sanatoria
  • Beni culturali e paesaggio
  • Edilizia e immobili
  • Piano Casa
  • Norme tecniche
  • Impiantistica
  • Sicurezza
  • Urbanistica

Sicilia, recepimento del Testo Unico dell’edilizia

Con la legge 10/08/2016, n. 16, pubblicata sulla G.U. 19/08/2016, n. 36 Suppl. Ord., la Regione Sicilia ha recepito il Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (D.P.R. 06/06/2001, n. 380). Disponibile il Testo Unico dell'edilizia per la Regione Sicilia elaborato da Legislazione Tecnica.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Impiantistica
  • Prevenzione Incendi
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Inquinamento atmosferico
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento

Impianti termici civili: requisiti tecnici, limiti di emissione, abilitazione alla conduzione, soggetti coinvolti, obblighi e sanzioni

Approfondimento aggiornato al D. Leg.vo 183/2017. Definizione di impianti termici civili; Requisiti tecnici e costruttivi; Abilitazione alla conduzione degli impianti; Valori limite di emissione degli impianti termici civili e controlli; Obblighi del produttore, del fabbricante e dell’installatore; Sanzioni.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Incidenti rilevanti
  • Oli minerali e gas
  • Sicurezza in atmosfera esplosiva
  • Prevenzione Incendi
  • Sicurezza

Depositi di gas naturale e biogas: regola tecnica prevenzione incendi

Adottata con il D.M. 03/02/2016 - in vigore dal 12/05/2016 - la nuova regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio di depositi di gas naturale di superficie con densità non superiore a 0,8; depositi di biogas, anche se con densità superiore a 0,8. Entrata in vigore, abrogazioni, altre norme applicabili, campo di applicazione, esclusioni.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Energia e risparmio energetico
  • Certificazione energetica
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Efficienza e risparmio energetico
  • Impiantistica
  • Professioni

Puglia: obbligo di formazione dei certificatori energetici

  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Fonti alternative
  • Impiantistica
  • Professioni
  • Energia e risparmio energetico

Toscana, formazione installatori impianti alimentati da FER: avvio e proroga termine

  • Impiantistica
  • Professioni
  • Esercizio, ordinamento e deontologia
  • Impianti alimentati da fonti rinnovabili
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Fonti alternative
  • Energia e risparmio energetico

Piemonte, formazione installatori impianti alimentati da FER: scadenza e proroga termine