FAST FIND : NR5252

L. R. Basilicata 11/08/1999, n. 23

Tutela, Governo ed uso del Territorio.
Testo coordinato con le modifiche introdotte da:
- L.R. 31/10/2001, n. 38
- L.R. 04/01/2002, n. 3
- L.R. 04/02/2003, n. 7
- L.R. 23/04/2003, n. 13
- L.R. 02/02/2004, n. 1
- L.R. 02/02/2006, n. 1
- L.R. 30/01/2007, n. 1
- L.R. 28/12/2007, n. 28
- L.R. 27/06/2008, n. 11
- L.R. 06/08/2008, n. 20
- L.R. 24/12/2008, n. 31
- L.R. 07/08/2009, n. 27
- L.R. 30/12/2009, n. 42
- L.R. 03/12/2012, n. 25
- L.R. 30/04/2014, n. 7
- L.R. 27/01/2015, n. 4
- L.R. 24/07/2017, n. 19
- L.R. 29/06/2018, n. 11
Scarica il pdf completo
22397 4799224
TITOLO I - PIANIFICAZIONE TERRITORIALE ED URBANISTICA


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799225
CAPO 1° - FINALITÀ, OGGETTI E REGIMI URBANISTICI DELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE ED URBANISTICA (PT ED U)


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799226
Art. 1. - Finalità e campo di applicazione

1. La pianificazione territoriale ed urbanistica (PT ed U), quale parte organica e sostanziale della programmazione regionale, persegue, attraverso le modalità, le procedure e le strutture operative definite nella presente legge ed in riferimento a principi di trasparenza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799227
Art. 2. - Oggetti della PT ed U

1) Sono Oggetti della PT ed U i sistemi naturalistico-ambientale, insediativo e relazionale della Regione Basilicata:

a. Il Sistema Naturalistico-Ambientale (SNA) costituito dall'intero territorio regionale non interessato dagli insediamenti e/o dalle reti dell'armatura urbana ma con gli stessi interagente nei processi di trasformazione, conservazione e riqualificazione territoriale;

b. Il Sistema Insediativo (SI) costituito dagli insediamenti urbani, periurbani e diffusi, industriali/artigianali, agricolo/produttivi;

c. Il Sistema Relazionale (SR) costituito dalle reti della viabilità stradale, ferroviaria; dalle reti di distribuzione energetica, delle comunicazioni, dei porti ed aeroporti.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799228
Art. 3. - Regimi della PT ed U

1) La PT ed U si attua attraverso il riconoscimento, la valutazione e la previsione dei seguenti Regimi:


A - Regimi di Intervento, articolati in:

a1. Regimi di Conservazione, finalizzati al mantenimento o al restauro/ripristino delle caratteristiche costitutive dei Sistemi naturalistico-ambientale, insediativo e relazionale, o di parti e componenti di essi, e dei Regimi d'Uso in essere in quanto compatibili;

a2. Regimi di Trasformazione, definenti le trasformazioni compatibili, sia nelle caratteristiche costitutive, che nei Regimi d'Uso, cui possono essere assoggettati i Sistemi o parti e componenti di essi;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799229
Art. 4. - Ambiti di PT ed U

1. Sono Ambiti istituzionali di pianificazione:

a) il territorio regionale;

b) i territ

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799230
TITOLO II - I SOGGETTI DELLA PT E U


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799231
CAPO 1° - DEFINIZIONE DEI SOGGETTI DELLA PT E U


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799232
Art. 5. - Enti territoriali elettivi - attività di pianificazione

1. Sono Soggetti della pianificazione territoriale ed urbanistica:

a) la Regione, con compiti di indirizzo programmatico;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799233
Art. 6. - Altri Soggetti attivi della PT e U

1) Sono inoltre Soggetti attivi della PT e U gli altri Enti Territoriali che, in virtù di specifiche previsioni di leggi nazionali e/o regionali, sono autorizzati a formare Piani per gli oggetti di propria competenza: Autorità di Bacino, P

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799234
CAPO 2° - COORDINAMENTO DEI SOGGETTI DELLA PT ED U


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799235
Art. 7. - Soggetti proponenti il coordinamento

