FAST FIND : NR4817

L. R. Basilicata 10/11/1998, n. 42

Norme in materia forestale.
Scarica il pdf completo
21962 4799156
Articolo 1 - Finalità

La presente legge, nel quadro di sviluppo economico e sociale della Basilicata, persegue le seguenti finalità:

a) promuove la valorizzazione del territorio, dell'ambiente e delle risorse del settore agro-silvo-pastorale e degli ecosistemi;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799157
Articolo 2 - Settori d'intervento

Per il conseguimento delle finalità di cui al precedente art. 1, la Regione interviene nei seguenti settori:

a) rimboschimento di terreni nudi e cespugliati e ricostituzione dei boschi degradati, nonché dei boschi distrutti da incendi sia ai fini della difesa idrogeologica che della riqualificazione ambientale e paesaggistica e dell'ampliamento delle superfici boscate, compresi i lavori colturali dei boschi esistenti;

b) sviluppo della selvicoltura e dell'arboricoltura da legno a scopi prevalentemente produttivi;

c) conservazione, miglioramento, ampliamento e gestione del patrimonio forestale regionale;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799158
Articolo 3 - Opere e attività di pronto intervento

1. La Giunta Regionale, nell'ambito degli stanziamenti di cui alla presente legge, finanzia lavori di pronto intervento derivanti da calamità naturali interessanti il territorio agro-forestale.

2. Qualora gli interventi dovessero riguar

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799159
Articolo 4 - Attribuzione delle funzioni

1. L'esercizio delle funzioni di cui alla presente legge è delegato, in conformità ai principi della L.R. 28/3/1996, n. 17 e della L. 15/3/97, n. 59, alle Comunità Montane e alle Amministrazioni Provinciali anche di concerto con gli Enti di gestione dei parchi naturali per i territori di rispettiva competenza.

2. Restano di competenza regionale le azioni di indirizzo, di programmazione e di coordinamento generale, nonché la verifica sulla progettazione degli interventi ed in particolare:

a) la predisposizione del Piano Pluriennale di Salvaguardia e Valorizzazione Ambientale e Forestale e dei Programmi Annuali di intervento;

b) la difesa dei boschi dagli incendi e dalle avversità biotiche e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799160
Articolo 5 - Esercizio delle funzioni delegate

1. Gli indirizzi generali che devono presiedere all'esercizio delle attività delegate saranno deliberati dal Consiglio Regionale su proposta della Giunta Regionale ai sensi della L.R. 28/3/96 n. 17.

2. Per l'esercizio delle funzioni della presente legge, gli Enti delegati costituiranno specifici uffici tecnici, la cui composizione sarà determinata con apposito regolamento ai sensi dell'art. 51 della legge 8/6/1990 n. 142 e successivamente alle previsioni di cui all'

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799161
Articolo 6 - Piano pluriennale di salvaguardia e valorizzazione ambientale e forestale

1. La Regione Basilicata, di concerto con i Dipartimenti Agricoltura e Foreste, Assetto del Territorio e Sicurezza Sociale ed Ambiente, entro un anno dall'approvazione della presente legge, provve

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799162
Articolo 7 - Programma annuale

1. Il Programma Annuale, elaborato dall'Ufficio regionale competente del Dipartimento Agricoltura d'intesa con gli Enti delegati ed in coerenza con il Piano Pluriennale e con quanto previsto nei vigenti Piani di Assestamento Forestale, di cui al successivo articolo 12, deve comprendere gli interventi di competenza della Regione, quelli di competenza degli Enti delegati e quelli eventualmente affidati

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799163
Articolo 8 - Costituzione Comitato Misto ed Interdipartimentale

1. Per garantire l'unitarietà degli interventi è costituito il Comitato Misto ed Interdipartimentale. Al Comitato, istituito con Decreto del Presidente della Giunta Regionale, è attribuito il compito di individuare, programmare e coordinare le risorse finanziarie destinate alle foreste, allo sviluppo della montagna, alla difesa del suolo e dagli incendi boschivi, alla bonifica ed alla tutela dell'ambiente, riconducibili alle attività di cui alla presente legge.

2. Il Comitato Misto ed Interdipartimentale è presieduto dall'Assessore alla Programmazione ed è composto da:

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799164
Articolo 8-bis - Platea unica dei lavoratori del settore idraulico forestale

N8

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799165
Articolo 9 - Progettazione ed esecuzione dei lavori

1. Gli Enti delegati, sulla base del Piano Annuale di Forestazione approvato, predispongono ed approvano i relativi progetti esecutivi.

2. L'approvazione dei suddetti progetti equivale a dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità ed urgenza a tutti gli effetti di legge.

3. L’esecuzione dei lavori relativi ai settori di intervento di cui al precedente articolo 2 è attuata di norma in economia mediante

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799166
Articolo 10 - Occupazione e formazione professionale

1. La Regione Basilicata garantisce ed eventualmente incrementa i livelli occupazionali "dei lavoratori di cui all'art. 8-bis"N11.

2. Per incrementare i livelli occupazionali la Regione Basilicata organizza corsi di formazione professionale secondo le previsioni dei Programmi annuali di Forestazion

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799167
Articolo 11 - (Servizio Antincendio)

N1

1. L'Ufficio regionale competente, in attuazione della Legge 21 novembre 2000, n. 353, Legge-quadro in materia di incendi boschivi e delle direttive ministeriali emanate in proposito, predispone il Programma annuale per la programmazione delle attività di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799168
Articolo 12 - Piani di assestamento forestale

1. I beni silvo-pastorali dei Comuni e degli altri Enti pubblici debbono essere gestiti ed utilizzati in conformità ai Piani di Assestamento Forestale promossi dagli Enti ed approvati dalla Giunta Regionale.

2. I Piani di Assestamento Forestale, a valenza decennale, devono essere compilati secondo i criteri approvati dalla Giunta Regionale, su proposta della Commissione Tecnico-Amministrativa di cui al successivo articolo, entro sessanta giorni successivi alla sua costituzione.

3. I Piani, proposti dagli Enti pubblici proprietari o delegati o da privati, devono essere trasmessi al Dipartimento Agricoltura e Foreste, dopo l'avvenuta affissione presso le sedi municipali interessate e presso la sede

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799169
Articolo 13 - Commissione Tecnico-Amministrativa

1. Ai fini della presente legge è istituita presso il Dipartimento Agricoltura e Foreste, la Commissione Tecnico-Amministrativa composta da:

a) il Dirigente dell'Ufficio Foreste e Tutela del Territorio del Dipartimento Agricoltura e Foreste o suo delegato, che la presiede;

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799170
Articolo 14 - Patrimonio Forestale Regionale

1. Le funzioni amministrative inerenti la gestione del patrimonio agro-silvo-pastorale e dei vivai della Regione costituito da beni di cui all'art. 1 della L.R. 6/9/1978 n. 41, sono delegati agli Enti

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799171
Articolo 15 - Taglio dei boschi

1. In assenza dei Piani di Assestamento Forestale, le autorizzazioni al taglio dei boschi sono rilasciate dagli Enti delegati, per i territori di rispettiva competenza, previa acquisizione dei pareri regionali e delle autorizzazioni previste dalle vigenti disposizioni di legge.

2. La Giunta Regionale, su proposta della Commissione Tecnico-Amministrativa, approva il Regolamento di attuazione recante le norme per il taglio dei boschi e procede all'aggiornamento delle Prescrizioni di Massima e di Polizia Forestale.

3. Le autorizzazioni al taglio, contenenti le eventuali prescrizioni, devono essere concesse entro 60 giorni dalla pr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799172
Articolo 16 - Vincolo idrogeologico

1. Entro due anni dall'entrata in vigore della presente legge la Regione Basilicata, nell'ambito delle competenze assegnate dalla L. n. 183/89, procede all'aggiornamento del vincolo idrogeologico.

2. Entro sei mesi dall'entrata in vigore de

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799173
Articolo 17 - Inventario Forestale Regionale

1. La Regione provvede a redigere e/o aggiornare l'inventario forestale regionale.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799174
Articolo 18 - Esclusioni

Sono esclusi dai vincoli e dagli obblighi della presente legge i giardini pubblici e

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799175
Articolo 19 - Abrogazione e modificazioni

La presente legge abroga o modifica qualsiasi altra norma regionale con essa in contr

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.
21962 4799176
Articolo 20 - Norme finanziarie

1. Agli obblighi derivanti dall'applicazione della presente legge, si fa fronte annualmente con i fondi statali e regionali, nonché con i fondi rinvenienti da programmi comunitari, che abbiano come finalità la forestazione, la difesa dell'ambiente e del suolo e lo sviluppo rurale delle aree montane e/o boschive.