1) Ai fini della formazione degli strumenti urbanistici relativi ad Ambiti istituzion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799236
CAPO 3° - GLI UTENTI


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799237
Art. 8. - Utenti e processi di pianificazione

1) Gli utenti della PT e U, sono tutti i soggetti pubblici e privati, rappresentati i

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799238
Art. 9. - Partecipazione degli Utenti ai processi di pianificazione e di valutazione

1) Si definisce partecipazione attiva alla formazione degli strumenti di PT e U, quella promossa attraverso la Conferenza di Pianificazione di cui all'art. 25;

2) Si definisce partecipazione per osservazione alla approvazione di strumenti di PT e U, da parte di Enti, Associazioni, Cittadini e Cittadine quella consistente in:

a. deposito del progetto di Strumento di PT e U presso la sede dell'Ente Istituzionale promotore del Piano, per 30 giorni consecutivi, durante i qua

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799239
TITOLO III - GLI STRUMENTI E LE STRUTTURE OPERATIVE


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799240
CAPO 1° - STRUMENTI ISTITUZIONALI


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799241
Art. 10. - La Carta Regionale dei Suoli

1) La Carta Regionale dei Suoli (CRS) definisce:

a. la perimentazione dei Sistemi (naturalistico-ambientale, insediativo, relazionale) che costituiscono il territorio regionale, individuandoli nelle loro relazioni e secondo la loro qualità ed il loro grado di vulnerabilità e di riproducibilità, sulla base dei criteri individuati nel Regolamento d'Attuazione di cui all'art. 2 della presente Legge, con specifico riferimento alle categorie di cui all'art. 2, co

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799242
Art. 11. - Documento Preliminare

1) Il Documento Preliminare (DP), propedeutico alla redazione dei Piani Strutturali di cui a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799243
Art. 12 - Quadro Strutturale Regionale

1) Il Quadro Strutturale Regionale (QSR) è l'atto di programmazione territoriale con il quale la Regione definisce gli obiettivi strategici della propria politica territoriale, in coerenza con le politiche infrastrutturali nazionali e con le politiche settoriali e di bilancio regionali, dopo averne verificato la compatibilità con i principi di tutela, conservazione e valorizzazione delle risorse e beni territoriali esplicitate nella Carta Regionale d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799244
Art. 12 bis - Piano Paesaggistico Regionale - PPR

N24

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799245
Art. 13. - Piano Strutturale Provinciale

1) Il Piano Strutturale Provinciale (PSP) è l'atto di pianificazione con il quale la Provincia esercita, ai sensi della L. 142/90, nel governo del territorio un ruolo di coordinamento programmatico e di raccordo tra le politiche territoriali della Regione e la pianificazione urbanistica comunale, determinando indirizzi generali di assetto del territorio provinciale intesi anche ad integrare le condizioni di lavoro e di mobilità dei cittadini nei vari cicli di vita, e ad organizzare sul territorio le attrezzature ed i servizi garantendone accessibilità e fruibilità.

2) Il PSP contiene:

a. il quadro conoscitivo dei Sistemi Naturalistico Ambientale, Insediativo e Relazionale, desunto dalla CRS e d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799246
Art. 14. - Piano Strutturale Comunale

1) Il Piano Strutturale Comunale (PSC) definisce le indicazioni strategiche per il governo del territorio comunale, contenute dal PSP, integrate con gli indirizzi di sviluppo espressi dalla comunità locale.

2) Il PSC contiene:

a. il quadro conoscitivo dei Sistemi Naturalistico Ambientale, Insediativo e Relazionale, desunto dalla CRS e specificato in dettaglio con riferimento al territorio comunale, e contiene il quadro conoscitivo finalizzato al riequilibrio ed alla riorganizzazione dei tempi di vita, degli orari e della mobilità;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799247
Art. 15. - Piano Operativo

1) Il Piano Operativo (PO) è lo strumento con il quale l'amministrazione Comunale attua le previsioni del PSC, e/o del Regolamento Urbanistico di cui al successivo art. 16, dove e quando si manifestano necessità e/o iniziative di riqualificazione e recupero, trasformazione e/o nuovo impianto, sulla scorta di:

a. bilanci urbanistici (verifica dello stato di attuazione della pianificazione vigente);

b. bilanci ambientali (verifica di sostenibilità ambientale degli interventi proposti, sulla base di standards prestazionali);

c. previsioni del Programma Triennale dei Lavori Pubblici, dei suoi Elenchi Annuali e/o delle risorse finanziarie pubbliche e private attivabili per la rea

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799248
Art. 16. - Regolamento Urbanistico

1) Il Regolamento Urbanistico (RU) è obbligatorio per tutti i Comuni e disciplina gli insediamenti esistenti sull'intero territorio comunale.