IL CONTENUTO COMPLETO E' RISERVATO AGLI ABBONATI.

Dalla redazione

  • Beni culturali e paesaggio
  • Programmazione e progettazione opere e lavori pubblici
  • Requisiti di partecipazione alle gare
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Appalti e contratti pubblici

I lavori pubblici su beni culturali

NORMATIVA DI RIFERIMENTO (Ambito di applicazione e contenuti del D.M. 154/2017; Entrata in vigore del D.M. 154/2017 e abrogazioni, possibile vuoto normativo in tema di progettazione) - REQUISITI DI QUALIFICAZIONE DEI SOGGETTI ESECUTORI (Idoneità tecnica - Certificazione dei lavori eseguiti; Qualificazione per affidamenti di importo inferiore a 150.000 euro; Idoneità tecnica - Idonea direzione tecnica; Mantenimento dei requisiti di qualificazione) - PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI (Progettazione; Direzione lavori e supporto al RUP; Tecnici interni alle stazioni appaltanti; Elaborati progettuali; Verifica dei progetti) - AFFIDAMENTO (Modalità di affidamento, procedure e criteri di scelta del contraente; Somma urgenza) - ESECUZIONE E COLLAUDO DEI LAVORI (Varianti; Collaudo; Consuntivo scientifico al termine dei lavori) - SPONSORIZZAZIONE.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Edilizia e immobili
  • Edilizia privata e titoli abilitativi
  • Beni culturali e paesaggio

Manufatti leggeri, anche prefabbricati, temporanei, contingenti o precari: regime e titolo edilizio per la realizzazione

MANUFATTI LEGGERI E/O PREFABBRICATI (Interventi soggetti alla richiesta di Permesso di costruire; Interventi nell’ambito di strutture ricettive all’aperto; Strutture ricettive all’aperto - Disciplina anteriore al 02/02/2016) - MANUFATTI TEMPORANEI, CONTINGENTI O PRECARI (Distinzione tra manufatti realizzabili liberamente e richiedenti Permesso di costruire; Caratteristiche dalle quali desumere la precarietà e temporaneità del manufatto; Strutture destinate all’esercizio di attività di somministrazione) - TABELLA RIASSUNTIVA - RASSEGNA DI CASI GIURISPRUDENZIALI.
A cura di:
  • Redazione Legislazione Tecnica
  • Finanza pubblica
  • Provvidenze
  • Beni culturali e paesaggio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Lombardia: valorizzazione di beni culturali appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche

Il bando promuove iniziative di conservazione, valorizzazione e incremento dell’utilizzo pubblico di beni culturali mobili e immobili di proprietà di Enti e istituzioni ecclesiastiche, o per i quali gli stessi soggetti possano documentare la disponibilità. Lo stanziamento previsto ammonta a € 3.250.000,00 e sono previste due Linee di intervento.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Beni culturali e paesaggio
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Le norme per la tutela degli alberi monumentali

Premessa, normativa di riferimento; Le previsioni dell’art. 7 della L. 10/2013 in tema di alberi monumentali; Il decreto attuativo 23/10/2014; Definizione di “albero monumentale” ed ulteriori criteri; Misure di tutela; Istituzione dell’elenco e modalità per la composizione e la tenuta; Approvazione del primo elenco degli alberi monumentali d’Italia e suoi aggiornamenti; Tutela dei boschi vetusti.
A cura di:
  • Alfonso Mancini
  • Provvidenze
  • Beni culturali e paesaggio
  • Enti locali
  • Finanza pubblica
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Pubblica Amministrazione

Lazio: valorizzazione del patrimonio culturale dei piccoli comuni

Il Bando regionale prevede la concessione di 2.000.000 € di contributi nel triennio 2019-2021 destinati alla riqualificazione di spazi, strutture e beni di valore storico e simbolico per i piccoli comuni del Lazio. I comuni potranno presentare proposte di intervento per contributi in conto capitale fino a 40 mila euro da assegnare in base a specifici criteri di priorità.
A cura di:
  • Anna Petricca
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali
  • Impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Inquinamento atmosferico
  • Impiantistica

Gas fluorurati a effetto serra: obblighi di comunicazione alla banca dati e tenuta dei registri

  • Inquinamento atmosferico
  • Ambiente, paesaggio e beni culturali

Divieto dell'uso di gas fluorurati a effetto serra

02/02/2018

05/08/2019

29/04/2019