2) Il RU contiene:

a. l'individuazione dei perimetri dei Suoli Urbanizzati, Non Urbanizzati e Riservati all'Armatura Urbana definiti ai sensi dell'art. 2, comma 2 lettera b), della presente legge;

b. l'individuazione delle aree, all'interno del perimetro dei Suoli Urbanizzati, su

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799249
Art. 17 - Piani Attuativi

N10

1. I Piani Attuativi sono strumenti urbanistici di dettaglio approvati dal Comune, in attuazione del PO o del RU, ai fini del coordinamento degli interventi sul territorio, aventi i contenuti e l'efficacia di:

a) Piani Particolareggiati, di cui all'art. 13 della

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799250
CAPO 2° - STRUMENTI NON ISTITUZIONALI


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799251
Art. 18. - Piani e Programmi complessi

1) Sono strumenti non istituzionali della PT ed U i:

· Programmi integrati;

· Programmi Recupero Urbano;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799252
CAPO 3° - STRUTTURE OPERATIVE DELLA PT E U


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799253
Art. 19. - Progettazione e Valutazione

1) Le attività relative alla progettazione della PT ed U sono espletate:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799254
Art. 20. - Attuazione e Gestione

1) Sono strutture di attuazione della PT ed U:

- le strutture tecniche degli enti pubblici territoriali;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799255
TITOLO IV - MODI DELLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE ED URBANISTICA


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799256
CAPO 1° - CONTINUITÀ, ORDINARIETÀ E CICLICITÀ DELLA PT E U


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799257
Art. 21. - Continuità ed obbligo di controllo della pianificazione istituzionale

1) Tutti i processi di pianificazione istituzionale devono essere caratterizzati da continuità e ordinarietà, in particolare:

per la pianificazione di tipo strutturale è necessario:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799258
Art. 22. - Ciclicità ed interazione nella PT e U

1) Deve essere garantita una ciclicità ed una interazione nei processi di PT e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799259
Art. 23. - Rapporto Urbanistico

1) i Piani Operativi di cui all'art. 15 devono essere aggiornati "ogni due anni"

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799260
CAPO 2° - CONCERTAZIONE


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799261
Art. 24. - Modalità di concertazione

N6

1. Per garantire un livello omogeneo dei servizi offerti dal

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799262
Art. 25. - Conferenza di pianificazione

1) Gli Enti titolari della PT e U di cui agli artt. 5 e 6 I comma, della presente legge, in vista della formazione, dell'aggiornamento e della variazione dei rispettivi atti di programmazione e/o pianificazione, convocano una conferenza di pianificazione chiamando a parteciparvi gli Enti territorialmente e/o settorialmente interessati; N13

2) N14

3) Obiettivo della Conferenza è quello di:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799263
Art. 26. - Accordo di Pianificazione

1) Gli Enti titolari della PT e U di cui all'art. 5 della presente legge, in funzione del criterio di prevalenza di cui all'art. 7, nei casi in cui risulti necessaria, al fine del coordinamento delle azioni, la contestuale definizione o variazione di più strumenti di pianificazione di cui al Titolo I

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799264
Art. 27. - Conferenze di Localizzazione

1) Gli Enti titolari della pianificazione di cui agli artt. 5 e 6, 1° comma, in relazione alla necessità di localizzare interventi pubblici e/o di interesse pubblico, non previsti dalla propria Pianificazione Strutturale vigente, convocano una Conferenza di Localizzazione dell'intervento.

2) La Conferenza di Localizzazione deve valutare:

- l'interesse pubblico dell'intervento;

- l'urgenza della localizzazione e comunque l'impossibilità di procedere per le vie ordinarie della pianificazione di cui al Titolo III, Cap. I, della presente legge;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799265
Art. 28. - Accordo di Localizzazione

1) I soggetti di cui al Titolo II, Capo 1, della presente legge, fatto salvo quanto previsto dall'art. 55 del D.Lgs. 112/98 qualora intendano procedere alla realizzazione di progetti di opere, ivi comprese quelle di interesse statale di cui all'art. 81 del DPR 616/77 come modificato dal DPR 383/94, che comportino modifiche specifiche e puntuali agli strumenti istituzionali della pianificazione di cui al Titolo III, Capo 1, convocano una

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799266
CAPO 3° - MODALITÀ DI VALUTAZIONE


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799267
Art. 29. - Verifica di coerenza

1) La verifica di coerenza si applica alla pianificazione strutturale ed operativa dei diversi livelli.

2) La verifica di coerenza persegue:

a. Obiettivi di tutela e conservazione del Sistema Naturalistico-Ambientale di cui alla CRS e sue specificazioni.

b. Obiettivi di efficienza e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799268
Art. 30. - Verifica di compatibilità

1) La verifica di compatibilità si applica alla pianificazione strutturale ed operativa in relazione ai regimi di intervento definiti nella CRS.

2) La verifica di compatibilità persegue:

a. Obiettivi di tutela e conservazione del Sistema Naturalistico-Ambientale di cui alla CRS e sue specificazioni.

b. Obiettivi di restauro e riqualificazione del Territorio e di continuità delle reti vegetaziona

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799269
Art. 31. - Il ciclo della valutazione

1) Al fine di rendere trasparenti ed oggettive le valutazioni di coerenza e compatibilità dei Piani, di cui agli artt. 29 e 30 precedenti, il Regolamento d'Attuazione della presente legge definirà i criteri ed i parametri

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799270
Art. 32. - Nucleo di Valutazione Urbanistica (NVU)

1) È istituito il Nucleo di Valutazione Urbanistica Regionale avente il compito di:

a. monitorare le attività di valutazione di cui agli artt. 29 e 30;

b. esprimere alla Giunta Regionale pareri in merito a:

- definizione del QSR;

- prescrizioni di carattere territoriale degli atti di pianificazione settoriale regionale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799271
CAPO 4° - MODALITÀ DELLA PEREQUAZIONE URBANISTICA


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799272
Art. 33. - Finalità e contenuti della perequazione

1) La perequazione urbanistica persegue l'equità distributiva dei valori immobiliari prodotti dalla pianificazione e la ripartizione equa tra proprietà private dei gravami derivanti dalla realizzazione della parte pubblica della città (SRAU).

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799273
Art. 34. - Ambiti, Distretti Urbani e strumenti perequativi

1) La Pianificazione Strutturale, per il perseguimento delle finalità di cui all'art. 33 definisce, negli Ambiti Urbani e Periurbani di cui all'art. 2, 2° comma, lett. b) e secondo i criteri di cui al Regolamento di attuazione.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799274
CAPO 5° - MODALITÀ DI FORMAZIONE, APPROVAZIONE, ATTUAZIONE E MODIFICA DEGLI STRUMENTI


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799275
Art. 35. - Modalità di adozione e approvazione della CRS

1) La Carta Regionale dei Suoli, è adottata dall'Ente Regione, mediante delibera di G.R., sentita la Commissione Regionale BB.AA. ed il NVU in seduta congiunta, e viene trasmessa alle Province, ai Comuni, alle Comunità Montane e Consorzi di Comuni, ai Parchi Nazionali e Regionali, alle Autorit&a

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799276
Art. 36. - Modalità di formazione, adozione ed approvazione della PT e U - del PS e del RU

1. L'Ente istituzionale territorialmente competente forma gli strumenti istituzionali della PT e U di cui al Titolo III, Capo I, articoli 13, 14, 16 della presente legge, mediante la convocazione di una conferenza di pianificazione, per l'esame del Documento preliminare di cui all'art. 11 ove richiesto. L'Ente che convoca la conferenza elabora il Documento preliminare di piano e lo trasmette 30 giorni prima della convocazione della conferenza agli Enti da invitare.N23

2. L'Ente istituzionale, espletata la Conferenza di Pianificazione, definisce il Piano e lo sottopone, preliminarmente all'adozione, alle procedure di verifica di coerenza rispetto alla PS di livello superiore, ove esistente, e di verifica di compatibilità alla CRS, di cui agli art. 29, 30.

3. Espletate dette verifiche, l'Ente istituziona

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799277
Art. 36 bis. - Modalità di formazione, adozione e approvazione del Piano Paesaggistico Regionale - PPR

N24

1. La Regione elabora il Documento Programmatico propedeutico alla redazione del PPR e procede alla convocazione di una conferenza di pianificazione. Il Documento programmatico oggetto di valutazione in seno alla conferenza, validato dal Comitato Tecnico Paritetico, istituito ai sensi dell'art. 5 del Protocollo di Intesa Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e la Regione Basilicata, viene trasmesso, 30 giorni prima della convocazione della conferenza

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799278
Art. 37. - Modalità di formazione, adozione ed approvazione della Pianificazione Operativa (PO)

1) L'Ente, ai fini della Formazione della PO, approva con Delibera di Giunta una Relazione Urbanistica al Programma Triennale dei LL.PP. di cui all'art. 14 della L. 109/94 avente i contenuti definiti nel Regolamento d'Attuazione della presente legge, dandone notizia al pubblico mediante manifesti ed avviso sul Foglio degli Annunzi Legali e sul BUR o anche med

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799279
TITOLO V - NORME GENERALI E TRANSITORIE


IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799280
Art. 38. Disciplina delle aree prive di regime urbanistico

1) Si intendono aree prive di regime urbanistico quelle per le quali non è vigente un PO o sia intervenuta

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799281
Art. 39 - Misure di salvaguardia

N10

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799282
Art. 40. - Regolamenti Edilizi

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799283
Art. 41. - Sistema Informativo Territoriale (SIT)

1) Il Sistema Informativo Territoriale (SIT) costituisce il riferimento conoscitivo fondamentale nella definizione degli strumenti di pianificazione Territoriale e Urbanistica e di programmazione economico-territoriale. Esso promuove pertanto la raccolta ed il coordinamento int

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799284
Art. 42. - Modalità di definizione della CRS in fase di prima applicazione della presente legge

1) La Regione entro 3 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, definisce un protocollo d'intesa con le Province di Potenza e Matera, per la redazione dalla CRS tenendo conto dell

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799285
Art. 43. - Modalità di definizione dei QSR e PSP in fase di prima applicazione della presente legge

1) Entro 3 mesi dalla data di adozione della CRS da parte della Giunta Regionale, la Regione e le Province danno avvio alle procedure di formazione di QSR e PSP, nelle forme della stipula di un Accordo di Pianificazione di

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799286
Art. 44 - Adeguamento degli strumenti urbanistici comunali in fase di prima applicazione della presente legge

N10

1. I Comuni sono tenuti a provvedere all'adozione del Regolamento urbanistico e, contestualmente, all'aggiornamento del Regolamento edilizio, entro il termine perentorio del 30 settembre 2015, pena l’applicazione dell’art. 46.N22

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799287
Art. 45. - Norme transitorie per gli strumenti urbanistici adottati e/o approvati antecedentemente alla presente legge

1) Gli strumenti urbanistici generali di cui agli artt. 7 e 34 della L. 1150/42, vigenti alla data di entrata in vigore della presente legge, conservano validità fino all'approvazione del RU; a partire da tale data, le previsioni di detti strumenti riguardanti le aree esterne al perimetro dei SU individuato dal RU, restano in vigore quali previsioni strutturali e ricognitive, la cu

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799288
Art. 46. - Interventi sostitutivi della Giunta Regionale

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799289
Art. 47. - Norme finanziarie per l'avvio dei procedimenti

All'onere derivante dall'applicazione della presente legge, valutato per l'esercizio in corso di lire 800.000.000, si provvede con la disponibilità di cui al cap. 7470 «Fondo globale per provvedimenti in corso».

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799290
Art. 48. - Abrogazioni

1) Salvo quanto stabilito in via transitoria dai precedenti articoli, le previsioni d

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
22397 4799291
Art. 49. - Pubblicazione

1) La presente legge regionale è pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione.




IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Appalti e contratti pubblici
  • Pianificazione del territorio
  • Urbanistica

La realizzazione delle opere di urbanizzazione nel D. Leg.vo 50/2016

PREMESSA (Gli oneri di urbanizzazione; I riferimenti nel T.U. dell’edilizia e nella Legge urbanistica; Quali sono le opere di urbanizzazione) - LA DISCIPLINA NEL “VECCHIO” D. LEG.VO 163/2006 (Procedure per l’affidamento; Livello di progettazione a base di gara; Opere non realizzate a scomputo ma in base a convenzione) - LA DISCIPLINA NEL NUOVO D. LEG.VO 50/2016 (Procedure per l’affidamento; Livello di progettazione a base di gara; Decorrenza della disciplina del D. Leg.vo 50/2016) - ALTRI CASI DI OPERE PUBBLICHE REALIZZATE A SPESE DEL PRIVATO - DETERMINAZIONE DEL VALORE DELLE OPERE (Criteri di determinazione; Variazione del valore stimato).
A cura di:
  • Dino de Paolis
  • Pianificazione del territorio
  • Finanza pubblica
  • Urbanistica
  • Provvidenze

Emilia Romagna: contributi ai comuni per la redazione dei Piani urbanistici generali (PUG)

Il bando regionale mette a disposizione dei Comuni un milione 800 mila euro per la redazione dei Piani urbanistici generali comunali (PUG). I Comuni potranno avere un contributo fino al 70% della spesa e avranno tempo fino al 15/10/2018 per presentare la domanda, che dovrà contenere un cronoprogramma con le tempistiche e la programmazione finanziaria delle attività per la formazione del Piano.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Edilizia e immobili
  • Standards

Regolamento edilizio comunale tipo: contenuti, valenza, iter di approvazione

Intesa 20/10/2016 della Conferenza unificata che reca il Regolamento edilizio tipo ai sensi del D.L. “sblocca Italia” 133/2014. Nell'articolo sono fornite indicazioni su che cosa è il Regolamento edilizio comunale, i suoi contenuti ed il procedimento di approvazione, sui contenuti del Regolamento tipo, sull'iter della sua approvazione e del successivo recepimento da parte degli enti territoriali.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Infrastrutture e opere pubbliche
  • Norme tecniche
  • Urbanistica
  • Pianificazione del territorio
  • Strade
  • Strade, ferrovie, aeroporti e porti

L’installazione di impianti pubblicitari stradali

Pianificazione delle attività, dimensioni, caratteristiche, ubicazione e distanze da rispettare dentro e fuori dai centri abitati, autorizzazioni (enti competenti, documentazione da produrre, tempistica per il rilascio o il diniego, durata, rinnovo e decadenza, sanzioni, obblighi del titolare, rapporto con le autorizzazioni edilizie), sanzioni.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Appalti e contratti pubblici
  • Urbanistica
  • Partenariato pubblico privato
  • Pianificazione del territorio

Procedure per la costruzione e l’ammodernamento di impianti sportivi

In questo articolo è illustrata la procedura delineata dall’art. 1, commi 304 e 305, della L. 147/2013 per la realizzazione e l’ammodernamento degli impianti sportivi, dopo le ulteriori semplificazioni introdotte dall’art. 62 del D.L. 50/2017 (convertito in legge dalla L. 96/2017).
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Standards
  • Urbanistica

Veneto, i regolamenti edilizi comunali devono adeguarsi al Regolamento edilizio tipo

  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Titoli abilitativi
  • Edilizia e immobili
  • Pianificazione del territorio
  • Piano Casa
  • Standards
  • Urbanistica

Marche: obbligo di adeguamento dei regolamenti edilizi comunali al Regolamento edilizio tipo (RET)

  • Procedimenti amministrativi
  • Commercio e mercati
  • Urbanistica
  • Pubblica Amministrazione

Emilia Romagna - Prosecuzione attività in locali privi di requisiti imprese con sede agibile al 31/12/2018

  • Pubblica Amministrazione
  • Urbanistica
  • Procedimenti amministrativi
  • Commercio e mercati

Emilia Romagna - Prosecuzione attività in locali privi di requisiti imprese con sede non agibile al 31/12/2018